6 August 2020

1566

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

ESPERIENZA VENTENNALE MATURATA NEL SETTORE AGENZIE DI VIAGGIO. OFFRESI PART – TIME COME AIUTO BANCONISTE, ASSISTENZA CLIENTI etc…zona TORINO E PROVINCIA.
TEL. 011 9846487, Daria.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la ricaduta del turismo via mare sui territori toccati dalle navi, ma soprattutto aumenta il traffico complessivo della crocieristica, così come dei traghetti, degli aliscafi e dei catamarani. Più articolato, invece, il giudizio sulla nautica, mentre anche il comparto dei traghetti soffre ancora di un certo ritardo in tema di standard dell'offerta. Sono i risultati principali dell'ultima edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report, presentato ad Ancona da Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo, in apertura della quarta edizione dell'Adriatic Sea Forum - cruise, ferry, sail & yacht. Nel 2018 sono ammontate in particolare a 420 milioni di euro le spese turistiche a terra sostenute dai crocieristi e da chi sceglie di muoversi in traghetto, in aliscafo o in catamarano per le proprie vacanze in Adriatico (escursioni e visite, pernottamenti, pre-post viaggio, shopping e ristorazione...). In termini di traffico complessivo, le previsioni di Risposte Turismo per il 2019 parlano quindi di 5,52 milioni passeggeri movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 7,3% rispetto al 2018. In aumento pure le toccate nave (+7,2%), per un totale di 3.307 approdi. L’anno in corso dovrebbe invece chiudersi con Venezia saldamente al primo posto con 1,56 milioni di crocieristi movimentati (stabile rispetto al 2018) e 502 toccate nave (stabile), seguita da Corfù con 787 mila crocieristi (+7%) e 416 toccate nave (+0,7%), nonché Dubrovnik, con 745 mila crocieristi (+1,8%) e 475 toccate nave (+8,4%). Ma l'Adriatic Sea Tourism Report contiene anche un focus dedicato alla movimentazione passeggeri su traghetti, aliscafi e catamarani. L’anno in corso dovrebbe in particolare chiudersi con una leggero aumento ulteriore rispetto ai già positivi risultati registrati nel 2018 (19,74 milioni di passeggeri movimentati, +2,4% sul 2017): il migliore degli ultimi dieci anni. Tra i porti esaminati, le previsioni 2019 sono positive per Zara (2,43 milioni di passeggeri movimentati, + 1-2%), Durres (875mila, +2,6%), Dubrovnik (575mila, +3%), Sibenik (300mila, +3%), Rijeka (150mila, 16%) e Pola (12mila, +2,2% su rotte costiere e stabile sulle rotte internazionali). Stabile, al contrario, la movimentazione passeggeri prevista a fine anno nei porti di Ancona, Saranda, Porec, Trieste, Rovigno, Pesaro e Umago/Novigrad. Il rapporto, infine, prova a gettare uno sguardo anche sul comparto nautico dei sette Paesi che si affacciano sull'Adriatico. Tra questi, l’Italia conferma la propria leadership nell’area con 186 marine (56% del totale) e oltre 49 mila posti barca (il 65,6% del totale). A seguire Croazia (125 marine e oltre 17.400 posti barca) e la coppia Slovenia – Montenegro, con 8 marine e, rispettivamente, poco più di 3.100 e 2.800 posti barca. L’analisi del versante italiano dell’Adriatico fa tuttavia emergere uno scenario in chiaro scuro: se da un lato infatti alcune strutture stanno riscontrando un periodo di difficoltà, continuando tuttavia a operare in attesa di nuovi investitori e della ripresa del mercato, dall’altro sono in programma nel prossimo biennio importanti ampliamenti, per complessivi ulteriori 2.570 posti barca. «Nonostante i nodi da sciogliere su Venezia, il traffico crocieristico quest’anno crescerà significativamente in Adriatico grazie al lavoro compiuto da tutti gli operatori attivi nell’area – è il commento di di Cesare -. Viceversa, il comparto dei traghetti continua a prestarsi a una doppia lettura. Da un lato, infatti, si evidenzia la sua rilevanza nelle direttrici di spostamento dei turisti in Adriatico e le ampie potenzialità di crescita, dall’altro si registra