16 September 2019

1817

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Siramani t.o. ricerca figura commerciale inquadramento Enasarco per le seguenti regioni: Lombardia, Lazio, Piemonte.
E’ richiesta esperienza.
Riferimento e mail: commerciale@siramani.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352961 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_352962" align="alignleft" width="300"] L'Iberostar Grand Packard a La Habana[/caption] Molti degli hotel gestiti da Iberostar hotels & resorts Cuba sono in grado di ospitare riunioni di lavoro, conferenze, eventi aziendali ed eventi sociali di vario genere, in quanto dispongono di camere completamente attrezzate e offrono una vasta gamma di servizi che questo segmento richiede. Sarà la prossima “fermata” per il turismo cubano, il segmento mice, per cui si stanno attrezzando per attingere passeggeri proprio in quest’area, come dichiarato dal ministro del turismo Manuel Marrero Cruz alla recente FitCuba. Dal catalogo Iberostar Cuba fra i prodotti dedicati al mice, spicca l'Iberostar Grand Packard, inaugurato di recente a La Habana, un hotel di lusso che offre sette moderne sale riunioni con tecnologia all'avanguardia, le cui dimensioni variano tra 62 m2 e 228 m2; Grazie alla sua costruzione moderna, è possibile unirli e trasformarli in spaziosi teatri. [caption id="attachment_352963" align="alignright" width="300"] l'Iberostar Parque Central[/caption] In generale, possono essere adattati a formati di teatro, di aula scolastica, banchetti, cocktail o riunioni, il che si traduce nell'offerta di capienza da 20 a 230 persone. Nonostante sia una recente apertura, è già un riferimento per le lussuose cene di gala, gli eccellenti banchetti, i cocktail, gli incontri di lavoro e le fese di vario genere che lo hanno eletto a teatro del loro svolgimento. Un altro hotel che si distingue per il turismo congressuale è l'Iberostar Parque Central, che offre per la bisogna: 11 sale riunioni, completamente attrezzate, da 36 m2 a 187 m2, adattabili a teatro, aula, banchetti, cocktail e formato per riunioni, con capienza da 14 a 450 ospiti. [post_title] => Iberostar hotel & resorts Cuba: Grand Pakard e Parque Central rotta sul mice [post_date] => 2019-05-23T10:41:41+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558608101000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Varadero, l’intramontabile. Nonostante il potenziamento, negli ultimi anni, di diverse destinazioni balneari come i cayos (Largo, Ensenachos, Santa Maria, Coco, Guillermo, Paredon…) e le coste, la penisola 140 km a est de La Habana resta un vero caposaldo del turismo de la Isla Gande. Considerato il più importante centro “sol y playa” del paese, Varadero è sorto sulla penisola di Hicacos, sulla costa nord della provincia di Matanzas, e offre mille 754 ettari di spiaggia, oltre 20 km arenile, che hanno una ampiezza (larghezza) media di 22 metri. TripAdvisor la classifica come seconda spiaggia più bella al mondo. L’avventura di Varadero iniziò con il suo vertiginoso sviluppo negli anni '90, anche se la sua fondazione ufficiale risale al 5 dicembre 1887. Le strutture alberghiere, implementate ultimamente per qualità e quantità, offrono 20 mila 600 camere e ospitano, da sole, il 20% circa del turismo isolano. Nei Traveler's Choice Playas awards 2019, che si basano sulla quantità e qualità dei servizi e della bellezza del luogo sono state esaminate complessivamente 352 spiagge per stilare l’elenco delle 25 migliori al mondo, oltre a classificazioni specifiche per continenti e paesi. Varadero vanta 15 siti archeologici, come le grotte e caverne, che servivano come rifugio, ai primi Tainos. Fra queste la grotta più visitata è quella di “Ambrosio”, nel sud della penisola. Dal 1587 e fino al 1961, quando fu chiusa, era la produzione di sale che dominava l’economia e nel 1976 Varadero ha acquisito lo status di municipalità. Sul comparto hoteliero va rimarcato che l'hotel Internacional de Varadero ha recentemente riaperto le porte, dopo i lavori che hanno incluso, oltre alla ristrutturazione, anche un piano per proteggere le dune e l'ambiente. Storicamente il primo albergo il “Varadero” con 10 stanze, costruito nel 1915 e nove anni più tardi convertito in Club Náutico de Varadero. E la storia continua… [post_title] => Varadero, l’intramontabile meta balneare cubana resiste e migliora [post_date] => 2019-05-13T09:00:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557738043000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348952 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce del 14,7% il numero degli italiani in movimento per il ponte del 25 aprile, per un totale di 9,1 milioni di viaggiatori. Per 3,4 milioni (37,4%) la vacanza comprenderà solo questo ponte, mentre 3,6 milioni (39,6%) hanno accoppiato Pasqua e festa della Liberazione, 500 mila saranno in vacanza