23 October 2019

1617

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

VENTENNALE ESPERIENZA IN CAMPO TURISTICO – DIRETTORE TECNICO PER ESAME PRESSO REGIONE VENETO
10 ANNI REPARTO PROGRAMMAZIONE CORTO RAGGIO DI PRIMARIO TOUR OPERATOR ITALIANO,
OTTIMA CONOSCENZA DESTINAZIONI COSTA AZZURRA, CORSICA, SARDEGNA, CROAZIA E MARE ITALIA, VALUTA PROPOSTE DA PARTE DI TOUR OPERATOR INTENZIONATI A INSERIRE QUESTE DESTINAZIONI NELLE LORO PROPOSTE VIAGGIO.
RESIDENZA ATTUALE IN LIGURIA, MA CON DISPONIBILITA’ A TRASFERIMENTO O A TELELAVORO CON FREQUENTI TRASFERTE.
CRISTINA – EMAIL: programmazione.to@gmail.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353227 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Valtellina è uno splendido territorio incorniciato dalle Alpi che, oltre a essere uno scenario naturale mozzafiato che richiama escursionisti da tutto il mondo, rappresenta anche il confine naturale con la Svizzera la cui prossimità ha influenzato gli scenari sociali dei valtellinesi. Il sentireo del contrabbando e della memoria e un itinerario che parte da Tirano, paese al confine con la Svizzera, celebre per essere la stazione di partenza del Trenino Rosso del Bernina, patrimonio UNESCO. Il tracciato si snoda lungo il versante retico della Valtellina e sale tra vigneti e piccoli borghi che per molti anni sono stati percorsi dai contrabbandieri che, con "la gerla" a spalla, trasportavano da una parte all’altra del confine le merci. Un percorso lungo 16 chilometri, simbolo della memoria del "contrabbando" che ha caratterizzato la zona del Tiranese in diverse epoche, in particolare quello del dopo guerra del 20° secolo che ha portato numerosi giovani a dedicarsi a questa attività per migliorare le difficili condizioni di vita. Il Sentiero Rusca è un percorso per mountain bike ed escursionismo che da Sondrio porta al Passo del Muretto, un valico posto sul confine tra la Valmalenco e l'Engadina. È un itinerario di 32 chilometri, di rilievo storico e che deve il suo nome all’arciprete Nicolò Rusca che nel 1618 venne rapito a Sondrio da un contingente di soldati svizzeri e condotto, proprio attraverso questo percorso, alla prigionia e alla successiva morte. Il sentiero è stato recentemente sistemato, considerato anche il suo grande valore storico oltre che paesaggistico, così da consentire ai ciclisti o amanti delle escursioni di percorrerlo. Il Sentiero Roma, in Val Masino, è una delle principali Alte Vie della Valtellina che si snoda per circa 52 chilometri tra i 2100 metri del rifugio Omio e i 2950 metri del passo Cameraccio e prevede mediamente tre giorni per la sua percorrenza. La Valtellina ospita inoltre la Via Alpina, una rete di 5 itinerari escursionistici attraverso gli otto Paesi dell'arco alpino (oltre 5000 chilometri e 342 tappe giornaliere) e il Sentiero Italia, uno dei trekking più lunghi del mondo di oltre 6000 chilometri che attraversa gli Appennini e le Alpi. [post_title] => Valtellina, gli itinerari per gli appassionati di trekking [post_date] => 2019-05-27T14:38:33+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558967913000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350451 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Commissione peruviana per la promozione delle esportazioni e del turismo (Promperù) ha dichiarato che con la 26° edizione del Perù Travel Mart (Ptm 2019) si prevede di raggiungere un impatto economico nel settore turistico del Paese compreso tra i 23,5 e i 25 milioni di dollari. Il Ministro del Commercio Estero e del Turismo (Mincetur), Edgar Vasquez, ha ufficialmente lanciato questo importante evento, considerato la principale Borsa di negoziazione turistica del Perù. Il Ptm si terrà dal 17 al 20 maggio presso il Jockey Convention Center, a Lima. È prevista la partecipazione di 161 buyer provenienti da 27 Paesi, il 30% in più di quanto registrato nel 2018, oltre a 130 imprenditori peruviani convocati a questo appuntamento. Tra i 161 operatori turistici registrati, 124 sono nuovi partecipanti internazionali. Inoltre, 61 appartengono al target lusso, 19 al MICE (conferenze, mostre, congressi ed eventi) e 11 sono aziende. Si stima che si terranno circa 7000 riunioni di lavoro. Questa nuova edizione del Peru Travel Mart è organizzata da Promperù e dalla Camera Nazionale del Turismo, con la collaborazione del Ministero del Commercio Estero e del Turismo e degli Uffici Commerciali del Perù all'estero. [post_title] => Perù Travel Mart punta a un business da 25 milioni di dollari nel settore turistico [post_date] => 2019-05-07T09:17:29+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557220649000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350102 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono 1.020 i comuni italiani che a maggio 2019 applicano l’imposta di soggiorno (997 comuni) o la tassa di sbarco (23). Tali destinazioni, pur costituendo appena il 13% dei 7.915 municipi italiani, ospitano però il 75% dei pernottamenti registrati ogni anno in Italia. Lo rivela la settima edizione dell’indagine sull’imposta di soggiorno, realizzata dal Centro studi di Federalberghi in collaborazione con la New Mercury Tourism Consulting. Questi oltre mille comuni si distribuiscono, in particolare, per il 26% nel Nord-Ovest, per il 41,2% nel Nord-Est, per il 15,5% nel Centro e per il restante 17,3% nel Mezzogiorno. Il 31,6% dei comuni che applicano l’imposta di soggiorno (315 su 997) sono inoltre montani. Seguono le località marine con il 19,7% (196) e quelle collinari con il 16,1% (161). Le città d’arte sono “solo” 104, ma comprendono le cosiddette capitali del turismo italiano, che muovono grandi numeri. Le destinazioni lacuali, infine, sono 96 e quelle termali 40. Nel 2017 (ultimo anno per il quale sono disponibili i dati ufficiali), i comuni italiani hanno incassato circa 470 milioni di euro a titolo di imposta di soggiorno e tassa di sbarco. Il dato è in progressivo aumento: il gettito nazionale accertato era di circa 162 milioni di euro nel 2012 e 403 milioni nel 2015. Per il 2019, si può quindi stimare un introito di oltre 600 milioni di euro. Il trend è generato sia dalla costante crescita del numero di comuni che applicano l’imposta (oggi sono in tutto 1.020, erano 332 a luglio 2012) sia dai cospicui aumenti delle tariffe. La città con il maggior gettito è stata Roma, con un incasso pari a 130 milioni, il 27,7% del totale. L’incasso delle prime quattro (Roma, Milano, Venezia e Firenze) è superiore a 240 milioni: oltre il 58% del totale nazionale. Il peso delle grandi città si fa sentire anche sulla classifica regionale, guidata dal Lazio con quasi 135 milioni di euro. Seguono il Veneto con 63,7 milioni, la Lombardia con 59,5 milioni e la Toscana con 57,4 milioni. In queste quattro regioni viene raccolto il 67,1% del gettito complessivo. Non appaiono al contrario in graduatoria il Friuli-Venezia-Giulia (perché in questa regione l’imposta è stata introdotta nel 2018) e il Molise (l’imposta era stata istituita dal comune di Termoli, ma poi è stata soppressa in seguito a una sentenza del Tar). Lo studio evidenzia in conclusione che il governo non ha mai adottato il regolamento quadro che avrebbe dovuto fissare (entro il 6 giugno 2011) i principi generali per l’imposta di soggiorno. In assenza di una regola, i comuni si sono perciò mossi in ordine sparso, generando un quadro confuso: una famiglia di tre persone (padre, madre e figlio undicenne) che soggiorna per esempio in un albergo a 3 stelle per due giorni a Roma paga 24 euro di imposta di soggiorno, a Venezia 17,40 euro, a Rimini 12 euro, a Catanzaro 7,80 euro e a Bibione 6,30 euro. [post_title] => Gli albergatori tracciano l'identikit dell'imposta di soggiorno [post_date] => 2019-05-03T08:30:00+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => federalberghi [1] => firenze-2 [2] => milano-2 [3] => roma-2 [4] => tassa-di-soggiorno ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Federalberghi [1] => firenze [2] => milano [3] => roma [4] => tassa di soggiorno ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556872200000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349993 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ana Holdings archivia in positivo l'anno finanziario 2018-19 (chiuso lo scorso 31 marzo). Ana ha visto aumentare - rispetto al precedente anno finanziario - il numero dei passeggeri trasportati sulle rotte internazionali (+3,6%) - per un totale record di oltre 10 milioni - e il relativo fatturato (+9,1%). Cresce anche il fatturato del network domestico (+1%) e il numero dei passeggeri trasportati (+ 0,4%). Buoni risultati vengono dal comparto cargo a livello internazionale, con un fatturato in crescita del +5,9%, e positivo è anche il comparto Lcc, che registra un incremento sia dei passeggeri (+4,6%) che del fatturato (+6,9%). Sebbene vi siano preoccupazioni per una tendenza al ribasso di alcune economie estere e incertezze sulle politiche commerciali, le prospettive per l’economia giapponese per il prossimo anno finanziario mostrano una crescita continua e graduale dovuta al miglioramento del contesto occupazionale e all'effetto positivo di varie nuove politiche governative. Considerata la situazione di mercato e le iniziative in atto Ana Holding prevede, per l’anno finanziario che si concluderà a marzo 2020, un aumento del fatturato (+4,5% per un totale di 2.150 miliardi di Yen – circa 16,7 miliardi di euro) con utile un operativo uguale all’anno finanziario appena conclusosi (165 miliardi di Yen – circa 1,28 miliardi di euro). «Il Gruppo Ana  - spiega una nota - sta implementando una serie di misure per realizzare la sua visione strategica di "diventare il gruppo aereo leader mondiale" in linea con la sua strategia aziendale di medio termine». [post_title] => Ana chiude con risultati in crescita l'esercizio 2018-19 [post_date] => 2019-05-02T12:03:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556798639000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348428 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Mandarin Oriental Hyde Park, London riaprirà completamente lunedì 15 aprile e celebra l'illustre storia di 117 anni dell'hotel con una serie di pacchetti speciali e promozioni, tra cui Stay Like Sir Winston Churchill, una mostra storica, alcuni cocktail celebrativi e il tè pomeridiano. Dopo aver inaugurato nel 1899 con un esclusivo blocco di appartamenti per uomini facoltosi, fu solo nel 1902 che l'edificio, che ora ospita il Mandarin Oriental Hyde Park, London, aprì come hotel con una Royal Entrance privata. Winston Churchill è stato un ospite frequente e vi sono interessanti storie riguardanti il tempo trascorso nell’hotel che gli ospiti possono scoprire grazie ad una visita alla storica esibizione  If Walls Could Talk. Il pacchetto Stay like Sir Winston Churchill è un tributo a questo personaggio leggendario e bon viveur e comprende diverse di queste intriganti storie.  Il pacchetto Stay like Sir Winston Churchill è disponibile a partire da 690 sterline iva inclusa e comprende: • English Breakfast completo per due persone • Una bottiglia di champagne Pol Roger, il preferito di Churchill, servito in camera • Due sigari di cioccolato (Churchill aveva l’abitudine di offrire due sigari ai camerieri del servizio in camera in cambio della consegna della colazione anticipata) • Due cocktail Vices & Virtues al Mandarin Bar, con la possibilità di acquistare veri sigari di David Linley • Una fotografia regalo incorniciata di Churchill che arriva all'hotel [post_title] => Mandarin Oriental Hyde Park, una riapertura all'insegna di Winston Churchill [post_date] => 2019-04-12T12:10:23+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555071023000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348286 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 51% degli italiani andrà in vacanza per Pasqua (21%) e negli altri ponti (30%), mentre nell’estate 2019, si arriverà fino ad un 89%, secondo le previsioni, un milione e mezzo di viaggiatori in più rispetto all’anno scorso. Il 21% ha già prenotato e chi ha deciso  di non muoversi è a causa delle difficoltà economiche. Crescono i repeaters , ma otto italiani su dieci preferiscono cambiare destinazione, scegliendo principalmente il mare o la montagna . Le favorite restano le vacanze comode, ma la nuova tendenza è il soggiorno smart, con soluzioni “in comune” e soluzioni “a risparmio”. L’11% possiede e utilizza la seconda casa, ma l’8% vorrebbe venderla. Il 73% sceglie e organizza una vacanza online, ma in agenzia vincono le proposte di viaggio originali e la fiducia. Sono questi i principali risultati della ricerca Coop-Robintur, “Le vacanze degli italiani nel 2019”, presentata questa mattina a Milano, a cura di italiani.coop, il portale di ricerca e analisi di Coop, per Robintur Travel Group. Anche nelle 300 agenzie del gruppo targate Robintur e Viaggi Coop si conferma un andamento positivo delle prenotazioni estive. «La previsione sul 2019 resta positiva, il trend del turismo, un settore in cerca di stabilità e solidità, non viene segnato dai dati dell’economia in rallentamento», afferma Stefano Dall'Ara, presidente Robintur Travel Group. L’Italia domina con il suo mare ed in particolare la Basilicata, la destinazione che segna la crescita maggiore (+167%). Robintur chiude il 2018 con un fatturato pari a 265 milioni di euro nei segmenti leisure , turismo organizzato e business travel (15 milioni in più rispetto al 2017) e con oltre un milione di utile. Supera i 500 milioni di volume d’affari indiretto e i 6 milioni di clienti. [post_title] => Ricerca Coop-Robintur: gli italiani viaggiano in massa. Nonostante la crisi [post_date] => 2019-04-11T16:14:38+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554999278000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 347634 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con l’obiettivo di stimolare la commercializzazione dei prodotti turistici del Paese sui mercati internazionali, la Commissione peruviana per la promozione delle esportazioni e del turismo (Promperù) si prepara alla 26° edizione di Perù Travel Mart 2019, con lo scopo di promuovere la diversificazione dell’offerta turistica, rafforzando la conoscenza della destinazione sui canali commerciali. L'evento, che si tiene ogni anno dal 1987, riunirà operatori turistici e fornitori provenienti da diversi mercati. Ad oggi sono 117 gli iscritti, che giungeranno da Paesi come Francia, Germania, Olanda, Svizzera, Canada, Stati Uniti, Argentina, Brasile, Cina e Panama. Nel programma, Perù Travel Mart prevedrà meeting di 20 minuti ciascuno, volti a favorire la commercializzazione dei prodotti e dei servizi offerti dalla destinazione. Inoltre, sono previsti 24 Speed Networking, incontri di cinque minuti che mirano a rafforzare la contrattazione e ad aumentare il numero di contatti tra acquirenti ed espositori. Tra gli espositori, saranno presenti 125 aziende nazionali certificate, come tour operator, hotel, compagnie aeree, compagnie di navigazione, ristoranti, imprese di trasporto terrestre e ferroviario, che offriranno informazioni sulla varietà di prodotti turistici del Paese. Durante i giorni dell'evento, saranno inoltre previsti seminari di formazione e promozione dei prodotti turistici del Perù, volti a evidenziare tematiche come la cultura, le iniziative turistiche comunitarie, l'avventura e la natura. Il Peru Travel Mart è organizzato unitamente dalla Camera Nazionale del Turismo (Canatur) e Commissione Peruviana per la Promozione delle Esportazioni e del Turismo, con il sostegno del Ministero del Commercio Estero e del Turismo e degli Uffici Commerciali del Perù all'estero. [post_title] => Perù Travel Mart, dal 17 al 20 maggio i buyer incontrano l'offerta [post_date] => 2019-04-08T11:44:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554723873000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 347277 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il gruppo Air France-Klm rafforza le rotte nord atlantiche e inaugura due nuovi collegamenti per Boston e Dallas. Per Klm al via il primo volo diretto verso la città di Boston su cui opererà con tre voli settimanali con gli Airbus A330-300, recentemente rinnovati, per una capienza di 292 passeggeri totali. «Con l’inserimento del volo diretto su Boston, ora offriamo ai nostri clienti molte più opzioni per i viaggi verso gli Stati Uniti. Boston è la 17ma destinazione nord-atlantica servita direttamente dalla compagnia» afferma il presidente e ceo di Klm, Pieter Elbers. Il nuovo servizio si aggiunge ai due voli giornalieri già operati tra l'aeroporto di Amsterdam Schiphol e Boston gestiti da Delta Air Lines, partner in joint venture di Air France-Klm sulle rotte transatlantiche. I voli per Boston operano il mercoledì, il venerdì e la domenica. Gli Airbus A330-300 offrono 30 posti in World Business Class, 40 posti in Economy Comfort Class e 222 posti in Economy Class. Per Air France al via la nuova rotta Parigi Charles de Gaulle – Dallas Fort Worth, la 13a destinazione nord-atlantica della compagnia. Per tutta la stagione estiva, fino a 5 voli settimanali collegheranno le due città, operati con i rinnovati Airbus A330 che offrono 36 posti in classe Business, 21 posti in Premium Economy ed 167 posti in Economy. Anne Rigail, ceo di Air France, ha dichiarato: «Il mercato americano è di primaria importanza per il gruppo Air France-KLM: insieme ai suoi partner, gestiamo più di 270 voli giornalieri tra l'Europa e il Nord America. Sui voli per Dallas, per tutta la stagione estiva offriremo ai nostri clienti una nuova esperienza di viaggio a bordo dei nostri Airbus A330 completamente rinnovati e dotati di wi-fi». [post_title] => Air France e Klm aprono due nuove rotte verso gli Usa: Boston e Dallas [post_date] => 2019-04-04T10:15:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554372958000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 346992 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Carla Sibilla è entrata nel comitato esecutivo di Ferdercongressi. Sibilla ad del tour Operator C-Way, presidente di Convention Bureau Genova e Meet in Liguria è stata eletta quale Consigliere Rappresentante della Categoria Destinazioni e Sedi per il triennio 2019-2022 nel Comitato Esecutivo Federcongressi. Federcongressi&eventi, organizzazione senza fine di lucro nata nel 2004, è l’associazione nazionale delle imprese pubbliche e private che svolgono attività connesse con il settore dei congressi, convegni, seminari ed eventi aggregativi, di formazione continua in medicina, di incentivazione e di comunicazione. La presenza di Carla Sibilla contribuirà a rafforzare il settore congressuale genovese e ligure anche a livello nazionale. La meeting industry costituisce un elemento di forte crescita per il territorio, rappresenta un grande business e ha un ruolo importante nel sistema economico locale, promuovendo investimenti, commercio, comunicazioni e tecnologia. Nel 2018 il numero complessivo di eventi a Genova ha registrato un incremento dell’8,4% rispetto all’anno precedente, generando un’importante crescita del numero dei partecipanti (+16,7%) e un aumento del 9% dei pernottamenti (fonte: Osservatorio dell’Università di Genova). Carla Sibilla ha collaborato con Costa Edutainment per studiare strategie sinergiche ed efficaci - prima come direttore commerciale e marketing, poi come Direttore Generale di Costa Edutainment e AD di Incoming Liguria – per la valorizzazione del territorio genovese e ligure promuovendo la conoscenza delle strutture gestite ma anche del patrimonio artistico, architettonico e paesaggistico della Regione. In Costa Edutainment ha ricoperto ruoli di primissimo piano curando lo start-up e la gestione di nuove realtà nel panorama didattico-culturale italiano.   [post_title] => Carla Sibilla entra nel comitato esecutivo di Federcongressi [post_date] => 2019-04-02T15:48:23+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554220103000 ) ) )

Lascia un commento