25 February 2020

Ex titolare o banconista adv

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono: 339 1935637
Email: info@2galli-travel.it
Provincia: • ,
Comune: • 

Settore: • 
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

Sei un ex titolare o banconista di ADV
Obiettivo è la condivisione fatturato/commissioni – no assunzione
Sei un ex titolare o banconista di ADV e vuoi continuare a lavorare nel turismo senza avere l’assillo dei costi fissi mensili e hai ancora un portafoglio clienti? Forse noi abbiamo ciò che fa per te. Potrai ricevere i tuoi clienti all’interno della nostra sede, dove mettiamo gratuitamente a tua disposizione una postazione di lavoro, uso di internet e telefono, l’assistenza amministrativa nonchè le assicurazioni di legge.
Non sono richiesti vincoli di orari di lavoro
Obiettivo è la condivisione fatturato/commissioni.
La sede operativa è in provincia di Varese.
Per informazioni: info@2galli-travel.it oppure cell 339 1935637, Carlo.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353075 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Helvetia & Bristol Firenze – Starhotels collezione, aperto nel 1883, riapre le porte dopo la ristrutturazione che, grazie al contributo di maestri artigiani italiani, ha reso all’albergo il suo autentico splendore arricchito dal lusso e dai comfort contemporanei. Le 64 camere di differenti categorie sono state tutte rinnovate e finemente arredate con oggetti di pregio e gli ambienti ripensati ispirandosi alle atmosfere che hanno affascinato i viaggiatori all’epoca del Grand Tour. Anche il Winter Garden, coperto dal soffitto in vetro in stile Liberty novecentesco, è stato ridisegnato per accogliere quello che diventerà un indirizzo di riferimento per gli appassionati di fine dining in città. La location si affaccia sul Tinello, firmato da Riccardo Barthel che ospita il buffet delle colazioni, show cooking ed eventi. La prima parte della ristrutturazione coinvolge infine le facciate del palazzo, la lobby ed il bar, che verranno ultimate in giugno. I lavori nel corpo centrale stanno volgendo al termine, la conclusione dell'intero progetto è attesa per novembre 2019 quando l'annessione dell'edificio adiacente - che precedentemente ospitava il Banco di Roma - arricchirà l'hotel con 25 nuove camere e suite, una spa e spazi per eventi. [post_title] => L'Helvetia & Bristol Firenze torna ad accogliere i suoi ospiti dopo il rinnovo [post_date] => 2019-05-23T15:34:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558625667000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353059 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea ha centrato un utile operativo record (ebit) di 13,6 milioni di euro nel 2018 con una crescita del 63% rispetto all'anno precedente; il fatturato ha superato i 396,1 milioni di euro, in crescita di 89 milioni (+29%) rispetto ai 307,5 del 2017. I ricavi relativi alla vendita dei biglietti hanno raggiunto 258,4 milioni di euro (+28% sul 2017), mentre quelli ancillari sono pari a 137,7 milioni di euro (+31% rispetto 2017) e rappresentano il 35% del totale del fatturato. «Siamo molto felici dei nostri risultati finanziari, che testimoniano la nostra crescita, forte e costante - ha dichiarato Carlos Muñoz, presidente e fondatore di Volotea -. Questa è la riprova di quanto sia vincente la nostra strategia di collegare tra di loro città di medie e piccole dimensioni in Europa, con voli diretti e senza scali in grandi hub. L'aggiunta di ulteriori Airbus A319, infine, ci consente di aumentare la nostra capacità di trasporto con velivoli più competitivi in termini di costi e che, anno dopo anno, aumenteranno la nostra redditività». Nel 2018, Volotea ha operato 53.400 voli (+20%) e trasportato 6,57 milioni di passeggeri (+36%), totalizzando un load factor del 93,1% (7,7 punti base in più rispetto all’anno precedente). Quattro nuovi Airbus A319 sono stati aggiunti alla flotta lo scorso anno, per un totale di 30 aeromobili totali. Infine, nel 2018, l'organico medio di Volotea è stato di 888 dipendenti (in aumento di 230 risorse rispetto al 2017), raggiungendo un totale di 1.078 dipendenti durante l’alta stagione.   Nel 2017, Volotea ha adottato l’Ifrs 16 per l'emissione del Consolidated Annual Accounts, diventando una delle prime società in Spagna e nel settore delle compagnie aeree europee ad utilizzare questo principio contabile. Anche i risultati 2018 sono stati presentati seguendo i principi contabili Ifrs 16. [post_title] => Volotea archivia il 2018 con un utile operativo record, in crescita del 63% [post_date] => 2019-05-23T12:25:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558614319000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352657 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Heiva I Tahiti celebra la cultura polinesiana con una competizione di danza e canto tradizionale che si svolge ogni anno, per l’esattezza da 138 anni, e che per l’edizione 2019 animerà l’isola di Tahiti dal 4 al 20 lugliocoinvolgendo numerosi artisti e spettatori. Questo festival unico prevede sia avvincenti spettacoli serali performati da gruppi molto numerosi, sia, durante il giorno, esibizioni dedicate al mondo delle arti e delle attività tradizionali, tra cui la caratteristica corsa dei portatori di frutta, il sollevamento delle pietre, il lancio del giavellotto, regate e l’apertura della noce di cocco. La storia di Heiva è molto interessante, soprattutto se ricollocata nel contesto storico in cui, dopo la colonizzazione francese e la conversione al cristianesimo, le danze e molte delle forme di divertimento e aggregazione sociale del luogo furono proibite. Fu solo nel 1881 che le danze ripresero ad essere liberamente eseguite in occasione delle celebrazioni per il 14 luglio, dapprima in forma di parate militari e manifestazioni ufficiali e, a seguire, sempre più legate all’espressione delle origini. Per il programma completo e l’elenco dei gruppi partecipanti, visitare il sito internet www.heiva.org.fl [post_title] => Heiva I Tahiti: dal 4 al 20 luglio danza e canto protagonisti sull'isola [post_date] => 2019-05-21T11:45:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558439141000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Varadero, l’intramontabile. Nonostante il potenziamento, negli ultimi anni, di diverse destinazioni balneari come i cayos (Largo, Ensenachos, Santa Maria, Coco, Guillermo, Paredon…) e le coste, la penisola 140 km a est de La Habana resta un vero caposaldo del turismo de la Isla Gande. Considerato il più importante centro “sol y playa” del paese, Varadero è sorto sulla penisola di Hicacos, sulla costa nord della provincia di Matanzas, e offre mille 754 ettari di spiaggia, oltre 20 km arenile, che hanno una ampiezza (larghezza) media di 22 metri. TripAdvisor la classifica come seconda spiaggia più bella al mondo. L’avventura di Varadero iniziò con il suo vertiginoso sviluppo negli anni '90, anche se la sua fondazione ufficiale risale al 5 dicembre 1887. Le strutture alberghiere, implementate ultimamente per qualità e quantità, offrono 20 mila 600 camere e ospitano, da sole, il 20% circa del turismo isolano. Nei Traveler's Choice Playas awards 2019, che si basano sulla quantità e qualità dei servizi e della bellezza del luogo sono state esaminate complessivamente 352 spiagge per stilare l’elenco delle 25 migliori al mondo, oltre a classificazioni specifiche per continenti e paesi. Varadero vanta 15 siti archeologici, come le grotte e caverne, che servivano come rifugio, ai primi Tainos. Fra queste la grotta più visitata è quella di “Ambrosio”, nel sud della penisola. Dal 1587 e fino al 1961, quando fu chiusa, era la produzione di sale che dominava l’economia e nel 1976 Varadero ha acquisito lo status di municipalità. Sul comparto hoteliero va rimarcato che l'hotel Internacional de Varadero ha recentemente riaperto le porte, dopo i lavori che hanno incluso, oltre alla ristrutturazione, anche un piano per proteggere le dune e l'ambiente. Storicamente il primo albergo il “Varadero” con 10 stanze, costruito nel 1915 e nove anni più tardi convertito in Club Náutico de Varadero. E la storia continua… [post_title] => Varadero, l’intramontabile meta balneare cubana resiste e migliora [post_date] => 2019-05-13T09:00:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557738043000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350804 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_350808" align="alignleft" width="300"] Gabriel Escarrer, Melià hoteles international[/caption] Per molti anni, la Spagna è stata uno dei principali partner commerciali di Cuba. Con oltre 900 milioni di euro di esportazioni nell'isola, nel 2018, il paese iberico è considerato il principale investitore a Cuba dall'Unione Europea e il terzo a livello mondiale. All'interno di queste somme, il turismo è una delle voci più importanti nel processo di investimento. Il fatto che la Spagna sia il paese ospite d’onore a FitCuba 2019 ha portato tre dei più alti dirigenti di catena alberghiera a parlare del presente e del futuro delle loro aziende nella più grande delle Antille. Per il gruppo Meliá Hotels International  l'avventura iniziò nel 1988 quando aprì la prima joint venture che dette vita al progetto Sol Palmeras a Varadero. Oggi Meliá ha 34 realtà in tutta l'isola, una cifra che arriverà nel 2019 a 38 proprietà con oltre 15mila camere. Gabriel Escarrer, Presidente di Meliá Hotels International, ha sottolineato i valori che Cuba ha come destinazione turistica, elementi che devono essere messi al centro della scena: la sicurezza dei cittadini e la sicurezza legale dell'isola, due fattori importantissimi. «Tutto ciò che ci fu promesso 32 anni fa per la creazione della joint venture è stato onorato, il che dice molto lunga sulla certezza giuridica che Cuba offre. Mi piace ricordare le parole di Fidel Castro nel 1988, durante l'inaugurazione del Sol Palmeras Hotel a Varadero, quando disse che "non si sarebbero mai pentiti" di fare quell'investimento. Dopo 32 anni, non ci siamo pentiti di un solo istante di quella decisione». L'espansione del Meliá Habana Hotel, con un nuovo Centro Congressi, la ristrutturazione totale del Sol Palmeras, così come l'Innside Cienfuegos e l'Innside Camaguey Hotels, sono alcuni dei progetti che Meliá a Cuba sta realizzando, per un importo totale di 200 milioni di euro. Allo stesso modo, con la creazione della nuova joint venture "Miramar" due anni fa, inizierà anche quest'anno la costruzione del Meliá Trinidad Hotel. [post_title] => Cuba: la presenza dell'industria alberghiera spagnola, presente e futuro. Melià Hotels Int. [post_date] => 2019-05-09T10:32:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557397945000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350480 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Bilancio positivo per Aeroporti di Puglia che nel periodo gennaio – aprile di quest’anno ha registrato su Bari e Brindisi 2.152.000 passeggeri, in crescita del +9,8 % rispetto allo stesso periodo del 2018. La linea internazionale, con oltre 687 mila passeggeri, cresce del +17,5%, mentre il dato riferito alla linea nazionale, con 1,450 milioni di passeggeri registra un +6,5%.  Nel periodo in esame  i passeggeri su Bari sono stati 1,48 milioni (+14,5%) e 670mila su Brindisi, dei quali 140.000 riferiti a voli di linea internazionale (+17,3%). «L’internazionalizzazione dell’offerta e l’incremento del traffico incoming dai più importanti mercati esteri costituisce una delle linee guida della nostra programmazione strategica - dichiara Tiziano Onesti Presidente di Aeroporti di Puglia - Il risultato registrato su Bari e Brindisi rappresenta in modo evidente l’attenzione dedicata  allo sviluppo della componente internazionale, la cui incidenza rispetto ai volumi complessivi di traffico diviene sempre più significativa. Siamo certi che tutto ciò, unito a un complessivo miglioramento delle connessioni intermodali, in un contesto di sistema che coinvolge tutti i principali stakeholder, porterà ulteriori benefici al sistema economico e turistico di tutta l'area e con esso allo sviluppo aeroportuale». Il risultato dei primi quattro mesi 2019 beneficia dell’ottimo andamento del mese di aprile che, complessivamente, con 661mila passeggeri ha registrato su Bari e Brindisi un incremento del 9,7% del traffico. In particolare si segnala l’incremento del 20,2% delle linea internazionale, determinato dal +17,4% (195mila passeggeri) di Bari e dal +30,5% (59mila passeggeri) di Brindisi. [post_title] => Aeroporti Puglia, tra gennaio ed aprile traffico in crescita del 9,8% [post_date] => 2019-05-07T09:27:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557221220000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349993 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ana Holdings archivia in positivo l'anno finanziario 2018-19 (chiuso lo scorso 31 marzo). Ana ha visto aumentare - rispetto al precedente anno finanziario - il numero dei passeggeri trasportati sulle rotte internazionali (+3,6%) - per un totale record di oltre 10 milioni - e il relativo fatturato (+9,1%). Cresce anche il fatturato del network domestico (+1%) e il numero dei passeggeri trasportati (+ 0,4%). Buoni risultati vengono dal comparto cargo a livello internazionale, con un fatturato in crescita del +5,9%, e positivo è anche il comparto Lcc, che registra un incremento sia dei passeggeri (+4,6%) che del fatturato (+6,9%). Sebbene vi siano preoccupazioni per una tendenza al ribasso di alcune economie estere e incertezze sulle politiche commerciali, le prospettive per l’economia giapponese per il prossimo anno finanziario mostrano una crescita continua e graduale dovuta al miglioramento del contesto occupazionale e all'effetto positivo di varie nuove politiche governative. Considerata la situazione di mercato e le iniziative in atto Ana Holding prevede, per l’anno finanziario che si concluderà a marzo 2020, un aumento del fatturato (+4,5% per un totale di 2.150 miliardi di Yen – circa 16,7 miliardi di euro) con utile un operativo uguale all’anno finanziario appena conclusosi (165 miliardi di Yen – circa 1,28 miliardi di euro). «Il Gruppo Ana  - spiega una nota - sta implementando una serie di misure per realizzare la sua visione strategica di "diventare il gruppo aereo leader mondiale" in linea con la sua strategia aziendale di medio termine». [post_title] => Ana chiude con risultati in crescita l'esercizio 2018-19 [post_date] => 2019-05-02T12:03:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556798639000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349486 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In poco più di un decennio – dal 2007 al 2018 – sono aumentati del 75% i passeggeri del trasporto aereo, passati da 2,48 miliardi a 4,36 miliardi, ma grazie alla tecnologia si sono ridotte le irregolarità e i relativi costi per gli operatori, scesi da 4,22 miliardi a 2,4 miliardi (-43%). È quanto emerge dal Baggage IT Insights di Sita: secondo il report, la percentuale di bagagli disguidati è stata di 5,69 ogni mille viaggiatori nel 2018, anno che come i precedenti ha fissato un nuovo record per il traffico passeggeri superando del 6,6% il dato registrato nel 2017, quando hanno volato 4,09 miliardi di persone. Un risultato significativo, se si considera che nel 2007 la percentuale era di 18,8 bagagli disguidati ogni mille passeggeri. L’edizione 2019 del report di Sita rileva che risultati significativi sono stati ottenuti grazie all’introduzione della tracciatura dei bagagli a più punti chiave del percorso, che ha consentito tassi di miglioramento nella gestione fino al 66%. «Nell’ultimo triennio grazie alla tecnologia il tasso di bagagli disguidati si è stabilizzato - commenta Sergio Colella, presidente Europa di Sita - in controtendenza rispetto ai dati di traffico, che registrano una continua crescita. Nel 2018 con 4,36 miliardi di passeggeri sono stati imbarcati più di 4,27 bagagli. Per gli operatori del trasporto aereo questi numeri si concretizzano in una sfida sempre più grande. Ecco, in questa sfida la tecnologia è un’ottima alleata, e l’adozione di soluzioni sempre più evolute – per esempio, i sistemi di tracciatura – è lo strumento chiave per ottenere il prossimo grande taglio al tasso di bagagli disguidati». Nell’ultimo anno un numero crescente di compagnie aeree e aeroporti ha iniziato a introdurre i sistemi di tracciatura bagagli ai punti chiave del viaggio – check-in, imbarco in stiva, trasferimento fra voli, arrivo – per migliorare la gestione e ridurre il rischio di irregolarità. [post_title] => Aeroporti, per Sita aumentano i passeggeri e migliora la gestione dei bagagli [post_date] => 2019-04-24T12:40:16+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556109616000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 347653 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nonostante il primo ministro Theresa May abbia proposto un rinvio della Brexit al 30 giugno prossimo, il governo britannico ha già cominciato, questa settimana, a distribuire passaporti senza la scritta 'European Union' sulla copertina. Secondo quanto comunicato dall'Ansa, i nuovi documenti erano stati realizzati in vista dell'uscita del paese dall'Ue il 29 marzo. Il ministero degli Interni ha comunque spiegato che continuerà a emettere i vecchi passaporti - quelli con la scritta "European Union" - finché non finiranno le scorte e che i cittadini non avranno la possibilità di scegliere tra le due versioni. La versione definitiva del documento, che dovrebbe entrare in vigore a fine anno avrà un altro cambiamento: il nuovo colore della copertina sarà blu, lo stesso dei passaporti britannici fino al 1988.     [post_title] => Brexit: via la scritta "European Union" dai nuovi passaporti [post_date] => 2019-04-08T12:20:56+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554726056000 ) ) )