15 September 2019

Vendesi agenzia di viaggio Iata – Milano centro

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono: 349 5062506
Email:
Provincia: • ,
Comune: • 

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Iata, Trenitalia, ottimo passaggio leisure.
Sulla piazza dal 1998 ideale per 2 persone .
Cedesi causa trasferimento altra regione. Licenza a+ b
CONTATTARE 349 5062506.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la ricaduta del turismo via mare sui territori toccati dalle navi, ma soprattutto aumenta il traffico complessivo della crocieristica, così come dei traghetti, degli aliscafi e dei catamarani. Più articolato, invece, il giudizio sulla nautica, mentre anche il comparto dei traghetti soffre ancora di un certo ritardo in tema di standard dell'offerta. Sono i risultati principali dell'ultima edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report, presentato ad Ancona da Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo, in apertura della quarta edizione dell'Adriatic Sea Forum - cruise, ferry, sail & yacht. Nel 2018 sono ammontate in particolare a 420 milioni di euro le spese turistiche a terra sostenute dai crocieristi e da chi sceglie di muoversi in traghetto, in aliscafo o in catamarano per le proprie vacanze in Adriatico (escursioni e visite, pernottamenti, pre-post viaggio, shopping e ristorazione...). In termini di traffico complessivo, le previsioni di Risposte Turismo per il 2019 parlano quindi di 5,52 milioni passeggeri movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 7,3% rispetto al 2018. In aumento pure le toccate nave (+7,2%), per un totale di 3.307 approdi. L’anno in corso dovrebbe invece chiudersi con Venezia saldamente al primo posto con 1,56 milioni di crocieristi movimentati (stabile rispetto al 2018) e 502 toccate nave (stabile), seguita da Corfù con 787 mila crocieristi (+7%) e 416 toccate nave (+0,7%), nonché Dubrovnik, con 745 mila crocieristi (+1,8%) e 475 toccate nave (+8,4%). Ma l'Adriatic Sea Tourism Report contiene anche un focus dedicato alla movimentazione passeggeri su traghetti, aliscafi e catamarani. L’anno in corso dovrebbe in particolare chiudersi con una leggero aumento ulteriore rispetto ai già positivi risultati registrati nel 2018 (19,74 milioni di passeggeri movimentati, +2,4% sul 2017): il migliore degli ultimi dieci anni. Tra i porti esaminati, le previsioni 2019 sono positive per Zara (2,43 milioni di passeggeri movimentati, + 1-2%), Durres (875mila, +2,6%), Dubrovnik (575mila, +3%), Sibenik (300mila, +3%), Rijeka (150mila, 16%) e Pola (12mila, +2,2% su rotte costiere e stabile sulle rotte internazionali). Stabile, al contrario, la movimentazione passeggeri prevista a fine anno nei porti di Ancona, Saranda, Porec, Trieste, Rovigno, Pesaro e Umago/Novigrad. Il rapporto, infine, prova a gettare uno sguardo anche sul comparto nautico dei sette Paesi che si affacciano sull'Adriatico. Tra questi, l’Italia conferma la propria leadership nell’area con 186 marine (56% del totale) e oltre 49 mila posti barca (il 65,6% del totale). A seguire Croazia (125 marine e oltre 17.400 posti barca) e la coppia Slovenia – Montenegro, con 8 marine e, rispettivamente, poco più di 3.100 e 2.800 posti barca. L’analisi del versante italiano dell’Adriatico fa tuttavia emergere uno scenario in chiaro scuro: se da un lato infatti alcune strutture stanno riscontrando un periodo di difficoltà, continuando tuttavia a operare in attesa di nuovi investitori e della ripresa del mercato, dall’altro sono in programma nel prossimo biennio importanti ampliamenti, per complessivi ulteriori 2.570 posti barca. «Nonostante i nodi da sciogliere su Venezia, il traffico crocieristico quest’anno crescerà significativamente in Adriatico grazie al lavoro compiuto da tutti gli operatori attivi nell’area – è il commento di di Cesare -. Viceversa, il comparto dei traghetti continua a prestarsi a una doppia lettura. Da un lato, infatti, si evidenzia la sua rilevanza nelle direttrici di spostamento dei turisti in Adriatico e le ampie potenzialità di crescita, dall’altro si registra ancora un ritardo rispetto agli standard, per esempio di offerta e di promozione, che altre soluzioni di trasporto hanno adottato da tempo. Per la nautica, infine, le indicazioni che abbiamo raccolto attraverso la nostra indagine fanno intravedere uno 2019 positivo. Ciò potrebbe tradursi in un maggior tasso di occupazione delle marine che oggi, per dimensioni e standard, sono già pronte ad accogliere livelli più elevati di traffico». [post_title] => Bene il turismo via mare in Adriatico ma i traghetti possono fare di meglio [post_date] => 2019-05-31T09:15:44+00:00 [category] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => adriatico [1] => francesco-di-cesare [2] => in-evidenza [3] => risposte-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Adriatico [1] => Francesco di Cesare [2] => In evidenza [3] => Risposte turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559294144000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352961 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_352962" align="alignleft" width="300"] L'Iberostar Grand Packard a La Habana[/caption] Molti degli hotel gestiti da Iberostar hotels & resorts Cuba sono in grado di ospitare riunioni di lavoro, conferenze, eventi aziendali ed eventi sociali di vario genere, in quanto dispongono di camere completamente attrezzate e offrono una vasta gamma di servizi che questo segmento richiede. Sarà la prossima “fermata” per il turismo cubano, il segmento mice, per cui si stanno attrezzando per attingere passeggeri proprio in quest’area, come dichiarato dal ministro del turismo Manuel Marrero Cruz alla recente FitCuba. Dal catalogo Iberostar Cuba fra i prodotti dedicati al mice, spicca l'Iberostar Grand Packard, inaugurato di recente a La Habana, un hotel di lusso che offre sette moderne sale riunioni con tecnologia all'avanguardia, le cui dimensioni variano tra 62 m2 e 228 m2; Grazie alla sua costruzione moderna, è possibile unirli e trasformarli in spaziosi teatri. [caption id="attachment_352963" align="alignright" width="300"] l'Iberostar Parque Central[/caption] In generale, possono essere adattati a formati di teatro, di aula scolastica, banchetti, cocktail o riunioni, il che si traduce nell'offerta di capienza da 20 a 230 persone. Nonostante sia una recente apertura, è già un riferimento per le lussuose cene di gala, gli eccellenti banchetti, i cocktail, gli incontri di lavoro e le fese di vario genere che lo hanno eletto a teatro del loro svolgimento. Un altro hotel che si distingue per il turismo congressuale è l'Iberostar Parque Central, che offre per la bisogna: 11 sale riunioni, completamente attrezzate, da 36 m2 a 187 m2, adattabili a teatro, aula, banchetti, cocktail e formato per riunioni, con capienza da 14 a 450 ospiti. [post_title] => Iberostar hotel & resorts Cuba: Grand Pakard e Parque Central rotta sul mice [post_date] => 2019-05-23T10:41:41+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558608101000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352310 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Quinto appuntamento della rassegna “Incontri in Blu. Uomini, donne e storie di mare”al Galata Museo del Mare. Il 30 maggio alle 18 gli Incontri in Blu del Galata Museo del Mare si tingono di rosa con Cecilia Eckelmann Battistello, la donna che proprio di rosa ha colorato le sue navi prima ed i suoi treni e camion dopo, imponendosi nel mondo tradizionalmente maschile dello shipping. Battistello è oggi presidente del Gruppo Contship Italia, uno dei principali attori del settore dei terminal container marittimi e nel trasporto intermodale, presente in Italia negli scali di La Spezia, Ravenna, Cagliari, Salerno e nel centro intermodale di Milano-Melzo ed in Marocco nel porto di Tangeri. L’incontro di giovedì 30 maggio alle 18 – ingresso libero -  è il 5° di un ciclo di 7 appuntamenti che ha visto salire sul palco del Galata l’apneista mondiale Alessia Zecchini, lo skipper di Luna Rossa Max Sirena, il surfista spagnoli Hugo Vau, il velista oro a Rio 2016 Santiago Lange. Prossimi appuntamenti sono il 20 giugno con Michael Bates, meglio conosciuto come Michael di Sealand, l'imprenditore che rivendica il titolo di principe di Sealand, la micronazione fondata dal padre Paddy Roy nel 1967, il quale racconterà l'incredibile storia di questa piattaforma artificiale creata al largo delle coste inglesi per motivi di difesa dal governo britannico sulla quale è stato proclamato un "Principato con sovranità indipendente" che ha battuto moneta e rilasciato passaporti.         [post_title] => Galata Museo del Mare, i grandi personaggi a Genova a "Incontri in Blu" [post_date] => 2019-05-17T10:11:24+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558087884000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Varadero, l’intramontabile. Nonostante il potenziamento, negli ultimi anni, di diverse destinazioni balneari come i cayos (Largo, Ensenachos, Santa Maria, Coco, Guillermo, Paredon…) e le coste, la penisola 140 km a est de La Habana resta un vero caposaldo del turismo de la Isla Gande. Considerato il più importante centro “sol y playa” del paese, Varadero è sorto sulla penisola di Hicacos, sulla costa nord della provincia di Matanzas, e offre mille 754 ettari di spiaggia, oltre 20 km arenile, che hanno una ampiezza (larghezza) media di 22 metri. TripAdvisor la classifica come seconda spiaggia più bella al mondo. L’avventura di Varadero iniziò con il suo vertiginoso sviluppo negli anni '90, anche se la sua fondazione ufficiale risale al 5 dicembre 1887. Le strutture alberghiere, implementate ultimamente per qualità e quantità, offrono 20 mila 600 camere e ospitano, da sole, il 20% circa del turismo isolano. Nei Traveler's Choice Playas awards 2019, che si basano sulla quantità e qualità dei servizi e della bellezza del luogo sono state esaminate complessivamente 352 spiagge per stilare l’elenco delle 25 migliori al mondo, oltre a classificazioni specifiche per continenti e paesi. Varadero vanta 15 siti archeologici, come le grotte e caverne, che servivano come rifugio, ai primi Tainos. Fra queste la grotta più visitata è quella di “Ambrosio”, nel sud della penisola. Dal 1587 e fino al 1961, quando fu chiusa, era la produzione di sale che dominava l’economia e nel 1976 Varadero ha acquisito lo status di municipalità. Sul comparto hoteliero va rimarcato che l'hotel Internacional de Varadero ha recentemente riaperto le porte, dopo i lavori che hanno incluso, oltre alla ristrutturazione, anche un piano per proteggere le dune e l'ambiente. Storicamente il primo albergo il “Varadero” con 10 stanze, costruito nel 1915 e nove anni più tardi convertito in Club Náutico de Varadero. E la storia continua… [post_title] => Varadero, l’intramontabile meta balneare cubana resiste e migliora [post_date] => 2019-05-13T09:00:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557738043000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348952 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce del 14,7% il numero degli italiani in movimento per il ponte del 25 aprile, per un totale di 9,1 milioni di viaggiatori. Per 3,4 milioni (37,4%) la vacanza comprenderà solo questo ponte, mentre 3,6 milioni (39,6%) hanno accoppiato Pasqua e festa della Liberazione, 500 mila saranno in vacanza dal 25 aprile al 1° maggio (5,5%) e un milione e seicentomila da Pasqua al 1° maggio (17,6%). Lo rivela l'indagine congiunturale Federalberghi - Acs Marketing Solutions, che sottolinea anche come l’83% dei vacanzieri sceglierà l’Italia (vs il 87,3% del 2018), mentre il 16,9% preferirà una località estera (contro il 12,5% dello scorso anno). Le mete preferite, per i viaggiatori che resteranno entro i confini tricolori, saranno le località di mare (34,2%), le città d’arte (26,5%), la montagna (12,8%) e, a seguire, i laghi, le località termali e le crociere. Tra coloro che invece si recheranno all’estero, le grandi capitali europee guidano il ranking delle preferenze (63,8%), seguite dalle località marine in generale (13,3%), dalle grandi capitali extraeuropee (12,6%) e dalla montagna (3,8%). La spesa media pro capite sostenuta per la vacanza (comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti), sarà pari a 425 euro (346 euro per le vacanze in Italia e 738 euro per i viaggi all’estero), contro i 358 euro del 2018, con una crescita del +18,7%. La struttura ricettiva preferita sarà infine la casa di parenti e amici (29,5% vs il 30% del 2018); segue da presso l’albergo con un 23,3%, le case di proprietà (15,5%) e i bed & breakfast (13,6%). In crescita la durata media della vacanza: 4,7 notti fuori casa vs le 3,7 del 2018. [post_title] => Federalberghi: 9,1 milioni gli italiani in vacanza per il ponte del 25 aprile [post_date] => 2019-04-23T09:15:31+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => 25-aprile [1] => federalberghi [2] => ponte ) [post_tag_name] => Array ( [0] => 25 aprile [1] => Federalberghi [2] => ponte ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556010931000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348988 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’isola di Tahiti racconta una ricca storia legata alle origini della sua popolazione, della quale sono parte integrante anche le diverse spedizioni europee che si sono susseguite dal 1700 in avanti, che ne hanno fortemente influenzato la storia. James Cook fu uno dei primi navigatori europei ad approdare sull’isola di Tahiti, nel 1769, sulla leggendaria HMS Endeavour. La spedizione aveva uno scopo scientifico: osservare il transito di Venere davanti al Sole, particolarmente visibile da Tahiti, cosa che avrebbe permesso di calcolare la distanza tra la terra ed il sole oltre che approfondire la conoscenza di questi territori lontani. L’equipaggio della Endeavour, al comando del capitano Cook si fermò sull’isola per alcuni mesi, accompagnato anche dal navigatore nativo Tupaia, il che rappresentò un grande aiuto per la spedizione per le conoscenze geografiche e linguistiche delle isole del Pacifico del marinaio tahitiano. Point Venus, sulla costa nord di Tahiti, fu il luogo scelto da Cook per l’osservazione degli astri, una baia costituita da una suggestiva spiaggia di sabbia nera, dove oggi si trova il Pearl Beach Resort, dove oggi è ancora possibile vedere il faro costruito quasi un secolo dopo l’evento, nel 1867, che rappresenta un’importante testimonianza dell’incontro tra le due popolazioni: europea e polinesiana, oltre al fatto che è l’unico faro presente sull’isola. Grande orgoglio da parte dei nativi per il ruolo fondamentale rivestito da Tupaia nelle scoperte europee, nonostante ad oggi, all’interno dei libri di storia egli abbia un ruolo del tutto marginale. [post_title] => Tahiti celebra i 250 anni dallo sbarco del capitano Cook [post_date] => 2019-04-17T14:51:58+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555512718000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348286 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 51% degli italiani andrà in vacanza per Pasqua (21%) e negli altri ponti (30%), mentre nell’estate 2019, si arriverà fino ad un 89%, secondo le previsioni, un milione e mezzo di viaggiatori in più rispetto all’anno scorso. Il 21% ha già prenotato e chi ha deciso  di non muoversi è a causa delle difficoltà economiche. Crescono i repeaters , ma otto italiani su dieci preferiscono cambiare destinazione, scegliendo principalmente il mare o la montagna . Le favorite restano le vacanze comode, ma la nuova tendenza è il soggiorno smart, con soluzioni “in comune” e soluzioni “a risparmio”. L’11% possiede e utilizza la seconda casa, ma l’8% vorrebbe venderla. Il 73% sceglie e organizza una vacanza online, ma in agenzia vincono le proposte di viaggio originali e la fiducia. Sono questi i principali risultati della ricerca Coop-Robintur, “Le vacanze degli italiani nel 2019”, presentata questa mattina a Milano, a cura di italiani.coop, il portale di ricerca e analisi di Coop, per Robintur Travel Group. Anche nelle 300 agenzie del gruppo targate Robintur e Viaggi Coop si conferma un andamento positivo delle prenotazioni estive. «La previsione sul 2019 resta positiva, il trend del turismo, un settore in cerca di stabilità e solidità, non viene segnato dai dati dell’economia in rallentamento», afferma Stefano Dall'Ara, presidente Robintur Travel Group. L’Italia domina con il suo mare ed in particolare la Basilicata, la destinazione che segna la crescita maggiore (+167%). Robintur chiude il 2018 con un fatturato pari a 265 milioni di euro nei segmenti leisure , turismo organizzato e business travel (15 milioni in più rispetto al 2017) e con oltre un milione di utile. Supera i 500 milioni di volume d’affari indiretto e i 6 milioni di clienti. [post_title] => Ricerca Coop-Robintur: gli italiani viaggiano in massa. Nonostante la crisi [post_date] => 2019-04-11T16:14:38+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554999278000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 347972 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «In Italia le crociere sono nuovamente in forte crescita. Lo indicano le previsioni del 2019, con un +7,13% in termini di passeggeri movimentati. Ma lo indicano, anche e soprattutto, le previsioni 2020, con un ulteriore +7,88%. Ritengo che un risultato così positivo vada ricondotto principalmente alle nuove unità che stanno entrando a far parte di tutte le più importanti flotte da crociera». E' il commento del presidente di Cemar Agency Network di Genova, Sergio Senesi, ai dati presentati in occasione del Seatrade Cruise Global in corso a Miami. Il network ligure prevede che, al termine del 2019, saranno ben 11 milioni 911 mila i passeggeri movimentati nei porti italiani (+7,13% rispetto al 2018). Le toccate saliranno invece a 4.860 unità, mentre saranno 149 le navi in transito nelle acque tricolori in rappresentanza di 46 compagnie di navigazione. Fortemente positive sono anche le primissime valutazioni per il 2020. Le proiezioni indicano infatti un’ulteriore importante crescita del settore, che consentirà di sfiorare i 13 milioni di passeggeri movimentati (+7,88% rispetto al 2019). Nel 2019 saranno in particolare 70 i porti italiani coinvolti nel traffico crocieristico. Proseguirà il primato di Civitavecchia, con 2 milioni 567 mila passeggeri movimentati (+5,13% rispetto al 2018). Seguiranno Venezia con 1 milione 544 mila (-1,06%) e al terzo posto Genova con 1 milione 343 mila (+32,79%). Sarà quindi la volta di Napoli con 1 milione 187 mila (+20,35%) e Livorno con 812 mila (+3,29%). La classifica dei primi dieci porti italiani si chiuderà quindi con Savona, Bari, La Spezia, Palermo e Messina. Tra le compagnie che nel 2019 movimenteranno il maggior numero di passeggeri nei porti italiani, il podio è quindi occupato da Msc Crociere (3 milioni 622 mila pax), Costa Crociere (2 milioni 725 mila pax) e Norwegian Cruise Line (863 mila pax). «Le previsioni positive per il biennio 2019-2020 - ha concluso Senesi - non ci devono indurre ad abbassare la guardia. L’Italia è infatti la prima destinazione crocieristica del Mediterraneo e, grazie alle prossime navi in consegna durante questo biennio, unità sempre più green, ci sarà ulteriore spazio di crescita. Resta però sempre l’incognita Venezia, che a oggi non è stata risolta e che crea forti dubbi sulle future programmazioni per l’intero Mar Adriatico». [post_title] => Cemar: la crocieristica italiana è in salute ma pesa l'incognita Venezia [post_date] => 2019-04-10T10:09:05+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => cemar-agency-network [1] => civitavecchia [2] => crociere [3] => genova [4] => in-evidenza [5] => seatrade-cruise-global [6] => sergio-senesi [7] => venezia ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Cemar Agency Network [1] => Civitavecchia [2] => crociere [3] => Genova [4] => In evidenza [5] => Seatrade Cruise Global [6] => Sergio Senesi [7] => venezia ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554890945000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 347277 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il gruppo Air France-Klm rafforza le rotte nord atlantiche e inaugura due nuovi collegamenti per Boston e Dallas. Per Klm al via il primo volo diretto verso la città di Boston su cui opererà con tre voli settimanali con gli Airbus A330-300, recentemente rinnovati, per una capienza di 292 passeggeri totali. «Con l’inserimento del volo diretto su Boston, ora offriamo ai nostri clienti molte più opzioni per i viaggi verso gli Stati Uniti. Boston è la 17ma destinazione nord-atlantica servita direttamente dalla compagnia» afferma il presidente e ceo di Klm, Pieter Elbers. Il nuovo servizio si aggiunge ai due voli giornalieri già operati tra l'aeroporto di Amsterdam Schiphol e Boston gestiti da Delta Air Lines, partner in joint venture di Air France-Klm sulle rotte transatlantiche. I voli per Boston operano il mercoledì, il venerdì e la domenica. Gli Airbus A330-300 offrono 30 posti in World Business Class, 40 posti in Economy Comfort Class e 222 posti in Economy Class. Per Air France al via la nuova rotta Parigi Charles de Gaulle – Dallas Fort Worth, la 13a destinazione nord-atlantica della compagnia. Per tutta la stagione estiva, fino a 5 voli settimanali collegheranno le due città, operati con i rinnovati Airbus A330 che offrono 36 posti in classe Business, 21 posti in Premium Economy ed 167 posti in Economy. Anne Rigail, ceo di Air France, ha dichiarato: «Il mercato americano è di primaria importanza per il gruppo Air France-KLM: insieme ai suoi partner, gestiamo più di 270 voli giornalieri tra l'Europa e il Nord America. Sui voli per Dallas, per tutta la stagione estiva offriremo ai nostri clienti una nuova esperienza di viaggio a bordo dei nostri Airbus A330 completamente rinnovati e dotati di wi-fi». [post_title] => Air France e Klm aprono due nuove rotte verso gli Usa: Boston e Dallas [post_date] => 2019-04-04T10:15:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554372958000 ) ) )