18 July 2019

Vendesi agenzia di viaggio Milano

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono: 349 5062506
Email:
Provincia: • ,
Comune: • 

Settore: • 
Mansione:


Testo dell'annuncio

Vendesi avviata agenzia di viaggi Iata zona c.so XXII Marzo a Milano. Tre postazioni di lavoro. Contattare 349 5062506.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353765 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Europa ha presentato oggi, all’aeroporto di Alghero-Fertilia, alla presenza di alcune delle più importanti agenzie di viaggio presenti in Sardegna, la nuova tratta che collegherà Alghero a Madrid. Dal prossimo 27 giugno sarà attiva la nuova rotta operata, due volte la settimana, con Boeing 737-800 da 185 posti, dotati di wifi e streaming di bordo. «Siamo lieti di annunciare questa nuova iniziativa che permetterà a Air Europa di consolidare la sua presenza sul mercato italiano - commenta Renato Scaffidi, general manager Italia di Air Europa -. Un mercato in crescita di oltre il 10% rispetto al pari periodo dello scorso anno. L’Italia, continua così ad essere il secondo mercato per importanza, solo dopo la Spagna e riserva potenzialità ancora da cogliere» «Questa operazione non solo collegherà la Sardegna con la Spagna e l’America facendo crescere l’outgoing ma avrà un impatto molto importante sull’incoming, andando innanzitutto a potenziare l’offerta di Travelplan. ll tour operator del gruppo Globalia potrà infatti ampliare la sua offerta, rispondendo ad una crescente richiesta di soggiorni in quest’isola meravigliosa, abbinandoli a comodissimi collegamenti aerei, creando nuovi flussi turistici» Conclude Scaffidi. «Siamo lieti di dare il benvenuto ad Air Europa, vettore di riferimento per la Spagna e per i voli tra l’Europa e l’America, con una flotta tra le più moderne ed un servizio di bordo di qualità a prezzi contenuti. Un’iniziativa che permette all’aeroporto di Alghero di ampliare il proprio network che conta oltre 50 destinazioni per 17 Paesi, un’ottima occasione per promuovere il nord Sardegna ed un’opportunità per i sardi di volare a Madrid o in sud America»Commenta Fabio Gallo, cfo & business development director. [post_title] => Air Europa vola da Alghero verso Madrid [post_date] => 2019-05-30T14:52:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559227921000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353075 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Helvetia & Bristol Firenze – Starhotels collezione, aperto nel 1883, riapre le porte dopo la ristrutturazione che, grazie al contributo di maestri artigiani italiani, ha reso all’albergo il suo autentico splendore arricchito dal lusso e dai comfort contemporanei. Le 64 camere di differenti categorie sono state tutte rinnovate e finemente arredate con oggetti di pregio e gli ambienti ripensati ispirandosi alle atmosfere che hanno affascinato i viaggiatori all’epoca del Grand Tour. Anche il Winter Garden, coperto dal soffitto in vetro in stile Liberty novecentesco, è stato ridisegnato per accogliere quello che diventerà un indirizzo di riferimento per gli appassionati di fine dining in città. La location si affaccia sul Tinello, firmato da Riccardo Barthel che ospita il buffet delle colazioni, show cooking ed eventi. La prima parte della ristrutturazione coinvolge infine le facciate del palazzo, la lobby ed il bar, che verranno ultimate in giugno. I lavori nel corpo centrale stanno volgendo al termine, la conclusione dell'intero progetto è attesa per novembre 2019 quando l'annessione dell'edificio adiacente - che precedentemente ospitava il Banco di Roma - arricchirà l'hotel con 25 nuove camere e suite, una spa e spazi per eventi. [post_title] => L'Helvetia & Bristol Firenze torna ad accogliere i suoi ospiti dopo il rinnovo [post_date] => 2019-05-23T15:34:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558625667000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352657 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Heiva I Tahiti celebra la cultura polinesiana con una competizione di danza e canto tradizionale che si svolge ogni anno, per l’esattezza da 138 anni, e che per l’edizione 2019 animerà l’isola di Tahiti dal 4 al 20 lugliocoinvolgendo numerosi artisti e spettatori. Questo festival unico prevede sia avvincenti spettacoli serali performati da gruppi molto numerosi, sia, durante il giorno, esibizioni dedicate al mondo delle arti e delle attività tradizionali, tra cui la caratteristica corsa dei portatori di frutta, il sollevamento delle pietre, il lancio del giavellotto, regate e l’apertura della noce di cocco. La storia di Heiva è molto interessante, soprattutto se ricollocata nel contesto storico in cui, dopo la colonizzazione francese e la conversione al cristianesimo, le danze e molte delle forme di divertimento e aggregazione sociale del luogo furono proibite. Fu solo nel 1881 che le danze ripresero ad essere liberamente eseguite in occasione delle celebrazioni per il 14 luglio, dapprima in forma di parate militari e manifestazioni ufficiali e, a seguire, sempre più legate all’espressione delle origini. Per il programma completo e l’elenco dei gruppi partecipanti, visitare il sito internet www.heiva.org.fl [post_title] => Heiva I Tahiti: dal 4 al 20 luglio danza e canto protagonisti sull'isola [post_date] => 2019-05-21T11:45:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558439141000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352282 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il South Australia approda su una delle copertine più prestigiose del mondo. Insieme ad altre sei località internazionali selezionate ad hoc (Costa Rica, Kenya, Exuma, Nassau, Puerto Vallarta e St. Lucia), l’isola dei canguri si aggiudica le pagine più prestigiose del numero più atteso dagli appassionati della rivista, lo Sports Illustrated Swimsuit. La modella protagonista degli scatti in South Australia è Camille Kostek. Le altre copertine vedono imortalate, tra le altre, Tyra Banks alle Bahamas e Alex Morgan a St. Lucia. In vendita in edicola, sulle piattaforme web e disponibile sui social, Sports Illustrated Swimsuit ha un bacino di oltre 70 milioni di lettori a livello globale. Kangaroo Island ha già avuto nel 1985 l’onore di apparire su Sports Illustrated quando Elle Macpherson fu fotografata con i leoni marini in quello che ora è il Seal Bay Conservation Park. Gli scatti sono stati realizzati a Kangaroo Island nel settembre del 2018 e sono caratterizzati da un cast stellare di modelle tra cui Samantha Hoopes, Olivia Culpo, Tara Lynn, Myla Dalbesio, Hailey Clauson e la cover-girl Camille Kostek. Kangaroo Island è la patria di alcuni dei paesaggi più pittoreschi del mondo, di cibi e vini incredibili. Il numero di Sports Illustrated Swimsuit creerà maggiore consapevolezza rispetto al South Australia inteso come destinazione di viaggio sul mercato globale e catturerà l’attenzione di nuovo pubblico.   [post_title] => Kangaroo Island sulla copertina di Sports Illustrated [post_date] => 2019-05-17T09:08:02+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558084082000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Varadero, l’intramontabile. Nonostante il potenziamento, negli ultimi anni, di diverse destinazioni balneari come i cayos (Largo, Ensenachos, Santa Maria, Coco, Guillermo, Paredon…) e le coste, la penisola 140 km a est de La Habana resta un vero caposaldo del turismo de la Isla Gande. Considerato il più importante centro “sol y playa” del paese, Varadero è sorto sulla penisola di Hicacos, sulla costa nord della provincia di Matanzas, e offre mille 754 ettari di spiaggia, oltre 20 km arenile, che hanno una ampiezza (larghezza) media di 22 metri. TripAdvisor la classifica come seconda spiaggia più bella al mondo. L’avventura di Varadero iniziò con il suo vertiginoso sviluppo negli anni '90, anche se la sua fondazione ufficiale risale al 5 dicembre 1887. Le strutture alberghiere, implementate ultimamente per qualità e quantità, offrono 20 mila 600 camere e ospitano, da sole, il 20% circa del turismo isolano. Nei Traveler's Choice Playas awards 2019, che si basano sulla quantità e qualità dei servizi e della bellezza del luogo sono state esaminate complessivamente 352 spiagge per stilare l’elenco delle 25 migliori al mondo, oltre a classificazioni specifiche per continenti e paesi. Varadero vanta 15 siti archeologici, come le grotte e caverne, che servivano come rifugio, ai primi Tainos. Fra queste la grotta più visitata è quella di “Ambrosio”, nel sud della penisola. Dal 1587 e fino al 1961, quando fu chiusa, era la produzione di sale che dominava l’economia e nel 1976 Varadero ha acquisito lo status di municipalità. Sul comparto hoteliero va rimarcato che l'hotel Internacional de Varadero ha recentemente riaperto le porte, dopo i lavori che hanno incluso, oltre alla ristrutturazione, anche un piano per proteggere le dune e l'ambiente. Storicamente il primo albergo il “Varadero” con 10 stanze, costruito nel 1915 e nove anni più tardi convertito in Club Náutico de Varadero. E la storia continua… [post_title] => Varadero, l’intramontabile meta balneare cubana resiste e migliora [post_date] => 2019-05-13T09:00:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557738043000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350695 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il gruppo israeliano inaugurerà a metà giugno il Leonardo Royal Hotel Venice Mestre, la quarta struttura in Italia. La nuova apertura accompagnerà la metamorfosi in corso della città: ampliamento di grandi parchi urbani, riqualificazione di intere aree della città, happening rock e ri-apertura delle vie d’acqua. La periferia sta diventando di moda, è noto: dalle sfilate di alta moda all’apertura di fondazioni d’arte nei suburbi cittadini è un continuo annunciare manifestazioni e vernissage lontane dal centro, così come il diffondersi di una estetica meno patinata e più reale su social e carta stampata. Venezia non fa eccezione e Mestre avvia il suo rinascimento: un museo-officina interattivo e tecnologico appena inaugurato – l’M9 - un grattacielo, l’Hybrid Tower 2 che ne ha ridisegnato da un paio di anni lo skyline, un intero quartiere riqualificato e disegnato per accogliere visitatori e turisti, piste ciclabili direttamente collegate al percorso “Ciclyng the Venice Garden” sono alcuni dei progetti già inaugurati. E proprio qui che il Gruppo Leonardo – una catena con più di 200 hotel in oltre 100 destinazioni – ha scelto di approdare per il suo arrivo in laguna, inaugurando la sua quarta struttura in Italia; un opening che rafforza uno dei suoi tratti distintivi e vincenti: inserirsi in aree in via di riqualificazione della città e contribuire, con la qualità della sua offerta e la sua vivace interazione con la città, alla gentrificazione complessiva del quartiere. Leonardo Royal Hotel Venice Mestre si appresta a inaugurare a metà giugno, al 6 di Cà Marcello e punto focale del quartiere MTK riqualificato, un 4 stelle superior – il più alto di gamma nel boulevard degli hotel cittadino - mettendo a disposizione degli ospiti, e della città, oltre alle 244 camere, un ristorante, con dehor, da 185 posti, una lounge per aperitivo e dopocena, una serie di camere interamente dedicate alla clientela femminile, un accesso al binario 1 della stazione “seamless”, direttamente collegato all’hotel, per raggiungere Venezia in 12 minuti complessivi, oltre a una gamma di proposte di esplorazione del territorio che andranno oltre la Serenissima. [post_title] => Leonardo Royal hotel Mestre, il gruppo inaugura a giugno la 4° struttura in Italia [post_date] => 2019-05-08T11:54:52+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557316492000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349750 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => American Airlines stima in 350 milioni di dollari l'impatto sui costi del grounding dei 24 Boeing 737 Max: è lo stesso ceo della compagnia, Doug Parker (nella foto) a segnalare le conseguenze sui conti del vettore durante la presentazione dei risultati del primo trimestre 2019. La stima tiene conto di un potenziale ritorno in servizio dei velivoli il 20 agosto prossimo. La messa a terra dei Max (dallo scorso 13 marzo) ha comportato per American la cancellazione di 1.200 voli nel primo trimestre, per una spesa di 50 milioni di dollari nel relativo periodo; complessivamente, dal 13 marzo al prossimo 19 agosto il vettore prevede la cancellazione di 15.000 voli operati dai Max e la riprotezione di 700 mila passeggeri.  Oltre ai 24 Boeing 737 Max 8 in flotta, American ne conta altri 74 in ordine.  Tornando ai conti del trimestre, il grounding dei Max ha comportato un calo del 5,4% del risultato operativo rispetto ai primi tre mesi dell'anno scorso; ma il profitto netto della compagnia è comunque aumentato del 16% raggiungendo i 185 milioni di dollari.   [post_title] => American Airlines: costi fino a 350 milioni di dollari per il grounding dei Max 8 [post_date] => 2019-04-29T12:42:40+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556541760000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348912 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Expedia Group rivela i dati sull’entusiasmante crescita e sviluppo registrati dalla città di Milano lo scorso anno, rispetto a quanto rilevato l’anno precedente. Nel 2018 Milano è stata la vincitrice – per la prima volta – dell’indagine annuale condotta da Il Sole 24 Ore1, celebrando il suo primato per le perfomance raggiunte negli indicatori del benessere che confermano come Milano sia la città più vivibile d’Italia rispetto alle altre province italiane. Milano è stata anche incoronata Best City 2019 in occasione dei Wallpaper Design Awards2 e oggi è rinomata per essere la città del design che sta vedendo un’entusiasmante rinascita sul piano artistico e culturale. Grazie all'ampia offerta di servizi quali trasporti, sharing mobility, hotel, ristoranti e assistenza turistica, i dati di Expedia Group rivelano una crescita della domanda turistica verso Milano attorno al 15% durante il 2018 anno-su-anno e attorno al 20% nelle zone limitrofe alla città rispetto all’anno precedente. Secondo i dati di Expedia Group, i turisti che approdano nel capoluogo lombardo hanno una finestra di prenotazione di circa 34 giorni ed una durata del soggiorno di 2 giorni. La finestra di prenotazione per le zone limitrofe a Milano è di poco più di 20 giorni, mentre la durata del soggiorno rimane invariata. Per quanto riguarda l’Average Daily Rate, secondo i dati è attorno a € 140 in media a Milano, mentre la domanda di pacchetti turistici ha mostrato una crescita positiva, rivelando un +25% a Milano e un +40% circa nelle zone vicine durante il 2018 (rispetto al 2017). I dati evidenziano anche una buona crescita della domanda di viaggiatori internazionali provenienti da Argentina (+185% circa), Cina (+180% circa) e Irlanda (oltre +175%). «Questi risultati confermano un trend positivo della domanda e il grande impegno di Expedia Group nel lavorare a stretto contatto con gli albergatori italiani: in questo modo Milano continua a registrare le migliori perfomance in termini di turismo domestico e di domanda turistica internazionale - spiega Giovanni Moretto, Direttore Market Management, Italia, Expedia Group - Questi dati confermano la forte capacità di Milano nell’attrarre turismo grazie alle sue diverse sfumature e opportunità su ogni fronte. Un trend che ha tutti i requisiti per essere mantenuto anche per il 2019». [post_title] => Per Expedia è Milano la città più apprezzata, boom di pacchetti turistici [post_date] => 2019-04-17T11:04:48+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555499088000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348306 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_348307" align="alignleft" width="300"] Un momento della performance di due anni fa[/caption] Nella località austriaca di Sölden, sul ghiacciaio di Rettenbach, stasera sarà messa in scena una rappresentazione unica nel suo genere, Hannibal. E’ la storia rivisitata in chiave moderna di Annibale Barca il generale cartaginese che nel 218 a.C., accompagnato da un colorato esercito di 60mila uomini fra africani, celti, spagnoli, migliaia di cavalli e, soprattutto, 37 elefanti, ha attraversato la cresta principale delle Alpi in soli dieci giorni e sconfitto Roma. Ma nonostante la superiorità militare, Annibale rinunciò alla conquista dell’Urbe, rinuncia con conseguenze storiche. All'esitazione seguì la sconfitta per mano di Scipione a Zama, che catapultò l’impero romano allea ribalta della storia e Cartagine Nord Africana nell’oblio. Un investimento stimato in un milione di euro: questo è il costo della performance giunta alla XIV edizione, che si svolge con cadenza biennale. Scordatevi il formato cinematografico dei 16:9, ogni schermo “Cinemascope” o formati Imax, questa produzione vivente, diretta dal genio visionario di Hubert Lepka, che ha un ghiacciaio come palcoscenico naturale eccede le aspettative: la scena di Hannibal occupa 185 gradi e prende corpo tridimensionale con drammaturgia, musica, luci, pirotecnica che vi portano all’interno della rappresentazione. C’è una nuova area spettatori al Rettenbach Glacier, ridisegnata a 2.670 metri di altitudine fatta su misura per eventi come la coppa del mondo di sci alpino (la gara inaugurale del 29/29ottobre 2018) e Hannibal, lo spettacolo del ghiacciaio, appunto in programma stasera. Per la prima volta i posti a sedere saranno prenotabili online, con preferenze e servizio completo di specialità cartaginesi. All’imbrunire le silouhette delle cime a 3mila metri con i propri picchi saranno un contorno straordinario nel più grande palcoscenico naturale. La performance alterna momenti molto distanti come vicinissimi agli spettatori, per una compenetrazione totale per tutti i 67 minuti di durata dell’evento. [post_title] => Hannibal, la storia rivisitata del generale cartaginese, in scena questa sera a Sölden [post_date] => 2019-04-12T09:49:09+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555062549000 ) ) )