19 July 2019

Hilton sbarca ad Heathrow

[ 0 ]

Hilton Hotels Corporation ha firmato un accordo per la gestione in franchising dell’Hilton Heathrow, albergo situato in prossimità del Terminal 5 dello scalo londinese. Con l’apertura attesa entro i primi mesi del 2010, le 350 camere del nuovo Hilton completeranno l’offerta della struttura alberghiera già operativa presso il Terminal 4, dotata di 395 camere. L’hotel sarà situato a Poyle e verrà gestito in base ad un accordo di franchising ventennale, il primo di questo tipo stipulato a Londra, con Hospitality Management International Ltd. «Londra si è affermata quale una delle più importanti destinazioni a livello mondiale – ha dichiarato John Philip, regional vice president of operations di Hilton – e siamo lieti che questo trend venga confermato, anche grazie agli imminenti Giochi Olimpici del 2012. L’accordo di Heathrow porta a oltre 500 milioni di dollari la somma dei capitali investiti per lo sviluppo del marchio Hilton a Londra negli ultimi due anni, ponendoci in buona posizione per raddoppiare l’attuale patrimonio immobiliare nel Regno Unito e in Irlanda, che arriverà a quota 150 hotel nei prossimi cinque-dieci anni».L’Hilton Heathrow è il quarto hotel che rientra in un’intesa sottoscritta nel 2007 tra Hilton e Shiva Hotels per l’apertura di 15 nuove proprietà alberghiere nel Regno Unito. «Storicamente, Regno Unito e Irlanda hanno contribuito in modo straordinario alla presenza di Hilton in Europa e nel resto del mondo» ha asserito Jeff Diskin, senior vice president brand management per Hilton Hotels & Resorts. I piani di sviluppo della catena nel Regno Unito includono l’introduzione dei nuovi brand americani Hilton Garden Inn, Hampton by Hilton e Doubletree by Hilton. Il primo hotel della Hilton Family che sarà inaugurato in quest’area sarà l’Hilton Garden Inn Luton North, la cui apertura è prevista nel maggio 2008.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353872 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La prima compagnia a introdurre l'acqua calda in camera, ma anche l'aria climatizzata, la televisione, il minibar e le amenities dedicate alle donne. Sono alcuni dei primati del gruppo Hilton, che proprio nel 2019 celebra il secolo di storia: fondata nel 1919 in un’area rurale del Texas, la compagnia conta oggi 5.700 hotel distribuiti in 113 Paesi del mondo. In quest'anno davvero speciale fioccano quindi le iniziative in tutto il globo per celebrare degnamente un compleanno tanto importante. Ieri sera è stata la volta dell'Hilton Milan che nella sua terrazza ha organizzato un evento a tema, dedicato alle atmosfere del country texano. Per l'occasione, il direttore della struttura, Nassos Papazoglou, ha sottolineato anche l'impatto positivo che la presenza degli hotel Hilton ha sui territori in cui opera il gruppo. Nel caso dell'albergo meneghino, merita per esempio citare la collaborazione che dura ormai da otto anni con la onlus Farsi Prossimo, e in particolare con il suo progetto M'ama Food, legato alle mansioni in ambito f&b. A tal fine l'Hilton Milan si è reso infatti disponibile a organizzare momenti di training professionale, giornate di volontariato aziendale e raccolte fondi. Ma pure a ospitare i protagonisti del programma per stage che a volte sono persino sfociati in assunzioni dirette. [post_title] => L'Hilton Milan in festa per i 100 anni della compagnia [post_date] => 2019-05-31T11:23:31+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559301811000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la ricaduta del turismo via mare sui territori toccati dalle navi, ma soprattutto aumenta il traffico complessivo della crocieristica, così come dei traghetti, degli aliscafi e dei catamarani. Più articolato, invece, il giudizio sulla nautica, mentre anche il comparto dei traghetti soffre ancora di un certo ritardo in tema di standard dell'offerta. Sono i risultati principali dell'ultima edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report, presentato ad Ancona da Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo, in apertura della quarta edizione dell'Adriatic Sea Forum - cruise, ferry, sail & yacht. Nel 2018 sono ammontate in particolare a 420 milioni di euro le spese turistiche a terra sostenute dai crocieristi e da chi sceglie di muoversi in traghetto, in aliscafo o in catamarano per le proprie vacanze in Adriatico (escursioni e visite, pernottamenti, pre-post viaggio, shopping e ristorazione...). In termini di traffico complessivo, le previsioni di Risposte Turismo per il 2019 parlano quindi di 5,52 milioni passeggeri movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 7,3% rispetto al 2018. In aumento pure le toccate nave (+7,2%), per un totale di 3.307 approdi. L’anno in corso dovrebbe invece chiudersi con Venezia saldamente al primo posto con 1,56 milioni di crocieristi movimentati (stabile rispetto al 2018) e 502 toccate nave (stabile), seguita da Corfù con 787 mila crocieristi (+7%) e 416 toccate nave (+0,7%), nonché Dubrovnik, con 745 mila crocieristi (+1,8%) e 475 toccate nave (+8,4%). Ma l'Adriatic Sea Tourism Report contiene anche un focus dedicato alla movimentazione passeggeri su traghetti, aliscafi e catamarani. L’anno in corso dovrebbe in particolare chiudersi con una leggero aumento ulteriore rispetto ai già positivi risultati registrati nel 2018 (19,74 milioni di passeggeri movimentati, +2,4% sul 2017): il migliore degli ultimi dieci anni. Tra i porti esaminati, le previsioni 2019 sono positive per Zara (2,43 milioni di passeggeri movimentati, + 1-2%), Durres (875mila, +2,6%), Dubrovnik (575mila, +3%), Sibenik (300mila, +3%), Rijeka (150mila, 16%) e Pola (12mila, +2,2% su rotte costiere e stabile sulle rotte internazionali). Stabile, al contrario, la movimentazione passeggeri prevista a fine anno nei porti di Ancona, Saranda, Porec, Trieste, Rovigno, Pesaro e Umago/Novigrad. Il rapporto, infine, prova a gettare uno sguardo anche sul comparto nautico dei sette Paesi che si affacciano sull'Adriatico. Tra questi, l’Italia conferma la propria leadership nell’area con 186 marine (56% del totale) e oltre 49 mila posti barca (il 65,6% del totale). A seguire Croazia (125 marine e oltre 17.400 posti barca) e la coppia Slovenia – Montenegro, con 8 marine e, rispettivamente, poco più di 3.100 e 2.800 posti barca. L’analisi del versante italiano dell’Adriatico fa tuttavia emergere uno scenario in chiaro scuro: se da un lato infatti alcune strutture stanno riscontrando un periodo di difficoltà, continuando tuttavia a operare in attesa di nuovi investitori e della ripresa del mercato, dall’altro sono in programma nel prossimo biennio importanti ampliamenti, per complessivi ulteriori 2.570 posti barca. «Nonostante i nodi da sciogliere su Venezia, il traffico crocieristico quest’anno crescerà significativamente in Adriatico grazie al lavoro compiuto da tutti gli operatori attivi nell’area – è il commento di di Cesare -. Viceversa, il comparto dei traghetti continua a prestarsi a una doppia lettura. Da un lato, infatti, si evidenzia la sua rilevanza nelle direttrici di spostamento dei turisti in Adriatico e le ampie potenzialità di crescita, dall’altro si registra ancora un ritardo rispetto agli standard, per esempio di offerta e di promozione, che altre soluzioni di trasporto hanno adottato da tempo. Per la nautica, infine, le indicazioni che abbiamo raccolto attraverso la nostra indagine fanno intravedere uno 2019 positivo. Ciò potrebbe tradursi in un maggior tasso di occupazione delle marine che oggi, per dimensioni e standard, sono già pronte ad accogliere livelli più elevati di traffico». [post_title] => Bene il turismo via mare in Adriatico ma i traghetti possono fare di meglio [post_date] => 2019-05-31T09:15:44+00:00 [category] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => adriatico [1] => francesco-di-cesare [2] => in-evidenza [3] => risposte-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Adriatico [1] => Francesco di Cesare [2] => In evidenza [3] => Risposte turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559294144000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353622 