ancora un ritardo rispetto agli standard, per esempio di offerta e di promozione, che altre soluzioni di trasporto hanno adottato da tempo. Per la nautica, infine, le indicazioni che abbiamo raccolto attraverso la nostra indagine fanno intravedere uno 2019 positivo. Ciò potrebbe tradursi in un maggior tasso di occupazione delle marine che oggi, per dimensioni e standard, sono già pronte ad accogliere livelli più elevati di traffico». [post_title] => Bene il turismo via mare in Adriatico ma i traghetti possono fare di meglio [post_date] => 2019-05-31T09:15:44+00:00 [category] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => adriatico [1] => francesco-di-cesare [2] => in-evidenza [3] => risposte-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Adriatico [1] => Francesco di Cesare [2] => In evidenza [3] => Risposte turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559294144000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351896 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Anche quest'anno Air France è partner e vettore ufficiale del Festival di Cannes, la cui 72ma edizione si terrà dal 14 al 25 maggio 2019. Per l'occasione, l'azienda festeggia 39 anni di collaborazione con la più grande mostra internazionale della settima arte. Air France sta adattando la propria offerta di intrattenimento ‘movie’ a bordo dei voli a lungo raggio con una selezione di film pluripremiati delle precedenti edizioni del Festival di Cannes. A maggio, in particolare, potranno vedere Capharnaüm di Nadine Labaki (2018), Sofia di Meryem Benm'Barek (2018) e Hyènes di Djibril Diop Mambéty (1992). Air France è orgogliosa di aver ospitato le riprese del film Sibyl, della regista Justine Triet e di due delle sue attrici Virginie Efira e Adèle Exarchopoulos, presentato al concorso ufficiale del Festival di Cannes! Il film sarà proiettato il 24 maggio 2019 sulla Croisette, contemporaneamente all'uscita al cinema.  Sin dal primo film proiettato - Un americano a Parigi - a bordo di un Costellation sulla tratta New York - Parigi nel 1951 e successivamente, nel maggio 1966, quando Viva Maria! di Louis Malle ha segnato l'introduzione di due film nel proprio programma di voli a lungo raggio, il cinema fa parte del dna di Air France ed è ora una parte fondamentale dell'esperienza di viaggio.   [post_title] => Air France, 39 anni di collaborazione con il Festival di Cannes [post_date] => 2019-05-14T12:29:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557836962000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351644 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il positivo bilancio della XXXIX edizione di FitCuba, conclusasi nel week end, ha visto anche un po' di Italia. In classifica per partecipazione dopo la Spagna, paese ospite d'onore, con 482 delegati, e la Russia a 166, ecco il nostro paese con 106. Il cammino verso i 5,1 milioni previsti dal MinTur vedrà anche la collaborazione del nostro paese, però lontano dai numeri (quasi il doppio) registrati negli anni passati. La parte del leone la fanno spagnoli e canadesi: i primi per investimenti i secondi per passeggeri, ma anche il Canada investe. Fra le novità dell’ultim’ora la catena canadese Blue Diamond ha firmato due importanti contrati di gestione alberghiera con il gruppo cubano Gran Caribe: Cayo Coco, con 350 camere e Varadero con 450. Cuba al momento dispone di 103 progetti in essere legati agli investimenti possibili nel turismo, per cui, compresi i 14 contratti di gestione e commercializzazione dei parchi marini ricreativi le attività turistiche presenti nell’isola contano 170 realtà a tutto ottobre 2018. A Cuba operano 19 catene alberghiere straniere, di 10 nazioni con 97 piani di gestione alberghiera il che equivale al 65% della capacità del paese. «Il 40° FitCuba si terrà al Melià Las Americas e al Melià Varadero che dispone del secondo più grande salone per congressi del paese - ha concluso Manuel Marrero