19 July 2019

Ehma sceglie Ezio Indiani come nuovo presidente

[ 0 ]

Ezio Indiani, general manager dell’Hotel Principe di Savoia a Milano e delegato nazionale Italia Ehma dal 2010, è stato eletto presidente durante la 46ma  assemblea generale annuale della European Hotel Managers Association. Il suo mandato durerà tre anni, dal 2019 al 2021. Il nuovo comitato esecutivo, presieduto da Indiani, è composto da Verena Radlgruber-Forstinger (primo vice presidente), Panagiotis (Panos) Almyrantis (vice presidente) e Johanna Fragano (tesoriere). «Ehma è un’associazione dinamica che raccoglie il meglio dei direttori d’ albergo d’Europa – commenta Indiani – Sotto la mia presidenza intendo coinvolgere tutti i soci al fine di capitalizzare pienamente il vasto mondo di esperienza professionale ed umana presente nella nostra associazione. L’Ehma deve essere ricca di nuove iniziative da implementare e valorizzare durante tutto l’anno».

Ezio Indiani, 66 anni, nativo di Cremona, ha maturato la sua carriera internazionale esclusivamente in hotel 5 stelle lusso in Gran Bretagna, Italia, la Repubblica Dominicana e Svizzera. Oltre al famoso Hotel Principe di Savoia a Milano della Dorchester Collection, dove è General Manager dal 2005, ha diretto alcuni degli alberghi iconici del mondo come l’Hotel Eden di Roma, l’Hotel Des Bergues a Ginevra e Villa d’Este a Cernobbio. Nel corso della sua carriera, Indiani ha ricevuto numerosi premi come Best Hotel Manager. Oltre a ciò, è stato nominato Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana ed ha ricevuto la “Stella al Merito del Lavoro” assegnata dal Presidente della Repubblica Italiana, oltre ad altri premi dalla Fondazione Guido Carli e l’Ambrogino d’Oro dal Comune di Milano per la sua grande sensibilità sociale e per aver profuso le proprie energie con grande slancio umano.

 

 

 

 

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353834 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la ricaduta del turismo via mare sui territori toccati dalle navi, ma soprattutto aumenta il traffico complessivo della crocieristica, così come dei traghetti, degli aliscafi e dei catamarani. Più articolato, invece, il giudizio sulla nautica, mentre anche il comparto dei traghetti soffre ancora di un certo ritardo in tema di standard dell'offerta. Sono i risultati principali dell'ultima edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report, presentato ad Ancona da Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo, in apertura della quarta edizione dell'Adriatic Sea Forum - cruise, ferry, sail & yacht. Nel 2018 sono ammontate in particolare a 420 milioni di euro le spese turistiche a terra sostenute dai crocieristi e da chi sceglie di muoversi in traghetto, in aliscafo o in catamarano per le proprie vacanze in Adriatico (escursioni e visite, pernottamenti, pre-post viaggio, shopping e ristorazione...). In termini di traffico complessivo, le previsioni di Risposte Turismo per il 2019 parlano quindi di 5,52 milioni passeggeri movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 7,3% rispetto al 2018. In aumento pure le toccate nave (+7,2%), per un totale di 3.307 approdi. L’anno in corso dovrebbe invece chiudersi con Venezia saldamente al primo posto con 1,56 milioni di crocieristi movimentati (stabile rispetto al 2018) e 502 toccate nave (stabile), seguita da Corfù con 787 mila crocieristi (+7%) e 416 toccate nave (+0,7%), nonché Dubrovnik, con 745 mila crocieristi (+1,8%) e 475 toccate nave (+8,4%). Ma l'Adriatic Sea Tourism Report contiene anche un focus dedicato alla movimentazione passeggeri su traghetti, aliscafi e catamarani. L’anno in corso dovrebbe in particolare chiudersi con una leggero aumento ulteriore rispetto ai già positivi risultati registrati nel 2018 (19,74 milioni di passeggeri movimentati, +2,4% sul 2017): il migliore degli ultimi dieci anni. Tra i porti esaminati, le previsioni 2019 sono positive per Zara (2,43 milioni di passeggeri movimentati, + 1-2%), Durres (875mila, +2,6%), Dubrovnik (575mila, +3%), Sibenik (300mila, +3%), Rijeka (150mila, 16%) e Pola (12mila, +2,2% su rotte costiere e stabile sulle rotte internazionali). Stabile, al contrario, la movimentazione passeggeri prevista a fine anno nei porti di Ancona, Saranda, Porec, Trieste, Rovigno, Pesaro e Umago/Novigrad. Il rapporto, infine, prova a gettare uno sguardo anche sul comparto nautico dei sette Paesi che si affacciano sull'Adriatico. Tra questi, l’Italia conferma la propria leadership nell’area con 186 marine (56% del totale) e oltre 49 mila posti barca (il 65,6% del totale). A seguire Croazia (125 marine e oltre 17.400 posti barca) e la coppia Slovenia – Montenegro, con 8 marine e, rispettivamente, poco più di 3.100 e 2.800 posti barca. L’analisi del versante italiano dell’Adriatico fa tuttavia emergere uno scenario in chiaro scuro: se da un lato infatti alcune strutture stanno riscontrando un periodo di difficoltà, continuando tuttavia a operare in attesa di nuovi investitori e della ripresa del mercato, dall’altro sono in programma nel prossimo biennio importanti ampliamenti, per complessivi ulteriori 2.570 posti barca. «Nonostante i nodi da sciogliere su Venezia, il traffico crocieristico quest’anno crescerà significativamente in Adriatico grazie al lavoro compiuto da tutti gli operatori attivi nell’area – è il commento di di Cesare -. Viceversa, il comparto dei traghetti continua a prestarsi a una doppia lettura. Da un lato, infatti, si evidenzia la sua rilevanza nelle direttrici di spostamento dei turisti in Adriatico e le ampie potenzialità di crescita, dall’altro si registra ancora un ritardo rispetto agli standard, per esempio di offerta e di promozione, che altre soluzioni di trasporto hanno adottato da tempo. Per la nautica, infine, le indicazioni che abbiamo raccolto attraverso la nostra indagine fanno intravedere uno 2019 positivo. Ciò potrebbe tradursi in un maggior tasso di occupazione delle marine che oggi, per dimensioni e standard, sono già pronte ad accogliere livelli più elevati di traffico». [post_title] => Bene il turismo via mare in Adriatico ma i traghetti possono fare di meglio [post_date] => 2019-05-31T09:15:44+00:00 [category] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => adriatico [1] => francesco-di-cesare [2] => in-evidenza [3] => risposte-turismo ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Adriatico [1] => Francesco di Cesare [2] => In evidenza [3] => Risposte turismo ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559294144000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353534 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Raffles Hotels & Resorts annunicia l'apertura di due importanti nuovi hotel, Raffles Shenzhen e Raffles Maldive Meradhoo. Le strutture hanno aperto le proprie porte all'inizio di maggio ed è già possibile effettuare prenotazioni sul sito web del marchio: raffles.com. Un paradiso per i reali, le stelle del cinema, gli scrittori e gli artisti, gli hotel e i resort Raffles sono stati teatro di molti eventi culturali e aneddoti straordinari. «La collezione Raffles comprende ora 14 proprietà in 12 paesi, con una lista attentamente curata di indirizzi distinti nei principali mercati di tutto il mondo - ha dichiarato Chris Cahill, deputy ceo Accor - Con una storia lunga più di 130 anni, Raffles sta vivendo un momento di rinascita, con una pipeline di progetti robusta che vedrà il portfolio aggiungere altri 8-10 hotel nei prossimi anni». Il Raffles Shenzhen presenterà il massimo del lusso e del servizio su misura a Shenzhen con un totale di 168 camere spaziose e residence serviti direttamente dall’hotel. Nel sud dell'arcipelago delle Maldive, il  Raffles Maldives Meradho permette invece di evadere dalla vita di tutti i giorni in un posto lontano dal mondo. Circondato dalle acque cristalline dell'Oceano Indiano la struttura comprende 21 ville sulla spiaggia e 16 ville sull'acqua. Gli ospiti dopo un volo interno, vengono trasportati in motoscafo nell'oasi privata di Meradhoo, dove ricevono le attenzioni dei maggiordomi Raffles, insieme a un servizio esclusivo sulla spiaggia,  un club per bambini e chef privati.   [post_title] => Raffles Hotels: due nuove strutture in Cina e alle Maldive [post_date] => 2019-05-28T15:20:08+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559056808000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353386 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sartorialità, proposta di itinerari esclusivi e una grande esperienza sull'Oriente. Sono questi i punti di forza di DGV Travel, il tour operator nato nel 2006 dalla visione di Michele Vignieri e che ha ormai consolidato la sua leadership nel segmento di viaggi su misura per viaggiatori amanti dell'indipendenza e dell'originalità. «DGV Travel nasce proprio dalla passione per l'Oriente - racconta Michele Vignieri, managing director - e dal desiderio di non vendere solo viaggi, ma sogni. Tre le nostre destinazioni di punta: Cina, da cui tutto è partito, Vietnam e India, ma negli anni abbiamo esteso la nostra offerta ad altre affascinanti Paesi come Thailandia, Nepal, Cambogia, Giappone, Corea del Sud, ma anche al Medio Oriente, con Emirati Arabi, Oman e Armenia». Non mancano le estensioni mare, con un focus sull'Oceano Indiano, in particolare Maldive e Seychelles. I Tour della Birmania [gallery columns="2" ids="353604,353610"]   La Birmania offre ai suoi visitatori atmosfere lontane ed esotiche, nella cornice di paesaggi unici. Per immergersi nella bellezza affascinante di questo Paese, DGV Travel ha studiato itinerari più particolari: i visitatori potranno vivere un'esperienza da cartolina sulle mongolfiere colorate sospese sulla suggestiva Valle dei Templi di Bagan, o tornare indietro nel tempo tra siti archeologici, monasteri e antiche pagode, o ancora trovare pace e relax in un contesto naturalistico unico, quello del lago di Inle. Sul sito, sono prenotabili tre viaggi di gruppo: ✔️ Birmania Magica 11 giorni e 9 notti ✔️ Perle di Birmania 9 giorni e 7 notti ✔️ Birmania magica e Angkor 14 giorni e 12 notti L'offerta sulla destinazione di DGV Travel è a questo link: www.dgvtravel.com/viaggi/Birmania   Le bellezze dell'Oceano Indiano I viaggiatori che sono alla ricerca di una vacanza sulle spiagge più belle dell'Oceano Indiano, potranno scegliere tra tre destinazioni di incredibile bellezza: Maldive, Sri Lanka e Seychelles. «Abbiamo aperto queste tratte per rispondere ad una richiesta crescente da parte del mercato - racconta Michele Vignieri -, perché si tratta di destinazioni perfette per chi desidera fuggire dalla frenesia delle nostre città per immergersi nella pace e nel relax, ma anche per chi vuole entrare a contatto con culture diverse e lontane». Sulle Maldive, DGV Travel propone viaggi privati in resort a 4 e 5 stelle, con trattamenti che vanno dalla colazione all'all inclusive, passando per la mezza pensione. Tutta l'offerta di DGV Travel sulle Maldive è a questo link: www.dgvtravel.com/viaggi/Maldive Sartorialità, esperienze, innovazione Ma è la vocazione alla sartorialità l'asso nella manica di DGV Travel. «Il nostro valore aggiunto è senza dubbio l'approccio consulenziale - spiega Vignieri -. Siamo specializzati nell'offrire risposte personalizzate a ogni tipo di esigenza per ogni tipologia di viaggiatore, compresa la ricerca di esperienze esclusive, autentiche, uniche, come le cooking class in Vietnam e Giappone, o le sessioni di yoga nei luoghi di meditazione e spiritualità dell'India».  Tutte le proposte sono raggiungibili attraverso il sito www.dgvtravel.com, su cui l'azienda ha focalizzato molti investimenti. «Tutti i nostri prodotti sono visibili sul web - sottolinea il managing director - e, in un solo clic, si arriva ad una richiesta di preventivo. Puntiamo molto sul web marketing, sui social e sulla digitalizzazione, per un'offerta che sia sempre di appeal e al passo con i tempi».    [post_title] => L'Oriente tailor made di DGV Travel [post_date] => 2019-05-27T14:37:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558967846000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353278 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «C'è un importante ritorno in agenzia: vi racconto come sfruttare questa occasione con il nostro aiuto». In chiusura del roadshow di 15 tappe dal nord al sud dell'Italia e a pochi giorni dall'apertura di tutti i villaggi italiani Nicolaus e Valtur, Roberto Pagliara alza il velo sui prossimi step del piano di sviluppo del gruppo e racconta, per la prima volta, gli investimenti nel digital e nell'innovazione che l'azienda ha messo in campo per portare il cliente in agenzia. «Siamo vicini al traguardo dei primi 10 milioni di fatturato per il brand Valtur» dichiara con un sorriso. Un obiettivo che sarà raggiunto prima del previsto, grazie alle ottime performance di alcuni prodotti, come Bodrum e Djerba. Buone notizie anche per il Mar Rosso, su cui Nicolaus è riuscito a mantenere un buon margine. «Abbiamo avuto tante richieste - spiega Pagliara - e portato circa 2 mila clienti durante i ponti di primavera». L'obiettivo di fatturato per il 2019, a livello di gruppo, è di 100 milioni di euro, «e siamo già al 40 per cento», precisa il presidente. Attenzione, però, a fare il passo più lungo della gamba. «Non ci interessano i volumi senza margine - avverte Pagliara -. Vogliamo una crescita graduale e sostenibile, anche per Valtur». Solidità, lungimiranza, vicinanza al mercato. Sembrano essere queste le direttrici su cui i Pagliara vogliono muoversi. «Stiamo valutando l'inserimento di nuove strutture per il prossimo inverno - anticipa il presidente -, ma senza forzature». L'obiettivo è di arrivare a 10 villaggi Valtur nel 2020.«Da Natale probabilmente avremo un villaggio neve e poi lavoreremo sul lungo raggio, con una struttura nell'Oceano Indiano e una alle Maldive». Le vendite del gruppo sono veicolate al 95 per cento dalla distribuzione ed è anche per questo motivo che i fratelli Pagliara vogliono rafforzare ulteriormente l’alleanza con le adv. «Quello che proponiamo alla distribuzione è una ‘partnership for leadership’ - sottolinea il presidente -. Aiuteremo le agenzie a dotarsi degli strumenti più innovativi per intercettare il cliente finale, grazie anche ad un modulo di intelligenza artificiale e ad un algoritmo che permetterà di prevedere la domanda di mercato e di fare revenue». L'investimento messo in campo è di 1 milione di euro in tre anni. «È così  che si può vincere la concorrenza di grandi portali come Booking ed Expedia - conclude Pagliara -. Questo è il momento giusto, perché c’è un ritorno importante in agenzia». [post_title] => Roberto Pagliara: «I primi 10 mln di Valtur e il ritorno in agenzia» [post_date] => 2019-05-27T13:51:19+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => agenzia-di-viaggi [1] => animazione [2] => in-evidenza [3] => mar-rosso [4] => mare-italia [5] => montagna [6] => nicolaus [7] => offerte-estate [8] => pacchetti [9] => roberto-pagliara [10] => valtur [11] => villaggi [12] => villaggi-valtur ) [post_tag_name] => Array ( [0] => agenzia di viaggi [1] => animazione [2] => In evidenza [3] => Mar Rosso [4] => Mare Italia [5] => montagna [6] => Nicolaus [7] => offerte estate [8] => pacchetti [9] => Roberto Pagliara [10] => Valtur [11] => villaggi [12] => villaggi Valtur ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558965079000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352946 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_352951" align="alignleft" width="225"] Alessandro Azzola[/caption] Lusso, servizio, haute cusine, ospitalità, butler, overwater, mare cristallino, romanticismo, honeymoon, sono tutte parole che ben si sposano ad un resort maldiviano. Ce ne sono più di 120 che occupano isole più o meno piccole in una area enorme dell’Oceano