17 July 2019

Agenzia di viaggio Lago di Garda vendesi

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono: 335 1331244
Email: tario1@teletu.it
Provincia: • 
Comune: • 

Settore: • 
Mansione:


Testo dell'annuncio

Avviata agenzia viaggi sita a nord del lago di Garda con ottimo pacchetto clienti nei vari reparti di outgoing, gruppi e con possibilità di un ottimo sviluppo nel settore incoming vista la posizione strategica sul lago di Garda, valuta la possibilità d’inserire nel proprio organico una persona inizialmente in partecipazione lavoro con un periodo d’affiancamento per poi passare ad un inserimento diretto e definitivo con acquisto d’azienda, e /o affitto ramo d’azienda. L’opportunità è molto interessante visto l’ottimo avviamento ed organizzazione consolidata sul mercato da decenni. Gradiremmo avere risposta solo da persone serie e referenziate, ambiziose, intenzionate ad essere artifici del proprio futuro nel mondo del lavoro e nello specifico in quello d’agenzia viaggi. Conttattare solo su questa email in forma strettamente riservata: tario1@teletu.it o dopo il 15 dicembre 2012 a questo numero tel. 335 1331244.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la ricaduta del turismo via mare sui territori toccati dalle navi, ma soprattutto aumenta il traffico complessivo della crocieristica, così come dei traghetti, degli aliscafi e dei catamarani. Più articolato, invece, il giudizio sulla nautica, mentre anche il comparto dei traghetti soffre ancora di un certo ritardo in tema di standard dell'offerta. Sono i risultati principali dell'ultima edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report, presentato ad Ancona da Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo, in apertura della quarta edizione dell'Adriatic Sea Forum - cruise, ferry, sail & yacht. Nel 2018 sono ammontate in particolare a 420 milioni di euro le spese turistiche a terra sostenute dai crocieristi e da chi sceglie di muoversi in traghetto, in aliscafo o in catamarano per le proprie vacanze in Adriatico (escursioni e visite, pernottamenti, pre-post viaggio, shopping e ristorazione...). In termini di traffico complessivo, le previsioni di Risposte Turismo per il 2019 parlano quindi di 5,52 milioni passeggeri movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 7,3% rispetto al 2018. In aumento pure le toccate nave (+7,2%), per un totale di 3.307 approdi. L’anno in corso dovrebbe invece chiudersi con Venezia saldamente al primo posto con 1,56 milioni di crocieristi movimentati (stabile rispetto al 2018) e 502 toccate nave (stabile), seguita da Corfù con 787 mila crocieristi (+7%) e 416 toccate nave (+0,7%), nonché Dubrovnik, con 745 mila crocieristi (+1,8%) e 475 toccate nave (+8,4%). Ma l'Adriatic Sea Tourism Report contiene anche un focus dedicato alla movimentazione passeggeri su traghetti, aliscafi e catamarani. L’anno in corso dovrebbe in particolare chiudersi con una leggero aumento ulteriore rispetto ai già positivi risultati registrati nel 2018 (19,74 milioni di passeggeri movimentati, +2,4% sul 2017): il migliore degli ultimi dieci anni. Tra i porti esaminati, le previsioni 2019 sono positive per Zara (2,43 milioni di passeggeri movimentati, + 1-2%), Durres (875mila, +2,6%), Dubrovnik (575mila, +3%), Sibenik (300mila, +3%), Rijeka (150mila, 16%) e Pola (12mila, +2,2% su rotte costiere e stabile sulle rotte internazionali). Stabile, al contrario, la movimentazione passeggeri prevista a fine anno nei porti di Ancona, Saranda, Porec, Trieste, Rovigno, Pesaro e Umago/Novigrad. Il rapporto, infine, prova a gettare uno sguardo anche sul comparto nautico dei sette Paesi che si affacciano sull'Adriatico. Tra questi, l’Italia conferma la propria leadership nell’area con 186 marine (56% del totale) e oltre 49 mila posti barca (il 65,6% del totale). A seguire Croazia (125 marine e oltre 17.400 posti barca) e la coppia Slovenia – Montenegro, con 8 marine e, rispettivamente, poco più di 3.100 e 2.800 posti barca. L’analisi del versante italiano dell’Adriatico fa tuttavia emergere uno scenario in chiaro scuro: se da un lato infatti alcune strutture stanno riscontrando un periodo di difficoltà, continuando tuttavia a operare in attesa di nuovi investitori e della ripresa del mercato, dall’altro sono in programma nel prossimo biennio importanti ampliamenti, per complessivi ulteriori 2.570 posti barca. «Nonostante i nodi da sciogliere su Venezia, il traffico crocieristico quest’anno crescerà significativamente in Adriatico grazie al lavoro compiuto da tutti gli operatori attivi nell’area – è il commento di di Cesare -. Viceversa, il comparto dei traghetti continua a prestarsi a una doppia lettura. Da un lato, infatti, si evidenzia la sua rilevanza nelle direttrici di spostamento dei turisti in Adriatico e le ampie potenzialità di crescita, dall’altro si registra ancora un ritardo rispetto agli standard, per esempio di offerta e di promozione, che altre soluzioni di trasporto hanno adottato da tempo. Per la nautica, infine, le indicazioni che abbiamo raccolto attraverso la nostra indagine fanno intravedere uno 2019 positivo. Ciò potrebbe tradursi in un maggior tasso di occupazione delle marine che oggi, per dimensioni e standard, sono già pronte ad accogliere livelli più elevati di traffico». [post_title] => Bene il turismo via mare in Adriatico ma i traghetti possono fare di meglio [post_date] => 2019-05-31T09:15:44+00:00 [category] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => adriatico [1] => francesco-di-cesare [2] => in-evidenza [3] => risposte-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Adriatico [1] => Francesco di Cesare [2] => In evidenza [3] => Risposte turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559294144000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353774 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Visit Brescia invita turisti ed appassionati di musica ad accomodarsi in platea e prendere appunti su una stagione infinita che mescola manifestazioni, concerti, festival. Sabato 8 giugno 2019, dall’alba alla mezzanotte, oltre 50 luoghi della città di Brescia offriranno un palcoscenico d’eccezione all’ottava edizione della Festa dell’Opera, progetto della Fondazione del Teatro Grande di Brescia, per la prima volta programmato alle porte dell’estate.  Tra giugno e luglio, il Teatro Grande di Brescia apre nuovamente il proprio sipario alla città, proponendo un vero e proprio Grand Tour alla scoperta delle storie, delle curiosità, degli aneddoti e dei nascondigli di un luogo sacro per lo spettacolo. A proposito di teatri, vale la pena allontanarsi per qualche ora da Brescia alla volta di Montichiari per accomodarsi in uno dei 300 posti del delizioso Teatro Bonoris. Costruito nel 1773, ma inaugurato solo nell’ottobre del 1890 con una rappresentazione de “Il Trovatore”, la struttura è un gioiello dell’acustica. Ospita importanti spettacoli di opera, di operetta, di prosa e anche i famosi concerti speciali di Santa Lucia e di Natale. La conca marmorea sotto le stelle nella splendida cornice del Vittoriale degli Italiani, che Gabriele d’Annunzio aveva immaginato per ospitare i propri spettacoli, vide la luce solo dopo la morte del Vate e venne inaugurata con un concerto dell’Orchestra del Teatro alla Scala diretta da Carlo Maria Giulini l’8 agosto del 1953. Brescia, Museo degli Strumenti musicali e della Liuteria bresciana: è solo grazie all’ostinata passione di Virginio Cattaneo per la musica e per ciò che la produce che questo piccolo museo privato ha lentamente preso corpo nel cuore di Brescia.   [post_title] => Visit Brescia, eventi musicali per scoprire il territorio [post_date] => 2019-05-31T09:05:49+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559293549000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352943 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mediterraneo, Nord Europa e Caraibi: ecco le tre destinazioni top dell’estate 2019 per i crocieristi italiani. È quanto emerge dall’indagine dell’Osservatorio Ticketcrociere di Taoticket, in collaborazione con le principali compagnie di crociera italiane. Sono sempre di più gli italiani che scelgono la crociera per le vacanze estive e il Mediterraneo la fa da padrone con il 70% delle prenotazioni di viaggiatori italiani. Seguono Nord Europa e Carabi, entrambi con percentuali del 15%.  In base al booking dell’agenzia di viaggi online Ticketcrociere, ecco i 10 porti preferiti, a partire da quello con più partenze: Genova, Venezia, Bari, Civitavecchia, Napoli, Savona, Miami (Florida), Palermo, Kiel e Amburgo (Germania). L’Osservatorio Ticketcrociere di Taoticket registra per l’estate alle porte un aumento delle prenotazioni del 18,6% rispetto allo stesso periodo del 2018. L’età media dei passeggeri è circa 42 anni. «L’estate 2019 segna un vero e proprio boom nel mercato crocieristico – dichiara l’amministratore di Ticketcrociere Nicola Lorusso – È soprattutto la destinazione Mediterraneo a interessare i turisti italiani nel periodo estivo, e questo anche grazie all’aumento di itinerari proposti e di navi che solcano il nostro mare. Cresce anche da parte dei crocieristi la richiesta di tour personalizzati e di ancillary a bordo e a terra. Ottime performance anche per l’extralusso; e che la domanda sia aumentata lo dimostrano anche gli investimenti delle compagnie per le navi luxury attualmente in costruzione nei cantieri italiani».     [post_title] => Osservatorio Ticketcrociere, in aumento gli italiani in crociera d'estate [post_date] => 2019-05-23T12:22:53+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558614173000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351216 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea investe sull’aeroporto di Milano Bergamo e ripristina i collegamenti estivi per Pantelleria (dall’11 maggio, fino a 2 frequenze settimanali nei periodi di maggiore traffico, il sabato e la domenica, per un totale di 10.500 biglietti in vendita), Lampedusa (dall’11 maggio, 2 frequenze settimanali - il sabato e la domenica - per un totale di 12.600 biglietti in vendita) e Olbia (rotta esclusiva del vettore disponibile dal 31 maggio, fino a 9 frequenze settimanali nei periodi di più intenso traffico per un totale di 33.000 biglietti in vendita). Non vanno poi dimenticati i voli esclusivi Volotea per la Croazia: dal 4 giugno si ricomincia a volare per Spalato mentre, dal giorno successivo, per Dubrovnik. «Siamo molto felici di tornare a offrire ai nostri passeggeri collegamenti comodi, veloci e diretti verso tre tra le isole più belle del Mar Mediterraneo – afferma Valeria Rebasti, commercial country manager Volotea Italy & Southeastern Europe -. Grazie ai nostri voli, durante i prossimi mesi estivi, sarà ancora più facile raggiungere Olbia, Lampedusa e Pantelleria per uno short break all’insegna di mare, sole e ottimo cibo. Inoltre, per gli appassionati della Sardegna, quest’anno scendiamo in pista presso lo scalo milanese incrementando del 60% le nostre frequenze verso la Costa Smeralda a luglio e agosto». L’offerta Volotea a Milano Bergamo per il 2019 prevede 62.000 posti in vendita da e per lo scalo (+20% vs 2018). Nel 2018, inoltre, il vettore ha trasportato a Milano Bergamo 52.000 passeggeri, pari ad un incremento del 196% rispetto all’anno precedente.   [post_title] => Volotea riapre i voli da Milano per Pantelleria, Olbia e Lampedusa [post_date] => 2019-05-10T11:36:10+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557488170000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350102 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono 1.020 i comuni italiani che a maggio 2019 applicano l’imposta di soggiorno (997 comuni) o la tassa di sbarco (23). Tali destinazioni, pur costituendo appena il 13% dei 7.915 municipi italiani, ospitano però il 75% dei pernottamenti registrati ogni anno in Italia. Lo rivela la settima edizione dell’indagine sull’imposta di soggiorno, realizzata dal Centro studi di Federalberghi in collaborazione con la New Mercury Tourism Consulting. Questi oltre mille comuni si distribuiscono, in particolare, per il 26% nel Nord-Ovest, per il 41,2% nel Nord-Est, per il 15,5% nel Centro e per il restante 17,3% nel Mezzogiorno. Il 31,6% dei comuni che applicano l’imposta di soggiorno (315 su 997) sono inoltre montani. Seguono le località marine con il 19,7% (196) e quelle collinari con il 16,1% (161). Le città d’arte sono “solo” 104, ma comprendono le cosiddette capitali del turismo italiano, che muovono grandi numeri. Le destinazioni lacuali, infine, sono 96 e quelle termali 40. Nel 2017 (ultimo anno per il quale sono disponibili i dati ufficiali), i comuni italiani hanno incassato circa 470 milioni di euro a titolo di imposta di soggiorno e tassa di sbarco. Il dato è in progressivo aumento: il gettito nazionale accertato era di circa 162 milioni di euro nel 2012 e 403 milioni nel 2015. Per il 2019, si può quindi stimare un introito di oltre 600 milioni di euro. Il trend è generato sia dalla costante crescita del numero di comuni che applicano l’imposta (oggi sono in tutto 1.020, erano 332 a luglio 2012) sia dai cospicui aumenti delle tariffe. La città con il maggior gettito è stata Roma, con un incasso pari a 130 milioni, il 27,7% del totale. L’incasso delle prime quattro (Roma, Milano, Venezia e Firenze) è superiore a 240 milioni: oltre il 58% del totale nazionale. Il peso delle grandi città si fa sentire anche sulla classifica regionale, guidata dal Lazio con quasi 135 milioni di euro. Seguono il Veneto con 63,7 milioni, la Lombardia con 59,5 milioni e la Toscana con 57,4 milioni. In queste quattro regioni viene raccolto il 67,1% del gettito complessivo. Non appaiono al contrario in graduatoria il Friuli-Venezia-Giulia (perché in questa regione l’imposta è stata introdotta nel 2018) e il Molise (l’imposta era stata istituita dal comune di Termoli, ma poi è stata soppressa in seguito a una sentenza del Tar). Lo studio evidenzia in conclusione che il governo non ha mai adottato il regolamento quadro che avrebbe dovuto fissare (entro il 6 giugno 2011) i principi generali per l’imposta di soggiorno. In assenza di una regola, i comuni si sono perciò mossi in ordine sparso, generando un quadro confuso: una famiglia di tre persone (padre, madre e figlio undicenne) che soggiorna per esempio in un albergo a 3 stelle per due giorni a Roma paga 24 euro di imposta di soggiorno, a Venezia 17,40 euro, a Rimini 12 euro, a Catanzaro 7,80 euro e a Bibione 6,30 euro. [post_title] => Gli albergatori tracciano l'identikit dell'imposta di soggiorno [post_date] => 2019-05-03T08:30:00+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => federalberghi [1] => firenze-2 [2] => milano-2 [3] => roma-2 [4] => tassa-di-soggiorno ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Federalberghi [1] => firenze [2] => milano [3] => roma [4] => tassa di soggiorno ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556872200000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349936 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per le celebrazioni del primo WorldPride in Usa, le città americane si organizzano per i festeggiamenti e per accogliere al meglio i turisti Lgbt che arriveranno numerosi. Vediamo qualche dettaglio per quelle della East Coast. [caption id="attachment_349937" align="alignleft" width="300"] La skyline di Richmond, Virginia[/caption] Richmond, l’illuminata capitale della Virginia, ha più di 900 ristoranti e club Lgbt-friendly ed è stata anche nominata tra le Top 10 LGBT city ai NatWest British Lgbt Awards. La città storica, una delle più antiche d’America, è teatro di una scena LGBT di arti e intrattenimento molto dinamica, e i Richmond Triangle Players è l’unico gruppo di artisti dell’area Mid-Atlantic che si dedica al teatro a tema Lgbt. In termini di luoghi di ritrovo, vi è ampia scelta: l’artistico Quirk Hotel ha una galleria interna e un rooftop bar; il Barcode, un bar alla moda del centro, offre un indimenticabile drag brunch, così come Godfrey’s, una vera istituzione che da 20 anni offre celebri esperienze culinarie. Infine VA PrideFest è la più grande celebrazione annuale della comunità Lgbt nel Commonwealth. [caption id="attachment_349938" align="alignright" width="300"] Baltimora[/caption] Bawlmer, B’More e Charm City sono solo alcuni dei soprannomi di Baltimora, la bizzarra e dinamica capitale del Maryland. Per molti aspetti è una città tradizionale, ma ha guadagnato consensi per essere una destinazione accogliente per turisti e abitanti LGBT. È anche la città natale del regista John Waters, famoso per successi come Hairspray e Pink Flamingo; un viaggio tra le location cinematografiche dei suoi film è decisamente uno degli highlight di una visita in città. Altri luoghi interessanti includono una serata al Flavour, un ristorante e bar con proprietari LGBT che servono cocktail artigianali e sandwich o al Leon’s, uno dei bar Lgbt più antichi del paese risalente al 1890 e diventato un bar gay dal 1957. Invece il Baltimore Pride è il più grande evento Lgbt del Maryland che celebra le comunità e l’orgoglio gay che si terrà il 15 e 16 giungo 2019. [caption id="attachment_349939" align="alignleft" width="300"] Ithaca[/caption] Soprannominata “empty closet town”, Ithaca è uno dei 10 migliori comuni dello stato di New York per turisti e  abitanti Lgbt per il suo spirito comunitario. È la più grande tra le città intorno ai Finger Lakes e una porta d’accesso a grandi spazi aperti, con canyon e cascate - da qui lo slogan ‘Ithaca is gorges’. Anche se non ha la stessa pulsante vita notturna Lgbt di città come San Francisco, o l’intensa serie di eventi di Salt Lake City, la sua rilassata atmosfera hippy la rende una destinazione ideale per i turisti Lgbt. Se si è in cerca di una vita notturna rilassante e di una buona conversazione, The Watershed su Martin Luther King Jr. Street è la scelta giusta per cocktail e caffè ed è anche il locale preferito da tutti i membri della comunità. Inoltre, la Tompkins County Chamber, la Ithaca Tompkins County CVB, la Downtown Ithaca Alliance e il gruppo no-profit Ithaca is Love hanno recentemente collaborato alla distribuzione di adesivi “Inclusive Space” alle imprese locali, per incoraggiare la condivisione di bar, ristoranti e club. [post_title] => WorldPride: le città della East Coast si organizzano [post_date] => 2019-05-02T09:57:35+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556791055000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349886 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_216462" align="alignright" width="300"] La Skyline di Los Angeles[/caption] Gastaldi Holidays propone un viaggio Sulle orme di Jack London – In viaggio lungo la costa californiana. Jack London scrittore dalla fama indiscussa trae tutta la sua creatività dall’amore per i viaggi e per la fotografia. Legato alla Baia di San Francisco sia per luogo di nascita (San Francisco 1876) che per luogo di vita (a Oakland) ha lasciato molte testimonianze non solo nei romanzi ma anche grazie all’immenso archivio fotografico. Nel 2019 Oakland è stata inserita dal National Geographic nella Best Trips List e visitare Oakland sulla baia oggi è un must per chi è cresciuto con Zanna Bianca, passeggiando in riva alla baia in Jack London Square, ammirando la ricostruzione della capanna dove visse durante la corsa all’oro nel Klonodike e bevendo una birra al Heinold’s First and Last Chance Saloon, che ricorda già dal nome gli avventurieri da lui incontrati nel tempo. Il viaggio proposto dal t.o. alla scoperta della splendida costa della California, parte con il volo diretto da Roma ed è proprio a Oakland che si trascorrono le prime 3 notti per imboccare  poi la strada  verso sud con i  racconti di Steinbeck a Monterey, vino e onde che si incontrano a Pismo Beach, lusso e divertimento a West Hollywood nella Città degli Angeli, la mitica Los Angeles.   [post_title] => Con Gastaldi Holidays un fly&drive in California sulle tracce di Jack London [post_date] => 2019-04-30T14:56:21+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556636181000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349296 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Pobeda, il vettore low cost del gruppo Aeroflo, ha aperto il nuovo collegamento di linea da Genova all'aeroporto di Mosca Vnukovo. La nuova rotta è servita 4 volte alla settimana fino a fine ottobre nei giorni di lunedì, mercoledì, venerdì e domenica. La frequenza e gli orari del volo sono ideali sia per i passeggeri in partenza sia per i turisti in arrivo in Liguria. Il programma dei voli prevede la partenza da Genova alle 11:15 e l’arrivo a Mosca alle 15:45. Da Mosca si parte alle 7:50 per arrivare nel capoluogo ligure alle 10:45. Il collegamento è operato con moderni aeromobili B737-800 da 189 posti. In totale saranno in vendita 40.000 sedili da/per Genova tra oggi e la fine della stagione summer (26 ottobre). «La Liguria e la Federazione Russa sono ancora più vicine - commenta Paolo Odone, presidente dell’Aeroporto di Genova -. Siamo molto fiduciosi nel successo di questa rotta, basti pensare che oggi sul primo volo da Mosca erano presenti 180 passeggeri, mentre su quello in partenza ce n’erano 160: dati estremamente positivi, considerando che si trattava della prima rotazione.  I benefici per il turismo saranno tanti, anche perché il mercato russo è uno di quelli con maggiori potenzialità: lo scorso anno gli arrivi dalla Federazione Russa sono stati 74.500, in aumento dell’8% rispetto al 2017, e grazie a questo nuovo volo speriamo possano crescere ancora di più. Tante opportunità anche per il business, sia per la frequenza dei voli, quattro a settimana, sia perché l’aeroporto di Vnukovo è molto ben collegato a Mosca, grazie a un treno speciale che in 30 minuti consente di raggiungere il centro città».     [post_title] => Pobeda collega Genova a Mosca Vnukovo, 4 volte a settimana [post_date] => 2019-04-23T08:30:33+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556008233000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349220 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Moltissime le novità a Philadelphia. Il Met di Philadelphia è stato recentemente trasformato dall’edificio progettato nel 1908 da Oscar Hammerstein in un moderno locale per spettacoli. L’edificio storico è stato sottoposto ad un “lifting” da 56 milioni di dollari ed è ora il più grande palcoscenico e auditorium teatrale della città. Rail Park: la prima fase dei lavori per questo parco di cinque chilometri è stata recentemente completata, con l’inaugurazione di circa un chilometro aperto tutti i giorni e gratuito dalle 7:00 alle 22:00. La storica Bourse è stata trasformata in una destinazione per gli amanti del cibo e dello shopping nella Old City. L’edificio Beaux Arts del 1891 ha ricevuto un restyling da 40 milioni di dollari per ospitare nuovi prodotti artigianali locali. Il nuovo Four Seasons Hotel, che sarà inaugurato nel 2019, uno degli hotel più alti degli Stati Uniti, avrà 219 camere, tra cui 39 suite, con una lussuosa spa e piscina coperta al 57 ° piano con un’eccezionale vista della città.  Adiacente all’East Market, il Fashion District di Philadelphia, un mix di vendita al dettaglio, ristorazione e intrattenimento, aprirà il 19 settembre 2019. Il famoso Philadelphia Museum of Art ha intrapreso una ristrutturazione da 196 milioni di dollari per creare un nuovo spazio pubblico al suo interno, aggiungendo 2.200 metri quadrati di nuovo spazio espositivo. [post_title] => Philadelphia: musei, alberghi e nuovi spazi per vivere la città [post_date] => 2019-04-19T11:05:49+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555671949000 ) ) )