6 August 2020

1568

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Iscritta alle liste di mobilità, 35 anni, decennale esperienza presso agenzie viaggi, uso di Amadeus e Galileo, biglietteria ferroviaria nazionale e internazionale Sipax, ottima conoscenza dei prodotti dei principali tour operator, biglietteria marittima, uso di Aves.
Conoscenze linguistiche: inglese, francese, spagnolo. Conoscenza pacchetto Office e utilizzo di internet e social network.
Cerco lavoro c/o agenzie viaggi/tour operator zona Milano Centro o Milano Est.
Mail: cv.barbaram@yahoo.it – cell. 342 0025149 (dopo le 18,30).


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la ricaduta del turismo via mare sui territori toccati dalle navi, ma soprattutto aumenta il traffico complessivo della crocieristica, così come dei traghetti, degli aliscafi e dei catamarani. Più articolato, invece, il giudizio sulla nautica, mentre anche il comparto dei traghetti soffre ancora di un certo ritardo in tema di standard dell'offerta. Sono i risultati principali dell'ultima edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report, presentato ad Ancona da Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo, in apertura della quarta edizione dell'Adriatic Sea Forum - cruise, ferry, sail & yacht. Nel 2018 sono ammontate in particolare a 420 milioni di euro le spese turistiche a terra sostenute dai crocieristi e da chi sceglie di muoversi in traghetto, in aliscafo o in catamarano per le proprie vacanze in Adriatico (escursioni e visite, pernottamenti, pre-post viaggio, shopping e ristorazione...). In termini di traffico complessivo, le previsioni di Risposte Turismo per il 2019 parlano quindi di 5,52 milioni passeggeri movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 7,3% rispetto al 2018. In aumento pure le toccate nave (+7,2%), per un totale di 3.307 approdi. L’anno in corso dovrebbe invece chiudersi con Venezia saldamente al primo posto con 1,56 milioni di crocieristi movimentati (stabile rispetto al 2018) e 502 toccate nave (stabile), seguita da Corfù con 787 mila crocieristi (+7%) e 416 toccate nave (+0,7%), nonché Dubrovnik, con 745 mila crocieristi (+1,8%) e 475 toccate nave (+8,4%). Ma l'Adriatic Sea Tourism Report contiene anche un focus dedicato alla movimentazione passeggeri su traghetti, aliscafi e catamarani. L’anno in corso dovrebbe in particolare chiudersi con una leggero aumento ulteriore rispetto ai già positivi risultati registrati nel 2018 (19,74 milioni di passeggeri movimentati, +2,4% sul 2017): il migliore degli ultimi dieci anni. Tra i porti esaminati, le previsioni 2019 sono positive per Zara (2,43 milioni di passeggeri movimentati, + 1-2%), Durres (875mila, +2,6%), Dubrovnik (575mila, +3%), Sibenik (300mila, +3%), Rijeka (150mila, 16%) e Pola (12mila, +2,2% su rotte costiere e stabile sulle rotte internazionali). Stabile, al contrario, la movimentazione passeggeri prevista a fine anno nei porti di Ancona, Saranda, Porec, Trieste, Rovigno, Pesaro e Umago/Novigrad. Il rapporto, infine, prova a gettare uno sguardo anche sul comparto nautico dei sette Paesi che si affacciano sull'Adriatico. Tra questi, l’Italia conferma la propria leadership nell’area con 186 marine (56% del totale) e oltre 49 mila posti barca (il 65,6% del totale). A seguire Croazia (125 marine e oltre 17.400 posti barca) e la coppia Slovenia – Montenegro, con 8 marine e, rispettivamente, poco più di 3.100 e 2.800 posti barca. L’analisi del versante italiano dell’Adriatico fa tuttavia emergere uno scenario in chiaro scuro: se da un lato infatti alcune strutture stanno riscontrando un periodo di difficoltà, continuando tuttavia a operare in attesa di nuovi investitori e della ripresa del mercato, dall’altro sono in programma nel prossimo biennio importanti ampliamenti, per complessivi ulteriori 2.570 posti barca. «Nonostante i nodi da sciogliere su Venezia, il traffico crocieristico quest’anno crescerà significativamente in Adriatico grazie al lavoro compiuto da tutti gli operatori attivi nell’area – è il commento di di Cesare -. Viceversa, il comparto dei traghetti continua a prestarsi a una doppia lettura. Da un lato, infatti, si evidenzia la sua rilevanza nelle direttrici di spostamento dei turisti in Adriatico e le ampie potenzialità di crescita, dall’altro si registra ancora un ritardo rispetto agli standard, per esempio di offerta e di promozione, che altre soluzioni di trasporto hanno adottato da tempo. Per la nautica, infine, le indicazioni che abbiamo raccolto attraverso la nostra indagine fanno intravedere uno 2019 positivo. Ciò potrebbe tradursi in un maggior tasso di occupazione delle marine che oggi, per dimensioni e standard, sono già pronte ad accogliere livelli più elevati di traffico». [post_title] => Bene il turismo via mare in Adriatico ma i traghetti possono fare di meglio [post_date] => 2019-05-31T09:15:44+00:00 [category] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => adriatico [1] => francesco-di-cesare [2] => in-evidenza [3] => risposte-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Adriatico [1] => Francesco di Cesare [2] => In evidenza [3] => Risposte turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559294144000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353534 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Raffles Hotels & Resorts annunicia l'apertura di due importanti nuovi hotel, Raffles Shenzhen e Raffles Maldive Meradhoo. Le strutture hanno aperto le proprie porte all'inizio di maggio ed è già possibile effettuare prenotazioni sul sito web del marchio: raffles.com. Un paradiso per i reali, le stelle del cinema, gli scrittori e gli artisti, gli hotel e i resort Raffles sono stati teatro di molti eventi culturali e aneddoti straordinari. «La collezione Raffles comprende ora 14 proprietà in 12 paesi, con una lista attentamente curata di indirizzi distinti nei principali mercati di tutto il mondo - ha dichiarato Chris Cahill, deputy ceo Accor - Con una storia lunga più di 130 anni, Raffles sta vivendo un momento di rinascita, con una pipeline di progetti robusta che vedrà il portfolio aggiungere altri 8-10 hotel nei prossimi anni». Il Raffles Shenzhen presenterà il massimo del lusso e del servizio su misura a Shenzhen con un totale di 168 camere spaziose e residence serviti direttamente dall’hotel. Nel sud dell'arcipelago delle Maldive, il  Raffles Maldives Meradho permette invece di evadere dalla vita di tutti i giorni in un posto lontano dal mondo. Circondato dalle acque cristalline dell'Oceano Indiano la struttura comprende 21 ville sulla spiaggia e 16 ville sull'acqua. Gli ospiti dopo un volo interno, vengono trasportati in motoscafo nell'oasi privata di Meradhoo, dove ricevono le attenzioni dei maggiordomi Raffles, insieme a un servizio esclusivo sulla spiaggia,  un club per bambini e chef privati.   [post_title] => Raffles Hotels: due nuove strutture in Cina e alle Maldive [post_date] => 2019-05-28T15:20:08+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559056808000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352253 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Successo annunciato e ora confermato alla grande per la ‘geo-intelligence’ di Costa Crociere, il sistema che combina big data di molte provenienze – sociodemografici, dalle carte di credito e altre fonti sul territorio – con i database della compagnia. E poi coinvolge le agenzie nella ricerca, finalmente miratissima, di nuovi clienti culturalmente e commercialmente pronti per partire in crociera, scovati dall’avanzatissimo sistema nei luoghi in cui vivono, lavorano, spendono e si divertono. Lo aveva annunciato un anno fa Massimo Brancaleoni, senior vice president world wide sales di Costa Crociere. Ne ha parlato oggi Daniel Caprile, direttore commerciale Italia di Costa Crociere, accogliendo le agenzie ospiti di Costa Favolosa per I protagonisti del Mare 2019, l’evento che ogni anno festeggia i top seller della compagnia, alla 26esima edizione. Da gennaio sono partite 160 attività di marketing strutturate e mirate in base ai dati forniti dalla geo-intelligence di Costa Crociere. «Chi se ne è servito – ha annunciato orgogliosamente Caprile – ha fatto crescere i ricavi su Costa del 168% in media». Il dato fa colpo, e promette sviluppi importanti. Del sistema ha approfittato ad esempio Antonio Tedesco con la sua Andirivieni Travel a Corigliano Calabro, uno dei primi premiati de I Protagonisti del Mare 2019, che nella foto sopra ritira il premio ‘geo-intelligence’ da Daniel Caprile.   [post_title] => Costa Crociere geo-intelligence: ricavi più che raddoppiati in agenzia [post_date] => 2019-05-16T14:55:48+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558018548000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352190 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Airbus ha consegnato primo A330neo del continente americano ad Azul Linhas Aéreas, nell’ambito di un contratto di leasing da Avolon. Azul diventa così il primo vettore delle Americhe a operare un A330neo-900. L’A330neo sarà utilizzato dal vettore per espandere la propria rete di collegamenti internazionali tra il Brasile, l'Europa e gli Stati Uniti. Con una configurazione in tre classi, che conta 34 poltrone in business, 96 in Economy Xtra e 168 in Economy, l’A330neo offre ai passeggeri livelli di comfort elevati unitamente a un’esperienza di volo moderna e avanzata, mentre il vettore può beneficiare di una redditività ineguagliabile. Fondata nel 2008, Azul è un vettore brasiliano che serve 108 destinazioni in Sud America, Stati Uniti e Portogallo.  Airbus ha venduto 1.200 aeromobili, ha un portafoglio ordini di quasi 600 aeromobili e circa 700 sono in attività in America Latina e nei Caraibi, rappresentando una quota di mercato del 56% della flotta in servizio. Dal 1994, Airbus ha totalizzato quasi il 70% degli ordini netti nella regione. [post_title] => Azul è la prima compagnia delle Americhe ad operare con un A330neo [post_date] => 2019-05-16T11:27:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558006074000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351663 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È una della partecipazioni importanti quella di Cipro alla Biennale Arte di Venezia 2019, aperta al pubblico dall’11 maggio, anche perché avviene all’insegna di un significativo ritorno: protagonista del padiglione cipriota, con la retrospettiva Untimely, again [Di nuovo fuori tempo] allestita presso la sede dell’Associazione Culturale Spiazzi, sarà, infatti, Christoforos Savva, scelto nel 1968, con altri 5 artisti, per rappresentare Cipro nel suo padiglione inaugurale e deceduto improvvisamente pochi giorni dopo l’apertura. L’esposizione veneziana curata da Jacopo Crivelli Visconti, che riprende parzialmente nei contenuti la mostra Untimely on time: Christoforos Savva (1924-1968), allestita lo scorso gennaio per inaugurare con un omaggio all’artista la nuova Galleria Statale di Arte Contemporanea – SPEL di Lefkosia (Nicosia), è una preziosa occasione per avvicinarsi a una delle figure più rivoluzionarie del panorama artistico cipriota del XX secolo. Le opere esposte daranno vita a un vero e proprio viaggio attraverso la visione artistica di Savva. La coesistenza di stili e l'ampia gamma di temi e riferimenti che compaiono nelle sue opere - arte classica greca, arte africana, artigianato cipriota, arte popolare, arte informale, pop art e movimenti d'avanguardia - sembrano suggerire che gli aspetti prettamente formali non fossero per lui un ostacolo o un vincolo. La partecipazione della repubblica di Cipro alla Biennale Arte 2019 è organizzata dal Ministero dell’Istruzione e della Cultura Cipriota, in collaborazione con il Point Centre for Contemporary Art di Lefkosia.     [post_title] => Cipro alla Biennale di Venezia, retrospettiva di Christophoros Savva [post_date] => 2019-05-13T09:36:07+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557740167000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350471 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I Giardini botanici nazionali della università de La Habana, si trovano a circa 25 km dalla capitale. In uno scenario che passa dalla foresta primaria al bosco vi sono conservate, catalogate e studiate oltre 3000 specie botaniche. La grande estensione del complesso, 550 ettari, non deve spaventare i visitatori che possono coprire un esaustivo “recorrido” in circa due ore. «E’ una solida istituzione scientifica e pedagogica - ha rimarcato la direttrice del complesso Nora F. Hernandèz Monterrey – un preludio all’ecoturismo cubano. Qui si può trovare un valido concentrato della biodiversità per cui Cuba è famosa con la maggiore densità di piante differenti per kmq sul pianeta». Dapprima una fattoria per l’allevamento del bestiame, il giardino botanico è stato fondato nel 1968 e aperto al pubblico nel 1984. Lo visitano circa 50mila cubani e 30mila stranieri l’anno e si sta affermando come una delle nuove attrazioni dell’area habanera, stimato quale uno dei 10 più grandi giardini botanici del mondo. Uno dei punti di forza è il così detto “palmetum” che ospita 250 varietà di palme, di cui una novantina endemiche, su un’area di 50 ettari. Un altro gioiello è il “giardino giapponese” l’unico del paese, inaugurato nel 1989, e in via di ampliamento per il 500° compleanno de La Habana. Nell’ambito turistico e specificatamente per il settore incentive, è possibile organizzare eventi in questa location davvero suggestiva.I progetti futuri prevedono anche l’apertura della Casa del Campesino, una sorta di lodge ospitale che dovrebbe aprire nel 2020 e fra le attrazioni una zipline in un ambiente del tutto naturale. [post_title] => Cuba: l’eredità “campesina” al servizio del turismo verde con i giardini botanici [post_date] => 2019-05-07T15:12:54+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557241974000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350480 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Bilancio positivo per Aeroporti di Puglia che nel periodo gennaio – aprile di quest’anno ha registrato su Bari e Brindisi 2.152.000 passeggeri, in crescita del +9,8 % rispetto allo stesso periodo del 2018. La linea internazionale, con oltre 687 mila passeggeri, cresce del +17,5%, mentre il dato riferito alla linea nazionale, con 1,450 milioni di passeggeri registra un +6,5%.  Nel periodo in esame  i passeggeri su Bari sono stati 1,48 milioni (+14,5%) e 670mila su Brindisi, dei quali 140.000 riferiti a voli di linea internazionale (+17,3%). «L’internazionalizzazione dell’offerta e l’incremento del traffico incoming dai più importanti mercati esteri costituisce una delle linee guida della nostra programmazione strategica - dichiara Tiziano Onesti Presidente di Aeroporti di Puglia - Il risultato registrato su Bari e Brindisi rappresenta in modo evidente l’attenzione dedicata  allo sviluppo della componente internazionale, la cui incidenza rispetto ai volumi complessivi di traffico diviene sempre più significativa. Siamo certi che tutto ciò, unito a un complessivo miglioramento delle connessioni intermodali, in un contesto di sistema che coinvolge tutti i principali stakeholder, porterà ulteriori benefici al sistema economico e turistico di tutta l'area e con esso allo sviluppo aeroportuale». Il risultato dei primi quattro mesi 2019 beneficia dell’ottimo andamento del mese di aprile che, complessivamente, con 661mila passeggeri ha registrato su Bari e Brindisi un incremento del 9,7% del traffico. In particolare si segnala l’incremento del 20,2% delle linea internazionale, determinato dal +17,4% (195mila passeggeri) di Bari e dal +30,5% (59mila passeggeri) di Brindisi. [post_title] => Aeroporti Puglia, tra gennaio ed aprile traffico in crescita del 9,8% [post_date] => 2019-05-07T09:27:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557221220000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349993 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ana Holdings archivia in positivo l'anno finanziario 2018-19 (chiuso lo scorso 31 marzo). Ana ha visto aumentare - rispetto al precedente anno finanziario - il numero dei passeggeri trasportati sulle rotte internazionali (+3,6%) - per un totale record di oltre 10 milioni - e il relativo fatturato (+9,1%). Cresce anche il fatturato del network domestico (+1%) e il numero dei passeggeri trasportati (+ 0,4%). Buoni risultati vengono dal comparto cargo a livello internazionale, con un fatturato in crescita del +5,9%, e positivo è anche il comparto Lcc, che registra un incremento sia dei passeggeri (+4,6%) che del fatturato (+6,9%). Sebbene vi siano preoccupazioni per una tendenza al ribasso di alcune economie estere e incertezze sulle politiche commerciali, le prospettive per l’economia giapponese per il prossimo anno finanziario mostrano una crescita continua e graduale dovuta al miglioramento del contesto occupazionale e all'effetto positivo di varie nuove politiche governative. Considerata la situazione di mercato e le iniziative in atto Ana Holding prevede, per l’anno finanziario che si concluderà a marzo 2020, un aumento del fatturato (+4,5% per un totale di 2.150 miliardi di Yen – circa 16,7 miliardi di euro) con utile un operativo uguale all’anno finanziario appena conclusosi (165 miliardi di Yen – circa 1,28 miliardi di euro). «Il Gruppo Ana  - spiega una nota - sta implementando una serie di misure per realizzare la sua visione strategica di "diventare il gruppo aereo leader mondiale" in linea con la sua strategia aziendale di medio termine». [post_title] => Ana chiude con risultati in crescita l'esercizio 2018-19 [post_date] => 2019-05-02T12:03:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556798639000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349876 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_242407" align="alignright" width="300"] La Spezia[/caption] Sabato 4 e domenica 5 maggio i Musei Civici della Spezia proporranno laboratori gratuiti per famiglie nell’ambito del progetto “Kid Pass Days!”, la più importante maratona italiana di attività ed eventi family-friendly. I Kid Pass Days sono il maggiore programma di attività a misura di bambini d’Italia con lo scopo di diffondere sempre più l’accessibilità e l’accoglienza a loro rivolta nel nostro paese. Nell’occasione, i partecipanti potranno scegliere di aderire a un solo laboratorio o immergersi in un avvincente itinerario che li condurrà da un museo all’altro; infatti abbiamo cercato di non sovrapporre gli orari dei laboratori e di lasciare il tempo di spostarsi in tutti i musei per fare un’esperienza quanto mai varia e divertente. I laboratori ideati dai conservatori dei Musei saranno tenuti dagli operatori didattici della Coop Zoe.Ecco il programma completo: Sabato 4 maggio 2019; CAMeC  (Centro Arte Moderna e Contemporanea), dalle ore 15.30 alle 16.30, Invasioni creative. Museo del Castello (Via XXVII Marzo) dalle ore 16.45 alle ore 17.45; Giochiamo con gli antichi Egizi. Museo Etnografico (Via Prione 156), dalle ore 18 alle ore 19; RiciclARTE. Domenica 5 maggio 2019, Museo Lia (Via del Prione 234), dalle ore 15,30 alle ore 16.30 ;Caccia al Tesoro nelle sale del Museo. Museo del Sigillo (Via del Prione 234), dalle ore 16.30 alle ore 17.30; Il misterioso monsieur J. F. Palazzina delle Arti (Via Prione 234), dalle ore 17.30 alle ore 18.30; Matrice, inchiostro, torchio: alla scoperta dell’incisione [post_title] => La Spezia, il 4 e 5 maggio i Kid Pass days nei musei civici cittadini [post_date] => 2019-04-30T14:44:08+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556635448000 ) ) )

Lascia un commento