Indiano, ormai divenuta un sogno ad occhi aperti, fatta di grandi distanze e atolli da non crederci. E allora come fare a differenziarsi? Lo ha capito Azemar e lo ha capito la mente imprenditoriale della famiglia Azzola, della quale, Alessandro, rappresenta il motore dell’accoglienza alle Maldive. Cocoon è un resort situato sull’isola di Ookolhufinolhu, atollo di Lhaviyani. Fa parte dell’ampia programmazione Azemar sull’arcipelago (50 resort in commercializzazione più due in comproprietà, Cocoon, appunto e You & Me by Cocoon aperto il 1° marzo). Ci sono delle menti creative che hanno concettualizzato il primo hotel di design delle Maldive. Si tratta di Daniele Lago, Simona Fabini, Tomaso Schiaffino e Gian Luca Innocenzi, insieme a Vito Di Bari, il “core” di designer coinvolti nella formazione e nella costituzione di Cocoon. [caption id="attachment_352952" align="alignright" width="225"] Un particolare del doppio lavabo con fondo in vetro[/caption] «Cocoon Maldives è il frutto di uno sforzo collaborativo - spiega Alessandro Azzola, managing director di Cocoon Maldives – fra Daniele Lago, ceo e chief designer della principale società di design italiana, Lago e me. Il nostro incontro è stato foriero di un concetto che oggi rappresenta un successo imprenditoriale innegabile. Leader creativo, inventivo e innovativo, Daniele Lago ha lanciato il successo del marchio Lago sin dal suo esordio ed oggi è molto affermato e riconosciuto in tutto il mondo, in particolare nel settore del mobile. Il marchio ha anche una forte presenza sui social media, con un milione e mezzo di followers». L'alleanza di Cocoon con un'azienda di design come Lago ha portato ad un connubio vincente, un rapporto “win win” dove Lago ha interpretato l'immagine di Cocoon come un marchio di sostenibilità, leggerezza, ospitalità ed empatia con l'ambiente circostante. «Ogni mobile è selezionato per allinearsi al concetto dell'azienda; letti sospesi su lastre di vetro che danno l’effetto “fluttuante”, lavabi con il sistema di scarico contemporaneo di legno antico con il fondo di vetro, appositamente creati, autentici tavoli in ceramica siciliana dipinta a mano e altalene nelle camere e nelle parti comuni, fanno parte di questo concept - spiega ancora Azzola – Ma c’è anche altro...». [post_title] => Cocoon by Azemar: il primo resort di design alle Maldive. Ma cosa c’è dietro? [post_date] => 2019-05-25T09:15:21+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558775721000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353000 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Quale miglior luogo per una luna di miele se non lo splendido arcipelago dell’Oceano Indiano? Tutti i resort, di ogni livello e conduzione hanno pacchetti speciali dedicati gli sposi che rappresentano una bella fetta di clientela. Azemar, nella sua programmazione sulle Maldive, basata su 50 resort offerti in commercializzazione e due perle dell’accoglienza di proprietà, e quindi con la possibilità di personalizzare ulteriormente il benvenuto, propone speciali condizioni per il Cocoon Maldives e lo You & me by Cocoon. Vediamo di cosa si tratta: [caption id="attachment_353049" align="alignright" width="300"] La romantica spiaggia del Cocoon[/caption] Il Cocoon, si trova sull’isola di Ookolhufinolhu, una delle 54 isole situate nella parte sud dell’atollo di Lhaviyani, a circa 30 minuti di volo dall’aeroporto internazionale. Cocoon è il primo resort di design alle Maldive, e con le sue 145 camere vede 50 beach villa, 5 family beach villa, 25 beach suite, 5 beach suite con piscina, 40 lagoon villa e 20 lagoon suite, tutte incastonate nella vegetazione. Agli sposi è offerto un set di benvenuto di cioccolatini e bottiglia di vino in camera all’arrivo, che sarà poi seguita da una cena romantica a lume di candela per la coppia. Il soggiorno minimo richiesto per usufruire di questo pacchetto è di quattro notti entro sei mesi dalla data di matrimonio. [caption id="attachment_353052" align="alignleft" width="300"] Una cena romantica sott'acqua? H2O restaurant[/caption] Se il Cocoon è un nido dove prepararsi a vivere assieme, lo You & Me by Cocoon, è ancora più intimo e vivibile, oltre a essere un resort “child free”. L’ospitalità raffinata ma senza fronzoli è proposta da  109 camere, delle quali 99 overwater e dieci beach, divise in sette livelli secondo esposizione e presenza o meno di piscina privata. Per un soggiorno di minimo sei notti, l’accoglienza dei novelli sposi parte con il set di cioccolatini e bottiglia di vino in camera all’arrivo, arricchito da un’interessante proposta di upgrade di camera in base alla disponibilità al check-in. Con soggiorni di minimo sette notti, oltre ai benefit sopra citati, si potrà avere una cena romantica a lume di candela per la coppia e un massaggio di coppia al centro Elizabeth Arden. Esistono anche pacchetti dedicati (wedding package) per chi volesse celebrare la cerimonia in loco, tenendo comunque conto che il matrimonio contratto alle Maldive non ha validità religiosa, mentre a Zanzibar si può anche celebrare come rito religioso. [caption id="attachment_353055" align="alignright" width="300"] Una romantica camera del Gold Zanzibar beach house & spa[/caption] Zanzibar, perché esiste una terza struttura di proprietà Azemar, il Gold Zanzibar beach house & spa ad Unguja, nella parte nord ovest, che propone agli honeymooners uno sconto del 10% su quota soggiorno in all inclusive, bottiglia di spumante e cesto di frutta in camera all’arrivo, possibilità di upgrade di camera se disponibile al momento del check-in, cena romantica a lume di candela per la coppia, il tutto su un soggiorno di quattro notti minimo. [post_title] => Viaggi di nozze alle Maldive: le proposte firmate Azemar [post_date] => 2019-05-23T10:36:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558607802000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352741 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ctrip, l'agente di viaggi più grande dell'Asia, e Cotri (China Outbound Tourism Research Institute) hanno presentato congiuntamente il nuovo rapporto di viaggi alla fiera commerciale Itb China del 2019 a Shanghai. Il rapporto esamina le tendenze dei viaggiatori cinesi in partenza che optano per un viaggio personalizzato di fascia alta. Per venire incontro alle richieste sempre maggiori di viaggi personalizzati da parte dei viaggiatori cinesi, nel mese di gennaio del 2016 è stata istituita l'unità Viaggi personalizzati di Ctrip con una studiata appositamente per le persone con reddito netto elevato lanciata nel mese di marzo 2019. La piattaforma si rivolge ai clienti cinesi di fascia alta che sono sempre più interessati a servizi di alta qualità e all'uso esclusivo di risorse rare. In quanto viaggiatori esperti che considerano il viaggio un'attività di svago importante, sono attivamente alla ricerca di servizi, risorse ed esperienze di alta qualità, unici e di nicchia. Flessibili per quanto riguarda il loro tempo e non vincolati da problemi di costo, questi clienti apprezzano molto l'esclusività e la privacy durante le loro esperienze di viaggio. Secondo il rapporto, donne, coppie e gruppi di età compresa tra i 31-40 anni sono probabilmente, a livello demografico, i più propensi ad acquistare pacchetti di viaggio all'estero personalizzati di fascia alta. Le cinque destinazioni più richieste sono Tailandia, Giappone, Indonesia, Maldive e Usa. Nel 2018, il numero di ordini ha registrato un aumento del 180% rispetto al 2017. Sebbene Shanghai, Pechino e Guangzhou siano i tre mercati principali con maggiore richiesta, la crescita da città di altro livello ha superato quella delle città di primo livello. I dati di Ctrip indicano che la spesa media per persona su un pacchetto di viaggio personalizzato di fascia alta era di RMB 23.800 (3.410 dollari). La richiesta di attività uniche, ristoranti raffinati, la partecipazione a eventi sportivi speciali e l'organizzazione di alloggi di alto livello riflette il costante interesse per esperienze di viaggio più esclusive e personalizzate.   [post_title] => Itb China, il turista cinese di fascia alta cerca esperienze di nicchia [post_date] => 2019-05-22T09:31:04+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558517464000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352733 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Four Seasons Hotels and Resorts ha scelto l'Airbus A321LR come jet privato per i viaggi di lusso intorno al mondo, promuovendo un nuovo ruolo per la famiglia di jet aziendali Airbus. L'aeromobile entrerà in servizio nel 2021. L'Airbus A321LR è uno dei velivoli più nuovi della Famiglia NEO1 ed è dotato di nuovi motori e dispositivi alari sharklet, oltre a serbatoi supplementari nella stiva. Queste caratteristiche conferiscono all’A321LR l'efficienza e l’autonomia per viaggi non stop verso le principali destinazioni turistiche in tutto il mondo, pur mantenendo la capacità di atterrare negli aeroporti più vicini. «L'esperienza del Four Seasons Private Jet ridefinisce la moderna aviazione di lusso, stimolando connessioni significative tra persone e luoghi, offrendo un viaggio senza interruzioni e altamente personalizzato - afferma Christian Clerc, presidente worldwide hotel operations di Four Seasons Hotels and Resorts -. In seguito all'enorme successo che il programma Private Jet ha ottenuto ad oggi, con vendite consistenti, liste di attesa e un altissimo livello di soddisfazione degli ospiti, la nostra spinta a innovare e a spingere continuamente oltre i limiti convenzionali del viaggio, ha portato a questa nuova opportunità per i clienti di sperimentare Four Seasons come mai prima d’ora». La cabina dell’ACJ319 di Four Seasons  è dotata di un ampio salotto, 54 poltrone completamente reclinabili con poggiapiedi, per conversare e cenare l’uno di fronte all’altro, e due ampi bagni. [post_title] => Fuor Seasons sceglie l'Airbus A321LR per i viaggi di lusso in jet privato [post_date] => 2019-05-22T08:50:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558515020000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352688 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Italia è sempre più meta del turismo mice. Secondo le prime anticipazioni sui dati Icca 2018 l'Italia conta 522 eventi realizzati e cresce del +1,4% rispetto al 2017. Secondo la classifica Icca 2018, con l'entrata della Francia, l'Italia è al 6° posto nel mondo e 5° nella classifica europea delle principali destinazioni per numero di incontri d’affari (Icca ranking 2018).  A presentare le ultime tendenze di settore l’Ufficio Studi Enit che, attraverso questionari inviati agli operatori di settore presenti con l’agenzia all’Imex di Francoforte dal 21 al 23 maggio, ha individuato gli ultimi trend mice. Si punta su turismo esperienziale (44,4% delle associazioni di operatori), alta cucina e benessere (29,4% dell’hotellerie) ed ecosostenibilità (nel 25% degli enti territoriali). Stando alle elaborazioni dell’Ufficio Studi Enit, la cultura, l’arte e la possibilità di fruire delle destinazioni in termini di “saperi” e di “saper fare” rappresentano asset imprescindibili per un posizionamento competitivo. Enit porterà dunque ad Imex, il salone internazionale specializzato in viaggi incentive, incontri ed eventi, l’Italia protagonista e destinazione top per il turismo d’affari di tutto il mondo sostenendo l’attività di internazionalizzazione delle imprese del settore.  Alla kermesse di tre giorni parteciperanno 57 operatori italiani tra convention bureau e club di prodotto, alberghi e resort, centri congressuali, pco e dmc, raccolti presso lo stand Enit/Italia D400 nel padiglione 8. [post_title] => Enit a Imex, mice cresce con Italia al 6° posto nel mondo [post_date] => 2019-05-21T13:20:15+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558444815000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti