16 June 2019

Oltre 20mila dipendenti di AccorHotels mobilitati in iniziative di solidarietà

[ 0 ]

Solidarietà presso ibis Milano Fiera

Oltre 20mila dipendenti di AccorHotels sono stati direttamente coinvolti a favore dei più bisognosi, negli ultimi 10 anni, grazie alle iniziative caritatevoli di un fondo di solidarietà appositamente creato. Le iniziative di aiuto si svolgono ogni anno, per una settimana, in dicembre. Anche quest’anno, nel decennale dalla fondazione, la Solidarity Week è stata attuata nelle varie strutture italiane.

Il gruppo alberghiero, che dalle origini ha portato a termine oltre 300 progetti beneficando circa 230mila persone in 45 Paesi, ha misurato adesso i risultati della sua attività, tramite uno studio condotto dalla società di consulenza Kimso, utile a mettere a fuoco gli ambiti su cui meglio investire le risorse del fondo Solidarity AccorHotels. Per selezionare i progetti proposti dai collaboratori e valutarli, sono operativi un consiglio di amministrazione e un comitato di selezione dedicati.

Emerge che per combattere l’esclusione economica e sociale delle persone che vivono in condizioni di grave povertà – e farlo in concreto – ci sono due aree chiave: l’integrazione professionale, che si articola nel doppio filone della formazione professionale, col sostegno a programmi di apprendistato professionale e sviluppo economico, e il supporto alla creazione di attività generatrici di reddito; il sostegno a lungo termine in situazioni di emergenza, aiutando le popolazioni locali a gestire le conseguenze immediate e a lungo termine delle crisi umanitarie.

In Italia anche quest’anno svariati i progetti che hanno mobilitato i dipendenti nella Solidarity Week 2018. Ibis Verona si è fatto portavoce della mission della fondazione Più Di Un Sogno, onlus in favore delle persone con sindrome Down e disabilità intellettive attraverso l’esposizione dei prodotti della fondazione.

A Milano, l’ibis Milano Centro, Novotel Milano Linate, Novotel Milano Ca’ Granda e ibis Milano Fiera, si sono dedicati a iniziative filantropiche, appoggiando il lavoro di vari enti e associazioni: la Pro Tetto onlus, la no profit Onos, la parrocchia di S.Paolo e le suore Marcelline, l’associazione “Dottor Sorriso”: tante iniziative come pranzi e lvendita di panettoni. Il Novotel Bologna Fiera ha contribuito al progetto di Operazione Pane, per regalare un pasto caldo nelle 14 mense francescane in Italia. Il Mercure Roma Eur ha devoluto il ricavato di una cena solidale ad Amurat per la costruzione di una pompa solare in Burkina Faso, progettata dagli studenti dell’Itis L.Nobili di Reggio Emilia.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353169 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Apertura di Air Italy a un possibile accordo con Alitalia sulla condivisione della continuità territoriale da Olbia. Dopo la querelle delle ultime settimana, secondo quanto pubblicato dall'Ansa, sarebbe arrivato un ok di massima alla proposta della Regione Sardegna: l'accettazione definitiva dovrà però aspettare il via libera del cda della compagnia che si svolgerà oggi. Nella lettera inviata alla Regione Sardegna, Air Italy avrebbe sottoposto una sua controproposta che prevede, rispetto alle indicazioni date precedentemente al tavolo regionale, una diversa suddivisione delle rotte tra le due compagnie. Sempre secondo quanto ripreso dall'Ansa, le rotte offerte ad Alitalia passerebbero da una a due. Una decisione che sarebbe legata al numero di aeromobili attualmente a disposizione di Air Italy. Nel caso di accettazione dell'offerta Air Italy dovrà capire se sia possibile, in poco più di una settimana, riproteggere sui propri voli i passeggeri che hanno già prenotato con Alitalia dall'1 giugno in poi. L'ex compagnia di bandiera ha dichiarato di aver già venduto sino a fine 2019 circa 70mila biglietti tra Olbia-Roma e Olbia-Milano. «Nel dettaglio - spiega l'Ansa - la proposta conferma l'esclusività delle tratte in continuità ad Air Italy sino al 31 dicembre 2019 o sino all'entrata in vigore del nuovo regime di voli agevolati che la Regione sta predisponendo dopo i rilievi arrivati da Bruxelles. Ad Alitalia, che al momento è la sola compagnia a volare in regime di continuità territoriale senza compensazioni economiche, viene offerto un volo aggiuntivo nella fascia oraria centrale della giornata per il solo periodo estivo, dall'1 giugno al 31 agosto di quest'anno. [post_title] => Apertura di Air Italy a un accordo con Alitalia sulla continuità da Olbia [post_date] => 2019-05-24T11:26:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558697214000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353092 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Viggo, l’unico operatore di terra all’aeroporto di Eindhoven, ha implementato Airport Management System di Sita, il fornitore globale di tecnologia per il trasporto aereo, per la gestione dello scalo, che è uno degli aeroporti regionali a maggior crescita in Europa e nel 2018 ha accolto circa 6,3 milioni di passeggeri su quasi 40mila voli. Il sistema di Sita consente un coordinamento efficiente delle operazioni, assicurando un monitoraggio continuo e tempestività di intervento sulla consegna e lo spostamento dei velivoli e sulle operazioni di rampa eseguite “lato volo” dalle compagnie aeree. Grazie a Airport Resource Manager il sistema consente inoltre di tracciare le attività di uno staff di oltre 500 persone. A beneficiare di questo aumento di efficienza saranno i passeggeri in transito nello scalo – che registra voli in partenza e in arrivo a distanza di pochi minuti – che potranno godersi un viaggio piacevole e senza intoppi. «Per operare alla massima efficienza è fondamentale - spiega Sergio Colella, Presidente Europa di Sita - che ogni aeroporto e ogni operatore di terra abbiano una visione globale in tempo reale di quello che sta accadendo in aeroporto. Il nostro Airport Management System fornisce questa visione: è per noi motivo di grande soddisfazione vedere come la nostra tecnologia supporti le attività di uno degli aeroporti più efficienti d’Europa». Dal 2020 la tecnologia di Sita sarà implementata anche all’Aeroporto di Lelystad, il nuovo aeroporto regionale dei Paesi Bassi, dove offrirà una soluzione di gestione scalabile in grado di supportare il modello adottato da Viggo per la gestione del personale di terra multitasking. Sitae Viggo lavorano insieme da molti anni; Viggo è stato il primo consulente con licenza di Airport Management System per altri clienti diSita. Grazie a questa proficua collaborazione, oggi la soluzione di Sita si combina con le conoscenze operative e l’esperienza di Viggo con il risultato di un’implementazione di successo, che fornisce ai clienti un controllo reale e un quadro generale delle operazioni giornaliere. [post_title] => Eindhoven, implementato l'airport management system di Sita [post_date] => 2019-05-24T09:04:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558688692000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352634 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_352635" align="alignright" width="300"] Stephanie Rudolph e lo stand di AT a Rehab Karlsruhe[/caption] Importante esordio internazionale per Accessible Tourism, la divisione di The Plus Planet dedicata al turismo accessibile in Italia. Dopo aver partecipato a marzo a ITBerlin 2019, Accessible Tourism primo tour operator italiano dedicato al turismo accessibile, ha preso parte anche a Rehab Karlsruhe, la fiera internazionale per la riabilitazione, cura, innovazione tecnologica e tempo libero, appena conclusa nella città tedesca. L'appuntamento, giunto alla XX edizione, ha visto la partecipazione di oltre 460 operatori da 21 paesi del mondo che hanno presentato le principali novità nell'ambito delle terapie di riabilitazione e ortopedia in un’area dedicata di 50mila metri quadri dove hanno trovato posto tutte le ultime novità del settore, oltre a incontri, workshop e dimostrazioni di associazioni sportive. Per la prima volta, quindi, anche l'Italia accessibile ha testimoniato la propria anima a questo importante appuntamento. La sezione dedicata al tour operating di The Plus Planet ha allestito il proprio stand alla tre giorni tedesca, presentando le principali offerte dedicate al turismo accessibile in Italia. Il catalogo 2019 offre dalle strutture ricettive ai servizi di transfer, dall'assistenza infermieristica fino a pacchetti viaggio e visite guidate rivolti a tutte le tipologie di disabilità. Presente anche un'offerta dedicata al “turismo d'argento” una tipologia in forte ascesa. L'offerta italiana è stata molto apprezzata dal pubblico presente in fiera. «Dopo l’esperienza di ITBerlin 2019, è stato un grande onore per noi poter tornare in Germania ed essere il primo tour operator italiano dedicato al turismo accessibile a partecipare a Rehab Karlsruhe – spiega Stephanie Rudolph, business development manager per Accessible Tourism/The Plus Planet – Lavoriamo dal 2015 per favorire i turismi alternativi con peculiarità in Italia, selezionando le strutture ricettive e i migliori servizi presenti sul mercato nazionale». [post_title] => Turismo accessibile: The Plus Planet alla XX edizione di Rehab Karlsruhe [post_date] => 2019-05-21T15:24:38+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558452278000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352236 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'assemblea del Trieste Airport ha approvato il bilancio 2018 con un margine Ebitda superiore al 30%. L'incontro odierno è stata occasione anche per un aggiornamento sugli investimenti e i traffici che delineano sempre più quanto l’aeroporto sia diventato l’hub di riferimento e snodo cruciale per lo sviluppo della mobilità dell’intera regione. Nel quadriennio 2016-2019 sono stati investiti 40 milioni di euro (di cui 26 milioni autofinanziati) che sono stati impiegati per la realizzazione del polo intermodale (17 milioni) che ha collegato il terminal dell’aeroporto con la ferrovia, il potenziamento delle infrastrutture di volo e il miglioramento delle aree e dei servizi dell’aerostazione. Dal 15 al 30 giugno avranno luogo i lavori per la riqualificazione della pista di volo (10 milioni di euro) che renderà lo scalo ancora più competitivo e attraente per le compagnie aeree internazionali. In termini di traffico, nel 2018 i passeggeri sono stati 772 mila come nel 2017 nonostante la decisione di Ryanair di cancellare i collegamenti con Ciampino (Roma) e Trapani; di questi 708 mila sono passeggeri di voli linea e 58,8 mila hanno volato sui charter. Per l’estate del 2019 si segnalano le nuove rotte verso Colonia con Eurowings (dal 2 giugno con frequenza bisettimanale), i voli estivi di Alitalia verso la Sardegna (Olbia e Alghero) e i voli per le isole greche di Lefkada e Cefalonia operati da Adria Airways ed organizzati in collaborazione con l’agenzia Palma Viaggi. Infine, da quando è stata aperta la stazione ferroviaria Trieste Airport (marzo 2019) i treni regionali hanno movimentato un totale di 195 mila passeggeri di cui il 20% (quasi 40mila persone) si poi recato direttamente in aerostazione per un volo (in arrivo o in partenza). Un andamento che, nei primi cinque mesi dell’anno 2019 è in deciso miglioramento. Il trend dei passeggeri che utilizzano la ferrovia per arrivare o partire dallo scalo di Ronchi è infatti in crescita del 30%, facendo registrare già 97mila passeggeri dal 1° gennaio 2019 a oggi. A questi dati vanno aggiunti anche i passeggeri giornalieri delle 6 Frecce veloci che dal 2018 transitano per la fermata Trieste Airport provenienti da Milano e Venezia (dati al momento in aggiornamento).     [post_title] => Trieste Airport investe 30 milioni di euro per il quadriennio 2020-2023 [post_date] => 2019-05-16T14:44:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558017876000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 351547 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Servizi alla persona, qualità della vita, sostenbilità ambientale e sviluppo sociale: insieme agli obiettivi finanziari sono questi i cardini del Piano industriale del Gruppo FS Italiane 2019-2023, per molti versi rivoluzionario, dichiaratamente a lungo studiato e concertato con il Governo. Così che a supportare il grande progetto a Piazza della Croce Rossa sono intervenuti il presidente del Consiglio Conte – «perché questo gruppo - ha detto - è un perno fondamentale per lo sviluppo del Paese» –  il ministro dei trasporti Toninelli e dell’economia e finanza Tria, a fianco del presidente del gruppo Gianluigi Castelli e dall’ad Gianfranco Battisti.     Il piano peraltro non ha precedenti per contenuti e valore, con un totale di 58 miliardi di euro di investimenti nei cinque anni - 38%, cioè 16 miliardi dedicati al Sud - superiore al massimo di 36 miliardi dedicati a suo tempo alla realizzazione dell’alta velocità:  42 miliardi in infrastrutture, 12 in nuovi treni e bus, 2 in metropolitane, 2 in altre tecnologie. «Un piano industriale corale – ha detto Castelli – di ampio respiro e rapida efficacia, fortemente condiviso dalle imprese del gruppo». Solidamente poggiato sui risultati - anche questi un record storico - dell’esercizio 2018 che ha prodotto 12,2 miliardi di ricavi, margine lordo di 2,5 miliardi e utile netto di 560 milioni. Uno slancio che spinge a programmare in grande, e soprattutto innovare in grande.   Gli obiettivi. Battisti ha parlato di 9 miliardi di valore incrementale del gruppo al 2023, grazie a una crescita superiore al 30%. Grazie a 17 miliardi di ricavi, 3,3 miliardi di margine lordo, 800 milioni di utile netto, oltre 200 in più rispetto al 2018. Per un contributo annuo al Pil che sfiora l’1%, e tra stipendi e forniture si riversa per oltre l’80% sul tessuto sociale. Il gruppo trasporterà i 90 milioni di passeggeri l’anno il più, a partire dal miliardo del 2018. «Perché riusciremo a erodere molto traffico alla gomma – ha promesso Battisti – contiamo di tagliare di altri 600mila tonnellate di Co2, togliendo dalle strade almeno 400 mila auto l’anno». Il tutto con qualcosa come 100/120mila nuove assunzioni pianificate.     Gli investimenti. RFI si conferma primo investitore italiano, con punte fino a 13 miliardi l’anno a partire dal record di 7,5 miliardi del 2018. I 58 miliardi sono finanziati per il 24% con risorse proprie, oltre a 1,750 miliardi già interamente sottoscritte dal mercato e altri 600 milioni. In dettaglio RFI realizzerà la prima emissione di Green Bond in Europa; anche per il trasporto merci; 4 miliardi vanno su RFI e Anas per lo sblocco di 1.600 cantieri, altrettanto alla manutenzione delle infrastrutture per le merci;  25 miliardi dedicati al Sud per lo sblocco di una trentina di cantieri: alla fine il tempo di percorrenza sulla Roma-Bari sarà identico a quello sulla Torino - Roma.   La puntualità ha recuperato 17 punti da gennaio a ora, «naturalmente non basta – ha detto Battisti – partivamo dal 51% reale, causato anche dall’altissima concentrazione dell’offerta sulle fasce di punta. Lavoriamo sulla dinamica dei nodi, aiuterà molto l’integrazione di porti, interporti e aeroporti con le stazioni», che è uno dei punti chiave del piano, con 5,5 miliardi di euro per recuperare subito altri 10 punti sui servizi a mercato e 5 sul regionale. Serve anche a questo il sistema Ertms, European Rail Traffic Management System già attivo su AV-AC, altro primato europeo di RFI che sarà esteso al resto della rete. Con la digitalizzazione sempre più diffusa, sia nel servizio ai passeggeri che nell’infrastruttura: altri 2 miliardi di investimenti  con intelligenza artificiale, robot e droni dedicati alla manutenzione.   Trasporto regionale. Vale l’86% dei passeggeri, entro il 2023 anni avrà quasi 600 treni in più, per una spesa di 2,2 miliardi. Per i pendolari RFI promette frequenze fino a una ogni 8 minuti nelle fasce di punta, e 800 nuove persone dedicate all’assistenza, in parte già assunte. E ancora servizi più personalizzati e offerta più segmentata con programma di loyalty dedicato.   Assistenza alle persone, sempre di più in ogni fase del servizio, anche nelle stazioni pendolari e soprattutto fisica ma non solo, con lo sviluppo dell’assistenza digitale e perfino un sistema di rimborso semplificato.  Semplificazione infine, con lo spostamento dal concetto di ‘presidio centralizzato’ a ‘presidio focalizzato’, al centro di una sostanziale rivoluzione organizzativa.    [post_title] => «Le persone al centro di tutto»: 58 miliardi di investimenti per RFI [post_date] => 2019-05-10T15:24:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557501893000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350638 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_350639" align="alignright" width="291"] Il titolare del MinTur cubano, Manuel Marrero Cruz[/caption] Per mantenere la competitività a livello mondiale, il Ministero del turismo di Cuba ha messo in atto una una strategia di comunicazione ed una trasformazione delle proprie strutture e peculiarità per portarle ad un buon livello digitale. «Abbiamo messo online un nuovo portale ufficiale della destinazione (www.cuba.travel) - spiega il ministro del turismo, Manuel Marrero Cruz - sviluppando nel contempo una piattaforma di marketing digitale e facendo il nostro ingresso nell’ e-commerce. Questo portale diverrà il principale canale per la approfondire la conoscenza di Cuba». Come annunciato la scorsa edizione dell’evento, è stato sviluppato e pubblicato anche il sito www.cubamaps.cu, che mette a disposizione degli utenti le mappe di oltre 15mila luoghi di interesse turistico, che saranno implementati a 25mila nel prossimo futuro. Anche i social media, sono area di interesse, tanto che si sta implementando una strategia di social marketing con la presenza di Cuba sui principali network come Facebook, Instagram, YouTube e Twitter. [post_title] => Marrero: la rinforzata presenza sul web e sui social al centro di una nuova strategia [post_date] => 2019-05-08T11:06:17+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557313577000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 350471 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I Giardini botanici nazionali della università de La Habana, si trovano a circa 25 km dalla capitale. In uno scenario che passa dalla foresta primaria al bosco vi sono conservate, catalogate e studiate oltre 3000 specie botaniche. La grande estensione del complesso, 550 ettari, non deve spaventare i visitatori che possono coprire un esaustivo “recorrido” in circa due ore. «E’ una solida istituzione scientifica e pedagogica - ha rimarcato la direttrice del complesso Nora F. Hernandèz Monterrey – un preludio all’ecoturismo cubano. Qui si può trovare un valido concentrato della biodiversità per cui Cuba è famosa con la maggiore densità di piante differenti per kmq sul pianeta». Dapprima una fattoria per l’allevamento del bestiame, il giardino botanico è stato fondato nel 1968 e aperto al pubblico nel 1984. Lo visitano circa 50mila cubani e 30mila stranieri l’anno e si sta affermando come una delle nuove attrazioni dell’area habanera, stimato quale uno dei 10 più grandi giardini botanici del mondo. Uno dei punti di forza è il così detto “palmetum” che ospita 250 varietà di palme, di cui una novantina endemiche, su un’area di 50 ettari. Un altro gioiello è il “giardino giapponese” l’unico del paese, inaugurato nel 1989, e in via di ampliamento per il 500° compleanno de La Habana. Nell’ambito turistico e specificatamente per il settore incentive, è possibile organizzare eventi in questa location davvero suggestiva.I progetti futuri prevedono anche l’apertura della Casa del Campesino, una sorta di lodge ospitale che dovrebbe aprire nel 2020 e fra le attrazioni una zipline in un ambiente del tutto naturale. [post_title] => Cuba: l’eredità “campesina” al servizio del turismo verde con i giardini botanici [post_date] => 2019-05-07T15:12:54+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => fiereeventi ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Fiere&Eventi ) ) [sort] => Array ( [0] => 1557241974000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349826 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce nel mercato italiano WebBeds, che sale a duemila strutture alberghiere nel Belpaese disponibili sulle sue piattaforme b2b e sigla un accordo con Thomas Cook per il Mare Italia, con particolare attenzione al Sud. Il gruppo di bedbank di proprietà dell’australiano Webjet, operatore digitale di viaggi, si mette così in evidenza nell’arena delle banche letti e mostra l’intenzione di farsi strada in Europa. Si tratta del secondo provider b2b di hotel al mondo e quello che cresce più velocemente. Nel portafoglio di WebBeds ci sono anche activities, transfer e tour sia per gruppi sia per individuali. I brandb2b della famiglia Webbeds sono JacTravel, Sunhotels, Lots of Hotels, Totalstay, Fit Ruums, Destinations of the World. Ad essi si aggiungono le due Ota leader in Australia e Nuova Zelanda, Webjet.com.au e Online Republic. D’interesse per gli albergatori italiani è la rete di agenzie di viaggio internazionali con le quali WebBeds li mette in contatto, in virtù di accordi esclusivi. Tra le partnership di rilievo quella con British Airways Holidays di cui è fornitore ufficiale (la compagnia aerea ha 10 voli al giorno su Roma e permette il dynamic packaging dal proprio sito) e con il network agenziale indipendente inglese Trailfinders che realizza un catalogo europeo con il prodotto contrattualizzato da WebBeds. «Puntiamo a contratti di lungo periodo con gli albergatori italiani e paghiamo al momento della prenotazione attraverso una nostra carta di credito, un metodo che dà estrema sicurezza. Operiamo attraverso un contract manager unico per tutti i brand del gruppo - osserva Riccardo Schirru, Regional Director of Contracting Central Med -. L’hospitality italiana di lusso è fortemente richiesta dal turismo mediorientale con il quale abbiamo relazioni preferenziali». Attraverso il brand Fit Ruums, infatti, che realizza il catalogo Travel Aggregator, e-magazine mensile distribuito a 10mila agenzie di viaggio asiatiche più una brochure annuale pubblicata a gennaio, WebBeds promuove l’hotellerie di alta gamma al target famiglie e coppie.   [post_title] => WebBeds cresce, nuovo accordo con Thomas Cook per il Mare Italia [post_date] => 2019-04-30T11:44:01+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556624641000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 349517 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Crescono del 21,97% e passano da oltre 157mila a quasi 200mila. Sono le partenze  di turisti mediorientali conquistati dall’Italia. A spendere maggiormente sono i visitatori provenienti da Emirati Arabi, Arabia, Iran e Kuwait ma cresce di oltre il 90 per cento la spesa dei turisti provenienti dal Qatar. A certificare il trend l'Ufficio studi Enit su dati Bankitalia. Lazio, Lombardia, Veneto, Toscana, Piemonte ed Emilia Romagna sono anche le regioni in testa per numero di presenze. Un mercato in fermento che Enit si prepara ad affrontare con la partecipazione alla Atm 2019 (dal 28 aprile al 1 maggio), Arabian Travel Market, a Dubai, l’evento internazionale che è piattaforma ideale per il networking di settore e per promuovere il travel management in relazione con ogni parte del mondo. Prenderanno parte alla fiera con Enit, nell’area dello stand Italia, Lombardia, Emilia Romagna, Campania, Marche e decine di operatori privati. Enit esporta il made in Italy come motore del turismo: in fiera verrà allestito un corner dedicato al benessere in stile italiano. Un’area sarà dedicata alla Virtual Reality che consente di vivere l’esperienza della realtà virtuale declinata in tre percorsi (città d’arte, food e lifestyle) uniti dal fil rouge del patrimonio Unesco, ma anche all’insegna della sostenibilità e dell’inconfondibile lifestyle italiano, da vivere e condividere online. Incisiva anche l’attività di branding dell’Agenzia nazionale del turismo: il marchio Italia sarà presente in ogni ingresso della fiera, dall’entrata nord a quella del padiglione Europa e video promozionali sul Bel Paese mostreranno immagini delle Regioni presenti. Ad inaugurare lo stand il 28 aprile la conferenza di presentazione dell’offerta turistica della Regione Lombardia e della città di Milano in piazza Italia alle ore 13. «L’esperienza unica nel lifestyle italiano anima le strategie di Enit in collaborazione con il Sistema Italia - afferma il direttore esecutivo Giovanni Bastianelli (nella foto) – anche in vista dell’Expo Dubai 2020».   [post_title] => Il Medio Oriente punta sull'Italia e l'Enit va all'Arabian Travel Market [post_date] => 2019-04-24T15:45:00+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1556120700000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti