20 September 2020

Commerciale regione Lazio

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono: 328 4726504
Email:
Provincia: • 
Comune:

Settore:
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

Commerciale regione Lazio ottima conoscenza rete adv valuta proposte di collaborazione. Telefonare al 328 4726504.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353395 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un aumento del 18,2% rispetto al 2017, per un fatturato globale di 580 milioni di euro, grazie a un incremento del 14% del numero di camere vendute. Il tutto nel contesto di una strategia di espansione che ha visto B&B Hotels entrare nel medesimo periodo in cinque nuovi paesi europei e registrare oltre 50 inaugurazioni nel mondo. In attesa di conoscere l'esito dell'operazione che dovrebbe portare Goldman Sachs ad acquisire il gruppo alberghiero transalpino dalla società di private equity Pai, B&B Hotels annuncia risultati record per il 2018 in termini di volumi. «La nostra crescita è sostenuta dal fatto che B&B Hotels si posiziona nel segmento hotel low budget ma con una proposta di ospitalità superiore caratterizzata da tutti i comfort e da un design riconoscibile - commenta l'amministratore delegato della compagnia, Fabrice Collet -. Il 2019 ci vedrà sempre più protagonisti nel panorama dell’hospitality posizionandoci come operatore globale di hotel per soggiorni di breve durata». In Italia il gruppo nel 2018 ha raggiunto risultati importanti in termini di tasso di occupazione pari al 75% sul territorio e di un giro d’affari di oltre 52 milioni di euro di fatturato e di una previsione di chiusura di 60 milioni per l'anno prossimo, con oltre 40 alberghi operativi sul territorio nazionale. Nel 2019, il gruppo punta quindi ad ampliare la propria presenza nei paesi europei e ad aprire la strada per conquistare il mercato latino-americano. Dopa la prima apertura di un B&B Hotels a Sao Josè dos Campos - terza città dello Stato di San Paolo -, nel 2019 B&B Hotels aprirà due nuove strutture a Rio de Janeiro e San Paolo con l'obiettivo di raggiungere mille camere in Brasile entro il 2021. Con questo piano strategico di aperture, B&B Hotels prevede di inaugurare un hotel a settimana raggiungendo un totale di oltre 620 hotel e circa 55 mila camere entro il 2020. [post_title] => B&B Hotels: cresce il fatturato insieme al numero di alberghi [post_date] => 2019-05-27T15:33:31+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558971211000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353248 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Odessa è una delle mete turistiche più apprezzate in tutta l’Europa orientale e il motivo è molto semplice: la città, famosa per il clima soleggiato e le sue spiagge sabbiose che si estendono per chilometri, regala paesaggi mozzafiato con le sue numerose insenature naturali che ne fanno un luogo ideale per la villeggiatura. Ricchissima di arte e tradizioni, con i suoi lunghi viali alberati e intimi cortili, offre numerosi centri termali, alberghi lussuosi in riva al mare e rinomati ristoranti locali. Conosciuta come “la Perla del Mar Nero”, Odessa è una città cosmopolita la cui storia è fortemente legata all’Italia fin dalle sue origini: oltre a essere stata fondata nel 1794 dall’ufficiale napoletano Giuseppe de Ribas, l’intera architettura della città ucraina rappresenta un omaggio al neoclassico italiano. Nel 1834 fu proprio un architetto italiano, Francesco Carlo Boffo, a dar vita al simbolo della città: la monumentale Scalinata Potëmkin, una delle più celebri scalinate di sempre, lunga ben duecento gradini, porta di ingresso di Odessa per chi arriva dal mare. Tra le tante attrazioni in città da non perdere il magnifico Teatro dell’Opera e del Balletto che conserva il suo autentico splendore barocco, e il Museo d’Arte Occidentale e Orientale, qui è conservata una delle più belle e sorprendenti collezioni di arte straniera in Ucraina, al suo interno vi è dedicata anche una sezione all’arte italiana e vi sono esposte opere del Guercino e del Canaletto. La variegata storia di Odessa ha creato una fusione culinaria unica, in cui i cibi ebraici si mescolano alle tradizioni culinarie ucraine. Il Mercato Pryvoz è il luogo ideale per assaporare le numerose prelibatezze locali. La città vanta numerosi ristoranti rinomati che la rendono un’ottima destinazione per il turismo gastronomico. Qui troverete numerosi ristoranti raffinati, tra cui il Terrace- Sea View, ristorante con una vista mare mozzafiato, ideale per una cena di lusso. Tra le spiagge più amate dai turisti vi sono Arkadia e Lanzheron, qui si trovano anche i locali più rinomati della città e gli alberghi di lusso, come ad esempio il Frederic Koklen, uno degli hotel più antichi di Odessa, costruito nel 1852 da una delle famiglie più illustri della città: i Koklens. Durante i suoi 165 anni di storia, il Frederic Koklen ha visto molti famosi musicisti, architetti e scrittori passare attraverso le sue porte. [post_title] => Odessa: spiagge, musei ed eventi per vivere la città cosmopolita [post_date] => 2019-05-27T09:45:11+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558950311000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353075 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Helvetia & Bristol Firenze – Starhotels collezione, aperto nel 1883, riapre le porte dopo la ristrutturazione che, grazie al contributo di maestri artigiani italiani, ha reso all’albergo il suo autentico splendore arricchito dal lusso e dai comfort contemporanei. Le 64 camere di differenti categorie sono state tutte rinnovate e finemente arredate con oggetti di pregio e gli ambienti ripensati ispirandosi alle atmosfere che hanno affascinato i viaggiatori all’epoca del Grand Tour. Anche il Winter Garden, coperto dal soffitto in vetro in stile Liberty novecentesco, è stato ridisegnato per accogliere quello che diventerà un indirizzo di riferimento per gli appassionati di fine dining in città. La location si affaccia sul Tinello, firmato da Riccardo Barthel che ospita il buffet delle colazioni, show cooking ed eventi. La prima parte della ristrutturazione coinvolge infine le facciate del palazzo, la lobby ed il bar, che verranno ultimate in giugno. I lavori nel corpo centrale stanno volgendo al termine, la conclusione dell'intero progetto è attesa per novembre 2019 quando l'annessione dell'edificio adiacente - che precedentemente ospitava il Banco di Roma - arricchirà l'hotel con 25 nuove camere e suite, una spa e spazi per eventi. [post_title] => L'Helvetia & Bristol Firenze torna ad accogliere i suoi ospiti dopo il rinnovo [post_date] => 2019-05-23T15:34:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558625667000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352657 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Heiva I Tahiti celebra la cultura polinesiana con una competizione di danza e canto tradizionale che si svolge ogni anno, per l’esattezza da 138 anni, e che per l’edizione 2019 animerà l’isola di Tahiti dal 4 al 20 lugliocoinvolgendo numerosi artisti e spettatori. Questo festival unico prevede sia avvincenti spettacoli serali performati da gruppi molto numerosi, sia, durante il giorno, esibizioni dedicate al mondo delle arti e delle attività tradizionali, tra cui la caratteristica corsa dei portatori di frutta, il sollevamento delle pietre, il lancio del giavellotto, regate e l’apertura della noce di cocco. La storia di Heiva è molto interessante, soprattutto se ricollocata nel contesto storico in cui, dopo la colonizzazione francese e la conversione al cristianesimo, le danze e molte delle forme di divertimento e aggregazione sociale del luogo furono proibite. Fu solo nel 1881 che le danze ripresero ad essere liberamente eseguite in occasione delle celebrazioni per il 14 luglio, dapprima in forma di parate militari e manifestazioni ufficiali e, a seguire, sempre più legate all’espressione delle origini. Per il programma completo e l’elenco dei gruppi partecipanti, visitare il sito internet www.heiva.org.fl [post_title] => Heiva I Tahiti: dal 4 al 20 luglio danza e canto protagonisti sull'isola [post_date] => 2019-05-21T11:45:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558439141000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352541 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair archivia in positivo l'anno fiscale chiuso lo scorso 31 marzo: i profitti netti raggiungono quota 1,02 miliardi di euro, ma in calo rispetto al risultato dello scorso anno (1.45 miliardi di euro). La forte crescita del traffico - +7% per un totale di 139 milioni di passeggeri - è stata infatti frenata dalla flessione delle tariffe del 6%; la significativa crescita dei ricavi ancillary (+19%), è stata invece penalizzata dall'elevato costo di carburante e personale. I risultati escludono una perdita di 139,5 milioni di euro relativa all'acquisizione di Laudamotion, completata lo scorso gennaio. Includendo quest'ultima operazione i profitti risultano infatti in diminuzione del 30% (948 milioni di euro). «Come anticipato - ha commentato il ceo della low cost Michael O'Leary - l'utile dopo le tasse si è attestato a 1,02 miliardi di euro. L'aumento di capacità sulle rotte di corto raggio e l'assenza delle festività pasquali nel quarto e conclusivo trimestre dell'anno ha portato a una flessione del 6% delle tariffe, che ha stimolato l'aumento del 7% del traffico. Buono l'andamento dei ricavi ancillary - +19% - che hanno raggiunto i 2,4 miliardi di euro e spinto al rialzo i ricavi totali che con un +6% sono saliti a 7,6 miliardi di euro». Le previsioni per l'anno fiscale 2020 rimangono caute sul pricing. Il traffico aumenterà dell'8% a 153 milioni. Supponendo una crescita dei ricavi per passeggero del 3%, stimiamo un andamento lineari dei profitti, che potrebbero essere compresi tra 750 milioni di euro e 950 milioni di euro. I costi aumenteranno mentre la nostra bolletta del carburante per l'intero anno salirà di altri 460 milioni di euro. I costi extra-fuel aumenteranno del 2%, principalmente a causa della sterlina più forte, l'assenza di confronti dei costi dell'anno precedente per Lauda e dei ritardi di consegna degli aerei B737 Max quest'anno». Si tratta di previsione che, precisa la nota Ryanair, dipendono in modo significativo dall'andamento delle tariffe durante il picco estivo, dall'assenza di eventi imprevisti e  da eventuali sviluppi negativi legati a Brexit». [post_title] => Utili in calo per l'esercizio 2018-19 di Ryanair: pesano il calo tariffe e Brexit [post_date] => 2019-05-20T12:40:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558356054000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351819 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Di certo l’apprezzamento per un segnale d’attenzione che da tempo aspettavamo, ma anche una punta di preoccupazione per i contenuti, limitati a pochi argomenti nonché la perplessità per i tempi, sicuramente non brevi, che si prefigurano per l’entrata in vigore». Così Bernabò Bocca, commenta la proposta di legge delega sul turismo, attualmente all'esame del Parlamento. Il presidente di Federalberghi è stato audito oggi dalla decima commissione della Camera sull'argomento. In tale occasione Bocca ha quindi espresso «apprezzamento per l’intendimento di semplificare il linguaggio normativo» e ha invitato il Parlamento ad arricchire la stessa delega, «introducendo semplificazioni sia sulla possibilità di sviluppare nuovi servizi, sia in relazione alla gestione dei rapporti di lavoro e, in particolare, ai voucher e ai contratti a termine». Per quanto riguarda la classificazione alberghiera, Bocca ha chiesto esplicitamente che «la legge delega consenta espressamente agli hotel italiani di utilizzare il sistema Hotelstars Union su base volontaria, in aggiunta al sistema pubblico». Il sistema Hsu è attualmente adottato in 17 paesi europei, tra cui la Germania, l’Austria e quasi tutto il Nord Europa, in cui abitano quasi 182 milioni di persone, che sono abituate a leggere il mercato turistico parlando il linguaggio della classificazione unica. E ogni anno negli alberghi italiani si registrano più di 60 milioni di presenze di turisti provenienti da questi paesi. «Star fuori dal sistema Hsu – ha detto Bocca - equivale a star fuori dall'euro o a reintrodurre il controllo passaporti alle frontiere interne all'Unione. Giorno dopo giorno, ci facciamo del male, erigendo una barriera che ostacola l’arrivo dei turisti stranieri». Il presidente degli albergatori è poi tornato sulla necessità di «istituire al più presto un codice identificativo nazionale obbligatorio per i cosiddetti affitti brevi. Chiediamo inoltre che venga istituito un registro pubblico, accessibile ai consumatori e agli organi di controllo, che consenta di identificare univocamente tanto l’ubicazione e le caratteristiche degli alloggi ai quali viene assegnato il codice, quanto le generalità del locatore». Secondo Bocca, «è necessario stabilire quando l’attività ricettiva può essere considerata occasionale. La scorsa settimana eravamo a Barcellona, per la seconda conferenza mondiale ReformBnb, ed è emerso un quadro che per noi italiani è a dir poco deprimente. Ad Amsterdam è stato fissato un limite di 30 giorni (come numero di notti massime totali che un host può affittare in un anno, ndr), a Valencia di 45, a Dublino e Ginevra di 60, ad Atene, Londra e Berlino di 90, a Parigi di 120. Tutti hanno preso coscienza del problema, ma solo in Italia regna l’anarchia, con pesanti ricadute che danneggiano tanto le imprese turistiche tradizionali quanto coloro che gestiscono in modo corretto le nuove forme di accoglienza. E’ bene chiarire che se si oltrepassano le soglie previste da ciascun paese non scatta alcun divieto di svolgere l'attività, ma unicamente l'obbligo di esercitarla nel rispetto delle regole previste per le imprese turistico ricettive». Bocca ha quindi concluso il proprio intervento esprimendo «perplessità in merito ai due anni di tempo che vengono previsti per l’adozione dei decreti delegati. Si tratta di tempi incompatibili con l’urgenza che caratterizza determinate esigenze. Senza dimenticare che pochi mesi fa era stata annunciata l’intenzione di arrivare all'approvazione del codice identificativo entro l’estate». Per assicurare una corsia preferenziale ai temi che stanno a cuore al settore, Bocca ha proposto di «anticipare per quanto possibile l’entrata in vigore di alcuni dei contenuti della delega, integrando i provvedimenti in corso di esame, a partire dal decreto crescita, che nei giorni scorsi ha iniziato il proprio iter alla Camera». [post_title] => Bocca: bene la legge delega sul turismo ma si può fare di più e più in fretta [post_date] => 2019-05-13T15:29:48+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => bernabo-bocca [1] => camera [2] => federalberghi [3] => in-evidenza [4] => legge-delega-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => bernabò bocca [1] => Camera [2] => Federalberghi [3] => In evidenza [4] => legge delega turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557761388000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Varadero, l’intramontabile. Nonostante il potenziamento, negli ultimi anni, di diverse destinazioni balneari come i cayos (Largo, Ensenachos, Santa Maria, Coco, Guillermo, Paredon…) e le coste, la penisola 140 km a est de La Habana resta un vero caposaldo del turismo de la Isla Gande. Considerato il più importante centro “sol y playa” del paese, Varadero è sorto sulla penisola di Hicacos, sulla costa nord della provincia di Matanzas, e offre mille 754 ettari di spiaggia, oltre 20 km arenile, che hanno una ampiezza (larghezza) media di 22 metri. TripAdvisor la classifica come seconda spiaggia più bella al mondo. L’avventura di Varadero iniziò con il suo vertiginoso sviluppo negli anni '90, anche se la sua fondazione ufficiale risale al 5 dicembre 1887. Le strutture alberghiere, implementate ultimamente per qualità e quantità, offrono 20 mila 600 camere e ospitano, da sole, il 20% circa del turismo isolano. Nei Traveler's Choice Playas awards 2019, che si basano sulla quantità e qualità dei servizi e della bellezza del luogo sono state esaminate complessivamente 352 spiagge per stilare l’elenco delle 25 migliori al mondo, oltre a classificazioni specifiche per continenti e paesi. Varadero vanta 15 siti archeologici, come le grotte e caverne, che servivano come rifugio, ai primi Tainos. Fra queste la grotta più visitata è quella di “Ambrosio”, nel sud della penisola. Dal 1587 e fino al 1961, quando fu chiusa, era la produzione di sale che dominava l’economia e nel 1976 Varadero ha acquisito lo status di municipalità. Sul comparto hoteliero va rimarcato che l'hotel Internacional de Varadero ha recentemente riaperto le porte, dopo i lavori che hanno incluso, oltre alla ristrutturazione, anche un piano per proteggere le dune e l'ambiente. Storicamente il primo albergo il “Varadero” con 10 stanze, costruito nel 1915 e nove anni più tardi convertito in Club Náutico de Varadero. E la storia continua… [post_title] => Varadero, l’intramontabile meta balneare cubana resiste e migliora [post_date] => 2019-05-13T09:00:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557738043000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349423 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel pieno della fase di rinnovo della sua intera offerta alberghiera internazionale, Riu ha voluto compiere un passo importante e, dopo aver demolito il vecchio Riu Playa Park, di sua proprietà dal 1982, ha costruito un nuovo hotel a 4 stelle con strutture e servizi moderni, che mostrano il meglio dell’esperienza maturata da Riu in questi ultimi anni. «Quando abbiamo affrontato la ristrutturazione del Riu Playa Park abbiamo deciso di investire di più e di costruire così un hotel nuovo, di categoria superiore, per attrarre una clientela dal profilo più familiare. Abbiamo investito oltre 35 milioni di euro e penso che il risultato sarà molto apprezzato dai nostri clienti - afferma Luis Riu, ceo di Riu Hotels -. Dopo questo progetto, il Riu Concordia sarà l’unico hotel di Maiorca a non essere ancora stato ristrutturato. I lavori inizieranno alla fine di quest’anno e prevediamo che termineranno durante la primavera del 2020». Il Riu Playa Park, a pochi metri dalla spiaggia, offre servizi all inclusive 24 ore e collegamento Wi-Fi gratuito in tutte le sue aree. Dispone di un totale di 475 camere dotate di tutto il necessario per assicurare il comfort dei suoi ospiti. Il loro nuovo stile unisce colori vivaci e linee semplici, creando così un ambiente fresco e rilassante, dal carattere profondamente mediterraneo. La grande novità introdotta da Riu in tutti i suoi hotel di Maiorca è la creazione di 17 nuove camere con piscina privata. Per proporre un’offerta gastronomica interessante e di qualità, al Riu Playa Park gli ospiti troveranno un ristorante principale, il Mallorca, e un ristorante a tema, lo Spices.   [post_title] => Riu Playa Park a Maiorca: restyling completo per la struttura [post_date] => 2019-04-24T09:56:13+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => luis-riu [1] => maiorca [2] => riu-playa-park ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Luis Riu [1] => maiorca [2] => Riu Playa Park ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556099773000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 345878 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aviapartner presenta la Mostra dei libri di Moleiro all'interno  della lounge Star Alliance all'aeroporto Leonardo Da Vinci di Fiumicino. Questa è la prima di una serie di mostre di capolavori che Aviapartner porterà all'interno delle VIP Lounge negli aeroporti italiani. In esposizione a Fiumicino le riproduzioni in facsimile dell'Atlante Vallardi (1547), della Bibbia moralizzata di Napoli (c. 1340-1350), de Il breviario d’Isabella (XV secolo), di Splendor Solis (1582), del Libro del Golf (c. 1530) e di The Book of Felicity (1582). «Questa partnership offrirà ai passeggeri VIP un'opportunità unica per ammirare le repliche esatte di questi tesori nascosti ospitati nelle migliori biblioteche del mondo, dove sono salvaguardati per preservarli per le generazioni future -  ha spiegato Manuel Moreiro, Direttore Generale di M.Moleiro - È un piacere per noi mostrare i nostri gioielli esclusivi ai passeggeri più esclusivi, in modo che possano trascorrere il tempo di attesa tra i voli, godendo di questi capolavori della cultura, realizzati solo per l'utilizzo privato di re, regine e imperatori». «Siamo orgogliosi di iniziare questa partnership con M. Moleiro, un leader di riferimento nel settore a livello globale. Riteniamo che questa nuova offerta culturale possa arricchire l'esperienza dei nostri clienti - ha aggiunto Italo Russo Silva, General Manager di Aviapartner Group Lounges and Premium Guest Services - Il nostro team marketing lavora ogni giorno per realizzare eventi simili, con l'obiettivo di andare oltre le aspettative dei nostri clienti e raggiungere i più alti livelli di soddisfazione».       [post_title] => Aviapartner, una mostra sui libri di Moleiro nella lounge Star Alliance a Fiumicino [post_date] => 2019-03-25T08:37:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1553503073000 ) ) )