20 September 2019

1812

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Trentacinque anni di esperienza in adv, patentino direttore tecnico, anche solo titolo (Lombardia).
Tel 338 2468264.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353692 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Costa Crociere introduce un’ulteriore novità nella propria offerta escursioni: l’Urban Nordic Walking, una delle poche attività sportive adatta a tutti, che può essere praticata ovunque.  Fino al 29 settembre chi sceglierà una crociera di una settimana nel Mediterraneo a bordo di Costa Fascinosa potrà partecipare a 5 entusiasmanti escursioni interamente dedicate alla “camminata nordica” durante le soste nelle città di Napoli, Palermo, Ibiza, Palma di Maiorca e Barcellona, per conoscere queste incredibili destinazioni da un nuovo punto di vista. Gli ospiti a bordo di Costa Fascinosa potranno decidere di vivere la propria crociera all'insegna dell’Urban Nordic Walking, una disciplina che aiuta a ritrovare il proprio equilibrio fisico e mentale. Grazie all’assistenza del qualificato staff Costa Crociere sarà possibile acquisire in maniera graduale il corretto utilizzo dei bastoncini e dell’approccio posturale e biomeccanico della camminata, padroneggiando in poco tempo i movimenti. Ad ogni partecipante verranno forniti i bastoncini professionali, un gustoso snack e un energy drink, per vivere l’escursione al meglio. Dopo essere salpata dal porto di Savona, Costa Fascinosa raggiungerà infatti cinque destinazioni che comprendono questa speciale offerta: • Napoli – partendo dal caratteristico porto, si raggiunge Porta San Gennaro, il più antico ingresso alla città vesuviana per finire il tour nel verdeggiante Real Bosco di Capodimonte;  Palermo, percorrendo le stradine della città si entra nei meravigliosi giardini di Villa Giulia, per poi terminare l’escursione costeggiando la Cala, un arco di mare che corrisponde al porto più antico di Palermo; Ibiza – la camminata “nordica” parte lungo il lato nord del porto attraversando l’esclusiva Marina Botafoc, per raggiungere Talamanca e la sua sabbia meravigliosamente bianca. Costeggiando la spiaggia si arriva, attraverso sentieri leggermente scoscesi, a Cap Martinet da cui è possibile godere di una vista spettacolare;  Palma di Maiorca – una volta arrivati al punto di partenza, percorrendo di buon passo circa 3 chilometri per salire a 112 metri d’altitudine, si raggiungere il Castello di Bellver, uno dei maggiori esempi di architettura civile gotica di Maiorca; Barcellona – partendo dai Giardini Grec, il tour sale sulla collina di Montjuïc, che con i suoi 177 metri d'altezza svetta sulla città e offre uno stupendo panorama su Barcellona. Passando da Plaza de España, si percorrono alcuni tra i sentieri più belli della città, raggiungendo infine lo splendido Mirador del Alcalde. [post_title] => Costa Crociere rafforza l'offerta e porta a bordo l'urban walking tour [post_date] => 2019-05-30T10:25:45+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559211945000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353395 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un aumento del 18,2% rispetto al 2017, per un fatturato globale di 580 milioni di euro, grazie a un incremento del 14% del numero di camere vendute. Il tutto nel contesto di una strategia di espansione che ha visto B&B Hotels entrare nel medesimo periodo in cinque nuovi paesi europei e registrare oltre 50 inaugurazioni nel mondo. In attesa di conoscere l'esito dell'operazione che dovrebbe portare Goldman Sachs ad acquisire il gruppo alberghiero transalpino dalla società di private equity Pai, B&B Hotels annuncia risultati record per il 2018 in termini di volumi. «La nostra crescita è sostenuta dal fatto che B&B Hotels si posiziona nel segmento hotel low budget ma con una proposta di ospitalità superiore caratterizzata da tutti i comfort e da un design riconoscibile - commenta l'amministratore delegato della compagnia, Fabrice Collet -. Il 2019 ci vedrà sempre più protagonisti nel panorama dell’hospitality posizionandoci come operatore globale di hotel per soggiorni di breve durata». In Italia il gruppo nel 2018 ha raggiunto risultati importanti in termini di tasso di occupazione pari al 75% sul territorio e di un giro d’affari di oltre 52 milioni di euro di fatturato e di una previsione di chiusura di 60 milioni per l'anno prossimo, con oltre 40 alberghi operativi sul territorio nazionale. Nel 2019, il gruppo punta quindi ad ampliare la propria presenza nei paesi europei e ad aprire la strada per conquistare il mercato latino-americano. Dopa la prima apertura di un B&B Hotels a Sao Josè dos Campos - terza città dello Stato di San Paolo -, nel 2019 B&B Hotels aprirà due nuove strutture a Rio de Janeiro e San Paolo con l'obiettivo di raggiungere mille camere in Brasile entro il 2021. Con questo piano strategico di aperture, B&B Hotels prevede di inaugurare un hotel a settimana raggiungendo un totale di oltre 620 hotel e circa 55 mila camere entro il 2020. [post_title] => B&B Hotels: cresce il fatturato insieme al numero di alberghi [post_date] => 2019-05-27T15:33:31+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558971211000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353248 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Odessa è una delle mete turistiche più apprezzate in tutta l’Europa orientale e il motivo è molto semplice: la città, famosa per il clima soleggiato e le sue spiagge sabbiose che si estendono per chilometri, regala paesaggi mozzafiato con le sue numerose insenature naturali che ne fanno un luogo ideale per la villeggiatura. Ricchissima di arte e tradizioni, con i suoi lunghi viali alberati e intimi cortili, offre numerosi centri termali, alberghi lussuosi in riva al mare e rinomati ristoranti locali. Conosciuta come “la Perla del Mar Nero”, Odessa è una città cosmopolita la cui storia è fortemente legata all’Italia fin dalle sue origini: oltre a essere stata fondata nel 1794 dall’ufficiale napoletano Giuseppe de Ribas, l’intera architettura della città ucraina rappresenta un omaggio al neoclassico italiano. Nel 1834 fu proprio un architetto italiano, Francesco Carlo Boffo, a dar vita al simbolo della città: la monumentale Scalinata Potëmkin, una delle più celebri scalinate di sempre, lunga ben duecento gradini, porta di ingresso di Odessa per chi arriva dal mare. Tra le tante attrazioni in città da non perdere il magnifico Teatro dell’Opera e del Balletto che conserva il suo autentico splendore barocco, e il Museo d’Arte Occidentale e Orientale, qui è conservata una delle più belle e sorprendenti collezioni di arte straniera in Ucraina, al suo interno vi è dedicata anche una sezione all’arte italiana e vi sono esposte opere del Guercino e del Canaletto. La variegata storia di Odessa ha creato una fusione culinaria unica, in cui i cibi ebraici si mescolano alle tradizioni culinarie ucraine. Il Mercato Pryvoz è il luogo ideale per assaporare le numerose prelibatezze locali. La città vanta numerosi ristoranti rinomati che la rendono un’ottima destinazione per il turismo gastronomico. Qui troverete numerosi ristoranti raffinati, tra cui il Terrace- Sea View, ristorante con una vista mare mozzafiato, ideale per una cena di lusso. Tra le spiagge più amate dai turisti vi sono Arkadia e Lanzheron, qui si trovano anche i locali più rinomati della città e gli alberghi di lusso, come ad esempio il Frederic Koklen, uno degli hotel più antichi di Odessa, costruito nel 1852 da una delle famiglie più illustri della città: i Koklens. Durante i suoi 165 anni di storia, il Frederic Koklen ha visto molti famosi musicisti, architetti e scrittori passare attraverso le sue porte. [post_title] => Odessa: spiagge, musei ed eventi per vivere la città cosmopolita [post_date] => 2019-05-27T09:45:11+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558950311000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353213 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Galzignano Terme Spa & Golf Resort va all’asta: Coldwell Banker Commercial - società che opera nel campo della consulenza, dell’intermediazione e della valorizzazione immobiliare – ha infatti assunto l’incarico di advisor esclusivo per la cessione d’azienda del resort veneto, attualmente gestito dalla catena Jsh Hotels che si è affidata al brand Radisson Blue. Il complesso 4 stelle è composto da quattro alberghi, di cui tre operativi per un totale di 300 camere, con annessi piscine termali coperte e scoperte, revital center, centro congressi, campo da golf da 9 buche, campi sportivi, sette unità commerciali, terreni agricoli e parcheggio. «La valutazione di mercato effettuata - commenta Giuseppe Rojo, amministratore delegato di Coldwell Banker Commercial –assume che vengano effettuati investimenti finalizzati alla valorizzazione degli asset esistenti e che la gestione venga affidata ad una società di gestione o catena alberghiera di standing internazionale, che valorizzi al massimo le potenzialità reddituali della struttura ricettiva, valutata attorno ai 21 milioni di euro».   Sono tre gli alberghi operativi: Hotel Sporting, 112 camere con 15 locali per la fangoterapia, 5 locali massaggio, piscine, sauna e area maturazione del fango; Hotel Majestic, 97 camere con area bagni termali e wellness in fase di ristrutturazione, area di maturazione del fango e zona congressuale; Hotel Splendid, 91 camere con reparto di cure termali e vasche per la coltivazione dei fanghi.  All’interno dell’Hotel Majestic è tra l’altro previsto un nuovo reparto termale/spa in costruzione e un centro congressi con capienza oltre i 300 posti. Coldwell Banker Commercial ha già al suo attivo, in Sicilia, importanti risultati come le dismissioni dei complessi immobiliari ed aziendali di proprietà di Amt Real Estate Spa e di Acqua Marcia Turismo Srl, quali il Grand Hotel Villa Igiea, il GrandHotel et Des Palmes e l’Excelsior di Palermo, il San Domenico Palace di Taormina e l’Hotel des Etrangers & Spa di Siracusa. Coldwell Banker Commercial è anche advisor, nel settore del golf e della ricettività upscale, per la cessione d’azienda del Donnafugata Golf Resort, in Sicilia.   [post_title] => All'asta il Galzignano Terme Spa & Golf Resort: acquirenti cercasi [post_date] => 2019-05-24T13:17:39+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558703859000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352541 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair archivia in positivo l'anno fiscale chiuso lo scorso 31 marzo: i profitti netti raggiungono quota 1,02 miliardi di euro, ma in calo rispetto al risultato dello scorso anno (1.45 miliardi di euro). La forte crescita del traffico - +7% per un totale di 139 milioni di passeggeri - è stata infatti frenata dalla flessione delle tariffe del 6%; la significativa crescita dei ricavi ancillary (+19%), è stata invece penalizzata dall'elevato costo di carburante e personale. I risultati escludono una perdita di 139,5 milioni di euro relativa all'acquisizione di Laudamotion, completata lo scorso gennaio. Includendo quest'ultima operazione i profitti risultano infatti in diminuzione del 30% (948 milioni di euro). «Come anticipato - ha commentato il ceo della low cost Michael O'Leary - l'utile dopo le tasse si è attestato a 1,02 miliardi di euro. L'aumento di capacità sulle rotte di corto raggio e l'assenza delle festività pasquali nel quarto e conclusivo trimestre dell'anno ha portato a una flessione del 6% delle tariffe, che ha stimolato l'aumento del 7% del traffico. Buono l'andamento dei ricavi ancillary - +19% - che hanno raggiunto i 2,4 miliardi di euro e spinto al rialzo i ricavi totali che con un +6% sono saliti a 7,6 miliardi di euro». Le previsioni per l'anno fiscale 2020 rimangono caute sul pricing. Il traffico aumenterà dell'8% a 153 milioni. Supponendo una crescita dei ricavi per passeggero del 3%, stimiamo un andamento lineari dei profitti, che potrebbero essere compresi tra 750 milioni di euro e 950 milioni di euro. I costi aumenteranno mentre la nostra bolletta del carburante per l'intero anno salirà di altri 460 milioni di euro. I costi extra-fuel aumenteranno del 2%, principalmente a causa della sterlina più forte, l'assenza di confronti dei costi dell'anno precedente per Lauda e dei ritardi di consegna degli aerei B737 Max quest'anno». Si tratta di previsione che, precisa la nota Ryanair, dipendono in modo significativo dall'andamento delle tariffe durante il picco estivo, dall'assenza di eventi imprevisti e  da eventuali sviluppi negativi legati a Brexit». [post_title] => Utili in calo per l'esercizio 2018-19 di Ryanair: pesano il calo tariffe e Brexit [post_date] => 2019-05-20T12:40:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558356054000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351819 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Di certo l’apprezzamento per un segnale d’attenzione che da tempo aspettavamo, ma anche una punta di preoccupazione per i contenuti, limitati a pochi argomenti nonché la perplessità per i tempi, sicuramente non brevi, che si prefigurano per l’entrata in vigore». Così Bernabò Bocca, commenta la proposta di legge delega sul turismo, attualmente all'esame del Parlamento. Il presidente di Federalberghi è stato audito oggi dalla decima commissione della Camera sull'argomento. In tale occasione Bocca ha quindi espresso «apprezzamento per l’intendimento di semplificare il linguaggio normativo» e ha invitato il Parlamento ad arricchire la stessa delega, «introducendo semplificazioni sia sulla possibilità di sviluppare nuovi servizi, sia in relazione alla gestione dei rapporti di lavoro e, in particolare, ai voucher e ai contratti a termine». Per quanto riguarda la classificazione alberghiera, Bocca ha chiesto esplicitamente che «la legge delega consenta espressamente agli hotel italiani di utilizzare il sistema Hotelstars Union su base volontaria, in aggiunta al sistema pubblico». Il sistema Hsu è attualmente adottato in 17 paesi europei, tra cui la Germania, l’Austria e quasi tutto il Nord Europa, in cui abitano quasi 182 milioni di persone, che sono abituate a leggere il mercato turistico parlando il linguaggio della classificazione unica. E ogni anno negli alberghi italiani si registrano più di 60 milioni di presenze di turisti provenienti da questi paesi. «Star fuori dal sistema Hsu – ha detto Bocca - equivale a star fuori dall'euro o a reintrodurre il controllo passaporti alle frontiere interne all'Unione. Giorno dopo giorno, ci facciamo del male, erigendo una barriera che ostacola l’arrivo dei turisti stranieri». Il presidente degli albergatori è poi tornato sulla necessità di «istituire al più presto un codice identificativo nazionale obbligatorio per i cosiddetti affitti brevi. Chiediamo inoltre che venga istituito un registro pubblico, accessibile ai consumatori e agli organi di controllo, che consenta di identificare univocamente tanto l’ubicazione e le caratteristiche degli alloggi ai quali viene assegnato il codice, quanto le generalità del locatore». Secondo Bocca, «è necessario stabilire quando l’attività ricettiva può essere considerata occasionale. La scorsa settimana eravamo a Barcellona, per la seconda conferenza mondiale ReformBnb, ed è emerso un quadro che per noi italiani è a dir poco deprimente. Ad Amsterdam è stato fissato un limite di 30 giorni (come numero di notti massime totali che un host può affittare in un anno, ndr), a Valencia di 45, a Dublino e Ginevra di 60, ad Atene, Londra e Berlino di 90, a Parigi di 120. Tutti hanno preso coscienza del problema, ma solo in Italia regna l’anarchia, con pesanti ricadute che danneggiano tanto le imprese turistiche tradizionali quanto coloro che gestiscono in modo corretto le nuove forme di accoglienza. E’ bene chiarire che se si oltrepassano le soglie previste da ciascun paese non scatta alcun divieto di svolgere l'attività, ma unicamente l'obbligo di esercitarla nel rispetto delle regole previste per le imprese turistico ricettive». Bocca ha quindi concluso il proprio intervento esprimendo «perplessità in merito ai due anni di tempo che vengono previsti per l’adozione dei decreti delegati. Si tratta di tempi incompatibili con l’urgenza che caratterizza determinate esigenze. Senza dimenticare che pochi mesi fa era stata annunciata l’intenzione di arrivare all'approvazione del codice identificativo entro l’estate». Per assicurare una corsia preferenziale ai temi che stanno a cuore al settore, Bocca ha proposto di «anticipare per quanto possibile l’entrata in vigore di alcuni dei contenuti della delega, integrando i provvedimenti in corso di esame, a partire dal decreto crescita, che nei giorni scorsi ha iniziato il proprio iter alla Camera». [post_title] => Bocca: bene la legge delega sul turismo ma si può fare di più e più in fretta [post_date] => 2019-05-13T15:29:48+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => bernabo-bocca [1] => camera [2] => federalberghi [3] => in-evidenza [4] => legge-delega-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => bernabò bocca [1] => Camera [2] => Federalberghi [3] => In evidenza [4] => legge delega turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557761388000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350798 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nana Princess resort, Creta: destinazione nella destinazione per una estate all'insegna del benessere. In questa isola leggendaria sorge oggi il Nana Princess: un resort di 112 suite e ville che cattura l'essenza intima e discreta del lusso contemporaneo e la sposa al calore della tradizionale ospitalità greca. Le suite e ville affacciate su oltre 40 mila metri quadrati di spiaggia con vista sul mar Egeo, non sono semplici alloggi turistici, ma vere e proprie dimore che accolgono, cullano e aprono a nuove esperienze. L’ultimo progetto del gruppo Karatzis porta l’ospitalità dell’isola di Creta a livelli di eccellenza, e la interpreta attraverso un lusso contemporaneo fatto di naturalezza, intimità e autenticità. Perché nulla deve turbare l’equilibrio perfetto di un panorama tanto unico da parlare con la lingua di Omero. La struttura del resort è appositamente disegnata per inserirsi con armonia nell’ambiente. Ma è l’eccezionalità della proposta wellness a costituire il vero cuore di Nana Princess. Adiacente alla spiaggia, il Royal Wellness Club è stato progettato per essere una vera e propria destinazione nella destinazione. All’interno di 1.400 metri quadrati di spazio realizzati su progetto dello studio italiano Aledolci&Co si sviluppano l’ambiente dedicato alla spa vera e propria, il Royal Wellness Club, completo anche di spa privata Suite Anax & Anassa, il Royal Fitness Club, una suggestiva piscina coperta, e un’area Hair & Beauty, a cui si accede percorrendo il no sound corridor: 10 metri di totale assenza di suono, che portano l’ospite in una condizione amplificata di coinvolgimento sensoriale e pieno relax. Il design degli interni abbina la purezza del bianco dei soffitti, la profondità dei vari toni del celeste e dell’azzurro del mare utilizzato negli arredi, nei vetri temperati e nelle superfici translucide, al calore del legno di rovere, impiegato nei rivestimenti con effetto decorativo e fonoassorbente, con il contrappunto del nero marmo che ricorre a sottolineare alcuni elementi. Il risultato è un ricercato ambiente wellness dalle ispirazioni living e dal carattere emozionale, che anche negli spazi più ampi riesce a trasportare mente e corpo in una dimensione di riservatezza, comfort ed esclusività.     [post_title] => Nana Princess Resort: il lusso incontra l'ospitalità a Creta [post_date] => 2019-05-09T11:37:41+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557401861000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350736 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La notizia giunge un po' come un fulmine a ciel sereno. Ma stando a quanto riportato dal sito Sardinia Post, legato all'armatore Vincenzo Onorato, Qatar Holding avrebbe incaricato Goldman Sachs di valutare i propri asset in Costa Smeralda per una possibile operazione di vendita. A spingere il braccio operativo del fondo sovrano Qatar Investmet Authority in tale direzione sarebbe il blocco dei progetti di riqualificazione dei alberghi e strutture ricettive in Gallura, che si scontrano con i limiti posti dalle amministrazioni locali ai volumi edificabili lungo le coste. L'operazione era prevista sin da quando l'emiro Tamin Bin Ahmed al-Thani acquistò gli hotel dalla Colony Capital di Tom Barrack nel 2012 per 600 milioni di euro. Nel portafoglio sono incluse alcune delle più famose icone dell'ospitalità del lusso nazionale, tra cui gli alberghi Romazzino, Pitrizza, Cervo e Cala di Volpe. I qatarini, per la verità, racconta sempre la stampa locale, avrebbero già accettato di ridimensionare il progetto iniziale, accontentandosi di appena 300 mila metri cubi di nuove volumetrie invece del milione e mezzo previsto originariamente. Il problema è che tutto sembra essersi arenato insieme al piano urbanistico di Arzachena, che stenta a vedere la luce. [post_title] => Qatar Holding vuole vendere gli hotel della Costa Smeralda [post_date] => 2019-05-08T12:38:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => cala-di-volpe [1] => cervo [2] => costa-smeralda [3] => in-evidenza [4] => pitrizza [5] => qatar-holding [6] => romazzino ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Cala di Volpe [1] => Cervo [2] => Costa Smeralda [3] => In evidenza [4] => Pitrizza [5] => Qatar Holding [6] => Romazzino ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557319105000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350735 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Star Alliance ha completato la ristrutturazione della lounge all'aeroporto Charles de Gaulle di Parigi. La struttura di 980 metri quadrati offre posti a sedere per oltre 220 ospiti e presenta eleganti elementi ispirati al design e all’architettura tipici parigini. La lounge è accessibile da parte dei passeggeri di First e di Business Class come pure dei membri Star Alliance Gold in partenza dall'aeroporto Charles de Gaulle di Parigi - Terminal 1 con le seguenti compagnie aeree partner in Star Alliance: Aegean, Air China, Ana, Asiana, Egyptair, Eva Air, Singapore Airlines, Thai Airways, Turkish Airlines e United Airlines. «La lounge è perfettamente in linea con la strategia di rendere migliore l’esperienza di viaggio dei nostri clienti. Siamo lieti di poter ora offrire ai nostri ospiti che partono da Parigi o vi transitano un'esperienza di ospitalità unica in un ambiente accogliente e attrezzato dove potersi sedere, rilassare e godere il proprio viaggio» ha commentato Christian Dräger, vp customer experience di Star Alliance. La lounge, inaugurata nel 2008, si trova dietro il settore del controllo passaporti nel punto più alto dell'edificio del terminal - livelli 10 e 11 - e offre una vista panoramica dell'aeroporto dal piano superiore. Aperta tutti i giorni dalle 05.30 alle 22.00 secondo l’orario dei voli, la lounge ora rinnovata offre una gamma di servizi per soddisfare le diverse esigenze dei viaggiatori abituali di oggi. Particolarmente suggestivo è il giardino paesaggistico, che offre agli ospiti l'opportunità di godere prima del volo della splendida natura all'aperto, che ricorda gli spazi verdi di Parigi. La lounge offre anche una zona esclusiva per i passeggeri che viaggiano in First Class sui voli operati da Air China, Singapore Airlines e Thai Airways.   In totale, 21 vettori membri di Star Alliance operano da Parigi Cdg, offrendo 142 voli giornalieri verso 41 destinazioni in 25 Paesi. [post_title] => Star Alliance: nuovo smalto per la lounge di Parigi Charles de Gaulle [post_date] => 2019-05-08T12:30:55+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557318655000 ) ) )

Lascia un commento