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Freccia Gialla è l’Hsc Corsica Express Three, che sarà operativo dal 29 maggio al 30 settembre 2019, con più di 1.200 corse e fino a 7 partenze al giorno da e per l’isola. L’Hsc Corsica Express Three ha una capienza di 150 auto e una capacità di trasporto di 535 passeggeri, che viaggeranno comodamente seduti nelle poltrone business class, disponibili senza il pagamento di alcun supplemento. «La Freccia Gialla garantirà velocità, frequenza e comodità, grazie al tempo di traversata molto breve e alla rapidità delle operazioni di imbarco/sbarco, oltre che tariffe competitive - ha dichiarato Raoul Zanelli Bono, direttore commerciale di Corsica Sardinia Elba Ferries -. La nostra proposta commerciale e il nostro impegno per l’Elba sono stati premiati, con oltre 1.300.000 passeggeri trasportati dal 2012». [post_title] => Elba Ferries con la Freccia Gialla tra Piombino e Portoferraio [post_date] => 2019-05-29T12:29:23+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559132963000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353593 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I voli Emirates con Live TV proietteranno la finale della Uefa Europa League il 29 maggio e la finale della Uefa Champions League il 1° giugno in diretta sul canale dedicato allo sport in volo, Sport 24. Con due finali tutte inglesi, la compagnia aerea ha preso accordi speciali per garantire che tutti i 23 voli Emirates operanti da e per l'Inghilterra durante gli orari delle partite siano dotati di Live TV. Sono coinvolti include i voli da e per Londra Heathrow, Londra Gatwick, Londra Stansted, Manchester, Newcastle e Birmingham. Si stima che circa 70.000 viaggiatori di Emirates possano assistere alle finali di metà volo, rendendo lo "Stadio in cielo" di Emirates paragonabile, in termini di capacità, allo Stadio Olimpico di Baku dove si giocherà la finale di Europa League e allo stadio Wanda Metropolitano di Madrid dove si giocherà la finale di Champions League. [post_title] => Emirates: diretta delle finali di Europa League e Champions sui voli per l'Inghilterra [post_date] => 2019-05-29T10:45:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559126720000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353562 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Traghettilines.it rilancia l’iniziativa dei coupon sconto in regalo a tutti i clienti che prenoteranno un traghetto per la Sardegna, con l'obiettivo di incentivare i flussi turistici verso l'isola. Per tutta la stagione estiva 2019 chi acquisterà un biglietto per la Sardegna su www.traghettilines.it riceverà in omaggio, poco prima della partenza, un carnet di coupon sconto da utilizzare presso le migliori attrazioni turistiche del luogo. «La scorsa stagione l’iniziativa è stata un grande successo - spiega Silvia Cioni, direttore generale dell’azienda –. I nostri clienti hanno apprezzato moltissimo e le attività convenzionate hanno ottenuto un buon ritorno di immagine e di clientela. Per questo motivo, per la stagione 2019 abbiamo non soltanto rinnovato tutte le attività proposte nel 2018 ma addirittura aumentato il numero delle aziende aderenti: parchi natura e parchi acquatici, mountain bike, trekking e snorkeling guidati, gite in barca tra le calette  più suggestive, degustazioni di prodotti tipici sardi, visite alle terme romane e molto altro. Ogni anno migliaia di persone viaggiano con un biglietto del traghetto emesso da noi, offrire un benefit ai nostri viaggiatori significa far loro trovare in mano molto più di un biglietto del traghetto: i presupposti di una vacanza speciale».   [post_title] => Traghettilines.it rilancia il coupon sconto per chi prenota la Sardegna [post_date] => 2019-05-29T09:10:19+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559121019000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353413 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il movimento Life Beyond Tourism sarà presente per la prima volta alla Fiera del commercio di Pechino Ciftis, - la terza per importanza e dimensioni dopo Canton e Shanghai, organizzata dal ministero del commercio della Repubblica popolare cinese e dalla municipalità di Pechino, - insieme ai propri affiliati che avranno la grande opportunità di presentare le eccellenze toscane e le loro attività, aprendosi al più grande mercato del mondo, quello cinese. Un’opportunità di grande valore culturale e commerciale che grazie alla forza del movimento Life Beyond Tourism le aziende aderenti, le associazioni, gli artigiani, gli artisti ecc, hanno colto per presentare la loro storia e la loro attività aprendo le porte al mercato internazionale e instaurando relazioni e contatti nell’ampia rete Life Beyond Tourism costituita da oltre 500 istituzioni in 111 Paesi. Due location d’eccezione nel polo espositivo che si divide in China national conference center e Olympic sports center celebration square dove il Movimento Life Beyond Tourism avrà a disposizione due stand da destinare alla visibilità delle aziende affiliate che esporranno le tipicità del territorio e porteranno un angolo di Toscana a Pechino, in uno dei più grandi mercati al mondo. I nuovi orizzonti culturali e la nuova frontiera commerciale proposta alle aziende affiliate al movimento Life Beyond Tourism trovano fondamento nella Fondazione Romualdo Del Bianco che dal 1991 si occupa di promuovere il viaggio dei valori oltre il turismo dei beni di consumo e saranno supportati dalla presenza in fiera degli esponenti dell’Istituto Life Beyond Tourism e del centro congressi al Duomo anch’essi promotori delle espressioni culturali del territorio e punti di riferimento mondiale per gli scambi interculturali.  Nell’ambito della manifestazione, durante le conferenze in cui le realtà italiane aderenti al movimento Life Beyond Tourism si presenteranno alle istituzioni, ai media e ai possibili buyers, sarà sancito l’accordo ufficiale tra Scpc (Search for culture power committee) e Life Beyond Tourism per il lancio ufficiale del programma China meets Europe in Florence. Ovvero Firenze diventa centro strategico europeo per l’internazionalizzazione attraverso la rete mondiale Life Beyond Tourism e l’utilizzo del centro studi di Palazzo Coppini e dello spazio Iclab, elette a polo nevralgico per incontri con interlocutori dell’intera Europa. La Fiera di Pechino non sarà quindi solo un’opportunità di visibilità commerciale e di penetrazione nel mercato cinese ma soprattutto utile per lo sviluppo di una rete di scambi Italia/Cina e per la valorizzazione delle realtà culturali toscane e del made in Italy nel panorama mondiale. [post_title] => Life Beyond Tourism, le eccellenze italiane in Cina a CIFTIS [post_date] => 2019-05-27T15:52:05+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558972325000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353359 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In occasione del 50esimo anniversario del piccolo grande passo di Neil Armstrong e dell’umanità intera, lo sbarco sulla Luna sbarca in Val D’Ega con una serie di eventi che, dal 14 al 21 luglio 2019, regalerà agli appassionati di astronomia momenti indimenticabili sulle Dolomiti, tra appuntamenti serali, osservazioni ed escursioni notturne nel contesto del primo A’‘strovillaggio d’Europa. Organizzate dal comune di Cornedo all’Isarco in collaborazione con il Planetarium Alto Adige, con l’associazione astrofili “Max Valier” e l’Associazione Turistica di Collepietra, le celebrazioni dello storico allunaggio dell’Apollo 11 vogliono sottolineare l’importanza della navigazione spaziale e il contributo dato dalla ricerca alla costruzione del nostro futuro. Si comincia domenica 14 luglio con un’escursione notturna in compagnia dell’astrofisico David Gruber al monumento a Christomannos, sul Catinaccio, dove una tempesta stellare di informazioni, curiosità e approfondimenti sull’universo travolgerà i partecipanti, prima del ritorno all’Astrovillaggio di Collepietra. Venerdì 19 luglio sarà la volta di uno speciale evento serale in programma presso l’Osservatorio astronomico di San Valentino in Campo di Sopra. Toccherà a Marco Fuchs illustrare la navigazione spaziale europea dallo sviluppo delle tecnologie spaziali fino all’insediamento permanente sulla Luna. L’ex astronauta dell’ESA Waleri Tokarew presenterà una relazione dedicata alla presenza dell’Uomo nello spazio, mentre l’astrofisico David Gruber intratterrà i presenti con la sua “Magnificent desolation”.  Saranno infine la piazza di Valentino in Campo, il Planetario e l’Osservatorio di Valentino in Campo di Sopra a ospitare gli appuntamenti di sabato 20 e domenica 21 luglio, tra i quali le bellissime escursioni guidate con osservazioni solari, l’avvincente prima cinematografica del film “CAPCOM GO”.     [post_title] => Val d'Ega, un Astrovillaggio per il 50enario dello Sbarco sulla Luna [post_date] => 2019-05-27T14:37:46+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558967866000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352776 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_352780" align="alignleft" width="300"] Il ristorante H2O: vetrata panoramica[/caption] H2O, semplicemente la formula dell’acqua. Ma dietro a questa formula chimica c’è il nome dell’underwater restaurant della struttura maldiviana che Azemar propone fra le tante e che, aperta dal 1 marzo, promette di divenire uno dei must dell'arcipelago, fra i più di 120 resort operanti ognuno con le proprie peculiarità, ma difficilmente caratterizzati come grazie alla  personalissima "aura" dello You & Me by Cocoon. Adagiato 6 metri sotto il livello del mare, a circa trecento metri di distanza dal pontile del resort, isolato e raggiungibile sono in barca, offre un raffinatissimo ambiente dove consumare un pranzo o una cena esclusivi, attesi da una brigata di cucina eccellente circondati dalle finestre panoramiche affacciate sul fondo del mare che pullula di pesci multicolori, offrendo scene di vita sottomarina impagabili. [caption id="attachment_352779" align="alignright" width="300"] H2O: Giovanni De Ambrosis, assieme ai due giovani assistenti Daniele Provezza da Brescia, responsabile di H2O e Davide Bassi da Milano[/caption] Si arriva alla club house e, da lì, si scende, dopo avere attraversato una sala di benvenuto, con due rampe di scala a chiocciola o in ascensore, nella sala che prevede 9 tavoli per un totale di 24 coperti. Anche qui Veuve Cliquot declinato con tutti i sapori della raffinata cucina, in un ambiente naturale unico. L’H2O  è un ristorante sottomarino, "primo del suo genere", completamente sommerso, che regala, in un ambiente dagli arredi raffinatissimi sui toni del nero e del grigio, ai commensali, la veduta delle Maldive da sott’acqua, ma perfettamente asciutti, protetti da un guscio di spesso pexiglas, circondati da un mondo che pullula di vita. Un’osservazione stupefacente e privilegiata mentre ci si gode un pasto pregiato, con cinque portate a pranzo e sette a cena (180/280 usd). [caption id="attachment_352811" align="alignleft" width="285"] De Ambrosis presenta il menù. Alle sue spalle Laura Busnari H2O ambassador[/caption] E’ qui che l’equipe coordinata dal corporate chef, Giovanni De Ambrosis, assieme ai due giovani assistenti  Daniele Provezza da Brescia, che si occupa dell' H2O, e Davide Bassi da Milano entrambi venticinquenni e molto promettenti, mette in campo tutta la propria capacità di stupire i commensali con manicaretti molto sofisticati, ancora più apprezzabili per ambientazione, servizio e piacevolezza dei vostri anfitrioni, coordinati dalla deliziosa Laura Busnari, "H2O ambassador", riconoscibile dal papillon, bretelle, All star, tutto rosa. Un esempio di menù? Eccolo... Blinis al caviale Osetra, potage di ceci, gremolada e gamberi reali Plateau royal, olio al placton, citronella e ampolla di mango, di assoluta e unica creazione di De Ambrosis Risotto Carnaroli al tartufo e aragosta della laguna, Intermezzo tropicale al sentore di zenzero, Filetto di branzino con purea di piselli affumicata, Dolce "momento con sorpresa" ai due cioccolati Tutte le portate vengono servite con una colonna musicale “propria”, su un servizio disegnato e fatto produrre appositamente per H20 su idea dello chef, in prezioso vetro, a base di materie prime selezionatissime e fantasiosamente proposte. Il tocco di finezza finale lo dà il dessert servito in due piccole caffettiere con i colori di You & Me, poiché …anche il setting ha il suo peso! Non resta che provare per credere. [gallery ids="352782,352783,352784,352786,352787,352791,352789,352788,352792,352793,352794,352796,352812,352815,352881"]   [post_title] => Allo You & Me Maldives by Cocoon la vera esperienza sottomarina [post_date] => 2019-05-22T14:03:34+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558533814000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352613 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_352614" align="alignleft" width="225"] Mike Kupier al dive briefing[/caption] Nel nuovissimo resort di Azemar, nell’atollo di Raa il diving, come del resto in tutte le Maldive, è una cosa seria. Il centro di immersione è affidato alle cure di Mike Kupier, olandese, conoscitore dell’area con più di 10 anni di esperienza in queste acque. «Gli sport acquatici - spiega Kupier  - sono tutti presenti al centro nautico, mentre per la subacquea ce ne occupiamo noi di Emperor Divers, azienda con sede in UK, con una buona presenza anche in Egitto in tre località del mar Rosso. Il centro offre la didattica Padi, e rilascia tutti i brevetti a disposizione partendo dall’open water fino al massimo livello, incluso il Nitrox. Disponiamo di 20 set completi per vestire i nostri ospiti che non avessero portato la propria attrezzatura, tutto materiale di prima qualità (Scubapro) e soprattutto nuovissimo. Per le uscite disponiamo di un dhoni da 14 posti con il quale spesso facciamo immersioni doppie, e speedboat per dive privati o per gli sport nautici». L’atollo è ancora abbastanza “unspoiled” e per questo è difficilissimo incontrare altri gruppi di subacquei, ma soprattutto si stanno cercano altri interessanti punti di immersione oltre ai 18 già individuati. Fra questi spiccano 3 spot dedicati all’osservazione delle maestose mante e, proprio in uno di questi abbiamo provato questa emozionante esperienza di persona. «Il sito di Madi Gaa dista solo 5 km dallo You & Me - precisa Mike - circa 20 minuti di dhoni, poi ci si immerge e come per incanto vi troverete circondati da mante che qui vengono a pulirsi l’apparato attraverso il quale ingeriscono il plancton ed aquile di mare, oltre ad una quantità enorme di pesci multicolori». E così è stato, in un’immersione non profonda (massimo 17 metri) con 67 minuti di dive a 12 metri, 55 dei quali nel bel mezzo di un gruppo di mante, talmente tranquille ed a loro agio che pareva eseguissero la loro lenta e maestosa danza solo per noi osservatori, aggrappati al fondale. Mike ha mantenuto la promessa e, se con una sola immersione questo è ciò che abbiamo potuto ammirare, pensate con un’intera settimana a disposizione cosa si potrà incontrare. I diving spot sono molteplici come Broken Rock, un sito che va da 5 a 35 metri in cui si possono ammirare squali grigi del reef, barracuda, razze, o Nino Tila, dove la fanno da padrone piccole cavità ed un canyon che la taglia in due popolato di corallo soffice, oppure Lunboahanoo un po’ più a nord, circa un’ora di barca, che riunisce le caratteristiche dei precedenti. «Potrete immergervi con tre istruttori - conclude Kupier - che vi guideranno in inglese, cinese, russo, olandese, tedesco e, presto, speriamo anche in italiano». Le prossime tappe di sviluppo di Emperor Divers saranno: Emperor Raa, 5 stelle  adults only resort e Emperor Explorer  previsto per l'agosto 2019, ambedue alle Maldive e l' Emperor Harmoni che aprirà nel luglio 2020 in Indonesia. [gallery ids="352626,352625,352624,352623,352622,352621,352620,352619,352618"] [post_title] => Azemar: allo You & Me by Cocoon, il diving alle Maldive secondo Emperor Divers [post_date] => 2019-05-22T08:45:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558514741000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti