26 June 2019

Aica: «Occorre reintrodurre il tax credit riqualificazione»

[ 0 ]

«L’anno scorso, in Italia, gli investimenti in ristrutturazioni alberghiere sono ammontati a circa 1,2 miliardi di euro. Una gran parte dei quali favoriti dagli incentivi legati al tax credit riqualificazioni. È un peccato che la misura non sia stata estesa anche al 2019. Confidiamo che presto possa essere reintrodotta». Lo ha dichiarato ieri all’Hotel & Tourism forum di Milano, la vicepresidente dell’Associazione italiana Confindustria alberghi, Carmela Colaiacovo.

Una posizione, la sua, condivisa anche da Giovanna Manzi: nel suo intervento la ceo di Best Western ha inoltre aggiunto di auspicarsi una eventuale rimodulazione della formula click-day, al fine di trovare modalità di assegnazione meno legate alla mera casualità.

 

 

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353872 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La prima compagnia a introdurre l'acqua calda in camera, ma anche l'aria climatizzata, la televisione, il minibar e le amenities dedicate alle donne. Sono alcuni dei primati del gruppo Hilton, che proprio nel 2019 celebra il secolo di storia: fondata nel 1919 in un’area rurale del Texas, la compagnia conta oggi 5.700 hotel distribuiti in 113 Paesi del mondo. In quest'anno davvero speciale fioccano quindi le iniziative in tutto il globo per celebrare degnamente un compleanno tanto importante. Ieri sera è stata la volta dell'Hilton Milan che nella sua terrazza ha organizzato un evento a tema, dedicato alle atmosfere del country texano. Per l'occasione, il direttore della struttura, Nassos Papazoglou, ha sottolineato anche l'impatto positivo che la presenza degli hotel Hilton ha sui territori in cui opera il gruppo. Nel caso dell'albergo meneghino, merita per esempio citare la collaborazione che dura ormai da otto anni con la onlus Farsi Prossimo, e in particolare con il suo progetto M'ama Food, legato alle mansioni in ambito f&b. A tal fine l'Hilton Milan si è reso infatti disponibile a organizzare momenti di training professionale, giornate di volontariato aziendale e raccolte fondi. Ma pure a ospitare i protagonisti del programma per stage che a volte sono persino sfociati in assunzioni dirette. [post_title] => L'Hilton Milan in festa per i 100 anni della compagnia [post_date] => 2019-05-31T11:23:31+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559301811000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353803 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => 31Alex Zanardi ha aperto la convention Allianz Partners ringraziando per il sostegno a Obiettivo3, progetto che mira a reclutare, avviare e sostenere concretamente ed economicamente persone disabili che vogliono iniziare ad intraprendere un’attività sportiva. “Lo sport abilita”. É questo il leitmotiv dell’associazione che, grazie anche al supporto dell’azienda, ha l’ambizione non solo di avviare allo sport un numero quanto più alto possibile di atleti, ma anche di permettere la qualificazione di almeno 3 di loro ai prossimi Giochi Paralimpici di Tokyo 2020, un’occasione unica per dimostrare che la disabilità è una caratteristica e non un limite. «Per Allianz Partners la diversità e l’inclusione sociale sono i pilastri chiave che guidano le iniziative in materia di Corporate Social Responsibility, e le diverse abilità vengono vissute dall’azienda come un arricchimento di valore. La passione per lo sport è in grado di unire tutti, senza distinzione culturale, sociale, di età, ed in questo caso anche di abilità - spiega Paola Corna Pellegrini, Amministratore Delegato di Allianz Partners - siamo orgogliosi di esser entrati a far parte della grande squadra di Obiettivo3. A 2 anni dal via l’associazione ha reclutato più di 50 ragazzi e ragazze che hanno già partecipato a decine di manifestazioni nazionali e internazionali, aggiudicandosi medaglie e riconoscimenti nel paraciclismo e nell’atletica leggera». Allianz Partners ha fatto delle tematiche di Corporate Social Responsibility un elemento caratterizzante e irrinunciabile del proprio stile aziendale degli ultimi 10 anni, sviluppando diverse iniziative fuori e dentro l’azienda. [post_title] => Allianz Partners sostiene il progetto Obiettivo3 [post_date] => 2019-05-30T09:40:11+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559209211000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353521 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Htms prosegue nel cammino di miglioramento e qualificazione delle persone che collaborano a questo interessante progetto. E’ stata infatti di recente inserita nell’organico la figura del Mice expert: Elisabetta Boschetto, che già in passato a ricoprire ruoli chiavi nella filiera del Mice, grazie a diverse esperienze professionali che l’anno visto impegnata sia sul fronte del product management, sia nelle vesti di direttore commerciale sia in ruoli istituzionali a capo di Convention bureau. «HTMS da molto è impegnata nella costruzione di un team commerciale qualificato e investe molte risorse nel fornire ai propri collaboratori tutti gli strumenti necessari a conoscere personalmente ogni destinazione che proponiamo al mercato, interpretando il ruolo del consulente più che del venditore - ha affermato Emanuele Nasti, direttore generale di Htms -.  Il diaologo con i professionisti del Mice richiede una technicality ancora maggiore, perché prescinde dalla destinazione in sé, ma richiede conoscenze tecniche legate alla gestione di una tipologia di viaggio e all’erogazione di servizi molto specifici. E’ proprio qui che interviene Elisabetta che, grazie alla sua esperienza, può offrire un reale valore aggiunto ai nostri interlocutori. I risultati della nostra scelta sono già molto incoraggianti - prosegue Nasti - basta vedere i numeri legati alla nostra produzione e al grado di soddisfazione espresso dalle agenzie specializzate che si sono rivolte alle dmc che rappresentiamo, potendo contare sul supporto di Htms in fase di progettazione, realizzazione e consuntivo». «E’ per me un piacere oltre che un onore, poter essere annoverata nella squadra di Htms - ha detto Elisabetta Boschetto -; una realtà che conosco da tempo e che stimo, soprattutto per averci avuto a che fare come interlocutore. Ora che sono passata dall’altra parte avrò materiale e possibilità di far fruttare al massimo le peculiarità della società e di portare un contributo fattivo nato dall’esperienza che ho maturato in anni di Mice. Non nascondo che la sfida mi attrae, soprattutto per la molteplicità dell’offerta Htms, del rango delle destinazioni e dei partner con i quali sarò chiamata a confrontarmi e per la complessità sempre crescente che questo selettivo mercato impone». [post_title] => Elisabetta Boschetto nuovo Mice expert per Htms [post_date] => 2019-05-28T13:47:39+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559051259000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353438 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un pool di cinque istituti di credito, guidato da Ubi Banca, ha messo a punto un’operazione di finanza strutturata per supportare il piano di investimenti di Aeroporti di Puglia mirato alla crescita del traffico aereo, agli investimenti sulle infrastrutture e all’accesso a nuove rotte internazionali. «Con Il finanziamento per il quale firmiamo il relativo contratto – dichiara Tiziano Onesti, presidente di Aeroporti di Puglia – creiamo le condizioni per rafforzare la situazione patrimoniale aziendale orientata al raggiungimento degli obiettivi di lungo periodo definiti dal nostro piano strategico. Parliamo di investimenti in infrastrutture, organizzazione interna e sviluppo del network che consentiranno di rendere gli scali pugliesi generatori di ricchezza per il territorio più ancora di quanto già non lo siano. Ma, a nostro avviso,  vi è un aspetto ancor più importante da sottolineare: la decisione di Aeroporti di Puglia di acquisire una propria autonomia finanziaria ha comportato la necessità di confrontarsi sul mercato e di verificare il proprio livello di credibilità, affidabilità e valore reputazionale». ll finanziamento, di durata 12 anni, ha lo scopo di supportare il piano di investimenti previsto nel contratto di programma di AdP con Enac 2019-2022 (di circa 101 milioni) e di sostenere lo sviluppo di nuove rotte. AdP ha adottato il piano strategico con orizzonte 2028 ridisegnando le strategie di sviluppo per garantire ulteriori margini di crescita e valorizzare il brand “Puglia” attraverso la qualità delle infrastrutture, l’attrazione dei passeggeri e l’interesse dei vettori a sviluppare traffico aereo a beneficio dei cittadini e delle imprese. Il raggiungimento dell’obiettivo al 2028 di circa 11 milioni di passeggeri sugli scali pugliesi, consentirà un utilizzo ottimale della capacità ricettiva delle infrastrutture aeroportuali pugliesi che già dispongono delle potenzialità necessarie a soddisfare l’ulteriore domanda.     [post_title] => Aeroporti di Puglia: 60 milioni da un pool di banche per lo sviluppo degli scali [post_date] => 2019-05-28T08:53:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559033634000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353241 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Il 2019 sarà l’anno della stabilizzazione: avevamo pianificato un +6% di crescita e ora siamo ad un +3%. La priorità adesso è quella di stabilizzare tutti i punti operativi e il focus principale è quello che guarda alla profittabilità». Steffen Weinstok, senior director sales Italia e Malta del Gruppo Lufthansa traccia i contorni caratterizzanti dell’anno in corso per il nostro mercato, «un mercato che cresce, anche se i prezzi aumentano e ci sono sono rotte penalizzate da un eccesso di capacità. «Tutte le grandi compagnie - anche low cost - si sono rese conto in questi primi tre mesi dell’anno che creare la crescita è una cosa, ma quando non è più profittevole occorre prendere provvedimenti. Sicuramente in seguito ci saranno opportunità ulteriori, ma noi possiamo aspettare». Sempre in piano il ruolo di Ndc: «Crediamo fortemente in questa tecnologia che una volta di più si dimostra fondamentale per gestire al meglio la vendita di prodotti diversi a tariffe diverse. E sì, in Italia ci saranno passi avanti anche quest’anno». [post_title] => Weinstok, Lufthansa sull’Italia: «Capacità a +3%, ora stabilizziamo» [post_date] => 2019-05-24T14:51:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558709497000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353131 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le principali organizzazioni del turismo (Enit, Convention Bureau Italia, Aica, Astoi,  AIDiT;  Confturismo Confcommercio; Fto e Fiavet) hanno incontrato in Confindustria, grazie alla collaborazione del Mipaaft, il segretario generale dell'Organizzazione mondiale del turismo Zurab Pololikashvili in visita ufficiale in Italia. In un contesto in cui il mercato turistico internazionale sta cambiando sotto la spinta del fattore tecnologico e la partecipazione al mercato di nuovi paesi, l’Italia, con più di 58 milioni di visitatori all'anno, rimane sicuramente una destinazione di eccellenza, ma con un bacino di opportunità non pienamente sfruttate e con una difficoltà ad intercettare l’innovazione. Nel corso dell’incontro si è sottolineato come le presenze turistiche nel nostro Paese, ma anche a livello mondiale, abbiano ormai superato ogni aspettativa e affrontare questa incredibile opportunità richiede una programmazione strutturata e di lungo periodo che sappia compensare squilibri territoriali e di calendario a favore di politiche redistributive dei flussi turistici più sostenibili. E’ fondamentale che con l'aumento del numero di turisti, il turismo venga sviluppato e gestito in modo sostenibile sia per i visitatori che per le comunità locali. Coinvolgere le comunità nel ridurre la congestione turistica, destagionalizzare i flussi turistici, pianificare e rispettare i limiti di capacità delle destinazioni, sono aspetti imprescindibili per tracciare un percorso di crescita turistica sostenibile. Ma è anche giunto il momento di riconoscere il turismo come un settore industriale strategico per l’economia dei Paesi. Puntare su investimenti e innovazione, sostenibilità, accessibilità, digitalizzazione e formazione del personale turistico sono le principali proposte su cui si basa la nostra visione per il futuro dell’industria turistica italiana.     [post_title] => Federturismo e Unwto: l'obiettivo è puntare su una programmazione strutturata [post_date] => 2019-05-24T11:52:41+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558698761000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352597 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fto rinnova la richiesta di rivedere la rappresentanza di Apjc Italia, organo pariteticamente composto da rappresentanti delle associazioni degli agenti di viaggio e tour operator e delle compagnie aeree operanti nel Bsp. Per la distribuzione presenziano cinque membri di Fiavet, uno di Astoi, uno Assoviaggi e uno Assotravel. «Dopo oltre un anno dalla prima richiesta inviata ad Apjc Italia, ad oggi nulla si è mosso nonostante i solleciti. Riteniamo che l’attuale composizione dell’organo non rispecchi la reale ripartizione della distribuzione sul mercato italiano -  dichiara Gabriele Milani, direttore nazionale della Federazione Turismo Organizzato (nella foto) -. Numeri alla mano, i soci di Fto sviluppano quasi un quarto del transato complessivo su Bsp, un peso molto significativo che cresce ulteriormente se consideriamo i volumi generati tramite carte di credito o direttamente dalle agenzie Iata affiliate ai network Fto. Alla luce dell’attuale frammentazione del mercato, questo la dice lunga sulla nostra rappresentatività, soprattutto se si tiene in considerazione che il 10% dei codici Iata sviluppa circa l’80% dei volumi complessivi e che alcuni player di rilievo non aderiscono ad alcuna associazione». «Siamo a conoscenza del perimetro di competenze di un organo come Apjc Italia e delle difficoltà di dialogo, problematica che riscontriamo anche sui tavoli europei di cui già facciamo parte. Siamo altresì convinti che un confronto tra gli attori della filiera in Italia sia indispensabile, utile e costruttivo per il bene di tutti soprattutto in un momento di così forti cambiamenti. Basti pensare all’introduzione di NewGen Iss-TIP, dell’Ndc e del passaggio alla frequenza quindicinale del Bsp. Ci aspettiamo un riscontro positivo; è solo questione di volontà dato che si potrebbe allargare a nove la rappresentanza di compagnie aeree e agenti di viaggi oppure fare una veloce verifica del peso di ciascuna associazione». [post_title] => Fto rinnova la richiesta di un posto in Apjc Italia [post_date] => 2019-05-20T15:36:47+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558366607000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352517 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Presentato ufficialmente il Masterplan definitivo per il rilancio e la riqualificazione dell’isola Palmaria. Il piano ha come obiettivo primario il rilancio e lo sviluppo sostenibile dell’isola a fini turistico ricettivi, nel pieno rispetto di un ambiente di singolare bellezza, particolarmente delicato e fragile nelle sue peculiarità paesaggistiche, dall’immenso potenziale, fino a oggi interessato in maniera marginale dai flussi turistici. Il complesso delle azioni previste dal Masterplan è volto a un rilancio a 360° dell’isola, non solo sotto il profilo turistico-balneare e ricettivo, ma anche dal punto di vista agricolo ed enogastronomico. È previsto inoltre un utilizzo museale e scientifico delle strutture esistenti: la Palmaria è infatti un sito di grande importanza dal punto di vista storico e militare, già da prima dell’Unità d’Italia. Uno dei punti cardine del Masterplan è il potenziamento dell’offerta turistica: il piano prevede infatti il recupero di una serie di immobili che la Marina Militare trasferirà al Comune di Porto Venere. «Si tratta di Forte Cavour, che si trova in vetta all’isola, delle batterie fortificate Umberto I, Schenello, Semaforo, Cala Fornace – spiega il presidente di Regione Liguria Giovannio Toti –, nonché di altri immobili di superficie meno estesa che dovranno essere recuperati e riutilizzati prevalentemente con la modalità dell’ospitalità diffusa. Puntiamo all’aumento dei posti letto sulla Palmaria, ma senza andare nella direzione del turismo di massa. Vogliamo un turismo di qualità per un luogo di immenso pregio, un’isola che a lungo è rimasta poco fruibile, meta di un turismo sporadico e limitato in virtù della presenza militare, e quindi praticamente intatta. Vogliamo rivitalizzare questo luogo riscoprendone la sua storia sotto vari profili, mantenendo l’ambiente inalterato e aprendo l’isola a un turismo non impattante, ma sostenibile, senza un centimetro cubo di cemento in più». [post_title] => Liguria, rilancio e riqualificazione per l’isola Palmaria [post_date] => 2019-05-20T13:21:57+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558358517000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352512 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'innalzamento dei costi del carburante e degli hotel, insieme a una competizione serrata sul prezzo, sta mettendo in serie difficoltà il gruppo britannico Thomas Cook, che alla fine della settimana scorsa ha emesso il proprio terzo profit warning in meno di un anno. «Con tanta offerta ancora da piazzare sul mercato - ha spiegato alla Reuters l'amministratore delegato della compagnia, Peter Fankhauser - gli sconti hanno cominciato a moltiplicarsi molto presto quest'anno». E il rinvio della Brexit, dal 29 marzo al prossimo ottobre, pare non aver tranquillizzato per nulla il mercato britannico. Thomas Cook ha quindi annunciato che, per il secondo semestre dell'anno, il livello dei propri profitti sottostanti (ossia depurati dei costi non ricorrenti) ante interessi e tasse sarà più basso rispetto a quello registrato nel medesimo periodo del 2017. L'operatore ha inoltre aggiunto di avere sottoscritto un accordo di finanziamento da 300 milioni di sterline con le banche, per garantirsi la liquidità necessaria ad affrontare la stagione invernale 2019 - 2020. Come è noto, il piano di Thomas Cook per uscire dalle secche prevede la vendita delle linee aeree del to, compresa la tedesca Condor su cui poggiano le mire di Lufthansa. Anche Virgin Atlantic avrebbe peraltro dimostrato il proprio interesse per una parte dei vettori dell'operatore britannico. E in effetti è davvero tempo di intervenire, se è vero che giovedì scorso, racconta sempre la Reuters, il mercato dei credit default swaps (ossia di quella categoria di derivati, che rappresenta una sorta di assicurazione contro il rischio di credito, ndr) implicava per Thomas Cook un rischio di fallimento pari al 96% nei prossimi cinque anni. [post_title] => Thomas Cook emette un altro profit warning [post_date] => 2019-05-20T10:50:17+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => condor [1] => in-evidenza [2] => lufthansa [3] => peter-fankhauser [4] => thomas-cook ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Condor [1] => In evidenza [2] => lufthansa [3] => Peter Fankhauser [4] => thomas cook ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558349417000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti