25 September 2018

Historic Hotels Worldwide®: 24 strutture riconosciute nel 2018

[ 0 ]

Una veduta aerea di VillaDelQuar, Verona

Historic Hotels Worldwide®” nel 2018 ha riconosciuto degni di figurare nel prestigioso elenco 24 hotel in sette paesi e risalgono ad un periodo compreso fra l’XI secolo e l’inizio degli anni ’30.
Historic Hotels Worldwide, associazione basata a Washington, promuove il patrimonio culturale e il viaggio presentando una prestigiosa collezione di tesori storici fra alberghi e altri alloggi che attraversano oltre 10 secoli di storia in tutto il mondo.
«Molti di questi leggendari hotel sono stati costruiti per altro scopo come castello, palazzo, banca nazionale, quartieri generali aziendali, alloggi di ufficiali dell’esercito, casa padronale e persino un ex magazzino del XIX secolo – ha dichiarato Lawrence Horwitz , direttore esecutivo degli hotel storici d’America e hotel storici in tutto il mondo – Questi iconici hoteli dimostrano la straordinaria gestione dei proprietari, della leadership e degli impiegati nel preservare questi meravigliosi tesori e le molte storie di secoli vissuti, lavorati, socializzati o visitati. C’è molto da scoprire, esplorare, sperimentare e gustare in e vicino a questi meravigliosi palazzi».
Historic Hotels Worldwide ha aggiunto le 24 strutture qui riportate fra le quali spiccano tre realtà dell’hotelerie in Italia.

La Bagnaia Golf & Spa Resort Siena, Collezione Curio by Hilton (XI secolo) Siena, Italia
Lo storico hotel occupa un villaggio medievale a circa 12 chilometri dalla città di Siena, patrimonio dell’umanità dell’UNESCO e risale ai tempi dei barbari in Italia.

Villa del Quar (13 Secolo) Verona, Italia
La posizione originale dell’hotel risale all’epoca romana. Il nome “Quar” è simbolico delle quattro miglia che dista dal centro della città di Giulietta e Romeo.

Aleph Rome Hotel – Collezione Curio by Hilton (1930) Roma, Italia
Curiosità hotel: Aleph Rome Hotel, Curio Collection by Hilton si trova appena fuori Via Veneto, che ha acquisito fama internazionale come centro della “dolce vita” a Roma, ed è stato immortalato in film in La Dolce Vita dal famoso regista italiano Federico Fellini nel 1960.

Hilton Molino Stucky Venice (1884) Venezia, Italia
Situato in un edificio dedicato alla macina della farina, questo storico hotel è il più grande hotel di Venezia e uno degli hotel più imponenti della città.

Bekkjarvik Gjestgiveri (1600) Bekkjarvik, Norvegia
Il Bekkjarvik Gjestgiveri fa parte della storia della famiglia Johannessen. Asta e Øystein Johannessen hanno posseduto e gestito questo storico hotel per 34 anni, ei loro figli gemelli Ørjan e Arnt sono Chef e Kitchen Manager del ristorante dell’hotel.

Waldorf Astoria Amsterdam (XVII secolo) Amsterdam, Paesi Bassi
La hall di questo hotel storico presenta un’imponente scalinata costruita all’inizio del XVIII secolo da Daniel Marot, l’architetto di Luigi XIV, che introdusse lo stile del monarca francese nei Paesi Bassi.

Det Lille Hotel (1750) Risør, Norvegia
Situato sulla Rivera norvegese, il Det Lille Hotel ha ricevuto l’Olavsrosa, St. Olaf’s Rose, marchio di qualità della Norsk Kulturarv / Norwegian Heritage, che riconosce le istituzioni che offrono esperienze di alta qualità incentrate sulla storia culturale norvegese. L’omonimo del premio è una figura della mitologia nordica.

Edgbaston Park Hotel & Conference Centre (1718) Birmingham, Regno Unito
La posizione in cui si trova l’Edgbaston Park Hotel & Conference Centre era una volta una casa padronale medievale che fu interamente bruciata durante la rivoluzione del 1688 e poi ricostruita nel 1718.

The Trafalgar St. James London, Curio Collection by Hilton (XIX secolo) Londra, Regno Unito
La sala del consiglio del Trafalgar Hotel St. James London era presente nei classici film di spionaggio inglesi Dr. No (1962) e The Ipcress File (1965)

Hilton London Paddington (1854) Londra, Regno Unito
L’Hilton London Paddington ha aperto le sue porte come il Great Western Royal Hotel, finanziato dai direttori della Great Western Railway Company. Questo grande hotel in stile vittoriano era il luogo in cui venne battezzato l’Orso di Paddington, dove iniziarono diversi romanzi di Sherlock Holmes e Agatha Christie.

Oatlands Park Hotel (1865) Weybridge, Regno Unito
L’origine dell’Oatlands Park Hotel risale a un lussuoso palazzo che il re Enrico VIII d’Inghilterra costruì nel 1530 per la sua quarta moglie, Anna di Cleves. James I e sua moglie, la regina Anna di Danimarca, fondarono una fattoria di vermi da seta reale a Oatlands, chiamata “The Kings Silk Works”.

DoubleTree by Hilton Hotel Dundee (1870) Dundee, Regno Unito
Originariamente costruito come un palazzo scozzese, questo hotel si trova a Dundee, che è stata definita una delle città più creative d’Europa e la prima città design del mondo designata dall’UNESCO.

DoubleTree by Hilton Dunblane Hydro (1878) Dunblane, Regno Unito
Aperto come centro benessere vittoriano conosciuto come Dunblane Hydropathic Establishment vanta il record di oltre 200 ospiti che hanno partecipato al grande ballo inaugurale del 1878. Il resort è stato progettato dai famosi architetti scozzesi Peddie e Kinnear ad un costo di £ 60.000 dell’epoca, per la costruzione.

Grand Hotel des Sablettes Plage, Collezione Curio by Hilton (1888) La Seyne-sur-Mer, Francia
Il fondatore di questo storico hotel, Marius Michel Pasha, conte di Pierredon era un architetto francese che guidò l’Ottoman Lighthouse Authority e la modernizzazione del porto di Istanbul, che gli valse il titolo onorifico di Pasha dal sultano Abdülaziz.

Hilton Paris Opera (1889) Parigi, Francia
L’Hilton Paris Opera è stato inaugurato nel 1889 come il Grand Hotel Terminus, un nuovo hotel di lusso creato per accogliere i ricchi visitatori stranieri dell’Exposition Universelle (La grande esposizione del 1889).

Hilton Edinburgh Carlton (1898) Edimburgo, Regno Unito
Il grande edificio vittoriano, risalente al 1898, era una volta una delle più importanti mercerie e grandi magazzini di Edimburgo.

Waldorf Astoria Edinburgh – The Caledonian (1903) Edimburgo, Regno Unito
La pietra di arenaria rossa utilizzata nella facciata è stata consegnata tramite la Ferrovia Caledoniana dalle cave di Locharbriggs e Corncockle nel Dumfriesshire.

The Grand Hotel & Spa (1906) York, Regno Unito
Fu costruito originariamente come luogo di affari per la North Eastern Railway Company. Ognuna delle camere era una volta un ufficio della società e gli ospiti possono notare i numeri di ufficio originali che rimangono sopra le porte.

Maison Astor Paris, Collezione Curio by Hilton (1907) Parigi, Francia
Il fondatore di questo storico hotel era il passeggero più ricco a bordo del Titanic, e quando il transatlantico affondò, Astor era tra gli oltre 1.500 passeggeri e membri dell’equipaggio che morirono nel disastro.

The Waldorf Hilton, London (1908) Londra, Regno Unito
Le scene del film del 1958 “A Night to Remember” sull’ultima notte del RMS Titanic sono state girate al Palm Court del The Waldorf Hotel, in quanto il regista Roy Ward Baker pensò che il Palm Court sembrasse l’interno di un grande transatlantico.

Reichshof Hamburg, Collezione Curio by Hilton (1910) Amburgo, Germania
Il Bar 1910, che prende il nome dall’anno della fondazione dell’hotel, è un bar storico progettato con il gusto Art Deco degli anni ’20 e situato in un ambiente arredato in modo originale. Il bar è famoso in tutta la Germania dai tempi dell’Hotel Reichshof, in quanto è il preferito da attori e musicisti del vicino Deutsches Schauspielhaus, il più grande teatro tedesco.

Amerikalinjen (1919) Oslo, Norvegia
Originariamente, questo hotel ospitava fli uffici della Norwegian American Line responsabile del trasporto dei norvegesi attraverso l’Oceano Atlantico verso la “land of opportunities”.

Gran Hotel Montesol Ibiza, Collezione Curio by Hilton (1933) Ibiza, Spagna
E’ stato il primo hotel sull’isola e si trova nel cuore della città, vicino a Dalt Vila, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

Fjærland Fjordstove Hotel & Restaurant (1937) Fjærland, Norvegia
Si trova a Fjærland, in un ramo superiore dello spettacolare Sognefjord della Norvegia occidentale, una regione che comprende i siti naturali Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO dei fiordi della Norvegia occidentale.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276251 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Vivere Pantelleria - Why Not Travel lancia un'offerta "Dammusi roulette" che comprende il volo da Bergamo, 7 notti e il noleggio di un mezzo di trasporto. La promozione è valida dal 24 giugno al 1° luglio e prevede una quota di 509 euro a persona. Per informazioni e prenotazioni: te. 0923 - 916307 oppure mail info@viverepantelleria.it [post_title] => Vivere Pantelleria lancia l'offerta "Dammusi Roulette" [post_date] => 2017-04-21T16:01:13+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492790473000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276310 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => ParkinGO Art Project entra nella rosa finale del Premio Cultura + Impresa: la giuria, composta da personalità di spicco del mondo dell’arte e dell’impresa italiana, ha riconosciuto il valore dell’iniziativa di ParkinGO a sostegno dell’arte. La selezione è avvenuta sulla base di criteri selettivi tra cui l’innovazione in termini di obiettivi, scelte e modalità esecutive. Gli altri quattro progetti selezionati all'interno della stessa categoria sono Arts of Italy di Ovs, Mumac Library del Gruppo Cimbali, Profili d'arte di Banca Profilo e Stazioni d'artista di Centostazioni - Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. ParkinGO Art Project è nato con tre finalità principali: permettere agli artisti di muoversi muoversi in nuovi spazi espressivi; consentire  al pubblico di lasciarsi sorprendere dalla bellezza dell’arte in contesti nuovi, oltre le mura dei musei; reinventare in chiave moderna la figura del mecenate. Il progetto si è concretizzato grazie al sodalizio con l’artista Andrea Ravo Mattoni, che da tempo porta avanti un percorso di riscoperta dell’arte classica in nuovi spazi urbani. ParkinGO ha fornito a Ravo i mezzi e gli spazi realizzativi, all’interno delle proprie strutture; l’artista, attraverso il solo utilizzo di bombolette spray, ha riprodotto in forma di murales due capolavori dell’arte classica italiana risalenti alla fine del Cinquecento: “Riposo durante la fuga in Egitto” di Caravaggio (il murale si trova all’interno del parcheggio ParkinGO a Malpensa, proprio dietro l’accettazione);  “Il ritrovamento della Vera Croce”, dipinto del pittore sardo conosciuto come Maestro di Orzieri (all’ingresso del parcheggio ParkinGO a Olbia). La collezione ParkinGO Art Project si arricchirà presto di nuovi capolavori, in altre sedi italiane del network. I vincitori del premio Cultura + Impresa verranno annunciati alla fine del mese di aprile 2017; la premiazione avverrà nel mese di maggio. [post_title] => ParkinGo Art Project finalista del premio Cultura + Impresa [post_date] => 2017-04-21T16:00:16+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492790416000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276304 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Qatar Tourism Authority prenderà parte all’Arabian Travel Market in programma dal 24 al 27 aprile 2017 a Dubai, con una delegazione di 38 partner fra hotel, tour operator e altri operatori dell’industria turistica, il 26% in più rispetto allo scorso anno. Principale piattaforma del Medio Oriente per gli operatori dell’industria del turismo, l’Arabian Travel Market è un’opportunità unica per il Qatar per evidenziare i suoi più recenti sviluppi turistici e l’offerta di nuovi prodotti e ospitalità. Allo stand i visitatori potranno scoprire le ricchezze del Paese attraverso attività esperienziali e ampliare la conoscenza sulle migliori strutture alberghiere di lusso, attrazioni culturali, intrattenimento per le famiglie, eventi e festival. Inoltre l'ente e Qatar Airways annunceranno una nuova iniziativa per attrarre un numero sempre maggiore di passeggeri in stop-over e agevolare il loro soggiorno nel Paese. Hassan Al Ibrahim, chief tourism development officer di Qta, ha affermato: «Il 2016 è stato un anno di importanti sviluppi, anche per la semplificazione delle procedure per l’ottenimento del visto e siamo lieti di condividere le opportunità create dall’accesso facilitato alla destinazione con i visitatori e i partner durante questo importante evento. Siamo molto soddisfatti che una delegazione così ampia del settore privato voglia mostrare l’unicità e la diversità dei prodotti turistici del Qatar».  Il Paese si prepara intanto ad ospitare l'Unwto World Tourism Day sul tema “Sustainable Tourism - A Tool for Development”, che si terrà a Doha in settembre. [post_title] => Il Qatar partecipa all'Arabian Travel Market di Dubai [post_date] => 2017-04-21T15:58:21+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492790301000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276259 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_276261" align="alignright" width="300"] Luca Buonpensiere[/caption] Uno dei maggiori asset di Glamour è il settore tour operating, ma la sezione consolidatore di biglietteria aerea è la parte preminente. Ne parla il titolare Luca Buonpensiere, incontrato in una destinazione esotica dove si trova per testare un nuovo prodotto da mettere in catalogo. «Facciamo il consolidatore di biglietteria aerea ormai da 20 anni - spiega - e oggi più che mai si tratta di un segmento interessante. Non si tratto solo di rivendere biglietteria ad adv non dotate di piastrina o che non si possono permettere fidejussioni, bsp e quat’altro. Oggi si deve vedere la cosa ad ampio spettro». Un sorta di "consolidatore 2.0"? «Il nostro lavoro, che nel complesso muove un fatturato di 30 milioni di euro, oggi deve fornire una piattaforma di servizi alla agenzia, dal biglietto, alla postazione gds più appropriata, alla facilitazione del rapporto con una carta di credito per la biglietteria. Così facendo formiamo un servizio molto più ampio e apprezzabile. Poi vi sono le operazioni mirate, con la possibilità di utilizzare un ampio range di tariffe: corporate, business, flat, bulk, to, o anche per fattispecie particolari con flussi di traffico con biglietti originanti fuori Italia». Glamour lavora principalmente con le compagnie aeree mediorientali e con quelle di Star Alliance. [post_title] => Glamour: non solo tour operator [post_date] => 2017-04-21T14:20:24+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492784424000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276243 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Alitalia collegherà l’Italia alle Maldive per la prima volta nella sua storia, con voli di linea plurisettimanali diretti. La nuova tratta, che sarà operativa dal 31 ottobre 2017, prevede tre voli alla settimana fino al 24 marzo 2018. L’obiettivo è quello di rispondere alla forte richiesta di collegamenti fra i due Paesi, soprattutto nel periodo invernale. La Roma-Malé è la quinta nuova destinazione di lungo raggio lanciata da Alitalia dallo scorso anno, dopo Santiago del Cile, Città del Messico, Pechino e L’Avana. «Le Maldive sono da anni, soprattutto in inverno, una meta turistica di assoluto richiamo per l’Italia, che rappresenta ormai il quarto Paese al mondo per numero di arrivi nello splendido arcipelago dell’oceano Indiano - ha dichiarato l’ad Cramer Ball -. Alitalia prosegue così il rafforzamento dell’offerta di collegamenti intercontinentali, cercando di individuare le mete con maggiori potenzialità. In quest’ottica abbiamo deciso di lanciare un volo diretto Roma-Malé, convinti che la nuova rotta darà un ulteriore contributo allo sviluppo del traffico di lungo raggio della compagnia». Il 2016 ha visto oltre 71.200 turisti italiani sbarcare a Malé; un numero che, stando ai dati del Ministero del Turismo delle Maldive, segna una crescita dell’8,5% rispetto all’anno precedente. [post_title] => Alitalia potenzia il lungo raggio con la Roma-Malé [post_date] => 2017-04-21T12:46:49+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492778809000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276232 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Criand consolida la programmazione su Cuba e lancia la Tunisia. «Alla fine del 2016 abbiamo aperto un nostro ufficio a L'Avana - spiega il sales & marketing director, Danilo Gorla - per assistere direttamente sul posto - e in lingua italiana - la nostra clientela. Cuba resta il nostro core business, in grado di produrre circa il 70-80% dell'intero fatturato». Anche il Brasile è per Criand una meta di spicco: «Grazie al volo Meridiana Milano - Recife - Fortaleza, miriamo a raggiungere buoni risultati. Fra gli obiettivi il rilancio di Natal che, malgrado non sia collegata da un volo diretto, può essere raggiunta da Recife in meno di tre ore». L'America Latina firmata Criand si compone anche di Panama, new entry 2017 e Colombia, destinazione ideale per mare e tour. «Un altro fronte importante è quello relativo all'oceano Indiano, con programmi alle Maldive, Mauritius, Seychelles, Zanzibar e Madagascar. Bene in particolare le Maldive e il Madagascar, dove secondo quanto dichiarato dalle autorità locali siamo il terzo tour operator italiano per importanza. La nostra filosofia prevede di selezionare poche strutture garantendo elevati standard di qualità». L'estate 2017 vede poi il lancio di Djerba, in Tunisia, con quattro strutture dalle 3 alle 5 stelle e un volo diretto Tunisair in programma da Milano Malpensa dal 12 giugno all'11 settembre. «Nel 2016 - conclude Gorla - abbiamo registrato un incremento di fatturato del 12% e di clienti dell'8%. Quest'anno, anche alla luce del potenziamento dell'offerta, miriamo a un +12-14% di clientela e a un +8-10% di fatturato». In maggio sarà pronto anche il sistema online che consentirà agli adv la prenotazione di voli e pacchetti in tempo reale. [post_title] => Criand lancia la programmazione su Djerba [post_date] => 2017-04-21T11:33:09+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492774389000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276233 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => AccorHotels aprirà a Dubai la più grande struttura al mondo a marchio Mercure. Il gruppo ha infatti ampliato e trasformato un’esistente struttura di sua proprietà in Sheikh Zayed Road - una delle strade più scenografiche di Dubai – nel Mercure Dubai Barsha Heights Hotel Suites & Apartments. L'apertura è prevista il 19 maggio 2017. Sono state rinnovate 120 esistenti camere che saranno adattate agli standard del marchio e uniranno il design classico a un’estetica moderna e contemporanea. La seconda fase dell'intervento prevede il miglioramento di camere e servizi aggiuntivi per soddisfare gli standard internazionali di AccorHotels, portando la categoria dell’hotel da 4 a 5 stelle per le suite. I lavori di trasformazione e rinnovamento saranno completati entro la fine del 2018, quando l'hotel conterà 1.015 camere. «Con questa operazione di rebranding miriamo a rivitalizzare una proprietà simbolo negli Emirati, grazie ai rigorosi standard qualitativi del marchio Mercure - ha spiegato Olivier Granet, managing director & coo di AccorHotels Medio Oriente e Africa -. Questo è indice dell’impegno del gruppo nell’espandere la propria presenza in ogni segmento mercato, così da soddisfare le aspettative degli ospiti. Con il Mercure Dubai Barsha Heights Hotel Suites & Apartments speriamo di colmare il vuoto nel mercato dell’ospitalità che si registra specialmente negli Eau, anche in vista del loro obiettivo di attrarre 20 milioni di visitatori entro il 2020». Ad oggi AccorHotels conta 38 strutture negli Emirati Arabi, a cui se ne aggiungono 22 in fase di sviluppo. In Medio Oriente il gruppo è presente con 94 hotel per un totale di 28.500 camere in strutture che vanno dal lusso al segmento economy. Il network regionale del gruppo è destinato a raddoppiare con l’aggiunta di altre 26.800 camere circa. [post_title] => AccorHotels apre a Dubai il più grande Mercure del mondo [post_date] => 2017-04-21T11:24:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492773842000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276223 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Iberia ha presentato ufficialmente a Madrid il primo Airbus A340/600 configurato con la nuova Premium Economy. «Questo aeromobile dimostra come un grande progetto possa prendere forma - ha dichiarato Marco Sansavini, chief commercial officer di Iberia -. Siamo certi che in Europa, così come negli Stati Uniti, Colombia, Messico, Cile, Argentina e altri paesi, i nostri passeggeri saranno disposti a pagare un po' di più per avere maggior comfort». Le prime destinazioni che beneficieranno della nuova cabina Premium, a partire dal prossimo maggio, saranno quelle di Chiacago, New York e Bogotà; in giugno si uniranno i voli per il Messico, in luglio quelli tra Madrid e Miami e in agosto quelli per Boston. Entro la stagione estiva del 2018 la classe Premium Economy sarà disponibile su tutte le rotte lungo raggio operate da Iberia con gli Airbus A340-600, con gli A330-300s e con gli Airbus A350 che si uniranno alla flotta proprio a cominciare dal prossimo anno. La Premium economy prevede il 20% in più di spazio tra le file di poltrone (94 cm contro i 78,8 cm dell'economy); sedute più larghe (48 cm); poltrona reclinabile con un 40% in più di inclinazione; maggiore comfort per appoggiare la teste e riposare le gambe; migliore intrattenimento (schermi touch da 12" full HD, prese per connettere i device personali); servizio a bordo dedicato (welcome drink, menu speciale, tovaglietta di lino e toilet kit); maggiore franchigia bagaglio (due pezzi), oltre a check-in e imbarco prioritari. [gallery ids="276228,276229,276230"] [post_title] => Iberia: Premium Economy su tutto il long haul entro l'estate 2018 [post_date] => 2017-04-21T11:00:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492772459000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 276221 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => EasyJet rilancia la crescita a Napoli dove, nel 2016, ha trasportato 2,3 milioni di passeggeri, in crescita del 16% rispetto all’anno precedente. In totale sono stati più di 17 milioni i viaggiatori che dal 2000, anno in cui easyJet ha iniziato ad operare nel capoluogo campano, hanno scelto easyJet da e per Napoli; un trend positivo che dal 2010 ha visto raddoppiare i passeggeri del vettore a Capodichino. Nel 2017 easyJet continua a credere e puntare su Napoli con un investimento in crescita del 17%, che porta a 2,8 milioni il totale dei posti offerti dalla base campana, e si conferma la prima compagnia per dimensione di investimento e quindi di scelta dei passeggeri in città. Con l’arrivo del quinto aeromobile basato e 8 nuove destinazioni salgono a 36 i collegamenti easyJet nazionali e internazionali con 14 paesi in Europa a disposizione dei passeggeri campani. «Da anni easyJet crede e investe nella città - dichiara Frances Ouseley, direttore di easyJet per l’Italia -. Sono lieta che questo impegno riscuota apprezzamento da parte dei cittadini campani che anno dopo anno ci scelgono sempre più numerosi. Sono anche molto soddisfatta del ruolo strategico e funzionale che easyJet riveste nello sviluppo turistico di Napoli, settore trainante per l’economia italiana, in particolare per le regioni del Sud per le quali è fondamentale intercettare i flussi turistici provenienti dall’estero e dall’Italia. Bene anche le iniziative che le istituzioni e gli attori locali che sostengono il turismo stanno predisponendo perché sarà sempre più fondamentale fare sistema per rilanciare la crescita a beneficio del territorio e dei cittadini. Noi come easyJet continueremo a fare la nostra parte». [post_title] => EasyJet avanza su Napoli: +16% i passeggeri del 2016 [post_date] => 2017-04-21T10:17:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1492769856000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti