23 October 2019

1616

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Vendesi a Milano avviatissima adv operativa dal 1997, licenza A+B, negozio su strada, portafoglio clienti consolidato.
Locale climatizzato. Contratto di locazione scade nel dic. 2021.
Contattare cell. 335 8088143.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353227 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Valtellina è uno splendido territorio incorniciato dalle Alpi che, oltre a essere uno scenario naturale mozzafiato che richiama escursionisti da tutto il mondo, rappresenta anche il confine naturale con la Svizzera la cui prossimità ha influenzato gli scenari sociali dei valtellinesi. Il sentireo del contrabbando e della memoria e un itinerario che parte da Tirano, paese al confine con la Svizzera, celebre per essere la stazione di partenza del Trenino Rosso del Bernina, patrimonio UNESCO. Il tracciato si snoda lungo il versante retico della Valtellina e sale tra vigneti e piccoli borghi che per molti anni sono stati percorsi dai contrabbandieri che, con "la gerla" a spalla, trasportavano da una parte all’altra del confine le merci. Un percorso lungo 16 chilometri, simbolo della memoria del "contrabbando" che ha caratterizzato la zona del Tiranese in diverse epoche, in particolare quello del dopo guerra del 20° secolo che ha portato numerosi giovani a dedicarsi a questa attività per migliorare le difficili condizioni di vita. Il Sentiero Rusca è un percorso per mountain bike ed escursionismo che da Sondrio porta al Passo del Muretto, un valico posto sul confine tra la Valmalenco e l'Engadina. È un itinerario di 32 chilometri, di rilievo storico e che deve il suo nome all’arciprete Nicolò Rusca che nel 1618 venne rapito a Sondrio da un contingente di soldati svizzeri e condotto, proprio attraverso questo percorso, alla prigionia e alla successiva morte. Il sentiero è stato recentemente sistemato, considerato anche il suo grande valore storico oltre che paesaggistico, così da consentire ai ciclisti o amanti delle escursioni di percorrerlo. Il Sentiero Roma, in Val Masino, è una delle principali Alte Vie della Valtellina che si snoda per circa 52 chilometri tra i 2100 metri del rifugio Omio e i 2950 metri del passo Cameraccio e prevede mediamente tre giorni per la sua percorrenza. La Valtellina ospita inoltre la Via Alpina, una rete di 5 itinerari escursionistici attraverso gli otto Paesi dell'arco alpino (oltre 5000 chilometri e 342 tappe giornaliere) e il Sentiero Italia, uno dei trekking più lunghi del mondo di oltre 6000 chilometri che attraversa gli Appennini e le Alpi. [post_title] => Valtellina, gli itinerari per gli appassionati di trekking [post_date] => 2019-05-27T14:38:33+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558967913000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351644 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il positivo bilancio della XXXIX edizione di FitCuba, conclusasi nel week end, ha visto anche un po' di Italia. In classifica per partecipazione dopo la Spagna, paese ospite d'onore, con 482 delegati, e la Russia a 166, ecco il nostro paese con 106. Il cammino verso i 5,1 milioni previsti dal MinTur vedrà anche la collaborazione del nostro paese, però lontano dai numeri (quasi il doppio) registrati negli anni passati. La parte del leone la fanno spagnoli e canadesi: i primi per investimenti i secondi per passeggeri, ma anche il Canada investe. Fra le novità dell’ultim’ora la catena canadese Blue Diamond ha firmato due importanti contrati di gestione alberghiera con il gruppo cubano Gran Caribe: Cayo Coco, con 350 camere e Varadero con 450. Cuba al momento dispone di 103 progetti in essere legati agli investimenti possibili nel turismo, per cui, compresi i 14 contratti di gestione e commercializzazione dei parchi marini ricreativi le attività turistiche presenti nell’isola contano 170 realtà a tutto ottobre 2018. A Cuba operano 19 catene alberghiere straniere, di 10 nazioni con 97 piani di gestione alberghiera il che equivale al 65% della capacità del paese. «Il 40° FitCuba si terrà al Melià Las Americas e al Melià Varadero che dispone del secondo più grande salone per congressi del paese - ha concluso Manuel Marrero Cruz, ministro del turismo cubano - per presentare tutte le novità che andremo a realizzare durante questo 2019». [post_title] => FitCuba, bilancio positivo. Italia sempre ben piazzata nella top ten [post_date] => 2019-05-13T09:50:01+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi [1] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi [1] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557741001000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350451 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Commissione peruviana per la promozione delle esportazioni e del turismo (Promperù) ha dichiarato che con la 26° edizione del Perù Travel Mart (Ptm 2019) si prevede di raggiungere un impatto economico nel settore turistico del Paese compreso tra i 23,5 e i 25 milioni di dollari. Il Ministro del Commercio Estero e del Turismo (Mincetur), Edgar Vasquez, ha ufficialmente lanciato questo importante evento, considerato la principale Borsa di negoziazione turistica del Perù. Il Ptm si terrà dal 17 al 20 maggio presso il Jockey Convention Center, a Lima. È prevista la partecipazione di 161 buyer provenienti da 27 Paesi, il 30% in più di quanto registrato nel 2018, oltre a 130 imprenditori peruviani convocati a questo appuntamento. Tra i 161 operatori turistici registrati, 124 sono nuovi partecipanti internazionali. Inoltre, 61 appartengono al target lusso, 19 al MICE (conferenze, mostre, congressi ed eventi) e 11 sono aziende. Si stima che si terranno circa 7000 riunioni di lavoro. Questa nuova edizione del Peru Travel Mart è organizzata da Promperù e dalla Camera Nazionale del Turismo, con la collaborazione del Ministero del Commercio Estero e del Turismo e degli Uffici Commerciali del Perù all'estero. [post_title] => Perù Travel Mart punta a un business da 25 milioni di dollari nel settore turistico [post_date] => 2019-05-07T09:17:29+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557220649000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350102 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono 1.020 i comuni italiani che a maggio 2019 applicano l’imposta di soggiorno (997 comuni) o la tassa di sbarco (23). Tali destinazioni, pur costituendo appena il 13% dei 7.915 municipi italiani, ospitano però il 75% dei pernottamenti registrati ogni anno in Italia. Lo rivela la settima edizione dell’indagine sull’imposta di soggiorno, realizzata dal Centro studi di Federalberghi in collaborazione con la New Mercury Tourism Consulting. Questi oltre mille comuni si distribuiscono, in particolare, per il 26% nel Nord-Ovest, per il 41,2% nel Nord-Est, per il 15,5% nel Centro e per il restante 17,3% nel Mezzogiorno. Il 31,6% dei comuni che applicano l’imposta di soggiorno (315 su 997) sono inoltre montani. Seguono le località marine con il 19,7% (196) e quelle collinari con il 16,1% (161). Le città d’arte sono “solo” 104, ma comprendono le cosiddette capitali del turismo italiano, che muovono grandi numeri. Le destinazioni lacuali, infine, sono 96 e quelle termali 40. Nel 2017 (ultimo anno per il quale sono disponibili i dati ufficiali), i comuni italiani hanno incassato circa 470 milioni di euro a titolo di imposta di soggiorno e tassa di sbarco. Il dato è in progressivo aumento: il gettito nazionale accertato era di circa 162 milioni di euro nel 2012 e 403 milioni nel 2015. Per il 2019, si può quindi stimare un introito di oltre 600 milioni di euro. Il trend è generato sia dalla costante crescita del numero di comuni che applicano l’imposta (oggi sono in tutto 1.020, erano 332 a luglio 2012) sia dai cospicui aumenti delle tariffe. La città con il maggior gettito è stata Roma, con un incasso pari a 130 milioni, il 27,7% del totale. L’incasso delle prime quattro (Roma, Milano, Venezia e Firenze) è superiore a 240 milioni: oltre il 58% del totale nazionale. Il peso delle grandi città si fa sentire anche sulla classifica regionale, guidata dal Lazio con quasi 135 milioni di euro. Seguono il Veneto con 63,7 milioni, la Lombardia con 59,5 milioni e la Toscana con 57,4 milioni. In queste quattro regioni viene raccolto il 67,1% del gettito complessivo. Non appaiono al contrario in graduatoria il Friuli-Venezia-Giulia (perché in questa regione l’imposta è stata introdotta nel 2018) e il Molise (l’imposta era stata istituita dal comune di Termoli, ma poi è stata soppressa in seguito a una sentenza del Tar). Lo studio evidenzia in conclusione che il governo non ha mai adottato il regolamento quadro che avrebbe dovuto fissare (entro il 6 giugno 2011) i principi generali per l’imposta di soggiorno. In assenza di una regola, i comuni si sono perciò mossi in ordine sparso, generando un quadro confuso: una famiglia di tre persone (padre, madre e figlio undicenne) che soggiorna per esempio in un albergo a 3 stelle per due giorni a Roma paga 24 euro di imposta di soggiorno, a Venezia 17,40 euro, a Rimini 12 euro, a Catanzaro 7,80 euro e a Bibione 6,30 euro. [post_title] => Gli albergatori tracciano l'identikit dell'imposta di soggiorno [post_date] => 2019-05-03T08:30:00+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => federalberghi [1] => firenze-2 [2] => milano-2 [3] => roma-2 [4] => tassa-di-soggiorno ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Federalberghi [1] => firenze [2] => milano [3] => roma [4] => tassa di soggiorno ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556872200000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349498 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_349499" align="alignleft" width="300"] L'esterno dello Stonewall inn[/caption] Per la prima volta nella storia il WorldPride si svolgerà negli Stati Uniti: New York ospiterà le celebrazioni che faranno eco in tutta la nazione, senza dimenticare che l’America è una destinazione Lgtb-friendly tutto l’anno. Dal drag bingo a Washington D.C. alle feste per le strade di Salt Lake City, passando per le mostre d’arte di New York e i club ispirati ai cowboy di San Francisco. Il primo evento WorldPride negli Stati Uniti, in programma dal 25 al 30 giugno 2019, sarà nella grande mela, che è una delle principali destinazioni Lgbt. Il WorldPride ricorderà, quest’anno, il 50esimo anniversario dei moti di Stonewall, accadimento del 28 giugno 1969, quando in risposta all’irruzione della polizia nel gay bar Stonewall Inn, nel Greenwich Village, scoppiò una rivolta. Il bar è oggi uno dei primi monumenti nazionali dedicati ai diritti Lgbt. Questa primavera si svolgeranno anche una serie di feste e parate nei vari “boroughs” della città. I più interessanti sono lo Staten Island PrideFest (10-19 maggio), l’Harlem Pride (31 maggio-29 giugno il X anniversario dell’Harlem Pride e il 100° anniversario per l’Harlem Reinassance, il Queens Pride (2 giugno), seguito da uno street festival pomeridiano, esibizioni di drag queen e cucina locale. NY city, comunque, oltre al WorldPride, offre tantissime esperienze Lgbt e resta una delle destinazioni più amate al mondo per la “nightlife”. Molti dei bar più popolari della città sono ancora situati nella zona del Greenwich Village, ma ci sono anche molti altri quartieri emergenti, in fatto di popolarità. Nel West Village, lo Stonewall Inn si conferma un una tappa imperdibile per un drink e, data la sua vetustà, nel 1916 fu inserito nella lista dei National Historic Landmark. Se siete interessati, da non perdere è anche Albatross, il più antico bar gay del Queens, per  cocktail economici e drag show. [post_title] => WorldPride: per la prima volta a New York per il 50° dei moti di Stonewall [post_date] => 2019-04-24T14:31:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556116293000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349382 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Romantik Hotel Post Cavallino Bianco di Nova Levante è un tradizionale 4 stelle immerso in un parco naturale di 45mila mq nel cuore delle vette dolomitiche. Molte le escursioni che si possono fare in estate a partire dal Romantik Hotel Post Cavallino Bianco, al centro di un reticolato di percorsi per fare trekking e sport nella natura. Ci sono 116 km di sentieri per fare escursioni brevi o lunghe, con la famiglia e i bambini, oppure da soli, partecipare a trekking guidati e tematici. Come il giro dei masi; il sentiero di Agatha Christie, in omaggio alla scrittrice che nel 1927 soggiornò nella zona raccontando di un labirinto roccioso; i tour intorno al Catinaccio e al Latemar. Nova Levante è l’ideale per andare a cavallo. I cavalli Quarter addestrati per la monta americana si trovano nel Cavallino Ranch, la scuderia che sorge accanto all’hotel, con 11 box, Paddocks, una grande arena di equitazione, pascoli e un roundpen coperto. Gli amanti dei cavalli, possono scegliere la proposta “Il paradiso dei cavalieri”, che include 7 notti, un pacchetto di 5 lezioni di equitazione, una cavalcata di un’ora, un trattamento viso CavallinoSpa sensitive e un massaggio rilassante Balance. Il prezzo è a partire da 1077 euro, con 10 ore di lezione e mezza pensione. Dal 30 giugno al 31 agosto 2019 ci sono le Settimane per famiglie tra Dolomiti, favole e leggende. La proposta include 7 notti al Romantik Hotel Post ed un programma molto speciale: la caccia al tesoro, le passeggiate per le famiglie, l’escursione notturna con le fiaccole al Lago di Carezza, la passeggiata stellare. Il pacchetto per la famiglia che include 2 adulti con 1 bambino dai 6 ai 12 anni è a partire da 1.929 euro.     [post_title] => Romantik Post Cavallino Bianco, escursioni a cavallo o in mountain bike [post_date] => 2019-04-23T11:47:31+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556020051000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348790 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Firmato un protocollo di intesa per lo sviluppo di quello che è destinato, nel porto di Piombino, a diventare uno dei maggiori poli per il traffico di auto nuove; il protocollo di intesa siglato dalla Regione Toscana, Enrico Rossi, dal sindaco di Piombino, Massimo Giuliani e dall’amministratore di Manta Logistics, Massimo Ringoli, segna anche una svolta nella collaborazione fra imprese internazionali: Manta Logistics è infatti controllata pariteticamente dal Gruppo Onorato, che sbarca ufficialmente nel settore del trasporto di auto nuove, e da Ars Altman, gruppo bavarese leader in Europa nella logistica automotive. Il protocollo di intesa, che ha nel ripristino dello status di banchina pubblica dell’accosto principale di Piombino e nell’affidamento a Manta Logistics di aree che a regime supereranno i 300.000 metri quadri di piazzali, prevede invece scadenze puntuali con l’obiettivo di una movimentazione di auto di oltre 230.000 veicoli, ma specialmente con una ricaduta sul territorio che, al 2023, è quantificata in oltre 100 milioni di lavoro indotto nell’area di Piombino senza contare l’impatto su una delle compagnie portuali italiane letteralmente annientate dalla mancanza di lavoro (13 su 72 permanentemente incassa integrazione). «La formula alla base del nostro impegno in Manta Logistics – sottolinea Achille Onorato, ceo del Gruppo armatoriale italiano – è ovviamente quello di costruire una nuova opportunità di crescita e diversificazione delle nostre attività di trasporto marittimo, ma anche di realizzare insieme con il nostro partner Ars Altman un polo produttivo che dialoghi direttamente, e quindi in modo innovativo, con le principali case automobilistiche generando ricchezza e occupazione in Italia».       [post_title] => Piombino maxi hub: intesa tra Toscana, Gruppo Onorato e Ars Altmann [post_date] => 2019-04-16T16:27:46+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555432066000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348788 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Questa mattina, presso Casa Milan, luogo simbolico che suggella la recente partnership tra la società calcistica e Avis Budget Group Italia, l'azienda ha presentato in anteprima Avis App e diverse soluzioni innovative per il rent a car ed il futuro già presente della mobilità italiana. L’innovazione è al centro della mission di Avis. «Vogliamo diventare i provider numero uno di sistemi di mobilità sostenibile, connessa, integrata e on demand, per consumatori, aziende e città », afferma Gianluca Testa, managing director Italia southern region. Tre le linee strategiche del gruppo. In primis reinventare l’esperienza di noleggio, che si traduce nella volontà di ripensare l’offerta del servizio e fornire al cliente il controllo totale dell’esperienza; anche tramite la nuova App, che permette di scegliere e rintracciare la vettura, confermare e siglare il contratto interamente tramite smartphone. «Inoltre, puntiamo a digitalizzare il business, entro il 2020 avremo una flotta completamente “connessa”. Stiamo anche integrando la nostra piattaforma tecnologica con quella di aziende partner di livello, come Uber, Lift, Brightline, e saremo in grado di offrire un completo fleet management su scala globale. Infine, proponiamo soluzioni per migliorare l’“intermobilità” a minor impatto ambientale che consentono alle amministrazioni comunali delle più grandi città italiane di elaborare un modello di smart mobility di riferimento europeo», conclude Testa. L’azienda è presente nel mondo in 181 paesi e conta 11 mila agenzie di noleggio e 650 mila veicoli, per un totale di 9,1 miliardi di fatturato annuo. In Italia vanta una flotta euro 6, con oltre mille auto ibride e 30 auto elettriche. [post_title] => Avis Budget Group Italia lancia l'era dell'intermobilità digitale e personalizzata [post_date] => 2019-04-16T16:18:13+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555431493000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 347972 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «In Italia le crociere sono nuovamente in forte crescita. Lo indicano le previsioni del 2019, con un +7,13% in termini di passeggeri movimentati. Ma lo indicano, anche e soprattutto, le previsioni 2020, con un ulteriore +7,88%. Ritengo che un risultato così positivo vada ricondotto principalmente alle nuove unità che stanno entrando a far parte di tutte le più importanti flotte da crociera». E' il commento del presidente di Cemar Agency Network di Genova, Sergio Senesi, ai dati presentati in occasione del Seatrade Cruise Global in corso a Miami. Il network ligure prevede che, al termine del 2019, saranno ben 11 milioni 911 mila i passeggeri movimentati nei porti italiani (+7,13% rispetto al 2018). Le toccate saliranno invece a 4.860 unità, mentre saranno 149 le navi in transito nelle acque tricolori in rappresentanza di 46 compagnie di navigazione. Fortemente positive sono anche le primissime valutazioni per il 2020. Le proiezioni indicano infatti un’ulteriore importante crescita del settore, che consentirà di sfiorare i 13 milioni di passeggeri movimentati (+7,88% rispetto al 2019). Nel 2019 saranno in particolare 70 i porti italiani coinvolti nel traffico crocieristico. Proseguirà il primato di Civitavecchia, con 2 milioni 567 mila passeggeri movimentati (+5,13% rispetto al 2018). Seguiranno Venezia con 1 milione 544 mila (-1,06%) e al terzo posto Genova con 1 milione 343 mila (+32,79%). Sarà quindi la volta di Napoli con 1 milione 187 mila (+20,35%) e Livorno con 812 mila (+3,29%). La classifica dei primi dieci porti italiani si chiuderà quindi con Savona, Bari, La Spezia, Palermo e Messina. Tra le compagnie che nel 2019 movimenteranno il maggior numero di passeggeri nei porti italiani, il podio è quindi occupato da Msc Crociere (3 milioni 622 mila pax), Costa Crociere (2 milioni 725 mila pax) e Norwegian Cruise Line (863 mila pax). «Le previsioni positive per il biennio 2019-2020 - ha concluso Senesi - non ci devono indurre ad abbassare la guardia. L’Italia è infatti la prima destinazione crocieristica del Mediterraneo e, grazie alle prossime navi in consegna durante questo biennio, unità sempre più green, ci sarà ulteriore spazio di crescita. Resta però sempre l’incognita Venezia, che a oggi non è stata risolta e che crea forti dubbi sulle future programmazioni per l’intero Mar Adriatico». [post_title] => Cemar: la crocieristica italiana è in salute ma pesa l'incognita Venezia [post_date] => 2019-04-10T10:09:05+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => cemar-agency-network [1] => civitavecchia [2] => crociere [3] => genova [4] => in-evidenza [5] => seatrade-cruise-global [6] => sergio-senesi [7] => venezia ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Cemar Agency Network [1] => Civitavecchia [2] => crociere [3] => Genova [4] => In evidenza [5] => Seatrade Cruise Global [6] => Sergio Senesi [7] => venezia ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554890945000 ) ) )

Lascia un commento