16 July 2018

Il ‎Ddl Concorrenza è legge dopo due anni: soddisfazione di Palmucci

[ 0 ]

Palmucci, confindustria, alberghi, Sono serviti 894 giorni per arrivare all’approvazione ma il disegno di legge sulla concorrenza è finalmente legge. L’iter normativo è stato lungo e tortuoso, oltre due anni per l’appunto, con passaggi tra le due Camere, modifiche minime, riscritture, altre modifiche e, a botte di fiducia, il Governo è riuscito a farlo passare.

Tanti i settori interessati dalla nuova legge, dalle farmacie alle banche, passando per le assicurazioni e le poste ma anche e soprattutto, per quanto riguarda il comparto, gli alberghi. «Siamo molto soddisfatti per l’approvazione, dopo oltre 2 anni e mezzo, del Ddl Concorrenza che contiene tra l’altro l’attesissimo provvedimento sulla parity rate per il settore alberghiero – interviene Giorgio Palmucci, Presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi -. Finalmente gli operatori italiani potranno, come già accade in Francia, Germania e altri paesi europei, offrire la loro tariffa svincolati dalla parity rate imposta dalle Ota».

Un cambio di marcia che, come osserva Palmucci, andrà a beneficio della clientela finale. «Dall’analisi condotta dalla Commissione europea lo scorso aprile, ad un anno dall’entrata in vigore dell’analogo provvedimento negli altri paesi europei, la tariffa alberghiera si è differenziata a vantaggio dei clienti».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 271131 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Appuntamento dopodomani, giovedì 2 marzo, alle ore 13,30 per il webinar organizzato da Jerusalem Development Authority in collaborazione con la Jerusalem Hotel Association per presentare la variegata offerta della città. Il titolo del webinar, "Gerusalemme, un viaggio oltre ogni aspettativa", intende far leva proprio sulla molteplicità di proposte e sulla ricchezza di spunti offerti da una destinazione vicina, affascinante e dal clima invidiabile. Sarà proprio la "Gerusalemme che non ti aspetti" quella al centro dell'evento formativo del 2 marzo, realizzato in collaborazione con il gruppo Travel e al quale seguiranno altre due tappe  il 15 marzo e il 28 marzo sempre alle ore 13,30. Per iscrizioni: www.travelopentraining.it/it/webinar/33     [post_title] => La Gerusalemme che non ti aspetti al webinar del 2 marzo [post_date] => 2017-02-28T11:58:18+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1488283098000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 271107 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Princess Cruises, rappresentata in esclusiva in Italia da Gioco Viaggi, ha annunciato la nuova programmazione 2018 per il Giappone, la più ricca di sempre con un totale di 60 partenze che si snodano esclusivamente lungo l’arcipelago nipponico o con possibilità di combinazione con i paesi limitrofi, Corea del Sud, Taiwan, Russia e Vietnam. Il maxi posizionamento testimonia il trend in decisa ascesa per il Sol Levante, destinazione d'appeal tra gli europei, che sempre più numerosi scelgono di visitarlo. La crociera, offrendo l’esclusiva opportunità di toccare in un unico viaggio i più importanti punti di interesse, rappresenta uno dei modi migliori per approcciare il Giappone. Gli itinerari, con durata variabile da 4 a 23 notti operativi da aprile a dicembre 2018, verranno effettuati da Diamond Princess, che con una stazza di 115 mila tonnellate e una capacità di 2 mila 706 passeggeri, è l’unità che la compagnia ha posizionato stabilmente nella regione. A bordo speciali Japan highlights che spaziano dalla cucina all’intrattenimento fino alle amenities, appositamente realizzate per un’immersione totale nella cultura orientale. Le nuove crociere sono state ideate per offrire la migliore opportunità di esplorare il Giappone: overnight in 12 porti di scalo per una migliore opportunità di scoprire di più sulle località visitate; 12 i siti patrimonio mondiale dell'Unesco inclusi nella programmazione, come la penisola di Shiretoko, recentemente nominata una delle meraviglie del mondo. Gli ospiti potranno inoltre partecipare ad alcuni dei più grandi e famosi festival culturali locali e ad altri eventi speciali, fra cui il Nebuta Festival e il Kumano Fireworks. [post_title] => Gioco Viaggi, in Giappone con la programmazione Princess Cruises 2018 [post_date] => 2017-02-28T11:22:14+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1488280934000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 271117 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => FlixBus e Gnv ampliano la partnership per raggiungere la Sicilia con la formula autobus + nave anche alla bassa stagione, con la volontà di offrire un servizio continuativo e alternativo a quanti, per lavoro o per piacere, affrontano il viaggio anche prima dell’estate. E l’inverno presenta un’interessante novità: alle partenze dal porto di Genova si aggiungono quelle da Napoli, che consentiranno di ridurre il tempo di viaggio per i passeggeri in arrivo dalle località più a sud. In totale, saranno 13 le città da cui raggiungere Palermo grazie al rinnovo dell’intesa tra la start-up degli autobus e Gnv: acquistando un unico biglietto, sarà infatti possibile viaggiare verso il capoluogo siciliano da Milano, Torino, Brescia, Venezia, Mestre, Verona, Pisa, Firenze con imbarco da Genova, e da Perugia, Pescara, Roma, Bari e Lecce prendendo il traghetto da Napoli. «FlixBus desidera essere un operatore della mobilità a 360 gradi - dichiara Andrea Incondi, managing director di FlixBus Italia - con l’obiettivo di semplificare il modo in cui le persone si muovono, senza che debbano ricorrere all’auto privata. Questa collaborazione ci consente di offrire un’alternativa economica, sostenibile e comoda a chi vuole affrontare un viaggio senza pensieri». «Siamo molto contenti di aver rinnovato la partnership con una compagnia leader del trasporto autobus intercity, già avviata lo scorso anno con grandi prospettive – dichiara Giulio Libutti, head of passengers sales di Gnv –. Siamo sempre alla ricerca di partnership innovative che ampliano la nostra offerta: attraverso questo accordo GNV conferma ancora una volta la propria leadership in Sicilia, proponendo un servizio completo al cliente finale. In questo senso FlixBus è per noi un partner ideale perché rispecchia i nostri valori di accoglienza, dinamicità e attenzione al passeggero». [post_title] => Flixbus e Gnv: in Sicilia con autobus+nave, anche in inverno [post_date] => 2017-02-28T11:08:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1488280131000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 271118 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sempre più agenzie in Italia entrano nel network Gattinoni Mondo di Vacanze. Nel 2016 l’espansione è avvenuta grazie principalmente all’acquisizione di due network di agenzie – ONE! Travel e Le Marmotte – che sono state integrate con coerenza. La strategia del 2017 non prevede acquisizioni bensì l’ingresso ufficiale di agenzie indipendenti. Sale a 870 il numero dei punti vendita che credono nelle potenzialità del network Gattinoni Mondo di Vacanze. Un lavoro importante fatto da Antonella Ferrari, direttore rete agenzie partner, e dalla rete commerciale, che si adopera con la volontà di crescere soprattutto nelle aree geografiche scoperte e nel selezionare agenzie di altissima qualità, sia nel personale sia nel rispetto delle normative (una tra tante l’adesione al Fondo di Garanzia). Questo numero tiene conto delle “uscite” di alcune agenzie precedentemente affiliate, che si sono rivelate insolventi nei confronti di fornitori e che non avendo più le caratteristiche idonee a questo concetto di “qualità”, sono state estromesse dal network. La squadra commerciale lavora capillarmente sul territorio, per contattare le agenzie intraprendenti e interessate a sviluppare azioni in sinergia con il network. Antonella Ferrari ricorda che nonostante l’obiettivo sia radicarsi maggiormente al centro-sud, il network, nei propri piani di sviluppo, non vuole superare le 1.000 agenzie, come dichiarato a suo tempo dal Presidente Franco Gattinoni. Ferrari sottolinea il valore degli investimenti fatti sempre nell’ottica di migliorare i margini delle agenzie, dalla tecnologia che consente di prenotare servizi aggiuntivi all’implementazione del prodotto. La volontà è di mettere gli agenti in condizione di vendere di più, nel modo più semplice, e aumentare la propria redditività. Una delle occasioni in cui il network si presenta ufficialmente alle agenzie, con le proprie novità e con la propria squadra commerciale, è il roadtour. La prima edizione del 2017 inizia il 6 marzo e si conclude il 30 marzo a Milano, nella sede Gattinoni, dopo aver toccato 11 tappe in tutta Italia. «Desidero esprimere un doppio ringraziamento - afferma Antonella ferrari. . Il primo alla squadra commerciale, sempre motivata e performante. Il secondo alle agenzie, per la fiducia che ci stanno dimostrando. Durante il roadtour misurateci racconteremo gli importanti investimenti realizzati in tema di prodotto, investimenti che stanno dando maggior marginalità alle agenzie Gattinoni Mondo di Vacanze, in particolare le tre linee DPack, Selected e l’importante novità Travel Experience. Sottolineeremo il lancio di strumenti che il network ha pensato per semplificare e incrementare le vendite. Parleremo in particolare del segmento luna di miele, delle nuove liste nozze che lanceremo a breve, dei nuovi siti agenzie e di tante altre importanti novità nella comunicazione e del comparto tecnologico. Gli incontri saranno anche l’occasione per illustrare il nostro piano di incentivazione Best Performer e delle iniziative speciali in programma per nei prossimi mesi”. [post_title] => Gattinoni Mondo di Vacanze sale a 870 agenzie. L'obiettivo è 1000 [post_date] => 2017-02-28T11:03:36+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1488279816000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 265196 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il complesso sportivo che si sta costruendo al “Los Angeles Entertainment District”, Hollywood Park, sarà un tempio dello sport e del divertimento che sorgerà a Inglewood, California, a circa 5 km dall'aeroporto internazionale di Los Angeles e adiacente al Forum. Lo stadio sarà una degna cornice per una delle squadre più note della National Football League (NFL), i Rams. La “venue”, che aprirà i battenti nel 2019, è un tipico esempio del lavoro delle municipalità americane, che hanno come oggetto iniziative di rivitalizzazione di certe aree e sorgerà dove un tempo si trovava l'ex Hollywood Park Racetrack. Il 5 gennaio 2015 fu annunciato da Stan Kroenke, il proprietario dei Rams, in collaborazione con la Stockbridge Capital (proprietari della Hollywood Park Land Company), che sarebbe stato costruito uno stadio confacente agli altissimi standard della NFL sull’Hollywood Park esistente, più un appezzamento di terreno di proprietà di Kroenke stesso. Dopo una raccolta di più di 20mila firme per consentire la “rezoning” del sito proposto per lo stadio, il Consiglio comunale ha approvato ad Inglewood la costruzione dell’avveniristico complesso con voto unanime. [caption id="attachment_265200" align="alignleft" width="300"] L'interno del nuovo stadio dei Rams[/caption] Il 12 gennaio 2016, la NFL ha approvato la proposta di Inglewood e i Rams ritrasferirsi a Los Angeles da St. Louis dove ebbero un breve periodo di “esilio” vedranno l’apertura del loro gioiello nel mese di agosto 2019. Quella data segnerà il ritorno dello sport professionistico a Inglewood per la prima volta da quando i Los Angeles Lakers e Los Angeles Kings abbandonarono il Forum per lo Staples center (L.A. Live) nel 1999. Non è difficile che anche la squadra dei San Diego Chargers utilizzerà l’impianto che ospiterà nel 2021 il Super Bowl LV, la finale del campionato pro NFL. [post_title] => Los Angeles: un nuovo stadio per i Rams [post_date] => 2016-12-28T11:55:29+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1482926129000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 265212 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E’ stato appena siglato l’atto di fusione tra Robintur e Nuova Planetario che diventerà operativo a partire dal prossimo gennaio. Il piano di riorganizzazione prevede che la gestione di tutte le attività del gruppo venga unificata sotto il cappello di Robintur Spa che conterà quindi su una rete di agenzie di viaggio dislocate su tutto il territorio nazionale, con 90 agenzie. La società, che manterrà la sede a Bologna, continuerà a operare nei segmenti leisure, business travel e turismo organizzato con un fatturato stimato di 230 milioni di euro che supererà i 500 milioni se si considerano anche i 200 punti vendita affiliati. Il piano industriale, che sarà approvato dal Cda nei primi mesi del 2017, prevede, nei prossimi tre anni, un importante programma di riorganizzazione e ristrutturazione della rete di vendita, con un piano di investimenti che ha l’obiettivo di migliorare la gestione, qualificare ed estendere la presenza di Robintur su tutto il territorio italiano, ampliare l’offerta ed innovare processi e tecnologie con particolare attenzione al digitale. Robintur punta così a far crescere il proprio volume di attività, fronteggiando le difficoltà registrate negli ultimi anni dal settore turistico, dove crisi economica ed eventi socio politici come il terrorismo internazionale hanno fortemente inciso sulle vendite. Grazie alle nuove dimensioni del Gruppo, alla sua forza contrattuale, alle sinergie ed alle economie di scala che potrà generare, Robintur sarà in grado di offrire soluzioni di viaggio particolarmente vantaggiose alla clientela, a partire dai soci Coop con i prodotti a marchio come quelli proposti nel folder “Viaggiare da soci”. Accanto alle agenzie dirette di proprietà, inoltre, si lavorerà allo sviluppo dell’associazione in partecipazione, del franchising e di altri modelli innovativi, come ad esempio le agenzie Coop Viaggi all’interno dei Centri commerciali. Il presidente della nuova Robintur, eletto dal Cda, sarà Stefano Dall’Ara, direttore partecipate diversificate di Coop Alleanza 3.0.  Direttore generale è Claudio Passuti (ex vicepresidente di Robintur e presidente di Egocentro e Robintur Travel Partner), coadiuvato da Tina Giglio, direttore rete, personale e organizzazione, e da Andrea Cocchi, direttore amministrazione, finanza, controllo e sistemi. [post_title] => Robintur firma con Nuova Planetario: nasce il network di agenzie in proprietà [post_date] => 2016-12-28T11:41:05+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1482925265000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 265210 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fine d’anno al cardiopalma per Alitalia. Le turbolenze in casa dell’ex compagnia di bandiera non sembrano infatti acquietarsi. Tanti i nodi da sciogliere: dal cambio di manager al vertice, riportato negli scorsi giorni dai principali quotidiani nazionali ma smentito dalla compagnia, sino agli incontri con i sindacati per la questione esuberi e ancora il fiato sul collo delle banche azioniste. Andando con ordine, il management non dovrebbe subire giri di poltrone: confermato sia Cramer Ball, come ad, sia James Hogan, numero uno di Etihad e vicepresidente di Alitalia. La delicata faccenda degli esuberi è invece tutta da dipanare. Si è parlato di un piano per 1.500 posti di lavoro in meno, tra piloti, personale di terra e assistenti di volo. Il capitolo banche è poi l’altra spina nel fianco. Secondo quanto riporta Milano Finanza, le banche azioniste, ovvero Intesa Sanpaolo e Unicredit, avendo già messo mano al portafoglio e dovendo contribuire nel fronteggiare un anno da perdite record, pari a 400 milioni di euro, vorrebbero a tutti i costi una nuova guida per la compagnia, per la quale, sempre secondo il quotidiano, sono stati già sguinzagliati cacciatori di teste. Il profilo sarebbe già chiaro: un manager italiano ma con conoscenze internazionali e forti relazioni sia col mondo bancario sia con quello istituzionale. A mancare, per adesso, è il nome del possibile candidato. Anche se, le banche stanno solo scaldando la voce e vorranno indubbiamente dire la loro, in particolar modo per le decisioni strategiche. [post_title] => Alitalia in attesa del piano industriale: i vertici non si toccano [post_date] => 2016-12-28T11:27:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1482924471000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 265193 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_265194" align="alignleft" width="300"] Una suggestiva immagine di Montevideo[/caption] Con un record di 3 milioni di turisti e due miliardi di dollari di introiti, il turismo ha superato la produzione di carne (prodotto tradizionale del paese che incamera 1.5 miliardi), e dell’attività legata alle foreste. Solo 10 anni fa, l'industria del turismo produceva 540 milioni di $ e questo risultato rappresenta una escalation notevole soprattutto se si considera che è stata ottenuta in un decennio.Nel panorama turistico dell’Uruguay, mentre Punta del Este e Colonia sono ampiamente riconosciuti, Montevideo è la destinazione principale per i turisti, e gli eventi legati al segmento mice, certamente il più redditizio rispetto al turismo di svago. Il turismo balneare di Punta del Este e delle sue spiagge è molto praticato in alta stagione, con Montevideo, Colonia e Rivera a seguire, ma se prendiamo l’anno in assoluto, ecco che la media e la situazione cambiano e Montevideo diventa il centro turistico del paese. Incredibilmente i primi contributori al turismo uruguayo sono proprio i turisti domestici, che precedono argentini e brasiliani. Gli uruguaiani spendono in media 1.400 usd a testa per visita, con una media di 100 sud al giorno, contro i 42 dollari al giorno del 2005. I fattori chiave per questo crescente successo sono la relativa sicurezza, l’aspetto climatico e la stabilità politica, rispetto ad altre destinazioni tradizionali. [post_title] => Uruguay: 3 milioni di turisti, record per il 2016 [post_date] => 2016-12-28T11:17:02+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1482923822000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 263150 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Pobeda Airlines, compagnia aerea russa low cost del gruppo Aeroflot, ha raggiunto eccellenti risultati sulla rotta tra Mosca Vnukovo e Milano Bergamo, inaugurata il 20 dicembre 2015. Nel corso di un evento che si è svolto ad Antalya, presenti tutti i partner aeroportuali del vettore russo, Pobeda ha assegnato all’aeroporto di Milano Bergamo il premio quale destinazione internazionale che, al di fuori del territorio russo, genera la quota più alta di passeggeri dal proprio hub di Mosca Vnukovo. Il riconoscimento, ritirato dal direttore aviation di Sacbo, Giacomo Cattaneo, è arrivato alla vigilia della convocazione della 25esima riunione della task force Italia-Russia, foro economico-istituzionale sullo sviluppo e l’internazionalizzazione dei distretti Industriali e delle pmi dei due Paesi, in programma a Bergamo nei padiglioni della Fiera nei giorni 1 e 2 dicembre, ospitata per la prima volta in Lombardia. «E’ indubbio che l’apertura del collegamento con Mosca, attivo da dicembre 2015 e con un report di oltre centomila passeggeri trasportati in undici mesi, abbia contribuito non poco alla scelta di Bergamo quale sede dell’annuale meeting a cui partecipano importanti realtà italiane e russe – dichiara Emilio Bellingardi, direttore generale di Sacbo – La Task Force Italo-Russa rappresenta un ulteriore capitolo del processo di internazionalizzazione del tessuto imprenditoriale locale a cui l’aeroporto di Milano Bergamo contribuisce con il proprio network di collegamenti. Quello con Mosca Vnukovo è caratterizzato da risultati lusinghieri, che hanno portato ad aumentare la frequenza dei voli da giornaliera a 11 settimanali, con doppia relazione da giovedì a domenica». Pobeda impiega Boeing 737-800Ng da 189 posti e fa scalo all’aeroporto di Vnukovo, situato 23 chilometri a sud dal centro della capitale russa. I passeggeri che arrivano da Bergamo a Mosca possono utilizzare il treno Aeroexpress, in servizio dalle 06:00 am a mezzanotte, che collega l’aeroporto di Vnukovo al centro della capitale (stazione Kievsky) in 35'. [post_title] => Pobeda Airlines premia la rotta Milano Bergamo-Mosca [post_date] => 2016-11-28T11:37:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1480333050000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti