6 August 2020

1562

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Agente viaggi con un’esperienza di 10 anni, con buona dialettica acquisita negli anni e un’ottima organizzazione del proprio lavoro. Buona esperienza nell’uso del sistema Sipax Plus per la prenotazione della biglietteria ferroviaria, buon uso dei sistemi online per le prenotazioni di voli, traghetti, hotel, autonoleggi ecc …. Abile anche nella vendita di pacchetti turistici in genere, dal semplice volo+soggiorno, alla crociera, al tour, al viaggio di grupp , al viaggio di nozze studiato nei minimi particolari.
Zona Padova, alicepasqualotto@gmail.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la ricaduta del turismo via mare sui territori toccati dalle navi, ma soprattutto aumenta il traffico complessivo della crocieristica, così come dei traghetti, degli aliscafi e dei catamarani. Più articolato, invece, il giudizio sulla nautica, mentre anche il comparto dei traghetti soffre ancora di un certo ritardo in tema di standard dell'offerta. Sono i risultati principali dell'ultima edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report, presentato ad Ancona da Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo, in apertura della quarta edizione dell'Adriatic Sea Forum - cruise, ferry, sail & yacht. Nel 2018 sono ammontate in particolare a 420 milioni di euro le spese turistiche a terra sostenute dai crocieristi e da chi sceglie di muoversi in traghetto, in aliscafo o in catamarano per le proprie vacanze in Adriatico (escursioni e visite, pernottamenti, pre-post viaggio, shopping e ristorazione...). In termini di traffico complessivo, le previsioni di Risposte Turismo per il 2019 parlano quindi di 5,52 milioni passeggeri movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 7,3% rispetto al 2018. In aumento pure le toccate nave (+7,2%), per un totale di 3.307 approdi. L’anno in corso dovrebbe invece chiudersi con Venezia saldamente al primo posto con 1,56 milioni di crocieristi movimentati (stabile rispetto al 2018) e 502 toccate nave (stabile), seguita da Corfù con 787 mila crocieristi (+7%) e 416 toccate nave (+0,7%), nonché Dubrovnik, con 745 mila crocieristi (+1,8%) e 475 toccate nave (+8,4%). Ma l'Adriatic Sea Tourism Report contiene anche un focus dedicato alla movimentazione passeggeri su traghetti, aliscafi e catamarani. L’anno in corso dovrebbe in particolare chiudersi con una leggero aumento ulteriore rispetto ai già positivi risultati registrati nel 2018 (19,74 milioni di passeggeri movimentati, +2,4% sul 2017): il migliore degli ultimi dieci anni. Tra i porti esaminati, le previsioni 2019 sono positive per Zara (2,43 milioni di passeggeri movimentati, + 1-2%), Durres (875mila, +2,6%), Dubrovnik (575mila, +3%), Sibenik (300mila, +3%), Rijeka (150mila, 16%) e Pola (12mila, +2,2% su rotte costiere e stabile sulle rotte internazionali). Stabile, al contrario, la movimentazione passeggeri prevista a fine anno nei porti di Ancona, Saranda, Porec, Trieste, Rovigno, Pesaro e Umago/Novigrad. Il rapporto, infine, prova a gettare uno sguardo anche sul comparto nautico dei sette Paesi che si affacciano sull'Adriatico. Tra questi, l’Italia conferma la propria leadership nell’area con 186 marine (56% del totale) e oltre 49 mila posti barca (il 65,6% del totale). A seguire Croazia (125 marine e oltre 17.400 posti barca) e la coppia Slovenia – Montenegro, con 8 marine e, rispettivamente, poco più di 3.100 e 2.800 posti barca. L’analisi del versante italiano dell’Adriatico fa tuttavia emergere uno scenario in chiaro scuro: se da un lato infatti alcune strutture stanno riscontrando un periodo di difficoltà, continuando tuttavia a operare in attesa di nuovi investitori e della ripresa del mercato, dall’altro sono in programma nel prossimo biennio importanti ampliamenti, per complessivi ulteriori 2.570 posti barca. «Nonostante i nodi da sciogliere su Venezia, il traffico crocieristico quest’anno crescerà significativamente in Adriatico grazie al lavoro compiuto da tutti gli operatori attivi nell’area – è il commento di di Cesare -. Viceversa, il comparto dei traghetti continua a prestarsi a una doppia lettura. Da un lato, infatti, si evidenzia la sua rilevanza nelle direttrici di spostamento dei turisti in Adriatico e le ampie potenzialità di crescita, dall’altro si registra ancora un ritardo rispetto agli standard, per esempio di offerta e di promozione, che altre soluzioni di trasporto hanno adottato da tempo. Per la nautica, infine, le indicazioni che abbiamo raccolto attraverso la nostra indagine fanno intravedere uno 2019 positivo. Ciò potrebbe tradursi in un maggior tasso di occupazione delle marine che oggi, per dimensioni e standard, sono già pronte ad accogliere livelli più elevati di traffico». [post_title] => Bene il turismo via mare in Adriatico ma i traghetti possono fare di meglio [post_date] => 2019-05-31T09:15:44+00:00 [category] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => adriatico [1] => francesco-di-cesare [2] => in-evidenza [3] => risposte-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Adriatico [1] => Francesco di Cesare [2] => In evidenza [3] => Risposte turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559294144000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352541 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair archivia in positivo l'anno fiscale chiuso lo scorso 31 marzo: i profitti netti raggiungono quota 1,02 miliardi di euro, ma in calo rispetto al risultato dello scorso anno (1.45 miliardi di euro). La forte crescita del traffico - +7% per un totale di 139 milioni di passeggeri - è stata infatti frenata dalla flessione delle tariffe del 6%; la significativa crescita dei ricavi ancillary (+19%), è stata invece penalizzata dall'elevato costo di carburante e personale. I risultati escludono una perdita di 139,5 milioni di euro relativa all'acquisizione di Laudamotion, completata lo scorso gennaio. Includendo quest'ultima operazione i profitti risultano infatti in diminuzione del 30% (948 milioni di euro). «Come anticipato - ha commentato il ceo della low cost Michael O'Leary - l'utile dopo le tasse si è attestato a 1,02 miliardi di euro. L'aumento di capacità sulle rotte di corto raggio e l'assenza delle festività pasquali nel quarto e conclusivo trimestre dell'anno ha portato a una flessione del 6% delle tariffe, che ha stimolato l'aumento del 7% del traffico. Buono l'andamento dei ricavi ancillary - +19% - che hanno raggiunto i 2,4 miliardi di euro e spinto al rialzo i ricavi totali che con un +6% sono saliti a 7,6 miliardi di euro». Le previsioni per l'anno fiscale 2020 rimangono caute sul pricing. Il traffico aumenterà dell'8% a 153 milioni. Supponendo una crescita dei ricavi per passeggero del 3%, stimiamo un andamento lineari dei profitti, che potrebbero essere compresi tra 750 milioni di euro e 950 milioni di euro. I costi aumenteranno mentre la nostra bolletta del carburante per l'intero anno salirà di altri 460 milioni di euro. I costi extra-fuel aumenteranno del 2%, principalmente a causa della sterlina più forte, l'assenza di confronti dei costi dell'anno precedente per Lauda e dei ritardi di consegna degli aerei B737 Max quest'anno». Si tratta di previsione che, precisa la nota Ryanair, dipendono in modo significativo dall'andamento delle tariffe durante il picco estivo, dall'assenza di eventi imprevisti e  da eventuali sviluppi negativi legati a Brexit». [post_title] => Utili in calo per l'esercizio 2018-19 di Ryanair: pesano il calo tariffe e Brexit [post_date] => 2019-05-20T12:40:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558356054000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350693 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Finnair offre tariffe speciali per il paese del sol levante alla scoperta di Tokyo e Osaka. Il Giappone stupisce i visitatori non soltanto per le città avveniristiche, ma anche per la natura incontaminata, per le tradizioni antichissime e i rituali senza tempo, come quello affascinante della cerimonia del tè. Con più di 12 milioni di abitanti Tokyo è tra i più grandi agglomerati umani al mondo, ed è la città delle grandi contraddizioni. Osaka propone un’architettura contemporanea, vista la forte distruzione subita dai bombardamenti dopo la Seconda Guerra Mondiale, con i grandi grattacieli e le insegne luminose che di notte fanno pulsare la città. Per i prossimi mesi, Finnair offre tariffe promozionali – acquistabili fino al 27 maggio 2019 e che permettono di viaggiare fino a marzo 2020. Economy Class Giappone, via Helsinki da Milano Roma dal 14-5 al 13-6-2019; dal 17-10 al 19-12-2019, dal 31-12-19 al 12-3-2020. Tokyo a partire da 559 € a/r. Osaka a partire da 562 € a/r. Busiess Class Giappone, via Helsinki da Milano e Roma per viaggi dal 14-5-2019 al 12-3-202. Tokyo a partire da 2099 € a/r. Osaka a partire da 2102 € a/r.     [post_title] => Finnair propone tariffe speciali per scoprire Tokyo e Osaka [post_date] => 2019-05-08T11:34:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557315245000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350102 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono 1.020 i comuni italiani che a maggio 2019 applicano l’imposta di soggiorno (997 comuni) o la tassa di sbarco (23). Tali destinazioni, pur costituendo appena il 13% dei 7.915 municipi italiani, ospitano però il 75% dei pernottamenti registrati ogni anno in Italia. Lo rivela la settima edizione dell’indagine sull’imposta di soggiorno, realizzata dal Centro studi di Federalberghi in collaborazione con la New Mercury Tourism Consulting. Questi oltre mille comuni si distribuiscono, in particolare, per il 26% nel Nord-Ovest, per il 41,2% nel Nord-Est, per il 15,5% nel Centro e per il restante 17,3% nel Mezzogiorno. Il 31,6% dei comuni che applicano l’imposta di soggiorno (315 su 997) sono inoltre montani. Seguono le località marine con il 19,7% (196) e quelle collinari con il 16,1% (161). Le città d’arte sono “solo” 104, ma comprendono le cosiddette capitali del turismo italiano, che muovono grandi numeri. Le destinazioni lacuali, infine, sono 96 e quelle termali 40. Nel 2017 (ultimo anno per il quale sono disponibili i dati ufficiali), i comuni italiani hanno incassato circa 470 milioni di euro a titolo di imposta di soggiorno e tassa di sbarco. Il dato è in progressivo aumento: il gettito nazionale accertato era di circa 162 milioni di euro nel 2012 e 403 milioni nel 2015. Per il 2019, si può quindi stimare un introito di oltre 600 milioni di euro. Il trend è generato sia dalla costante crescita del numero di comuni che applicano l’imposta (oggi sono in tutto 1.020, erano 332 a luglio 2012) sia dai cospicui aumenti delle tariffe. La città con il maggior gettito è stata Roma, con un incasso pari a 130 milioni, il 27,7% del totale. L’incasso delle prime quattro (Roma, Milano, Venezia e Firenze) è superiore a 240 milioni: oltre il 58% del totale nazionale. Il peso delle grandi città si fa sentire anche sulla classifica regionale, guidata dal Lazio con quasi 135 milioni di euro. Seguono il Veneto con 63,7 milioni, la Lombardia con 59,5 milioni e la Toscana con 57,4 milioni. In queste quattro regioni viene raccolto il 67,1% del gettito complessivo. Non appaiono al contrario in graduatoria il Friuli-Venezia-Giulia (perché in questa regione l’imposta è stata introdotta nel 2018) e il Molise (l’imposta era stata istituita dal comune di Termoli, ma poi è stata soppressa in seguito a una sentenza del Tar). Lo studio evidenzia in conclusione che il governo non ha mai adottato il regolamento quadro che avrebbe dovuto fissare (entro il 6 giugno 2011) i principi generali per l’imposta di soggiorno. In assenza di una regola, i comuni si sono perciò mossi in ordine sparso, generando un quadro confuso: una famiglia di tre persone (padre, madre e figlio undicenne) che soggiorna per esempio in un albergo a 3 stelle per due giorni a Roma paga 24 euro di imposta di soggiorno, a Venezia 17,40 euro, a Rimini 12 euro, a Catanzaro 7,80 euro e a Bibione 6,30 euro. [post_title] => Gli albergatori tracciano l'identikit dell'imposta di soggiorno [post_date] => 2019-05-03T08:30:00+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => federalberghi [1] => firenze-2 [2] => milano-2 [3] => roma-2 [4] => tassa-di-soggiorno ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Federalberghi [1] => firenze [2] => milano [3] => roma [4] => tassa di soggiorno ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556872200000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349876 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_242407" align="alignright" width="300"] La Spezia[/caption] Sabato 4 e domenica 5 maggio i Musei Civici della Spezia proporranno laboratori gratuiti per famiglie nell’ambito del progetto “Kid Pass Days!”, la più importante maratona italiana di attività ed eventi family-friendly. I Kid Pass Days sono il maggiore programma di attività a misura di bambini d’Italia con lo scopo di diffondere sempre più l’accessibilità e l’accoglienza a loro rivolta nel nostro paese. Nell’occasione, i partecipanti potranno scegliere di aderire a un solo laboratorio o immergersi in un avvincente itinerario che li condurrà da un museo all’altro; infatti abbiamo cercato di non sovrapporre gli orari dei laboratori e di lasciare il tempo di spostarsi in tutti i musei per fare un’esperienza quanto mai varia e divertente. I laboratori ideati dai conservatori dei Musei saranno tenuti dagli operatori didattici della Coop Zoe.Ecco il programma completo: Sabato 4 maggio 2019; CAMeC  (Centro Arte Moderna e Contemporanea), dalle ore 15.30 alle 16.30, Invasioni creative. Museo del Castello (Via XXVII Marzo) dalle ore 16.45 alle ore 17.45; Giochiamo con gli antichi Egizi. Museo Etnografico (Via Prione 156), dalle ore 18 alle ore 19; RiciclARTE. Domenica 5 maggio 2019, Museo Lia (Via del Prione 234), dalle ore 15,30 alle ore 16.30 ;Caccia al Tesoro nelle sale del Museo. Museo del Sigillo (Via del Prione 234), dalle ore 16.30 alle ore 17.30; Il misterioso monsieur J. F. Palazzina delle Arti (Via Prione 234), dalle ore 17.30 alle ore 18.30; Matrice, inchiostro, torchio: alla scoperta dell’incisione [post_title] => La Spezia, il 4 e 5 maggio i Kid Pass days nei musei civici cittadini [post_date] => 2019-04-30T14:44:08+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556635448000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348939 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saranno 21 milioni e 335 mila gli italiani in viaggio durante le festività pasquali e i ponti di primavera, per un giro di affari complessivo di circa 8,2 miliardi di euro. «Malgrado le difficoltà congiunturali, il nostro turismo continua insomma a produrre risultati con il segno più. Mi chiedo tuttavia quanto tempo ancora ci vorrà perché si comprenda una volta per tutte che, per il bene del nostro Paese, è su questo settore che vanno giocate le partite di serie A». Usa una metafora calcistica il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, nel commentare i risultati dell'indagine congiunturale realizzata da Acs Marketing Solutions. «Siamo sempre pronti a usare cautela anche di fronte a segnali confortanti, perché nel nostro comparto non c’è nulla di scontato – aggiunge Bocca –. Ma ci rassicura comunque constatare che sin dalla ricorrenza pasquale, in cui si registra una crescita di quasi il 13% rispetto allo scorso anno, fino all’intera sequenza dei ponti, il trend punta tutto in avanti. Va però specificato che su questi numeri gioca un ruolo importante la vicinanza tra la ricorrenza domenicale del 21 aprile e la festa della Liberazione del 25. In aggiunta a ciò, va considerata la festa dei Lavoratori: nel calendario di questo 2019, il Primo maggio cade di mercoledì. Si tratta di un salto triplo che rappresenta un ottimo gancio per la rosa di giorni da poter destinare alla vacanza». Partiranno in particolare per primi i 6,2 milioni di italiani che concentreranno le vacanze sulla Pasqua, insieme ai 3,6 milioni che faranno una pausa più lunga, includendo anche il ponte del 25 aprile, e al milione e 600 mila che potrà rilassarsi per tutto il super ponte, con un salto triplo da Pasqua al 1° maggio; 3,4 milioni andranno invece in vacanza per il ponte del 25 aprile, mentre altri 500 mila combineranno la festa della Liberazione con quella dei Lavoratori. Sei milioni di italiani si muoveranno infine solo per il ponte del 1° Maggio. «Con questo exploit di Pasqua, potenziato dai ponti che il calendario ci ha regalato, direi che il 2019 sembra sia partito bene; stando così le cose, tutto lascia pensare che per la prossima estate si possa registrare un’ottima performance - riprende Bocca -. Siamo in un momento cruciale perché si possa profilare all’orizzonte lo scenario giusto per il nostro settore.  A ridosso delle elezioni europee e di fronte a un contesto estremamente competitivo in cui i paesi del Mediterraneo si stanno prepotentemente risvegliando, sarà essenziale in vista delle prossime sfide destinare risorse al comparto, combattere abusivismo ed evasione, incentivare gli investimenti, tutelando al contempo gli operatori del settore da eccessivi oneri fiscali». Nel dettaglio, tra Pasqua e Pasquetta, saranno circa 11 milioni e 450 mila gli italiani in viaggio, facendo registrare un +12,7% rispetto allo scorso anno. Di questi, l’87% resterà in Italia (vs il 91% del 2018), mentre il 13% sceglierà una località estera (vs l’8%). Le mete preferite per i viaggiatori che non oltrepasseranno il confine saranno le località d’arte (31,1%), il mare (27,6%), la montagna (14,9%) e, a seguire, i laghi (6,0%), le località termali (3,3%) e le crociere (2,3%). Per coloro che invece si recheranno all’estero, vincono le grandi capitali europee (72,9%), seguite a stretto giro dalle località marine in generale (10,2%), dalle grandi capitali extraeuropee (6,4%) e dal viaggio in crociera (5%). La spesa media pro capite sostenuta per la vacanza (comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti), sarà pari a 394 euro, contro i 353 euro del 2018, con una crescita dell'11,6%. Chi resterà in Italia spenderà mediamente 344 euro, mentre la spesa raddoppia per chi trascorrerà un periodo di vacanza oltre confine (694 euro). La struttura ricettiva preferita sarà infine la casa di parenti e amici (28,6% vs il 33% del 2018); segue da presso l’albergo con un 26,1%, i bed & breakfast (15,2%) e le case di proprietà (13%). La vacanza avrà una durata media di 4,5 notti, in crescita rispetto alle 3,5 notti del 2018. [post_title] => Bocca: le vacanze di Pasqua vanno a gonfie vele ma il turismo merita di più [post_date] => 2019-04-17T12:10:36+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => 25-aprile [1] => bernabo-bocca [2] => federalberghi [3] => in-evidenza [4] => pasqua [5] => ponti [6] => primo-maggio ) [post_tag_name] => Array ( [0] => 25 aprile [1] => bernabò bocca [2] => Federalberghi [3] => In evidenza [4] => Pasqua [5] => ponti [6] => Primo maggio ) ) [sort] => Array ( [0] => 1555503036000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348090 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Terminato il concorso “Assicurati una macchina” che, dal 1° febbraio al 31 dicembre 2018, ha coinvolto le Agenzie del Network sulle vendite del prodotto assicurativo Alpitour World, Welcome Travel ha consegnato ai vincitori le quattro prestigiose Nissan Qashqai messe in palio. Oggetto della gara, l’assicurazione Top booking plus inserita nelle prenotazioni individuali relative ai viaggi Alpitour, Francorosso, Viaggidea, Bravo Club e Karambola, che ha premiato le prime due agenzie del Network classificate per miglior incidenza assicurativa e per crescita percentuale, per un totale di quattro punti vendita. «Siamo felici di aver gratificato con un premio così prestigioso l’ottimo lavoro delle quattro Agenzie vincitrici – dichiara Massimo Segato, Direttore di Rete Welcome Travel Group. - Un traguardo di grande soddisfazione trattandosi delle top seller di prodotti assicurativi proposti nei cataloghi Alpitour in un ambito in cui le Agenzie del Network, nel loro insieme, già si distinguono per performance di assoluta eccellenza sul mercato». Le agenzie che si sono aggiudicate l’auto sono: Adesso Sole di Imola, 3V Veneto Viaggi e Vacanze di Mestre, CT2 Viaggi di Arezzo e Suite 152 Agenzia Viaggi di Parma.   [post_title] => Welcome Travel, premiate le agenzie per il concorso "Assicurati una macchina" [post_date] => 2019-04-10T14:45:35+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554907535000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 346677 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Enac ha reso nota la graduatoria totale di collegamenti aerei nazionali e internazionali per il 2018. Al primo posto la compagnia irlandese Ryanair, seguita da Alitalia al secondo posto, che si conferma però il primo vettore sulle tratte nazionali. Questi sono i Dati di traffico 2018. In particolare, la classifica complessiva vede Ryanair prima con 37,88 milioni di passeggeri, in crescita del 4,4%, seguita da Alitalia che si ferma a 21,9 milioni di passeggeri e un +1%. Sul podio un'altra compagnia low cost, EasyJet, con 18,4 milioni di passeggeri e una crescita a doppia cifra dell'11,9%. Per quanto riguarda il traffico nazionale, Alitalia è invece al primo posto con 12,1 milioni di passeggeri, seguita ancora da Ryanair (11,1 mln) ed EasyJet (3,2 mln). Nel traffico internazionale primato di Ryanair (26,7 milioni), seguita da EasyJet (15,2 mln) ed Alitalia (9,8 mln). Guardando infine agli scali, a Roma Fiumicino si conferma principale vettore Alitalia, a Ciampino domina Ryanair, a Milano Malpensa EasyJet, mentre a Linate ancora Alitalia.​ [post_title] => Ryanair è sempre il primo vettore d'Italia. Parola di Enac. Alitalia seconda [post_date] => 2019-03-29T13:03:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1553864623000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 345878 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aviapartner presenta la Mostra dei libri di Moleiro all'interno  della lounge Star Alliance all'aeroporto Leonardo Da Vinci di Fiumicino. Questa è la prima di una serie di mostre di capolavori che Aviapartner porterà all'interno delle VIP Lounge negli aeroporti italiani. In esposizione a Fiumicino le riproduzioni in facsimile dell'Atlante Vallardi (1547), della Bibbia moralizzata di Napoli (c. 1340-1350), de Il breviario d’Isabella (XV secolo), di Splendor Solis (1582), del Libro del Golf (c. 1530) e di The Book of Felicity (1582). «Questa partnership offrirà ai passeggeri VIP un'opportunità unica per ammirare le repliche esatte di questi tesori nascosti ospitati nelle migliori biblioteche del mondo, dove sono salvaguardati per preservarli per le generazioni future -  ha spiegato Manuel Moreiro, Direttore Generale di M.Moleiro - È un piacere per noi mostrare i nostri gioielli esclusivi ai passeggeri più esclusivi, in modo che possano trascorrere il tempo di attesa tra i voli, godendo di questi capolavori della cultura, realizzati solo per l'utilizzo privato di re, regine e imperatori». «Siamo orgogliosi di iniziare questa partnership con M. Moleiro, un leader di riferimento nel settore a livello globale. Riteniamo che questa nuova offerta culturale possa arricchire l'esperienza dei nostri clienti - ha aggiunto Italo Russo Silva, General Manager di Aviapartner Group Lounges and Premium Guest Services - Il nostro team marketing lavora ogni giorno per realizzare eventi simili, con l'obiettivo di andare oltre le aspettative dei nostri clienti e raggiungere i più alti livelli di soddisfazione».       [post_title] => Aviapartner, una mostra sui libri di Moleiro nella lounge Star Alliance a Fiumicino [post_date] => 2019-03-25T08:37:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1553503073000 ) ) )

Lascia un commento