6 August 2020

1561

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Trentennale esperienza turistica, ricettivo,gruppi, contratti con compagnia aerea, biglietteria aerea, patentino direttore tecnico. Cell 338 2468264, Giuliano.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la ricaduta del turismo via mare sui territori toccati dalle navi, ma soprattutto aumenta il traffico complessivo della crocieristica, così come dei traghetti, degli aliscafi e dei catamarani. Più articolato, invece, il giudizio sulla nautica, mentre anche il comparto dei traghetti soffre ancora di un certo ritardo in tema di standard dell'offerta. Sono i risultati principali dell'ultima edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report, presentato ad Ancona da Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo, in apertura della quarta edizione dell'Adriatic Sea Forum - cruise, ferry, sail & yacht. Nel 2018 sono ammontate in particolare a 420 milioni di euro le spese turistiche a terra sostenute dai crocieristi e da chi sceglie di muoversi in traghetto, in aliscafo o in catamarano per le proprie vacanze in Adriatico (escursioni e visite, pernottamenti, pre-post viaggio, shopping e ristorazione...). In termini di traffico complessivo, le previsioni di Risposte Turismo per il 2019 parlano quindi di 5,52 milioni passeggeri movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 7,3% rispetto al 2018. In aumento pure le toccate nave (+7,2%), per un totale di 3.307 approdi. L’anno in corso dovrebbe invece chiudersi con Venezia saldamente al primo posto con 1,56 milioni di crocieristi movimentati (stabile rispetto al 2018) e 502 toccate nave (stabile), seguita da Corfù con 787 mila crocieristi (+7%) e 416 toccate nave (+0,7%), nonché Dubrovnik, con 745 mila crocieristi (+1,8%) e 475 toccate nave (+8,4%). Ma l'Adriatic Sea Tourism Report contiene anche un focus dedicato alla movimentazione passeggeri su traghetti, aliscafi e catamarani. L’anno in corso dovrebbe in particolare chiudersi con una leggero aumento ulteriore rispetto ai già positivi risultati registrati nel 2018 (19,74 milioni di passeggeri movimentati, +2,4% sul 2017): il migliore degli ultimi dieci anni. Tra i porti esaminati, le previsioni 2019 sono positive per Zara (2,43 milioni di passeggeri movimentati, + 1-2%), Durres (875mila, +2,6%), Dubrovnik (575mila, +3%), Sibenik (300mila, +3%), Rijeka (150mila, 16%) e Pola (12mila, +2,2% su rotte costiere e stabile sulle rotte internazionali). Stabile, al contrario, la movimentazione passeggeri prevista a fine anno nei porti di Ancona, Saranda, Porec, Trieste, Rovigno, Pesaro e Umago/Novigrad. Il rapporto, infine, prova a gettare uno sguardo anche sul comparto nautico dei sette Paesi che si affacciano sull'Adriatico. Tra questi, l’Italia conferma la propria leadership nell’area con 186 marine (56% del totale) e oltre 49 mila posti barca (il 65,6% del totale). A seguire Croazia (125 marine e oltre 17.400 posti barca) e la coppia Slovenia – Montenegro, con 8 marine e, rispettivamente, poco più di 3.100 e 2.800 posti barca. L’analisi del versante italiano dell’Adriatico fa tuttavia emergere uno scenario in chiaro scuro: se da un lato infatti alcune strutture stanno riscontrando un periodo di difficoltà, continuando tuttavia a operare in attesa di nuovi investitori e della ripresa del mercato, dall’altro sono in programma nel prossimo biennio importanti ampliamenti, per complessivi ulteriori 2.570 posti barca. «Nonostante i nodi da sciogliere su Venezia, il traffico crocieristico quest’anno crescerà significativamente in Adriatico grazie al lavoro compiuto da tutti gli operatori attivi nell’area – è il commento di di Cesare -. Viceversa, il comparto dei traghetti continua a prestarsi a una doppia lettura. Da un lato, infatti, si evidenzia la sua rilevanza nelle direttrici di spostamento dei turisti in Adriatico e le ampie potenzialità di crescita, dall’altro si registra ancora un ritardo rispetto agli standard, per esempio di offerta e di promozione, che altre soluzioni di trasporto hanno adottato da tempo. Per la nautica, infine, le indicazioni che abbiamo raccolto attraverso la nostra indagine fanno intravedere uno 2019 positivo. Ciò potrebbe tradursi in un maggior tasso di occupazione delle marine che oggi, per dimensioni e standard, sono già pronte ad accogliere livelli più elevati di traffico». [post_title] => Bene il turismo via mare in Adriatico ma i traghetti possono fare di meglio [post_date] => 2019-05-31T09:15:44+00:00 [category] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => adriatico [1] => francesco-di-cesare [2] => in-evidenza [3] => risposte-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Adriatico [1] => Francesco di Cesare [2] => In evidenza [3] => Risposte turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559294144000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Varadero, l’intramontabile. Nonostante il potenziamento, negli ultimi anni, di diverse destinazioni balneari come i cayos (Largo, Ensenachos, Santa Maria, Coco, Guillermo, Paredon…) e le coste, la penisola 140 km a est de La Habana resta un vero caposaldo del turismo de la Isla Gande. Considerato il più importante centro “sol y playa” del paese, Varadero è sorto sulla penisola di Hicacos, sulla costa nord della provincia di Matanzas, e offre mille 754 ettari di spiaggia, oltre 20 km arenile, che hanno una ampiezza (larghezza) media di 22 metri. TripAdvisor la classifica come seconda spiaggia più bella al mondo. L’avventura di Varadero iniziò con il suo vertiginoso sviluppo negli anni '90, anche se la sua fondazione ufficiale risale al 5 dicembre 1887. Le strutture alberghiere, implementate ultimamente per qualità e quantità, offrono 20 mila 600 camere e ospitano, da sole, il 20% circa del turismo isolano. Nei Traveler's Choice Playas awards 2019, che si basano sulla quantità e qualità dei servizi e della bellezza del luogo sono state esaminate complessivamente 352 spiagge per stilare l’elenco delle 25 migliori al mondo, oltre a classificazioni specifiche per continenti e paesi. Varadero vanta 15 siti archeologici, come le grotte e caverne, che servivano come rifugio, ai primi Tainos. Fra queste la grotta più visitata è quella di “Ambrosio”, nel sud della penisola. Dal 1587 e fino al 1961, quando fu chiusa, era la produzione di sale che dominava l’economia e nel 1976 Varadero ha acquisito lo status di municipalità. Sul comparto hoteliero va rimarcato che l'hotel Internacional de Varadero ha recentemente riaperto le porte, dopo i lavori che hanno incluso, oltre alla ristrutturazione, anche un piano per proteggere le dune e l'ambiente. Storicamente il primo albergo il “Varadero” con 10 stanze, costruito nel 1915 e nove anni più tardi convertito in Club Náutico de Varadero. E la storia continua… [post_title] => Varadero, l’intramontabile meta balneare cubana resiste e migliora [post_date] => 2019-05-13T09:00:43+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557738043000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350771 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si terrà il prossimo 14 maggio alle ore 18.30, presso l’Istituto Yunus Emre – Centro Culturale Turco di Roma, la conferenza stampa “Arslantepe e la nascita dello Stato. Una lunga ricerca archeologica per la ricostruzione di una storia millenaria” tenuta dalla Prof.ssa Marcella Frangipane, direttrice della missione archeologica italiana di Arslantepe, in Anatolia Orientale dell’Università di Roma La Sapienza. La Missione Archeologica Italiana dell’Università di Roma La Sapienza opera con continuità da 59 anni (dal 1961) nel sito di Arslantepe, nella fertile piana di Malatya, applicando strategie di scavo sistematico estensivo e rigorosamente stratigrafico e innovative metodologie di ricerca interdisciplinare. Le ricerche della missione italiana hanno permesso di portare alla luce la nascita nel IV millennio a.C. di una delle più antiche forme di organizzazione statale, un sofisticato sistema amministrativo e burocratico che, pur senza scrittura, teneva sotto controllo e gestiva centralmente l’economia, la circolazione dei beni e le prestazioni di lavoro. Arslantepe, la ‘collina dei leoni’, è un tell, o tepe o höyük, ossia una collina artificiale alta più di 30 metri formatasi per il sovrapporsi ininterrotto di abitati nel corso di più di 6 millenni, un complesso monumentale pubblico di grande estensione (più di 3500 mq, nell’area fino ad oggi indagata) che costituisce il più antico esempio ad oggi conosciuto di sistema palaziale.      [post_title] => "Arslantepe", 14 maggio a Roma conferenza al Centro Culturale Turco [post_date] => 2019-05-10T10:05:47+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557482747000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350451 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Commissione peruviana per la promozione delle esportazioni e del turismo (Promperù) ha dichiarato che con la 26° edizione del Perù Travel Mart (Ptm 2019) si prevede di raggiungere un impatto economico nel settore turistico del Paese compreso tra i 23,5 e i 25 milioni di dollari. Il Ministro del Commercio Estero e del Turismo (Mincetur), Edgar Vasquez, ha ufficialmente lanciato questo importante evento, considerato la principale Borsa di negoziazione turistica del Perù. Il Ptm si terrà dal 17 al 20 maggio presso il Jockey Convention Center, a Lima. È prevista la partecipazione di 161 buyer provenienti da 27 Paesi, il 30% in più di quanto registrato nel 2018, oltre a 130 imprenditori peruviani convocati a questo appuntamento. Tra i 161 operatori turistici registrati, 124 sono nuovi partecipanti internazionali. Inoltre, 61 appartengono al target lusso, 19 al MICE (conferenze, mostre, congressi ed eventi) e 11 sono aziende. Si stima che si terranno circa 7000 riunioni di lavoro. Questa nuova edizione del Peru Travel Mart è organizzata da Promperù e dalla Camera Nazionale del Turismo, con la collaborazione del Ministero del Commercio Estero e del Turismo e degli Uffici Commerciali del Perù all'estero. [post_title] => Perù Travel Mart punta a un business da 25 milioni di dollari nel settore turistico [post_date] => 2019-05-07T09:17:29+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557220649000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350102 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono 1.020 i comuni italiani che a maggio 2019 applicano l’imposta di soggiorno (997 comuni) o la tassa di sbarco (23). Tali destinazioni, pur costituendo appena il 13% dei 7.915 municipi italiani, ospitano però il 75% dei pernottamenti registrati ogni anno in Italia. Lo rivela la settima edizione dell’indagine sull’imposta di soggiorno, realizzata dal Centro studi di Federalberghi in collaborazione con la New Mercury Tourism Consulting. Questi oltre mille comuni si distribuiscono, in particolare, per il 26% nel Nord-Ovest, per il 41,2% nel Nord-Est, per il 15,5% nel Centro e per il restante 17,3% nel Mezzogiorno. Il 31,6% dei comuni che applicano l’imposta di soggiorno (315 su 997) sono inoltre montani. Seguono le località marine con il 19,7% (196) e quelle collinari con il 16,1% (161). Le città d’arte sono “solo” 104, ma comprendono le cosiddette capitali del turismo italiano, che muovono grandi numeri. Le destinazioni lacuali, infine, sono 96 e quelle termali 40. Nel 2017 (ultimo anno per il quale sono disponibili i dati ufficiali), i comuni italiani hanno incassato circa 470 milioni di euro a titolo di imposta di soggiorno e tassa di sbarco. Il dato è in progressivo aumento: il gettito nazionale accertato era di circa 162 milioni di euro nel 2012 e 403 milioni nel 2015. Per il 2019, si può quindi stimare un introito di oltre 600 milioni di euro. Il trend è generato sia dalla costante crescita del numero di comuni che applicano l’imposta (oggi sono in tutto 1.020, erano 332 a luglio 2012) sia dai cospicui aumenti delle tariffe. La città con il maggior gettito è stata Roma, con un incasso pari a 130 milioni, il 27,7% del totale. L’incasso delle prime quattro (Roma, Milano, Venezia e Firenze) è superiore a 240 milioni: oltre il 58% del totale nazionale. Il peso delle grandi città si fa sentire anche sulla classifica regionale, guidata dal Lazio con quasi 135 milioni di euro. Seguono il Veneto con 63,7 milioni, la Lombardia con 59,5 milioni e la Toscana con 57,4 milioni. In queste quattro regioni viene raccolto il 67,1% del gettito complessivo. Non appaiono al contrario in graduatoria il Friuli-Venezia-Giulia (perché in questa regione l’imposta è stata introdotta nel 2018) e il Molise (l’imposta era stata istituita dal comune di Termoli, ma poi è stata soppressa in seguito a una sentenza del Tar). Lo studio evidenzia in conclusione che il governo non ha mai adottato il regolamento quadro che avrebbe dovuto fissare (entro il 6 giugno 2011) i principi generali per l’imposta di soggiorno. In assenza di una regola, i comuni si sono perciò mossi in ordine sparso, generando un quadro confuso: una famiglia di tre persone (padre, madre e figlio undicenne) che soggiorna per esempio in un albergo a 3 stelle per due giorni a Roma paga 24 euro di imposta di soggiorno, a Venezia 17,40 euro, a Rimini 12 euro, a Catanzaro 7,80 euro e a Bibione 6,30 euro. [post_title] => Gli albergatori tracciano l'identikit dell'imposta di soggiorno [post_date] => 2019-05-03T08:30:00+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => federalberghi [1] => firenze-2 [2] => milano-2 [3] => roma-2 [4] => tassa-di-soggiorno ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Federalberghi [1] => firenze [2] => milano [3] => roma [4] => tassa di soggiorno ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556872200000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349876 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_242407" align="alignright" width="300"] La Spezia[/caption] Sabato 4 e domenica 5 maggio i Musei Civici della Spezia proporranno laboratori gratuiti per famiglie nell’ambito del progetto “Kid Pass Days!”, la più importante maratona italiana di attività ed eventi family-friendly. I Kid Pass Days sono il maggiore programma di attività a misura di bambini d’Italia con lo scopo di diffondere sempre più l’accessibilità e l’accoglienza a loro rivolta nel nostro paese. Nell’occasione, i partecipanti potranno scegliere di aderire a un solo laboratorio o immergersi in un avvincente itinerario che li condurrà da un museo all’altro; infatti abbiamo cercato di non sovrapporre gli orari dei laboratori e di lasciare il tempo di spostarsi in tutti i musei per fare un’esperienza quanto mai varia e divertente. I laboratori ideati dai conservatori dei Musei saranno tenuti dagli operatori didattici della Coop Zoe.Ecco il programma completo: Sabato 4 maggio 2019; CAMeC  (Centro Arte Moderna e Contemporanea), dalle ore 15.30 alle 16.30, Invasioni creative. Museo del Castello (Via XXVII Marzo) dalle ore 16.45 alle ore 17.45; Giochiamo con gli antichi Egizi. Museo Etnografico (Via Prione 156), dalle ore 18 alle ore 19; RiciclARTE. Domenica 5 maggio 2019, Museo Lia (Via del Prione 234), dalle ore 15,30 alle ore 16.30 ;Caccia al Tesoro nelle sale del Museo. Museo del Sigillo (Via del Prione 234), dalle ore 16.30 alle ore 17.30; Il misterioso monsieur J. F. Palazzina delle Arti (Via Prione 234), dalle ore 17.30 alle ore 18.30; Matrice, inchiostro, torchio: alla scoperta dell’incisione [post_title] => La Spezia, il 4 e 5 maggio i Kid Pass days nei musei civici cittadini [post_date] => 2019-04-30T14:44:08+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556635448000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349789 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Assemblea ordinaria dei soci di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna Spa ha approvato il bilancio d’esercizio della società al 31 dicembre 2018 e preso atto della presentazione del bilancio consolidato al 31 dicembre 2018. In particolare, come già reso noto al mercato, nel 2018 i ricavi consolidati sono stati pari a 114,1 milioni di euro, con una crescita del 15,1% rispetto al 2017, mentre l’Ebitda consolidato è stato pari a 38,7 milioni di euro (+13,1%). L’utile netto consolidato si è attestato a 17,9 milioni di euro (+10,8%).  Sulla base di un utile netto di esercizio della capogruppo Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna pari a 17,1 milioni di euro, l’assemblea ha deliberato la distribuzione di un dividendo lordo di 0,449 euro per ogni azione ordinaria, in crescita di circa il 14,5% rispetto all’anno precedente e pari ad un payout ratio del 95% circa. I componenti del consiglio di amministrazione, nel numero di 9 consiglieri come previsto da statuto della società, sulla base del meccanismo del voto di lista, il cui mandato avrà scadenza con l’approvazione del bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2021: Enrico Postacchini, Nazareno Ventola, Silvia Giannini, Eugenio Sidoli, Valerio Veronesi e Giada Grandi (candidati nella Lista n.1 depositata per la nomina del Consiglio di Amministrazione), Marco Troncone, Gennarino Tozzi e Laura Pascotto (candidati nella Lista n.2), determinandone la relativa remunerazione.   [post_title] => Aeroporto Bologna, ricavi consolidati per 114,1 milioni di euro [post_date] => 2019-04-30T08:31:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556613060000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 347093 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aegean ha ottenuto importanti riconoscimenti nell’ambito dei TripAdvisor Travelers’ Choice awards 2019 per quel che riguarda le compagnie aeree. Ha addirittura conseguito tre importanti riconoscimenti come: “Miglior compagnia Aerea in Europa”, “Miglior business class in Europa”, “Miglior compagnia aerea in Grecia”. I riconoscimenti sono giunti  in base alla quantità e alla qualità delle recensioni e ai punteggi assegnati alle compagnie, postati dai viaggiatori di tutto il mondo sulla piattaforma di TripAdvisor, in 12 mesi. Nel 2018, la compagnia ha fatto volare 14 milioni di persone continuando a impegnarsi per migliorare costantemente l’esperienza di viaggio offerta e mantenerla ai massimi livelli.  Αegean e Olympic Air hanno raggiunto un traffico totale di 14 milioni di passeggeri nel 2018. L’operativo voli del 2019 comprende una rete di 151 destinazioni (31 nazionali e 120 internazionali) in 44 paesi. Dal 30 giugno 2010 Aegean è membro di Star Alliance, la più grande alleanza globale di compagnie aeree. Nel 2018 Aegean ha ottenuto il riconoscimento di miglior compagnia regionale in Europa agli Skytrax World Airline Awards. [post_title] => Aegean: per il Tripadvisor Traveler’s choice è tre volte campione [post_date] => 2019-04-03T11:35:33+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554291333000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 340006 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I viaggi tematici sono uno dei driver del turismo verso gli USA. L’Associazione Visit USA Italy, presenta un focus proprio sull’epopea dello spazio, attraverso i luoghi simbolo della corsa verso lo spazio degli anni 60, che il 20 luglio 1969 (a dispetto degli scettici che parlano di “fake”) portò, con la missione Apollo 11 i tre astronauti Buzz Aldrin, Neil Armstrong e Michael Collins in orbita e, i primi due, sul nostro satellite, come richiese l’amministrazione “Kennedy” per sancire lo spirito indomito del paese. Vi sono luoghi negli USA che ricordano tutt’oggi il periodo d’oro in cui lo spazio era “L’ultima frontiera” una serie di location tutt’ora operative o dedicate a musei celebrativi, davvero interessanti, didattici, istruttivi e accattivanti. La storia dell’astronautica parte da lontano alla fine degli anni ’50, ma ciò che ha lasciato nell’immaginario collettivo è davvero impressionante. 560 persone sono state nello spazio dal 1961 data del primo volo del “cosmonauta” Juri Gagarin il 12 aprile 1961, un club d’elite che comprende anche alcuni astronauti italiani, fra i quali Luca Urbani, presenta al panel di discussione in BIT. Partendo dai luoghi culto di Pasadena (California) Cape Canaveral (Kennedy, Florida), il centro di controllo di Houston (Texas) è possibile un viaggio attraverso l’astronautica americana, arrivando ai celebrati musei come L’”Intrepid sea air space museum” a New York, il “National air and space museum” a Washington o il “Kennedy space center” di Orlando, confezionando un viaggio in USA sul tema dello spazio, offerto proprio quest’anno in concomitanza con il mezzo secolo della conquista della luna da diversi tour operator aderenti alla associazione. Nella presentazione di questi programmi si è anche parlato di luoghi meno noti ma altrettanto importanti come ad esempio lo “Space camp” di Huntsville, Alabama, per completare un quadro che vada al di là dei luoghi noti, ma che vi faccia entrare un un mondo parallelo ed estremamente interessante che ha ancora molto da offrire al nostro pianeta, in termini di esplorazione dell’ outer space! [post_title] => La luna: 50 anni fa, il 16 luglio la conquista. Focus di Visit USA [post_date] => 2019-02-12T12:15:47+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1549973747000 ) ) )

Lascia un commento