dal 25 aprile al 1° maggio (5,5%) e un milione e seicentomila da Pasqua al 1° maggio (17,6%). Lo rivela l'indagine congiunturale Federalberghi - Acs Marketing Solutions, che sottolinea anche come l’83% dei vacanzieri sceglierà l’Italia (vs il 87,3% del 2018), mentre il 16,9% preferirà una località estera (contro il 12,5% dello scorso anno). Le mete preferite, per i viaggiatori che resteranno entro i confini tricolori, saranno le località di mare (34,2%), le città d’arte (26,5%), la montagna (12,8%) e, a seguire, i laghi, le località termali e le crociere. Tra coloro che invece si recheranno all’estero, le grandi capitali europee guidano il ranking delle preferenze (63,8%), seguite dalle località marine in generale (13,3%), dalle grandi capitali extraeuropee (12,6%) e dalla montagna (3,8%). La spesa media pro capite sostenuta per la vacanza (comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti), sarà pari a 425 euro (346 euro per le vacanze in Italia e 738 euro per i viaggi all’estero), contro i 358 euro del 2018, con una crescita del +18,7%. La struttura ricettiva preferita sarà infine la casa di parenti e amici (29,5% vs il 30% del 2018); segue da presso l’albergo con un 23,3%, le case di proprietà (15,5%) e i bed & breakfast (13,6%). In crescita la durata media della vacanza: 4,7 notti fuori casa vs le 3,7 del 2018. [post_title] => Federalberghi: 9,1 milioni gli italiani in vacanza per il ponte del 25 aprile [post_date] => 2019-04-23T09:15:31+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => 25-aprile [1] => federalberghi [2] => ponte ) [post_tag_name] => Array ( [0] => 25 aprile [1] => Federalberghi [2] => ponte ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556010931000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348988 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’isola di Tahiti racconta una ricca storia legata alle origini della sua popolazione, della quale sono parte integrante anche le diverse spedizioni europee che si sono susseguite dal 1700 in avanti, che ne hanno fortemente influenzato la storia. James Cook fu uno dei primi navigatori europei ad approdare sull’isola di Tahiti, nel 1769, sulla leggendaria HMS Endeavour. La spedizione aveva uno scopo scientifico: osservare il transito di Venere davanti al Sole, particolarmente visibile da Tahiti, cosa che avrebbe permesso di calcolare la distanza tra la terra ed il sole oltre che approfondire la conoscenza di questi territori lontani. L’equipaggio della Endeavour, al comando del capitano Cook si fermò sull’isola per alcuni mesi, accompagnato anche dal navigatore nativo Tupaia, il che rappresentò un grande aiuto per la spedizione per le conoscenze geografiche e linguistiche delle isole del Pacifico del marinaio tahitiano. Point Venus, sulla costa nord di Tahiti, fu il luogo scelto da Cook per l’osservazione degli astri, una baia costituita da una suggestiva spiaggia di sabbia nera, dove oggi si trova il Pearl Beach Resort, dove oggi è ancora possibile vedere il faro costruito quasi un secolo dopo l’evento, nel 1867, che rappresenta un’importante testimonianza dell’incontro tra le due popolazioni: europea e polinesiana, oltre al fatto che è l’unico faro presente sull’isola. Grande orgoglio da parte dei nativi per il ruolo fondamentale rivestito da Tupaia nelle scoperte europee, nonostante ad oggi, all’interno dei libri di storia egli abbia un ruolo del tutto marginale. [post_title] => Tahiti celebra i 250 anni dallo sbarco del capitano Cook [post_date] => 2019-04-17T14:51:58+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555512718000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348788 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Questa mattina, presso Casa Milan, luogo simbolico che suggella la recente partnership tra la società calcistica e Avis Budget Group Italia, l'azienda ha presentato in anteprima Avis App e diverse soluzioni innovative per il rent a car ed il futuro già presente della mobilità italiana. L’innovazione è al centro della mission di Avis. «Vogliamo diventare i provider numero uno di sistemi di mobilità sostenibile, connessa, integrata e on demand, per consumatori, aziende e città », afferma Gianluca Testa, managing director Italia southern region. Tre le linee strategiche del gruppo. In primis reinventare l’esperienza di noleggio, che si traduce nella volontà di ripensare l’offerta del servizio e fornire al cliente il controllo totale dell’esperienza; anche tramite la nuova App, che permette di scegliere e rintracciare la vettura, confermare e siglare il contratto interamente tramite smartphone. «Inoltre, puntiamo a digitalizzare il business, entro il 2020 avremo una flotta completamente “connessa”. Stiamo anche integrando la nostra piattaforma tecnologica con quella di aziende partner di livello, come Uber, Lift, Brightline, e saremo in grado di offrire un completo fleet management su scala globale. Infine, proponiamo soluzioni per migliorare l’“intermobilità” a minor impatto ambientale che consentono alle amministrazioni comunali delle più grandi città italiane di elaborare un modello di smart mobility di riferimento europeo», conclude Testa. L’azienda è presente nel mondo in 181 paesi e conta 11 mila agenzie di noleggio e 650 mila veicoli, per un totale di 9,1 miliardi di fatturato annuo. In Italia vanta una flotta euro 6, con oltre mille auto ibride e 30 auto elettriche. [post_title] => Avis Budget Group Italia lancia l'era dell'intermobilità digitale e personalizzata [post_date] => 2019-04-16T16:18:13+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555431493000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348428 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mandarin Oriental Hyde Park, London riaprirà completamente lunedì 15 aprile e celebra l'illustre storia di 117 anni dell'hotel con una serie di pacchetti speciali e promozioni, tra cui Stay Like Sir Winston Churchill, una mostra storica, alcuni cocktail celebrativi e il tè pomeridiano. Dopo aver inaugurato nel 1899 con un esclusivo blocco di appartamenti per uomini facoltosi, fu solo nel 1902 che l'edificio, che ora ospita il Mandarin Oriental Hyde Park, London, aprì come hotel con una Royal Entrance privata. Winston Churchill è stato un ospite frequente e vi sono interessanti storie riguardanti il tempo trascorso nell’hotel che gli ospiti possono scoprire grazie ad una visita alla storica esibizione  If Walls Could Talk. Il pacchetto Stay like Sir Winston Churchill è un tributo a questo personaggio leggendario e bon viveur e comprende diverse di queste intriganti storie.  Il pacchetto Stay like Sir Winston Churchill è disponibile a partire da 690 sterline iva inclusa e comprende: • English Breakfast completo per due persone • Una bottiglia di champagne Pol Roger, il preferito di Churchill, servito in camera • Due sigari di cioccolato (Churchill aveva l’abitudine di offrire due sigari ai camerieri del servizio in camera in cambio della consegna della colazione anticipata) • Due cocktail Vices & Virtues al Mandarin Bar, con la possibilità di acquistare veri sigari di David Linley • Una fotografia regalo incorniciata di Churchill che arriva all'hotel [post_title] => Mandarin Oriental Hyde Park, una riapertura all'insegna di Winston Churchill [post_date] => 2019-04-12T12:10:23+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555071023000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 347972 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «In Italia le crociere sono nuovamente in forte crescita. Lo indicano le previsioni del 2019, con un +7,13% in termini di passeggeri movimentati. Ma lo indicano, anche e soprattutto, le previsioni 2020, con un ulteriore +7,88%. Ritengo che un risultato così positivo vada ricondotto principalmente alle nuove unità che stanno entrando a far parte di tutte le più importanti flotte da crociera». E' il commento del presidente di Cemar Agency Network di Genova, Sergio Senesi, ai dati presentati in occasione del Seatrade Cruise Global in corso a Miami. Il network ligure prevede che, al termine del 2019, saranno ben 11 milioni 911 mila i passeggeri movimentati nei porti italiani (+7,13% rispetto al 2018). Le toccate saliranno invece a 4.860 unità, mentre saranno 149 le navi in transito nelle acque tricolori in rappresentanza di 46 compagnie di navigazione. Fortemente positive sono anche le primissime valutazioni per il 2020. Le proiezioni indicano infatti un’ulteriore importante crescita del settore, che consentirà di sfiorare i 13 milioni di passeggeri movimentati (+7,88% rispetto al 2019). Nel 2019 saranno in particolare 70 i porti italiani coinvolti nel traffico crocieristico. Proseguirà il primato di Civitavecchia, con 2 milioni 567 mila passeggeri movimentati (+5,13% rispetto al 2018). Seguiranno Venezia con 1 milione 544 mila (-1,06%) e al terzo posto Genova con 1 milione 343 mila (+32,79%). Sarà quindi la volta di Napoli con 1 milione 187 mila (+20,35%) e Livorno con 812 mila (+3,29%). La classifica dei primi dieci porti italiani si chiuderà quindi con Savona, Bari, La Spezia, Palermo e Messina. Tra le compagnie che nel 2019 movimenteranno il maggior numero di passeggeri nei porti italiani, il podio è quindi occupato da Msc Crociere (3 milioni 622 mila pax), Costa Crociere (2 milioni 725 mila pax) e Norwegian Cruise Line (863 mila pax). «Le previsioni positive per il biennio 2019-2020 - ha concluso Senesi - non ci devono indurre ad abbassare la guardia. L’Italia è infatti la prima destinazione crocieristica del Mediterraneo e, grazie alle prossime navi in consegna durante questo biennio, unità sempre più green, ci sarà ulteriore spazio di crescita. Resta però sempre l’incognita Venezia, che a oggi non è stata risolta e che crea forti dubbi sulle future programmazioni per l’intero Mar Adriatico». [post_title] => Cemar: la crocieristica italiana è in salute ma pesa l'incognita Venezia [post_date] => 2019-04-10T10:09:05+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => cemar-agency-network [1] => civitavecchia [2] => crociere [3] => genova [4] => in-evidenza [5] => seatrade-cruise-global [6] => sergio-senesi [7] => venezia ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Cemar Agency Network [1] => Civitavecchia [2] => crociere [3] => Genova [4] => In evidenza [5] => Seatrade Cruise Global [6] => Sergio Senesi [7] => venezia ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554890945000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 347634 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con l’obiettivo di stimolare la commercializzazione dei prodotti turistici del Paese sui mercati internazionali, la Commissione peruviana per la promozione delle esportazioni e del turismo (Promperù) si prepara alla 26° edizione di Perù Travel Mart 2019, con lo scopo di promuovere la diversificazione dell’offerta turistica, rafforzando la conoscenza della destinazione sui canali commerciali. L'evento, che si tiene ogni anno dal 1987, riunirà operatori turistici e fornitori provenienti da diversi mercati. Ad oggi sono 117 gli iscritti, che giungeranno da Paesi come Francia, Germania, Olanda, Svizzera, Canada, Stati Uniti, Argentina, Brasile, Cina e Panama. Nel programma, Perù Travel Mart prevedrà meeting di 20 minuti ciascuno, volti a favorire la commercializzazione dei prodotti e dei servizi offerti dalla destinazione. Inoltre, sono previsti 24 Speed Networking, incontri di cinque minuti che mirano a rafforzare la contrattazione e ad aumentare il numero di contatti tra acquirenti ed espositori. Tra gli espositori, saranno presenti 125 aziende nazionali certificate, come tour operator, hotel, compagnie aeree, compagnie di navigazione, ristoranti, imprese di trasporto terrestre e ferroviario, che offriranno informazioni sulla varietà di prodotti turistici del Paese. Durante i giorni dell'evento, saranno inoltre previsti seminari di formazione e promozione dei prodotti turistici del Perù, volti a evidenziare tematiche come la cultura, le iniziative turistiche comunitarie, l'avventura e la natura. Il Peru Travel Mart è organizzato unitamente dalla Camera Nazionale del Turismo (Canatur) e Commissione Peruviana per la Promozione delle Esportazioni e del Turismo, con il sostegno del Ministero del Commercio Estero e del Turismo e degli Uffici Commerciali del Perù all'estero. [post_title] => Perù Travel Mart, dal 17 al 20 maggio i buyer incontrano l'offerta [post_date] => 2019-04-08T11:44:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554723873000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 346713 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_346714" align="alignleft" width="300"] La partenza al Seceda[/caption] Un evento che muove 680 atleti e appassionati sportivi, provenienti da 15 nazioni, giunta alla XXIII edizione, ha chiuso, praticamente, la stagione sciistica della Val Gardena. Giovani, appassionati, atleti, amatori, vecchie glorie, campioni di oggi, hanno decretato anche quest’anno il successo della Südtrol Gardenissima. Il teatro dello slalom gigante più lungo del mondo, è stata la lunga pista del Seceda, in condizioni perfette: sole splendente, pista straordinariamente compatta e lo scenario unico delle Dolomiti. Il direttore di gara, da sempre Giovanni Kasslatter, ha fatto, insieme agli addetti agli impianti di risalita, un eccellente lavoro con la pista inizialmente  abbastanza ghiacciata, anche per l’anticipazione della gara alle ore 7:30 si è presentata particolarmente veloce, tanto che sul percorso di 1.033 metri di dislivello per 117 porte, ha visto Mattia Casse trionfare battendo anche il record assoluto che durava da 23 anni con 3.30.52, mentre fra le donne si è imposta Federica Brignone. Le splendide vette delle Dolomiti hanno incorniciato una bellissima giornata all’insegna dello sport, del divertimento e del sano spirito agonistico che ha pervaso gli atleti e gli sportivi che si sono lanciati dal cancelletto, posto sulla vetta del Monte Seceda, lungo il pendio che li ha portati fino al traguardo a S. Cristina. Grande attenzione anche per il manipolo delle Ski Legends, un gruppo di grandi  campioni del passato, che hanno preso parte alla gara. A imporsi, in questa speciale categoria, è stato Luca Senoner, per gli uomini e Isolde Kostner, per le donne davanti a Daniela Zini e Paola Magoni. Una stagione soddisfacente, quindi, chiusa con un evento degno dell'ospitalità gardenese. [post_title] => La Südtirol Gardenissima 2019 chiude la stagione sciistica gardenese [post_date] => 2019-04-01T09:16:12+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554110172000 ) ) )

Lascia un commento