6 August 2020

1563

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Responsabile programmazione gruppi ed individuali corto/medio raggio specialista Tunisia, Europa, Egitto, offre collaborazione per start-up nuove destinazioni e formazione personale per gestione iniziative. Contattare Antonio, 366 3561346.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la ricaduta del turismo via mare sui territori toccati dalle navi, ma soprattutto aumenta il traffico complessivo della crocieristica, così come dei traghetti, degli aliscafi e dei catamarani. Più articolato, invece, il giudizio sulla nautica, mentre anche il comparto dei traghetti soffre ancora di un certo ritardo in tema di standard dell'offerta. Sono i risultati principali dell'ultima edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report, presentato ad Ancona da Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo, in apertura della quarta edizione dell'Adriatic Sea Forum - cruise, ferry, sail & yacht. Nel 2018 sono ammontate in particolare a 420 milioni di euro le spese turistiche a terra sostenute dai crocieristi e da chi sceglie di muoversi in traghetto, in aliscafo o in catamarano per le proprie vacanze in Adriatico (escursioni e visite, pernottamenti, pre-post viaggio, shopping e ristorazione...). In termini di traffico complessivo, le previsioni di Risposte Turismo per il 2019 parlano quindi di 5,52 milioni passeggeri movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 7,3% rispetto al 2018. In aumento pure le toccate nave (+7,2%), per un totale di 3.307 approdi. L’anno in corso dovrebbe invece chiudersi con Venezia saldamente al primo posto con 1,56 milioni di crocieristi movimentati (stabile rispetto al 2018) e 502 toccate nave (stabile), seguita da Corfù con 787 mila crocieristi (+7%) e 416 toccate nave (+0,7%), nonché Dubrovnik, con 745 mila crocieristi (+1,8%) e 475 toccate nave (+8,4%). Ma l'Adriatic Sea Tourism Report contiene anche un focus dedicato alla movimentazione passeggeri su traghetti, aliscafi e catamarani. L’anno in corso dovrebbe in particolare chiudersi con una leggero aumento ulteriore rispetto ai già positivi risultati registrati nel 2018 (19,74 milioni di passeggeri movimentati, +2,4% sul 2017): il migliore degli ultimi dieci anni. Tra i porti esaminati, le previsioni 2019 sono positive per Zara (2,43 milioni di passeggeri movimentati, + 1-2%), Durres (875mila, +2,6%), Dubrovnik (575mila, +3%), Sibenik (300mila, +3%), Rijeka (150mila, 16%) e Pola (12mila, +2,2% su rotte costiere e stabile sulle rotte internazionali). Stabile, al contrario, la movimentazione passeggeri prevista a fine anno nei porti di Ancona, Saranda, Porec, Trieste, Rovigno, Pesaro e Umago/Novigrad. Il rapporto, infine, prova a gettare uno sguardo anche sul comparto nautico dei sette Paesi che si affacciano sull'Adriatico. Tra questi, l’Italia conferma la propria leadership nell’area con 186 marine (56% del totale) e oltre 49 mila posti barca (il 65,6% del totale). A seguire Croazia (125 marine e oltre 17.400 posti barca) e la coppia Slovenia – Montenegro, con 8 marine e, rispettivamente, poco più di 3.100 e 2.800 posti barca. L’analisi del versante italiano dell’Adriatico fa tuttavia emergere uno scenario in chiaro scuro: se da un lato infatti alcune strutture stanno riscontrando un periodo di difficoltà, continuando tuttavia a operare in attesa di nuovi investitori e della ripresa del mercato, dall’altro sono in programma nel prossimo biennio importanti ampliamenti, per complessivi ulteriori 2.570 posti barca. «Nonostante i nodi da sciogliere su Venezia, il traffico crocieristico quest’anno crescerà significativamente in Adriatico grazie al lavoro compiuto da tutti gli operatori attivi nell’area – è il commento di di Cesare -. Viceversa, il comparto dei traghetti continua a prestarsi a una doppia lettura. Da un lato, infatti, si evidenzia la sua rilevanza nelle direttrici di spostamento dei turisti in Adriatico e le ampie potenzialità di crescita, dall’altro si registra ancora un ritardo rispetto agli standard, per esempio di offerta e di promozione, che altre soluzioni di trasporto hanno adottato da tempo. Per la nautica, infine, le indicazioni che abbiamo raccolto attraverso la nostra indagine fanno intravedere uno 2019 positivo. Ciò potrebbe tradursi in un maggior tasso di occupazione delle marine che oggi, per dimensioni e standard, sono già pronte ad accogliere livelli più elevati di traffico». [post_title] => Bene il turismo via mare in Adriatico ma i traghetti possono fare di meglio [post_date] => 2019-05-31T09:15:44+00:00 [category] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => adriatico [1] => francesco-di-cesare [2] => in-evidenza [3] => risposte-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Adriatico [1] => Francesco di Cesare [2] => In evidenza [3] => Risposte turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559294144000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352541 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair archivia in positivo l'anno fiscale chiuso lo scorso 31 marzo: i profitti netti raggiungono quota 1,02 miliardi di euro, ma in calo rispetto al risultato dello scorso anno (1.45 miliardi di euro). La forte crescita del traffico - +7% per un totale di 139 milioni di passeggeri - è stata infatti frenata dalla flessione delle tariffe del 6%; la significativa crescita dei ricavi ancillary (+19%), è stata invece penalizzata dall'elevato costo di carburante e personale. I risultati escludono una perdita di 139,5 milioni di euro relativa all'acquisizione di Laudamotion, completata lo scorso gennaio. Includendo quest'ultima operazione i profitti risultano infatti in diminuzione del 30% (948 milioni di euro). «Come anticipato - ha commentato il ceo della low cost Michael O'Leary - l'utile dopo le tasse si è attestato a 1,02 miliardi di euro. L'aumento di capacità sulle rotte di corto raggio e l'assenza delle festività pasquali nel quarto e conclusivo trimestre dell'anno ha portato a una flessione del 6% delle tariffe, che ha stimolato l'aumento del 7% del traffico. Buono l'andamento dei ricavi ancillary - +19% - che hanno raggiunto i 2,4 miliardi di euro e spinto al rialzo i ricavi totali che con un +6% sono saliti a 7,6 miliardi di euro». Le previsioni per l'anno fiscale 2020 rimangono caute sul pricing. Il traffico aumenterà dell'8% a 153 milioni. Supponendo una crescita dei ricavi per passeggero del 3%, stimiamo un andamento lineari dei profitti, che potrebbero essere compresi tra 750 milioni di euro e 950 milioni di euro. I costi aumenteranno mentre la nostra bolletta del carburante per l'intero anno salirà di altri 460 milioni di euro. I costi extra-fuel aumenteranno del 2%, principalmente a causa della sterlina più forte, l'assenza di confronti dei costi dell'anno precedente per Lauda e dei ritardi di consegna degli aerei B737 Max quest'anno». Si tratta di previsione che, precisa la nota Ryanair, dipendono in modo significativo dall'andamento delle tariffe durante il picco estivo, dall'assenza di eventi imprevisti e  da eventuali sviluppi negativi legati a Brexit». [post_title] => Utili in calo per l'esercizio 2018-19 di Ryanair: pesano il calo tariffe e Brexit [post_date] => 2019-05-20T12:40:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558356054000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351127 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’incremento di traffico, quasi triplo rispetto alla media nazionale, spinge il valore della produzione e consente di raggiungere un utile netto di oltre un milione di euro, il miglior risultato nella storia dell’Aeroporto di Genova. È quanto evidenzia il bilancio 2018 della società di gestione dello scalo, approvato dall'assemblea dei soci. I proventi sono passati dai 27.226.017 del 2017 ai 30.807.628 euro del 2018 (+13,1%): un trend che ha seguito il forte aumento di passeggeri (+16,5% rispetto all’anno precedente) e movimenti (+15,3%). «Siamo estremamente soddisfatti di questo risultato, testimonianza di una società solida e capace di affrontare nel migliore dei modi le fasi di crescita - commenta Paolo Odone, presidente di Aeroporto di Genova Spa -. L’utile record registrato in questo bilancio è innanzitutto il risultato dell’aumento di voli e passeggeri. Ricordiamo che nel 2018 il Cristoforo Colombo è stato lo scalo cresciuto maggiormente a livello nazionale. Guardiamo al futuro con ottimismo, pur consapevoli dell’accesa e costante competizione con gli altri aeroporti e delle variabili globali che condizionano un mercato complesso come quel del trasporto aereo». L’andamento del traffico e i risultati di bilancio pongono le basi per l’avvio dei lavori di ampliamento del terminal, che saranno attuati grazie anche ai fondi del Programma straordinario del commissario per la ricostruzione e che si concluderanno entro il 2022. L’incremento di superficie (in totale 6.500 metri quadrati) consentirà un generale miglioramento dei servizi e una più ricca offerta di attività di retail e ristorazione. [post_title] => Aeroporto di Genova: il boom di traffico spinge al rialzo ricavi e utili [post_date] => 2019-05-10T10:55:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557485701000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349876 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_242407" align="alignright" width="300"] La Spezia[/caption] Sabato 4 e domenica 5 maggio i Musei Civici della Spezia proporranno laboratori gratuiti per famiglie nell’ambito del progetto “Kid Pass Days!”, la più importante maratona italiana di attività ed eventi family-friendly. I Kid Pass Days sono il maggiore programma di attività a misura di bambini d’Italia con lo scopo di diffondere sempre più l’accessibilità e l’accoglienza a loro rivolta nel nostro paese. Nell’occasione, i partecipanti potranno scegliere di aderire a un solo laboratorio o immergersi in un avvincente itinerario che li condurrà da un museo all’altro; infatti abbiamo cercato di non sovrapporre gli orari dei laboratori e di lasciare il tempo di spostarsi in tutti i musei per fare un’esperienza quanto mai varia e divertente. I laboratori ideati dai conservatori dei Musei saranno tenuti dagli operatori didattici della Coop Zoe.Ecco il programma completo: Sabato 4 maggio 2019; CAMeC  (Centro Arte Moderna e Contemporanea), dalle ore 15.30 alle 16.30, Invasioni creative. Museo del Castello (Via XXVII Marzo) dalle ore 16.45 alle ore 17.45; Giochiamo con gli antichi Egizi. Museo Etnografico (Via Prione 156), dalle ore 18 alle ore 19; RiciclARTE. Domenica 5 maggio 2019, Museo Lia (Via del Prione 234), dalle ore 15,30 alle ore 16.30 ;Caccia al Tesoro nelle sale del Museo. Museo del Sigillo (Via del Prione 234), dalle ore 16.30 alle ore 17.30; Il misterioso monsieur J. F. Palazzina delle Arti (Via Prione 234), dalle ore 17.30 alle ore 18.30; Matrice, inchiostro, torchio: alla scoperta dell’incisione [post_title] => La Spezia, il 4 e 5 maggio i Kid Pass days nei musei civici cittadini [post_date] => 2019-04-30T14:44:08+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556635448000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349643 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_334030" align="alignright" width="300"] Il boom delle crociere continua[/caption] Nuovi record per l'industria crocieristica. Secondo i dati Clia nel 2018 sono stati 28,5 milioni i passeggeri nel mondo, con una crescita del 7% rispetto all’anno precedente. Inoltre, si prevede di raggiungere quota 30 milioni entro questo anno e 40 entro il 2028. Anno dopo anno, il settore delle crociere continua a crescere costantemente e a stabilire nuovi record. L’Europa è ricopre un ruolo centrale, con 7,17 milioni di crocieristi registrati nel 2018, una crescita del 3,3% rispetto al 2017.  Di questi più di 4 milioni vanno sulle navi che solcano il Mediterraneo. In particolare, una grande crescita si è registrata nel Mediterraneo Orientale, con un +8,5% che ha portato a totalizzare 746.000 passeggeri. Si registra poi la crescita dei flussi verso le Canarie (+9,6%) e il Baltico (+9%). Il Mediterraneo Centrale e Occidentale rimangono le destinazioni più gettonate con una crescita dell’1,2%, per un totale di 2,27 milioni di passeggeri, mentre il Nord Europa registra un significativo +4,8% e 1,43 milioni complessivi di crocieristi. «Non sorprende che il trend del turismo crocieristico sia parallelo alla crescita di quello internazionale. Le crociere rendono più accessibili a tutti i viaggi nel mondo, come dimostra il record di passeggeri registrato nel 2018 - spiega Kelly Craighead, presidente e ad di Clia - Grazie a un rinnovato interesse nel Mediterraneo e alle nuove offerte, in particolare quelle per i viaggi di avventura – aggiunge – i turisti sono attratti dalle crociere come mai è successo in passato». [post_title] => Clia, entro il 2028 saranno 40 milioni i crocieristi nel mondo [post_date] => 2019-04-26T12:04:01+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556280241000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 343099 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => NH Hotel Group, sulla scia dei risultati positivi del 2018, conferma l’obiettivo di ebitda di 285 milioni di euro per il 2019 e un risultato operativo attorno ai 100 milioni di euro. Il gruppo ha infatti archiviato lo scorso anno con il raddoppio del risultato operativo che ha raggiunto i 72 milioni di euro; i ricavi sono aumentati del 4,6% a quota 1,623 miliardi di euro; l'ebitda è cresciuto del 14% fino a toccare i 265 milioni di euro e ridotto significativamente l’indebitamento finanziario netto, a a 171 milioni di euro. Il cda del gruppo proporrà nella prossima assemblea dei soci un dividendo di 15 centesimi per azione sui risultati del 2018, con un esborso stimato pari a 59 milioni di euro. I risultati del 2018 «costituiscono un eccellente punto di partenza per l’avanzamento della nostra integrazione con Minor International - ha dichiarato il ceo di  NH Hotel Group, Ramón Aragonés -. Insieme lavoreremo per un nuovo piano strategico quinquennale pensato per ottimizzare i benefici della collaborazione nelle nostre rispettive aree di influenza e per sfruttare al massimo la complementarietà dei nostri business». Sul mercato italiano, in particolare, i ricavi “live for live” sono aumentati un 4,2% nel 2018 (4% includendo hotel in ristrutturazione fino a 277.3 milioni di euro), alimentati dalla città di Roma dove si è registrato un incremento del 10%. Gli hotel del Gruppo NH in Italia hanno incrementato il proprio revPar del 4,9% sull’intero anno, grazie a un aumento del prezzo medio pari al 3% e dell’occupazione del 1,8%. L’ebitda è migliorato del 18,4% fino a raggiungere i 62,3 milioni di euro, con un margine del 21,6% sui ricavi, vale a dire un rialzo pari a 2,6%. [post_title] => NH Hotel Group raddoppia il risultato operativo nel 2018 [post_date] => 2019-02-28T12:43:45+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1551357825000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 340217 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un fatturato totale di 864 milioni di euro che salirà oltre quota 1 miliardo di euro nel 2020: questo in estrema sintesi il dato finale del primo studio che raccoglie le performance per fatturato dei primi 10 gruppi alberghieri italiani. L10 Cluster, come è stato definito lo studio che porta la firma di Horwath hTL, con la collaborazione delle singole aziende, di Confindustria Alberghi e Cdp. «Non è stato semplice condurre un'analisi che ha preso in considerazione per ciascuna catena il perimetro societario, lo storico delle camere disponibili, la struttura dei ricavi, e lo storico dei ricavi (2013-2017) – spiega Giorgio Rebaudo, project manager Horwath HTL -. La classifica relativa ai risultati 2017 è stilata in base al solo fatturato (ricavi vendite) prodotto in Italia, escluso il franchising. Le previsioni invece sono costruite sull’effettivo passo di crescita storico e ricavi medi per ogni gruppo». Ecco allora la top ten che include, in ordine, dal primo al decimo posto: Starhotels, Gruppo Una, Aeroviaggi, Iti Hotels, TH Resorts, Delphina Hotels & Resorts, Blu Hotels, Blueserena, JSH Hotels Collection, Parc Hotels Italia. Nel 2018 questo cluster rappresentava il 31% sul totale camere appartenenti a catene italiane nel nostro paese; il 20% di tutte le catene presenti in Italia «il 4% circa dell’intero portfolio camere italiano». La distribuzione geografica mostra una netta prevalenza delle destinazioni cosiddette “sun & beach” (44%), seguite dalle città d’arte e aree business (30%). «Per questo motivo le strutture del cluster sono mediamente più grandi rispetto allo standard tipicamente italiano: 163 camere rispetto alle 110 (media catene presenti in Italia)». L’87% delle camere dei 10 gruppi appartengono al segmento 4 stelle; il 6% ai 5 stelle e un altro 6% ai 3 stelle. Le previsioni per il 2019-2020 «che considerano la pipeline per i prossimi anni e l’uscita già anticipata di alcune proprietà così come un tasso medio di crescita ben definito» indicano un totale di 36.600 camere nel 2020, cioè una crescita di 2.500 camere rispetto al portfolio attuale. In altre parole l’aggiunta di circa 250 camere per catena o, ancora, un nuovo hotel da 125 camere per ogni gruppo per ciascuno dei prossimi due anni. «Una stima che potrebbe rivelarsi addirittura prudente considerando che la gran parte delle catene del cluster è cresciuta con tassi più elevati tra il 2016 e il 2018». In termini di TrevPar (ricavi globali generati dalla singola camere nell’arco di un anno fiscale) il cluster è passato dai 97 euro del 2013 ai 119 del 2017, con una crescita del 22%; le stime 2018-2020 indicano un’ulteriore tasso di crescita del 2% anno su anno. Tornando al dato iniziale: come si posiziona il totale di oltre 1 miliardo di euro di fatturato previsto nel 2020 nello scenario europeo? Si tratta di un dato ancora modesto, se si considera ad esempio che la sola Costa Crociere raggiunge i 3,6 miliardi di euro. «Se poi si considerano soli 5 gruppi tra Spagna, Francia, Regno Unito e Croazia, insieme totalizzano 4,1 miliardi di euro di fatturato (2017). Chiaramente si tratta di gruppi a forte impronta internazionale e il dato include i ricavi generati all’estero (che sono stati invece esclusi nel cluster italiano per Starhotels, JSH e ITI) quindi le due situazioni non sono omogenee. Sicuramente però i dati evidenziano come ad esempio le dimensioni raggiunte dalle catene spagnole abbiano beneficiato dello sviluppo oltre i confini nazionali. Dimensioni che non sarebbe stato possibile raggiungere fermandosi al solo mercato domestico». Per le catene italiane, quindi, ci sono decisamente ancora molte potenzialità di crescita. [post_title] => Horwath: ecco la top ten dei primi dieci gruppi alberghieri italiani [post_date] => 2019-02-13T11:02:42+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1550055762000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 339591 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Se tutto va bene, il signing con la scelta del o dei partner e il piano industriale, sarà siglato entro marzo e il closing prima dell’estate»: così il commissario straordinario Stefano Paleari, dalle pagine de Il Sole 24 Ore, traccia la tempistica per la chiusura della vendita di Alitalia. «Si tratta di un passaggio importante su cui c’è fiducia perché la tutela dell’accessibilità di un paese, nel rispetto delle regole europee, non è un atto di sovranismo, ma di buon senso». Entro marzo, dunque, è attesa la scelta del partner industriale e ormai si è arrivati ad un testa a testa fra Lufthansa e Delta Air Lines. Nel frattempo il commissario ricorda i risultati messi a segno, risultati che forse all'inizio del mandato - 22 mesi fa - non erano neppure così scontati: «A gennaio per il 14esimo mese consecutivo è stata registrata una crescita del fatturato (+4%), Alitalia è stata la seconda compagnia al mondo per puntualità e soprattutto il lungo raggio sta dando i frutti sperati. In un anno il fatturato dei voli intercontinentali è salito del 7%, e oggi rappresenta il 48% del giro d’affari, un risultato ottenuto a flotta costante». Alla fine dello scorso anno, ricorda Paleari, Alitalia «ha registrato un fatturato di oltre 3 miliardi di euro, con un tasso di crescita del 7% quando si consideri soltanto la voce passeggeri. Sia chiaro, la compagnia non è ancora profittevole, ma il Mol è migliorato da -397 milioni di euro del 2016 a -153 milioni dell’anno scorso e prevediamo per il 2019 di arrivare al pareggio». Il commissario definisce «interessante» la presenza nell'azionariato di un partner che si occupi di trasporti come Fs. E ricorda la «vocazione strategica di Alitalia: il lungo raggio per l’Italia ha dimostrato di essere sotto servito, per il corto e medio raggio ci sono spazi di efficientamento e di ridisegno del prodotto». Come nel caso dello  shuttle operativo sulla rotta da Milano Linate a Londra, che potrebbe essere replicato su «altre destinazioni nazionali e internazionali». Gli aeroporti di Roma e Milano «hanno grandi potenzialità e sono strategici anche alcuni asset, come la loyalty del programma MilleMiglia che conta oltre 5 milioni di iscritti». [post_title] => Alitalia: closing entro l'estate e pareggio di bilancio per fine 2019 [post_date] => 2019-02-08T10:02:57+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1549620177000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 336777 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_336778" align="alignleft" width="300"] Ivana Jelinic con Eliseo Capretti[/caption] «Quando - l'allora - commissario Gubitosi venne pubblicamente a chiederci di tornare a vendere Alitalia, minacciata dal gravissimo dissesto, noi agenti di viaggio siamo stati con loro. Ora possiamo anche capire che la situazione rimanga incerta, ma c’è anche l’ordinaria amministrazione. E malgrado le numerose affermazioni di affetto e disponibilità nei nostri confronti ancora non siamo riusciti a ottenere un incontro, neppure con la direzione vendite». Così Ivana Jelinic, presidente della Fiavet, a margine del consiglio nazionale riunito in Croazia a Zagabria, al quale per la Commissione Trasporti di Fiavet nazionale ha partecipato il presidente Eliseo Capretti.  Il quale ha portato tra l’altro i dati usciti dall’ultima riunione dell’Apjc a fine 2018: le vendite di biglietteria Iata nelle agenzie italiane – in tutto 1.615 le licenze Iata attive – sono aumentate significativamente nel corso del 2018. Per il totale delle 163 compagnie rappresentate in Italia più 9,07% il transato in dollari, più 2,87% il transato in euro, che segnala un calo delle vendite di biglietteria per le mete europee.  «Con alcune tendenze non ovvie – ha aggiunto Capretti – come i risultati brillantissimi di gennaio, addirittura avanti del 24%, e di aprile,  contro un assurdo più 1% di agosto, e addirittura il meno 2,5% di settembre, il risultato peggiore dell’anno».   Confermato in Apjc il passaggio al pagamento della biglietteria da mensile a quindicinale a partire da gennaio del 2020; confermato anche per l’Italia da giugno prossimo il passaggio in New Gen Iss, il nuovo assetto dei pagamenti della biglietteria Iata. «Ma già ci sono in Italia – ha spiegato Capretti – 46 agenzie che hanno avviato il pagamento settimanale della biglietteria, abbattendo così radicalmente il valore della fidejussione». [post_title] => Fiavet chiama Alitalia: Jelinic, «Li abbiamo aiutati sempre, ora ci ascoltino» [post_date] => 2019-01-21T15:03:44+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1548083024000 ) ) )

Lascia un commento