Cruz, ministro del turismo cubano - per presentare tutte le novità che andremo a realizzare durante questo 2019». [post_title] => FitCuba, bilancio positivo. Italia sempre ben piazzata nella top ten [post_date] => 2019-05-13T09:50:01+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi [1] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi [1] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557741001000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350629 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_350630" align="alignright" width="300"] I ministri del turismo di Spagna e Cuba: Maria Reyes Maroto Llera e Manuel Marrero Cruz[/caption] Maria Reyes Maroto Llera è stata l’ospite d’onore assieme alla Spagna alla presentazione ai media presenti (198 da 38 paesi) di FitCuba, come rappresentante istituzionale del paese iberico. «E’ un incontro che da 39 anni si è affermato come il più importante dell’area caraibica - esordisce Maroto Llera, ministro dell’Industria, commercio e turismo del governo Sanchez - e il suo palcoscenico, qui a San Cristobal de La Habana, è la celebrazione della cultura della luce dell’ispirazione artistica di questa città unica al mondo, così come è ammantata da un velo di decadenza che, se solo guardate oltre questo, potrete immaginare lo splendore che ha caratterizzato a partire dal XVI secolo, questa capitale speciale». La Spagna è sempre stata un partner importante del sistema turistico cubano che oggi più che mai si dirige verso una qualificazione del modello andando verso la sostenibilità. «Anche noi, nel comparto turistico iberico, abbiamo fatto notevoli sforzi per accelerare il processo di trasformazione del modello turistico per la conservazione del patrimonio e il miglioramento del servizio, la digitalizzazione, insomma una implementazione con un piano decennale che porti a questi risultati», ha proseguito Maroto Llera. Naturalmente anche gli investimenti spagnoli a Cuba sono aumentati e si sono riqualificati secondo queste guideline, perché comunque il turismo è un driver economico incredibile che non ha ancora raggiunto il proprio massimo delle potenzialità, anche indiretta, su vari aspetti dello sviluppo del paese. Il modello turistico cubano è in evoluzione costante. «Per quel che ci riguarda la Spagna - ha concluso il ministro - non accettiamo la recrudescenza del blocco nei confronti di Cuba da parte degli Usa, e l’applicazione del terzo comma della legge del 1966 Helms Burton, cosa che riteniamo contraria al diritto internazionale. La Spagna non solo intende difendere i propri interessi a Cuba, ma vuole tendere la mano al popolo cubano che non merita queste misure». [post_title] => Cuba: la Spagna paese ospite d’onore nel 500° compleanno dell'Avana, contro l'embargo [post_date] => 2019-05-08T09:47:24+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557308844000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350632 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_350633" align="alignright" width="232"] Il ministro del turismo cubano, Manuel Marrero Cruz[/caption] Idee chiare per il ministro del turismo cubano, Manuel Marrero Cruz nella conferenza di presentazione agli ospiti buyers ed alla stampa nello scenario del palazzo dei congressi de La Habana. Dopo il discorso di Maria Reyes Maroto Llera, ministro del Commercio, industria e turismo spagnolo, fortemente improntato all'amicizia fra i due paesi e al rigetto dell'insaprimento dell'embargo americano verso Cuba, l’atteso discorso programmatico del titolare del dicastero cubano, il cui prologo è stato dedicato ai festeggiamenti del mezzo millennio de La Habana. «In attesa del 16 novembre, il vero compleanno della nostra capitale, ogni giorno vi sarà un evento. Per prima cosa voglio dire che siamo vicini agli altri paesi colpiti dai provvedimenti del governo americano, l'inasprimento dell'embargo: Nicaragua e Venezuela, qui presenti attraverso i loro ministri del turismo Mario Salinas e Marlenys Contreras. FitCuba 2019, giunta alla 39° edizione ospita 198 giornalisti 38 paesi che desideriamo siano gli ambasciatori della qualità dell’accoglienza cubana». L’occasione è stata propizia per presentare Juan Carlos Garcia il nuovo primo viceministro del turismo. Non poteva mancare una menzione al titolo 3 della legge Helms Burton (1966) che l’amministrazione Trump ha rispolverato dopo la distensione dell’amministrazione precedente, fattore che unito all’uragano Irma ha certamente rallentato ma non firmato lo sviluppo del turismo cubano. «E’ importantissimo che si sappia - ha aggiunto Marrero - che chi investe a Cuba è garantito dal paese e da parte del Governo. Cuba non abbandonerà chi ci ha dato la mano nei momenti difficili». Un messaggio molto diretto per Canada, EU e soprattutto Spagna. [post_title] => Manuel Marrero Cruz: la tutela degli investitori stranieri innanzitutto [post_date] => 2019-05-08T08:00:48+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557302448000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349876 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_242407" align="alignright" width="300"] La Spezia[/caption] Sabato 4 e domenica 5 maggio i Musei Civici della Spezia proporranno laboratori gratuiti per famiglie nell’ambito del progetto “Kid Pass Days!”, la più importante maratona italiana di attività ed eventi family-friendly. I Kid Pass Days sono il maggiore programma di attività a misura di bambini d’Italia con lo scopo di diffondere sempre più l’accessibilità e l’accoglienza a loro rivolta nel nostro paese. Nell’occasione, i partecipanti potranno scegliere di aderire a un solo laboratorio o immergersi in un avvincente itinerario che li condurrà da un museo all’altro; infatti abbiamo cercato di non sovrapporre gli orari dei laboratori e di lasciare il tempo di spostarsi in tutti i musei per fare un’esperienza quanto mai varia e divertente. I laboratori ideati dai conservatori dei Musei saranno tenuti dagli operatori didattici della Coop Zoe.Ecco il programma completo: Sabato 4 maggio 2019; CAMeC  (Centro Arte Moderna e Contemporanea), dalle ore 15.30 alle 16.30, Invasioni creative. Museo del Castello (Via XXVII Marzo) dalle ore 16.45 alle ore 17.45; Giochiamo con gli antichi Egizi. Museo Etnografico (Via Prione 156), dalle ore 18 alle ore 19; RiciclARTE. Domenica 5 maggio 2019, Museo Lia (Via del Prione 234), dalle ore 15,30 alle ore 16.30 ;Caccia al Tesoro nelle sale del Museo. Museo del Sigillo (Via del Prione 234), dalle ore 16.30 alle ore 17.30; Il misterioso monsieur J. F. Palazzina delle Arti (Via Prione 234), dalle ore 17.30 alle ore 18.30; Matrice, inchiostro, torchio: alla scoperta dell’incisione [post_title] => La Spezia, il 4 e 5 maggio i Kid Pass days nei musei civici cittadini [post_date] => 2019-04-30T14:44:08+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556635448000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 347972 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «In Italia le crociere sono nuovamente in forte crescita. Lo indicano le previsioni del 2019, con un +7,13% in termini di passeggeri movimentati. Ma lo indicano, anche e soprattutto, le previsioni 2020, con un ulteriore +7,88%. Ritengo che un risultato così positivo vada ricondotto principalmente alle nuove unità che stanno entrando a far parte di tutte le più importanti flotte da crociera». E' il commento del presidente di Cemar Agency Network di Genova, Sergio Senesi, ai dati presentati in occasione del Seatrade Cruise Global in corso a Miami. Il network ligure prevede che, al termine del 2019, saranno ben 11 milioni 911 mila i passeggeri movimentati nei porti italiani (+7,13% rispetto al 2018). Le toccate saliranno invece a 4.860 unità, mentre saranno 149 le navi in transito nelle acque tricolori in rappresentanza di 46 compagnie di navigazione. Fortemente positive sono anche le primissime valutazioni per il 2020. Le proiezioni indicano infatti un’ulteriore importante crescita del settore, che consentirà di sfiorare i 13 milioni di passeggeri movimentati (+7,88% rispetto al 2019). Nel 2019 saranno in particolare 70 i porti italiani coinvolti nel traffico crocieristico. Proseguirà il primato di Civitavecchia, con 2 milioni 567 mila passeggeri movimentati (+5,13% rispetto al 2018). Seguiranno Venezia con 1 milione 544 mila (-1,06%) e al terzo posto Genova con 1 milione 343 mila (+32,79%). Sarà quindi la volta di Napoli con 1 milione 187 mila (+20,35%) e Livorno con 812 mila (+3,29%). La classifica dei primi dieci porti italiani si chiuderà quindi con Savona, Bari, La Spezia, Palermo e Messina. Tra le compagnie che nel 2019 movimenteranno il maggior numero di passeggeri nei porti italiani, il podio è quindi occupato da Msc Crociere (3 milioni 622 mila pax), Costa Crociere (2 milioni 725 mila pax) e Norwegian Cruise Line (863 mila pax). «Le previsioni positive per il biennio 2019-2020 - ha concluso Senesi - non ci devono indurre ad abbassare la guardia. L’Italia è infatti la prima destinazione crocieristica del Mediterraneo e, grazie alle prossime navi in consegna durante questo biennio, unità sempre più green, ci sarà ulteriore spazio di crescita. Resta però sempre l’incognita Venezia, che a oggi non è stata risolta e che crea forti dubbi sulle future programmazioni per l’intero Mar Adriatico». [post_title] => Cemar: la crocieristica italiana è in salute ma pesa l'incognita Venezia [post_date] => 2019-04-10T10:09:05+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => cemar-agency-network [1] => civitavecchia [2] => crociere [3] => genova [4] => in-evidenza [5] => seatrade-cruise-global [6] => sergio-senesi [7] => venezia ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Cemar Agency Network [1] => Civitavecchia [2] => crociere [3] => Genova [4] => In evidenza [5] => Seatrade Cruise Global [6] => Sergio Senesi [7] => venezia ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554890945000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 347041 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_347047" align="alignleft" width="300"] Bibiana Dirler e Maurizio Micheli[/caption] La differenza nell’ospitalità la fa l’anima della struttura. L’anima data dalla proprietà, dalla tradizione, dal personale, dall’atmosfera. Se si potesse dare un voto, ma non quello dei siti di recensioni, un voto personale qui si uscirebbe dalla scala delle valutazioni. L’Hotel Tyrol sta nel centro di Selva di Val Gardena, aperto dal 1966, è un punto di riferimento per l’ospitalità gardenese. Se vi capitasse di soggiornarci capireste l’importanza della “dinastia” dell’ospitalità partita da nonno Joseph Kasslatter, per passare alla leggendaria zia Frida, la cui forza aleggia ancora nell'hotel. La caratteristica del Tyrol è la gestione famigliare di Bibiana Dirler e Maurizio Micheli, ex cliente, originario della Val d’Orcia, trasformato in coniuge e co gestore, come in un film. L’hotel unisce l’autenticità e la tradizione con il carattere moderno di una struttura che ha le radici nel passato ma che guarda al futuro. «Per noi l’ospitalità è una cosa sacra - sorride raccontandosi Bibiana Dirler - e credo che l’attenzione con cui selezioniamo il personale, lo formiamo e lo facciamo parte della nostra famiglia e filosofia sia la miglior garanzia. Anna, la terapista dalla Sardegna, cui affidiamo la spa, il personale di sala, attento e sorridente, Marika la sommelier veronese, Alessandro Martellini il cuoco toscano che delizia il palato degli ospiti con il ristorante gourmet Suinsom, sono i migliori esempi. Come mi ha insegnato la zia Frida». Senza trascurare i minimi dettagli, l’accoglienza agli ospiti è improntata alla cordialità e all’autentica verve gardenese, con uno staff di oltre 45 addetti. Fedele alla tradizione, l’Hotel Tyrol non perde mai la sua anima alpina, attirando ospiti di ogni provenienza, fino ad aver ospitato il Presidente della Repubblica Sandro Pertini e grandi imprenditori e aristocratici dell’epoca, italiani e stranieri. Tra le particolarità i del Tyrol vi è un’ incantevole baita sull’Alpe Juac, in un alpeggio da cui si gode un panorama meraviglioso sulle montagne del Sassolungo, Sassopiatto e Sciliar. Durante i mesi estivi, gli ospiti possono raggiungere questo paradiso e godersi un originale pic-nic gustando prodotti a km “0”: speck, formaggi e grappe artigianali al suono della musica tradizionale tirolese per un passo indietro nel tempo. Le 50 ampie camere dell’hotel sono arredate in stile tirolese, arricchite da tessuti e biancheria di qualità, preservata con una lavanderia “in casa”. Il legno e gli arredi tradizionali accolgono l’ospite introducendolo da subito nell’atmosfera alpina e raffinata del luogo. Alcuni elementi, come le porte d’ingresso, vantano decorazioni antiche e autentiche, dipinte a mano dagli artigiani, proprio come una volta. [caption id="attachment_347052" align="alignleft" width="300"] La piscina della spa[/caption] Highlight per adulti e bambini è la piscina coperta, riscaldata sempre a 30 ° con il pavimento in lastre di marmo e circondata da pannelli e soffitti di stucco e roccia solcati da travature di antico legno massiccio. Le grandi vetrate regalano luminosità naturale a tutto l’ambiente. Per rilassarsi in acqua ci sono due idromassaggi: uno interno, accogliente e confortevole, e uno esterno, particolarmente suggestivo durante le nevicate della stagione invernale. In giardino, c’è la “sauna in baita”. L’area wellness dispone di sauna aromatica, realizzata interamente in legno profumato, bagno turco, sauna al fieno, sauna a infrarossi e tanto altro, oltre a un centro trattamenti spa che propone anche il trattamento nel vino. E presto ci sarà anche la piscina scoperta e ... molto altro. [gallery ids="347053,347054,347055,347056,347057,347058,347059,347060,347061"] [post_title] => Selva di Valgardena: all’hotel Tyrol l’ospitalità è un “vizio” di famiglia [post_date] => 2019-04-03T10:43:59+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554288239000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 345507 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Belize è uno dei paesi con il più alto tasso di biodiversità del mondo: oltre il 90% del territorio è ricoperto da foreste incontaminate e vanta la più grande barriera corallina dell’Emisfero Boreale, nel mondo seconda solo a quella australiana. Con interessanti siti Maya immersi nella giungla in scenari suggestivi. E un Festival che è una autentica festa del gusto: il Lobster Festival che festeggia con tutta l’allegria caraibica l’inizio della stagione di pesca delle aragoste. Vuela, tour operator specializzato in America Latina, propone un viaggio di 13 giorni / 11 notti con partenza il 15 giugno e rientro il 27 (per un minimo di due partecipanti) che include una lunga serie di plus esclusivi: l’escursione alla Riserva Marina di Hol Chan (Ambergris Caye);  lo snorkeling con guida lungo la barriera corallina del Belize; la visita alle rovine Maya di Cahal Pech e di Xunantunich presso San Ignacio; la partecipazione al  Lobster festival a Placencia; la scoperta di Silk Cayes al largo di Placencia; l’incontro con la cultura Maya presso Nu'uk Che'll e la visita al sito archeologico Maya di Lamanai; 4 pranzi. Quota individuale di partecipazione, in camera doppia con un minimo 2 partecipanti: 2.150 euro, quota di iscrizione 40 euro; biglietto aereo intercontinentale + voli interni: da 1.560 per persona (tariffa indicativa, soggetta a riconferma all’atto della prenotazione. Le tasse aeroportuali incidono mediamente per 490 euro ma sono soggette, come tutta la tariffa, a riconferma).     [post_title] => Il Belize di Vuela, alla scoperta del paese tra mare e storia [post_date] => 2019-03-20T15:28:59+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1553095739000 ) ) )

Lascia un commento