24 February 2020

Agente di viaggio, direttore tecnico, consulente offresi regione Lombardia

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono: 347 8820943
Email:
Provincia: • , ,
Comune: • , ,

Settore: • 
Mansione: • , , ,


Testo dell'annuncio

Agente di viaggio con esperienza come banconista e responsabile punto vendita da più di 20 anni, in possesso di patentino di dirttore tecnico per la Regione Lombardia, ottima conoscenza crs SABRE, GALILEO, SIPAX, sistemi gestionali AS400, SFERA, SIAP ATLANTE PLUS, vendita pacchetti individuali, di gruppo e viaggi su misura, emissione di tutte le biglietterie, disponibile sia come addetta vendite sia come consulente o copertura titolo. Zona di lavoro prov. MONZA e BRIANZA e Nord Milano. Simona. cell. 347 8820943.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353075 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Helvetia & Bristol Firenze – Starhotels collezione, aperto nel 1883, riapre le porte dopo la ristrutturazione che, grazie al contributo di maestri artigiani italiani, ha reso all’albergo il suo autentico splendore arricchito dal lusso e dai comfort contemporanei. Le 64 camere di differenti categorie sono state tutte rinnovate e finemente arredate con oggetti di pregio e gli ambienti ripensati ispirandosi alle atmosfere che hanno affascinato i viaggiatori all’epoca del Grand Tour. Anche il Winter Garden, coperto dal soffitto in vetro in stile Liberty novecentesco, è stato ridisegnato per accogliere quello che diventerà un indirizzo di riferimento per gli appassionati di fine dining in città. La location si affaccia sul Tinello, firmato da Riccardo Barthel che ospita il buffet delle colazioni, show cooking ed eventi. La prima parte della ristrutturazione coinvolge infine le facciate del palazzo, la lobby ed il bar, che verranno ultimate in giugno. I lavori nel corpo centrale stanno volgendo al termine, la conclusione dell'intero progetto è attesa per novembre 2019 quando l'annessione dell'edificio adiacente - che precedentemente ospitava il Banco di Roma - arricchirà l'hotel con 25 nuove camere e suite, una spa e spazi per eventi. [post_title] => L'Helvetia & Bristol Firenze torna ad accogliere i suoi ospiti dopo il rinnovo [post_date] => 2019-05-23T15:34:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558625667000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352657 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Heiva I Tahiti celebra la cultura polinesiana con una competizione di danza e canto tradizionale che si svolge ogni anno, per l’esattezza da 138 anni, e che per l’edizione 2019 animerà l’isola di Tahiti dal 4 al 20 lugliocoinvolgendo numerosi artisti e spettatori. Questo festival unico prevede sia avvincenti spettacoli serali performati da gruppi molto numerosi, sia, durante il giorno, esibizioni dedicate al mondo delle arti e delle attività tradizionali, tra cui la caratteristica corsa dei portatori di frutta, il sollevamento delle pietre, il lancio del giavellotto, regate e l’apertura della noce di cocco. La storia di Heiva è molto interessante, soprattutto se ricollocata nel contesto storico in cui, dopo la colonizzazione francese e la conversione al cristianesimo, le danze e molte delle forme di divertimento e aggregazione sociale del luogo furono proibite. Fu solo nel 1881 che le danze ripresero ad essere liberamente eseguite in occasione delle celebrazioni per il 14 luglio, dapprima in forma di parate militari e manifestazioni ufficiali e, a seguire, sempre più legate all’espressione delle origini. Per il programma completo e l’elenco dei gruppi partecipanti, visitare il sito internet www.heiva.org.fl [post_title] => Heiva I Tahiti: dal 4 al 20 luglio danza e canto protagonisti sull'isola [post_date] => 2019-05-21T11:45:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558439141000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Varadero, l’intramontabile. Nonostante il potenziamento, negli ultimi anni, di diverse destinazioni balneari come i cayos (Largo, Ensenachos, Santa Maria, Coco, Guillermo, Paredon…) e le coste, la penisola 140 km a est de La Habana resta un vero caposaldo del turismo de la Isla Gande. Considerato il più importante centro “sol y playa” del paese, Varadero è sorto sulla penisola di Hicacos, sulla costa nord della provincia di Matanzas, e offre mille 754 ettari di spiaggia, oltre 20 km arenile, che hanno una ampiezza (larghezza) media di 22 metri. TripAdvisor la classifica come seconda spiaggia più bella al mondo. L’avventura di Varadero iniziò con il suo vertiginoso sviluppo negli anni '90, anche se la sua fondazione ufficiale risale al 5 dicembre 1887. Le strutture alberghiere, implementate ultimamente per qualità e quantità, offrono 20 mila 600 camere e ospitano, da sole, il 20% circa del turismo isolano. Nei Traveler's Choice Playas awards 2019, che si basano sulla quantità e qualità dei servizi e della bellezza del luogo sono state esaminate complessivamente 352 spiagge per stilare l’elenco delle 25 migliori al mondo, oltre a classificazioni specifiche per continenti e paesi. Varadero vanta 15 siti archeologici, come le grotte e caverne, che servivano come rifugio, ai primi Tainos. Fra queste la grotta più visitata è quella di “Ambrosio”, nel sud della penisola. Dal 1587 e fino al 1961, quando fu chiusa, era la produzione di sale che dominava l’economia e nel 1976 Varadero ha acquisito lo status di municipalità. Sul comparto hoteliero va rimarcato che l'hotel Internacional de Varadero ha recentemente riaperto le porte, dopo i lavori che hanno incluso, oltre alla ristrutturazione, anche un piano per proteggere le dune e l'ambiente. Storicamente il primo albergo il “Varadero” con 10 stanze, costruito nel 1915 e nove anni più tardi convertito in Club Náutico de Varadero. E la storia continua… [post_title] => Varadero, l’intramontabile meta balneare cubana resiste e migliora [post_date] => 2019-05-13T09:00:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557738043000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350912 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sacbo archivia un bilancio 2018 da record, con una nuova quota massima annua di ricavi e un utile netto di poco superiore a 23 milioni di euro. Nel dettaglio i ricavi sono saliti a 162,71 milioni di euro, +17,5 % rispetto all'anno precedente; i ricavi derivanti dalla gestione tipicamente aeronautica sono risultati pari a 83,5 milioni (+6,7%), i ricavi derivanti dai servizi di assistenza passeggeri merci e vettori aerei sono risultati pari a 22,07 milioni (+6,2%), mentre quelli relativi alle attività commerciali non aviation sono stati pari a 40,35 milioni (+10,9%). Il risultato operativo è pari a 32,3 milioni, rispetto a 19,05 dell'esercizio precedente mentre il risultato ante imposte è di 31,92 milioni contro i 18,68 del 2017. Al netto delle imposte di competenza per 8,9 milioni, nel 2018 il gruppo ha conseguito un utile di esercizio di 23,01 milioni (in crescita del 74,6 % rispetto ai 13,18 milioni dell’esercizio precedente). E’ importante rilevare che il l’utile netto 2018 sarebbe comunque risultato in crescita anche al netto della sopracitata componente straordinaria.  Il risultato netto della capogruppo Sacbo Spa è stato pari a 22,48 milioni che l’assemblea degli azionisti, accogliendo la proposta del consiglio di amministrazione, ha deciso di distribuire a titolo di dividendo il medesimo ammontare dello scorso esercizio, nella misura di 6,34 milioni (equivalente a 1,79 euro per azione) e destinare il restante (16,14 milioni) a riserva straordinaria. [post_title] => Sacbo approva il bilancio 2018 con ricavi e utili in crescita a doppia cifra [post_date] => 2019-05-09T12:04:03+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557403443000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350471 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I Giardini botanici nazionali della università de La Habana, si trovano a circa 25 km dalla capitale. In uno scenario che passa dalla foresta primaria al bosco vi sono conservate, catalogate e studiate oltre 3000 specie botaniche. La grande estensione del complesso, 550 ettari, non deve spaventare i visitatori che possono coprire un esaustivo “recorrido” in circa due ore. «E’ una solida istituzione scientifica e pedagogica - ha rimarcato la direttrice del complesso Nora F. Hernandèz Monterrey – un preludio all’ecoturismo cubano. Qui si può trovare un valido concentrato della biodiversità per cui Cuba è famosa con la maggiore densità di piante differenti per kmq sul pianeta». Dapprima una fattoria per l’allevamento del bestiame, il giardino botanico è stato fondato nel 1968 e aperto al pubblico nel 1984. Lo visitano circa 50mila cubani e 30mila stranieri l’anno e si sta affermando come una delle nuove attrazioni dell’area habanera, stimato quale uno dei 10 più grandi giardini botanici del mondo. Uno dei punti di forza è il così detto “palmetum” che ospita 250 varietà di palme, di cui una novantina endemiche, su un’area di 50 ettari. Un altro gioiello è il “giardino giapponese” l’unico del paese, inaugurato nel 1989, e in via di ampliamento per il 500° compleanno de La Habana. Nell’ambito turistico e specificatamente per il settore incentive, è possibile organizzare eventi in questa location davvero suggestiva.I progetti futuri prevedono anche l’apertura della Casa del Campesino, una sorta di lodge ospitale che dovrebbe aprire nel 2020 e fra le attrazioni una zipline in un ambiente del tutto naturale. [post_title] => Cuba: l’eredità “campesina” al servizio del turismo verde con i giardini botanici [post_date] => 2019-05-07T15:12:54+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557241974000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349296 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Pobeda, il vettore low cost del gruppo Aeroflo, ha aperto il nuovo collegamento di linea da Genova all'aeroporto di Mosca Vnukovo. La nuova rotta è servita 4 volte alla settimana fino a fine ottobre nei giorni di lunedì, mercoledì, venerdì e domenica. La frequenza e gli orari del volo sono ideali sia per i passeggeri in partenza sia per i turisti in arrivo in Liguria. Il programma dei voli prevede la partenza da Genova alle 11:15 e l’arrivo a Mosca alle 15:45. Da Mosca si parte alle 7:50 per arrivare nel capoluogo ligure alle 10:45. Il collegamento è operato con moderni aeromobili B737-800 da 189 posti. In totale saranno in vendita 40.000 sedili da/per Genova tra oggi e la fine della stagione summer (26 ottobre). «La Liguria e la Federazione Russa sono ancora più vicine - commenta Paolo Odone, presidente dell’Aeroporto di Genova -. Siamo molto fiduciosi nel successo di questa rotta, basti pensare che oggi sul primo volo da Mosca erano presenti 180 passeggeri, mentre su quello in partenza ce n’erano 160: dati estremamente positivi, considerando che si trattava della prima rotazione.  I benefici per il turismo saranno tanti, anche perché il mercato russo è uno di quelli con maggiori potenzialità: lo scorso anno gli arrivi dalla Federazione Russa sono stati 74.500, in aumento dell’8% rispetto al 2017, e grazie a questo nuovo volo speriamo possano crescere ancora di più. Tante opportunità anche per il business, sia per la frequenza dei voli, quattro a settimana, sia perché l’aeroporto di Vnukovo è molto ben collegato a Mosca, grazie a un treno speciale che in 30 minuti consente di raggiungere il centro città».     [post_title] => Pobeda collega Genova a Mosca Vnukovo, 4 volte a settimana [post_date] => 2019-04-23T08:30:33+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556008233000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348428 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mandarin Oriental Hyde Park, London riaprirà completamente lunedì 15 aprile e celebra l'illustre storia di 117 anni dell'hotel con una serie di pacchetti speciali e promozioni, tra cui Stay Like Sir Winston Churchill, una mostra storica, alcuni cocktail celebrativi e il tè pomeridiano. Dopo aver inaugurato nel 1899 con un esclusivo blocco di appartamenti per uomini facoltosi, fu solo nel 1902 che l'edificio, che ora ospita il Mandarin Oriental Hyde Park, London, aprì come hotel con una Royal Entrance privata. Winston Churchill è stato un ospite frequente e vi sono interessanti storie riguardanti il tempo trascorso nell’hotel che gli ospiti possono scoprire grazie ad una visita alla storica esibizione  If Walls Could Talk. Il pacchetto Stay like Sir Winston Churchill è un tributo a questo personaggio leggendario e bon viveur e comprende diverse di queste intriganti storie.  Il pacchetto Stay like Sir Winston Churchill è disponibile a partire da 690 sterline iva inclusa e comprende: • English Breakfast completo per due persone • Una bottiglia di champagne Pol Roger, il preferito di Churchill, servito in camera • Due sigari di cioccolato (Churchill aveva l’abitudine di offrire due sigari ai camerieri del servizio in camera in cambio della consegna della colazione anticipata) • Due cocktail Vices & Virtues al Mandarin Bar, con la possibilità di acquistare veri sigari di David Linley • Una fotografia regalo incorniciata di Churchill che arriva all'hotel [post_title] => Mandarin Oriental Hyde Park, una riapertura all'insegna di Winston Churchill [post_date] => 2019-04-12T12:10:23+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555071023000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348083 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riflettori accesi sull'estate alle porte per Albastar che potenzia l’offerta dei collegamenti leisure dagli aeroportiì di Milano Bergamo, Verona e Milano Malpensa. E aumenta anche la capacità offerta verso Lourdes, che sarà collegata con voli diretti dall’Italia e dall’Irlanda. L'operativo da Milano Bergamo prevede: dal 26 luglio al 10 settembre, frequenza bisettimanale, per Catania, ogni venerdì e lunedì. Dal 1 giugno al 21 settembre, frequenza settimanale, per Olbia, ogni sabato. Dal 1 giugno al 21 settembre, frequenza settimanale, per Crotone, ogni sabato. Dal 2 giugno al 27 ottobre, frequenza settimanale, per Marsa Alam, ogni domenica. Da Verona invece si vola dal 1 giugno al 21 settembre, con frequenza settimanale, su Crotone, ogni sabato. Dal 25 maggio al 4 novembre, frequenza settimanale, per Fuerteventura, ogni lunedì. Da Milano Malpensa, Albastar vola verso Marsa Alam ogni sabato, dal 13 luglio al 26 ottobre, con frequenza settimanale. La pianificazione dei voli per Lourdes prevede: da Roma Fiumicino frequenza bisettimanale, ogni lunedì e giovedì, dal 16 maggio al 24 ottobre;  da Milano Bergamo dal 19 aprile al 20 maggio e dal 9 al 20 settembre, frequenza bisettimanale, ogni venerdì e mercoledì. Infine, voli in partenza anche dagli aeroporti irlandesi di Shannon, Cork, Belfast, Dublino. I voli saranno operati con gli aeromobili Boeing 737-800 next generation e Boeing 737-400 della flotta del vettore, configurati con 189 e 170 posti in classe unica. [post_title] => Albastar: più capacità sui voli di linea per l'estate 2019 [post_date] => 2019-04-11T08:30:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554971459000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348024 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In merito all'articolo pubblicato il 20 marzo scorso su Travel è giunta una precisazione da parte del Museo della Navigazione nelle Acque Interne di Capodimonte. La riportiamo integralmente: «Il Museo della Navigazione nelle Acque Interne di Capodimonte è costituito non da tre, ma da quattro sale espositive: la Sala delle Barche tradizionali, la Sala della Pesca e delle Tradizioni, la Sala dei Modellini e la Sala della Piroga. Il Museo è incentrato su temi di archeologia navale e di antropologia, focalizzando l’attenzione sul rapporto uomo/acqua nei territori interni, con particolare riferimento all’Italia centrale. L’arco cronologico su cui è incentrata l’esposizione spazia dalla preistoria, con la piroga monossila, probabilmente doppia, rinvenuta nel Lago di Bolsena nel 1989, fino ad arrivare alle barche “da lavoro”, da pesca e da trasporto, ma anche da diporto, cioè a quel patrimonio nautico di differenti luoghi del Lazio e di altre regioni d’Italia che purtroppo è quasi completamente scomparso e che la musealizzazione può aiutare a salvare dall’estinzione e dall’oblio. Il Museo della Navigazione dispone anche di una sala di consultazione informatica fruibile gratuitamente dai visitatori che desiderano approfondire le tematiche dell’esposizione. L’ingresso non è gratuito ma prevede un biglietto intero di 2,50 euro o un biglietto ridotto di 1,50 euro. Altre notizie sono sul nostro sito web https://museocapodimonte.com». [post_title] => Precisazione del Museo della Navigazione nelle Acque interne di Capodimonte: le sale sono 4 e si paga il biglietto [post_date] => 2019-04-10T11:30:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554895816000 ) ) )