6 August 2020

1559

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Agenzia soggiorni linguistici di Milano ricerca un’eccellente figura commerciale per relazioni con professori e scuole, esperienza nelle vacanze studio da almeno due anni, ottima conoscenza dell’inglese e disponibilità a viaggiare.
Inviare CV a: vzulle@gmail.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la ricaduta del turismo via mare sui territori toccati dalle navi, ma soprattutto aumenta il traffico complessivo della crocieristica, così come dei traghetti, degli aliscafi e dei catamarani. Più articolato, invece, il giudizio sulla nautica, mentre anche il comparto dei traghetti soffre ancora di un certo ritardo in tema di standard dell'offerta. Sono i risultati principali dell'ultima edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report, presentato ad Ancona da Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo, in apertura della quarta edizione dell'Adriatic Sea Forum - cruise, ferry, sail & yacht. Nel 2018 sono ammontate in particolare a 420 milioni di euro le spese turistiche a terra sostenute dai crocieristi e da chi sceglie di muoversi in traghetto, in aliscafo o in catamarano per le proprie vacanze in Adriatico (escursioni e visite, pernottamenti, pre-post viaggio, shopping e ristorazione...). In termini di traffico complessivo, le previsioni di Risposte Turismo per il 2019 parlano quindi di 5,52 milioni passeggeri movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 7,3% rispetto al 2018. In aumento pure le toccate nave (+7,2%), per un totale di 3.307 approdi. L’anno in corso dovrebbe invece chiudersi con Venezia saldamente al primo posto con 1,56 milioni di crocieristi movimentati (stabile rispetto al 2018) e 502 toccate nave (stabile), seguita da Corfù con 787 mila crocieristi (+7%) e 416 toccate nave (+0,7%), nonché Dubrovnik, con 745 mila crocieristi (+1,8%) e 475 toccate nave (+8,4%). Ma l'Adriatic Sea Tourism Report contiene anche un focus dedicato alla movimentazione passeggeri su traghetti, aliscafi e catamarani. L’anno in corso dovrebbe in particolare chiudersi con una leggero aumento ulteriore rispetto ai già positivi risultati registrati nel 2018 (19,74 milioni di passeggeri movimentati, +2,4% sul 2017): il migliore degli ultimi dieci anni. Tra i porti esaminati, le previsioni 2019 sono positive per Zara (2,43 milioni di passeggeri movimentati, + 1-2%), Durres (875mila, +2,6%), Dubrovnik (575mila, +3%), Sibenik (300mila, +3%), Rijeka (150mila, 16%) e Pola (12mila, +2,2% su rotte costiere e stabile sulle rotte internazionali). Stabile, al contrario, la movimentazione passeggeri prevista a fine anno nei porti di Ancona, Saranda, Porec, Trieste, Rovigno, Pesaro e Umago/Novigrad. Il rapporto, infine, prova a gettare uno sguardo anche sul comparto nautico dei sette Paesi che si affacciano sull'Adriatico. Tra questi, l’Italia conferma la propria leadership nell’area con 186 marine (56% del totale) e oltre 49 mila posti barca (il 65,6% del totale). A seguire Croazia (125 marine e oltre 17.400 posti barca) e la coppia Slovenia – Montenegro, con 8 marine e, rispettivamente, poco più di 3.100 e 2.800 posti barca. L’analisi del versante italiano dell’Adriatico fa tuttavia emergere uno scenario in chiaro scuro: se da un lato infatti alcune strutture stanno riscontrando un periodo di difficoltà, continuando tuttavia a operare in attesa di nuovi investitori e della ripresa del mercato, dall’altro sono in programma nel prossimo biennio importanti ampliamenti, per complessivi ulteriori 2.570 posti barca. «Nonostante i nodi da sciogliere su Venezia, il traffico crocieristico quest’anno crescerà significativamente in Adriatico grazie al lavoro compiuto da tutti gli operatori attivi nell’area – è il commento di di Cesare -. Viceversa, il comparto dei traghetti continua a prestarsi a una doppia lettura. Da un lato, infatti, si evidenzia la sua rilevanza nelle direttrici di spostamento dei turisti in Adriatico e le ampie potenzialità di crescita, dall’altro si registra ancora un ritardo rispetto agli standard, per esempio di offerta e di promozione, che altre soluzioni di trasporto hanno adottato da tempo. Per la nautica, infine, le indicazioni che abbiamo raccolto attraverso la nostra indagine fanno intravedere uno 2019 positivo. Ciò potrebbe tradursi in un maggior tasso di occupazione delle marine che oggi, per dimensioni e standard, sono già pronte ad accogliere livelli più elevati di traffico». [post_title] => Bene il turismo via mare in Adriatico ma i traghetti possono fare di meglio [post_date] => 2019-05-31T09:15:44+00:00 [category] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => adriatico [1] => francesco-di-cesare [2] => in-evidenza [3] => risposte-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Adriatico [1] => Francesco di Cesare [2] => In evidenza [3] => Risposte turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559294144000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353739 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il marchio W di Marriott International debutta in italia con l'hotel W Rome. Il progetto vede protagonista Eclettico, il brand del gruppo Lombardini22 dedicato alla progettazione nel settore dell’hospitality e del residenziale di lusso. Eclettico si sta occupando della progettazione architettonica e restauro dell’edificio e della gestione della documentazione nel rispetto degli standard della catena alberghiera. Inoltre è responsabile della progettazione impiantistica, acustica e site supervision. L’interior design sarà firmato dallo studio newyorchese Meyer Davis. L’hotel, nei pressi di via Veneto, si svilupperà su due edifici di pregio architettonico risalenti al XIX secolo. I due edifici, di 6 piani fuori terra, saranno uniti attraverso un corpo centrale adibito a nuova reception. L’hotel ospiterà 159 camere e suites. Grande importanza verrà data agli spazi per la socialità: W Living Room, Lobby, due ristoranti e più di 120 metri quadri di spazio eventi, oltre a palestra, la spa e l'esclusivo roof top bar sulle terrazze all’ultimo piano. Work in progress e per l’estate 2019 sarà finalizzata la MockUp Room, la camera campione. Gli hotel a marchio W nel mondo sono più di 50 e diventeranno 75 entro il 2020. W continua a crescere in Europa dove gestisce attualmente proprietà ad Amsterdam, Barcellona, Londra, Parigi, Verbier, San Pietroburgo, in Algarve, e ancora Madrid, Ibiza, Praga e Budapest nei prossimi mesi. Oltre a Roma, il 2021 vedrà il debutto di W Hotels anche a Marbella ed Edimburgo. [post_title] => Debutta in Italia il marchio W di Marriott International [post_date] => 2019-05-30T14:42:15+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559227335000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353187 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un aumento di volumi e fatturato del 20% a parità di perimetro. Sono gli effetti più che lusinghieri, generati nei primi tre mesi dal nuovo format Bravo Club lanciato a fine febbraio. Lo ha rivelato, a margine dell'evento sardo del Voi Tanka Resort  per la presentazione dell'ultimo singolo di Giusy Ferreri, il brand manager del marchio di villaggi all inclusive Alpitour, Gianmaria Patti: «I feedback sono stati da subito molto positivi e ci confortano sulla bontà della nostra strategia incentrata sulla creazione di un prodotto a maggior valore aggiunto, per liberarci dalla necessità di competere esclusivamente sulla leva del prezzo». Il brand, che ha chiuso l'anno fiscale novembre 2017 - ottobre 2018 con un fatturato complessivo di 155 milioni di euro, generato da 19 villaggi complessivi, presenta anche per questa stagione un portfolio stabile: 11 resort per la stagione invernale, che salgono a 19 per l'estate. «Il nostro obiettivo è quello di crescere con moderazione, perché vogliamo preservare la promessa del marchio - prosegue Patti -. Per l'anno prossimo posso però già annunciare l'apertura di un nuovo Bravo Club a Kao Lack in Thailandia. Abbiamo infatti chiuso con la proprietà un contratto di commercializzazione, che come sempre punta a instaurare un rapporto di lungo periodo. Anche perché, per portare a regime i nostri villaggi, per far sì in altre parole che tutto il personale sia in grado di interpretare al meglio il nostro format, occorrono almeno due anni. Quando non gestiamo direttamente le strutture, sigliamo perciò sempre accordi di almeno 3 + 3 anni se non 5 + 5». [post_title] => Bravo Club: il nuovo format funziona. In arrivo un resort in Thailandia [post_date] => 2019-05-24T12:28:33+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => bravo-club [1] => gianmaria-patti [2] => in-evidenza [3] => kaolack [4] => thailandia ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Bravo Club [1] => Gianmaria Patti [2] => In evidenza [3] => Kaolack [4] => thailandia ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558700913000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351728 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Traffico passeggeri da record per gli scali di Firenze e Pisa nel primo trimestre del 2019. Toscana Aeroporti segnala infatti come su Peretola siano transitati dall'inizio dell'anno 529.189 passeggeri, l'1,5% rispetto ai primi tre mesi del 2018. Anche il primo trimestre dell’anno è stato condizionato da un elevato numero di voli dirottati/cancellati, pari a 219 movimenti per una perdita stimata di oltre 20 mila passeggeri. Al netto della perdita stimata di passeggeri, il traffico dello scalo aeroportuale di Firenze avrebbe registrato una crescita del traffico passeggeri del +5,5%. Solo una parte di tale traffico è stata recuperata dall’aeroporto di Pisa. Positivo sia l’andamento dei movimenti dei voli totali (+1,3%) che quello del load factor dei voli di linea pari al 76% (+1,1 punti percentuali). Il traffico di linea internazionale rappresenta l’84,1% del traffico totale di linea dell’aeroporto Vespucci mentre quello domestico il 15,9%. I principali mercati del Vespucci risultano essere quelli francese (22,4% del totale), tedesco (18,4%) e italiano. Segno più anche per l'aeroporto di di Pisa che, che con 893.980 passeggeri trasportati nei primi tre mesi del 2019, registra una crescita dell’1,7%. L’incremento è principalmente riconducibile al positivo andamento dei movimenti dei voli totali (+2,4%) e del load factor dei voli di linea pari all’84,2%.   [post_title] => Toscana Aeroporti: traffico passeggeri in crescita sia a Firenze sia a Pisa [post_date] => 2019-05-13T10:42:06+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557744126000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350693 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Finnair offre tariffe speciali per il paese del sol levante alla scoperta di Tokyo e Osaka. Il Giappone stupisce i visitatori non soltanto per le città avveniristiche, ma anche per la natura incontaminata, per le tradizioni antichissime e i rituali senza tempo, come quello affascinante della cerimonia del tè. Con più di 12 milioni di abitanti Tokyo è tra i più grandi agglomerati umani al mondo, ed è la città delle grandi contraddizioni. Osaka propone un’architettura contemporanea, vista la forte distruzione subita dai bombardamenti dopo la Seconda Guerra Mondiale, con i grandi grattacieli e le insegne luminose che di notte fanno pulsare la città. Per i prossimi mesi, Finnair offre tariffe promozionali – acquistabili fino al 27 maggio 2019 e che permettono di viaggiare fino a marzo 2020. Economy Class Giappone, via Helsinki da Milano Roma dal 14-5 al 13-6-2019; dal 17-10 al 19-12-2019, dal 31-12-19 al 12-3-2020. Tokyo a partire da 559 € a/r. Osaka a partire da 562 € a/r. Busiess Class Giappone, via Helsinki da Milano e Roma per viaggi dal 14-5-2019 al 12-3-202. Tokyo a partire da 2099 € a/r. Osaka a partire da 2102 € a/r.     [post_title] => Finnair propone tariffe speciali per scoprire Tokyo e Osaka [post_date] => 2019-05-08T11:34:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557315245000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349846 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => È un viaggio nel mondo cavalleresco e nei fasti della corte estense quello che nel mese di maggio 2019 si può vivere a Ferrara, dove si celebra il Palio più antico del mondo. Le prime Corse furono disputate nel 1259 ed ancora oggi il Palio di Ferrara è una manifestazione ricca di emozioni, e diventa ancora più coinvolgente grazie ai pacchetti e alle proposte di soggiorno del Consorzio Visit Ferrara. Il programma messo a punto dall’Ente Palio prevede ogni fine settimana di maggio un evento diverso tra rievocazioni storiche, giochi e prove, tra sbandieratori, danzatrici, cene propiziatorie, fino a domenica 2 giugno 2019, quando in Piazza Ariostea, alle 16.00, le 8 contrade si contenderanno i 4 ambiti Palii: il palio rosso di San Romano corrisponde alla Corsa dei Putti, il palio verde di San Paolo alla Corsa delle Putte, il palio bianco dedicato a San Maurelio alla Corsa delle Asine e il palio giallo o dorato di San Giorgio alla Corsa dei Cavalli. Con Visit Ferrara, il pacchetto “Il Palio light”, valido nei fine settimana dal 18 maggio al 2 giugno 2019, che include una notte in hotel con colazione, un biglietto per la visita guidata “Raccontare Ferrara” e gli eventi gratuiti del Palio, è a partire da 60 euro a persona. Per il weekend del 25 maggio, quando ci sarà il Corteo Storico, Visit Ferrara propone una notte in hotel con colazione, la visita guidata “Raccontare Ferrara”, un pranzo in ristorante, noleggio biciclette, light lunch alla Caffetteria del Castello Estense, partecipazione agli eventi del Palio, a partire da 130 euro a persona. Per vivere le gare del Palio di Ferrara dal 31 maggio al 2 giugno, si può scegliere tra il pacchetto Light che comprende 2 notti con colazione, la visita “Raccontare Ferrara”, il noleggio bici e una Cena Propiziatoria in una delle contrade del Palio (a partire da 170 euro a persona) e il pacchetto Top, che aggiunge una cena in ristorante tipico e il light lunch alla Caffetteria del Castello Estense (a partire da 195 euro a testa). [post_title] => Ferrara, i pacchetti per vivere il Palio più antico del mondo [post_date] => 2019-04-30T11:40:45+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556624445000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349490 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In occasione del cinquecentenario della morte di Leonardo, il Festival del Viaggio e la Società Italiana dei Viaggiatori organizzano ‘Leonardo's Travel – 500 anni in viaggio con Leonardo', itinerario in 12 tappe da Anchiano di Vinci al Castello di Clos-Lucé ad Amboise, dove il genio morì nel 1519. Lo scrittore e direttore del Festival del Viaggio Alessandro Agostinelli percorrerà le tappe principali del percorso umano e professionale di Leonardo a bordo di uno scooter Piaggio. Il progetto è patrocinato, tra agli altri, anche dalla Regione Toscana. La partenza è prevista da Pontedera. Le tappe (sei in Italia e sei in Francia) saranno Vinci, Firenze, Milano, Genova, Ventimiglia, Avignone, Lione, Clermont-Ferrand, Bourges, Tours, Amboise. Durante l'itinerario sono previsti incontri con storici, studiosi, gastronomi, chef, politici, storici dell'arte, architetti, alla scoperta di informazioni, storie e aneddoti sulla vita e sulle opere di Leonardo Da Vinci. Il viaggio sarà documentato con video quotidiani che saranno successivamente raccolti e presentati insieme all'assessore regionale al turismo e al direttore di Toscana Promozione Turistica il prossimo 1 giugno all'interno della XIV edizione del Festival del Viaggio. [post_title] => Toscana, dalla Francia in scooter per il "Leonardo's Travel" [post_date] => 2019-04-24T12:03:37+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556107417000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 348024 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In merito all'articolo pubblicato il 20 marzo scorso su Travel è giunta una precisazione da parte del Museo della Navigazione nelle Acque Interne di Capodimonte. La riportiamo integralmente: «Il Museo della Navigazione nelle Acque Interne di Capodimonte è costituito non da tre, ma da quattro sale espositive: la Sala delle Barche tradizionali, la Sala della Pesca e delle Tradizioni, la Sala dei Modellini e la Sala della Piroga. Il Museo è incentrato su temi di archeologia navale e di antropologia, focalizzando l’attenzione sul rapporto uomo/acqua nei territori interni, con particolare riferimento all’Italia centrale. L’arco cronologico su cui è incentrata l’esposizione spazia dalla preistoria, con la piroga monossila, probabilmente doppia, rinvenuta nel Lago di Bolsena nel 1989, fino ad arrivare alle barche “da lavoro”, da pesca e da trasporto, ma anche da diporto, cioè a quel patrimonio nautico di differenti luoghi del Lazio e di altre regioni d’Italia che purtroppo è quasi completamente scomparso e che la musealizzazione può aiutare a salvare dall’estinzione e dall’oblio. Il Museo della Navigazione dispone anche di una sala di consultazione informatica fruibile gratuitamente dai visitatori che desiderano approfondire le tematiche dell’esposizione. L’ingresso non è gratuito ma prevede un biglietto intero di 2,50 euro o un biglietto ridotto di 1,50 euro. Altre notizie sono sul nostro sito web https://museocapodimonte.com». [post_title] => Precisazione del Museo della Navigazione nelle Acque interne di Capodimonte: le sale sono 4 e si paga il biglietto [post_date] => 2019-04-10T11:30:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554895816000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 346766 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un recente studio di Get Going Travel Insurance, ha stimato che la spesa globale per il turismo è vicino a 1,5 trilioni di dollari. Con l’avvento del low cost ed economie in crescita sul pianeta, si allargano gli orizzonti di molti paesi ed il turismo si conferma industria di inestimabile valore per tanti paesi. La Cina è il campione di viaggio: con l'aiuto della massiccia popolazione, l'aumento del turismo in Cina è stato notevole, con una spesa stimata di oltre un quarto di trilioni di dollari. Questa cifra supera le spese di Stati Uniti e Germania messi insieme. Al secondo posto nella lista globale per i viaggi outgoing, gli Stati Uniti hanno aumentato la spesa annuale del turismo del 9% a oltre  135 miliardi di dollari. Con solo il 42% degli americani che possiedono un passaporto, questa cifra va considerando come estremamente significativa. Per l’Europa, in termini di spesa, nessuna nazione europea supera la Germania, che lo scorso anno ha registrato una spesa di poco inferiore ai 90 miliardi di dollari. Sono oltre 1000 dollari a persona in media, spese in viaggi, in un anno. Il Regno Unito si piazza al IV posto con la spesa salita a 71 miliardi di dollari. I paesi con grande popolazione ed economie importanti hanno sempre la possibilità di spendere molto per i viaggi, ma dove preferiscono andare? Al confine con gli Stati Uniti ci sono due tipi di destinazioni di vacanza molto diverse a seconda delle condizioni meteo che si cercano. Circa35,1 milioni di persone attraversano il confine con il Messico ogni anno, mentre poco più di 14,3 milioni si avventurano nel nord, in Canada. Inoltre, 5 milioni combinati lasciano il continente per dirigersi nel Regno Unito e in Francia. Non sorprenderà nessuno sapere che la destinazione preferita del Regno Unito sia la Spagna (15,9 milioni) seguita dalla Francia (8,86 milioni). Il Canada, paese relativamente remoto nella sua posizione verso altre nazioni, è impressionante quando si tratta di viaggiare. Oltre ai viaggi negli Stati Uniti, il Canada si dirige verso Uk, Cuba e Germania. E’ interessante notare anche come il numero di arrivi turistici annuali sia sproporzionato rispetto alla loro dimensione. Le piccole isole e le nazioni con poca popolazione sono spesso molto popolari tra i turisti con una sproporzione per queste due cifre, evidente. ​​Andorra - Stretta tra Francia e Spagna, principato senza sbocco sul mare è divenuta un punto di riferimento per il turismo sciistico negli ultimi anni. Con oltre 3 milioni di arrivi l'anno scorso, il rapporto tra turisti e residenti è un enorme 1:39. Macao - Situata sulla costa meridionale della Cina, questa regione autonoma attrae molti per il gambling e l’intrattenimento. Più di 17 milioni di persone l’hanno visitata l'anno scorso e, con una popolazione di 630mila abitanti, sono al secondo posto nella lista. Isole al sole - Il Commonwealth statunitense, le Isole Marianne settentrionali, che vantano un rapporto di 12 turisti per ogni cittadino, uniti a Turks e Caicos e poco prima di Aruba sono altre mete iper affollate, rispetto alla popolazione. [post_title] => La spesa sul turismo sfiora i 1,5 trilioni di dollari. Cina in pole position [post_date] => 2019-04-01T10:49:54+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1554115794000 ) ) )

Lascia un commento